Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 ottobre 2014 1 06 /10 /ottobre /2014 22:27

Nella storia fenicia di Sanconiatone da Berite, viene menzionato un aeromobile di forma allungata e stretta (serpente) con le eliche. - Antichi testi Sumerici cuneiformi riportano incontri ripetuti con alieni, descritti con eccezionale accuratezza di particolari. Questi testi hanno inoltre moltissimi riferimenti biblici incredibilmente coincidenti. - Sempre da testi Sumeri (3.800 A.C.) si riporta di esseri provenienti dallo spazio e scesi sulla terra con le loro barche celesti per colonizzarla; che crearono l'uomo e lo posero sotto la guida di Dei Minori chiamati Anunnaki . Contribuirono con i loro interventi sulla genetica ad elevare l'uomo a Homo Sapiens e lo istruirono sulla sopravvivenza, e poi, sulla conduzione della vita donandogli una tecnologia elevata. - Nelle antichissime cronache indiane in sanscrito (Manusa) come il Ramayana, il Rig Veda, il Drona Parva, il Vimanika, il Mahavira Bhavabhuti, ecc. sono menzionate dettagliatamente le gesta di "esseri superiori" che utilizzano tecnologie avanzatissime e vere e proprie astronavi, con descrizioni sempre molto ricche, sopratutto delle armi usate in varie battaglie.

Sottolineo che si tratta di cronache e l'intento era quindi quello di descrivere fatti reali e non mitologici. - la tribù dei Dogon, nella repubblica del Mali (Africa), che ha la sua cultura imperniata sulla venerazione di Sirio B, di cui possiedono tutte le informazioni assolutamente perfette. I Dogon riferiscono che tali informazioni sarebbero derivate dal contatto con strani esseri scafandrati chiamati Nommos, atterrati con astronavi luminose. Essi sarebbero atterrati per la prima volta sulle rive del Golfo Persico, in prossimità della città sumera di Eridu, nel 4° millennio a.C.. Questi alieni furono classificati dalle civiltà del tempo come animali anfibi dotati di ragione, e furono chiamati Apkallu. Essi sbarcavano in riva al mare da un uovo luminoso, indossavano uno scafandro con sotto una tuta e si dedicavano all’erudizione degli uomini. Successivamente altri alieni Apkallu vennero fuori da un mezzo sottomarino nel delta del Nilo, del Tigri e dell’Eufrate. - Enkido, un eroe mesopotamico, viene rapito da Uruk, suo avversario, attraverso una nuvola tonante discesa dal cielo, e viene fatto accoppiare con una donna semi-umana. - I Frigi adoravano una Dea che sarebbe scesa sulla Terra dalla costellazione del Leone. - In India e nell’Asia del Pacifico si parla di Dei dalla pelle bianca venuti da numerosi pianeti lontani per educare ed istruire l’umanità. - la Genesi biblica risulta essere è l’adattamento di quella sumerica, dove si dice che l’uomo è un ibrido alieno creato con un DNA metà terrestre e metà alieno. Secondo lo studioso Zecharia Sitchin, gli alieni sarebbero i responsabili dell’esistenza dell’umanità e questo si ricaverebbe dai testi sacri, che raccontano la creazione dell’uomo da parte di divinità cosmiche. Secondo la Genesi sumerica, il popolo degli Dei si servì di un essere già esistente (un primate, un uomo scimmia) per renderlo più evoluto fino al livello di abilità e intelligenza richiesto, legandolo alla sua immagine divina, e consegnando all’uomo insegnamenti e conoscenze eccezionali (ad esempio, come nel caso dei Sumeri). Questa storia coincide con quelle di molti testi sacri di varie culture di tutto il mondo, che narrano di “dei del cielo” che hanno educato la razza umana alla civiltà, e che sarebbero stati responsabili della comparsa delle più antiche culture umane. Tra l’altro la civiltà egiziana, olmeca e sumerica, sono apparse all’improvviso con una cultura artistica e scientifica sviluppatissima, senza alcun segno di uno sviluppo graduale di queste conoscenze avanzate. - La Bibbia è ricchissima di interventi di esseri alieni che interagiscono e guidano lo svolgimento della stessa storia biblica. A parte la Genesi che è stata copiata da quella sumerica, da Mosè avvengono continui rapporti tra gli ebrei ed esseri superiori che si manifestano sempre su nubi luminose volanti e colonne di fuoco volanti, praticamente la perfetta descrizione dei tipi di UFO più comuni. Inoltre nella Bibbia ci sono più volte veri e propri strumenti tecnologici alieni che vengono dati all'uomo, come l'Arca dell'Alleanza e il Serpente di Bronzo magico di Mosè. Se è evidentissimo il ruolo di Mosè come contattista alieno, è anche evidente il ruolo di profeti come Ezechiele, che vengono rapiti dagli alieni e portati su vere e proprie basi aliene o astronavi aliene, che vengono descritti con il linguaggio dell'epoca, ma in maniera efficace al punto tale che sulla base di tali descrizioni sono stati realizzati (e brevettati) modelli scientificamente corretti di astronavi aliene, come il modello della famosissima astronave aliena descritta da Ezechiele e realizzato dall'ingegnere aerospaziale Joseph F. Blumrich. D'altronde nella Bibbia si è sempre affermato che queste manifestazioni erano fatte da esseri non terrestri, che poi sono stati chiamati angeli e simili non è una colpa di quelle popolazioni ignoranti in materia ufologica. Da precisare che però non in pochi casi i personaggi biblici chiamano gli alieni con termini che si avvicinano più alla parola alieni che a quella angeli. Come nel caso di Ezeciele, che chiama "Viventi" gli esseri che pilotano il famoso “carro divino” che proviene da nord, sollevando una nuvola di polvere ed emettendo un forte bagliore al centro del quale è però possibile scorgere una massa metallica. - I primi a sostenere ufficialmente che le sacre scritture contenessero episodi UFO furono l’astronomo statunitense Morris Jessup e lo scienziato sovietico Matest Agrest. Ad esempio, le circostanze della distruzione di Sodoma e Gomorra richiamano alla mente un’esplosione nucleare come avrebbe potuto essere descritta da un osservatore vissuto in tempi antichi; in particolare, l’onda d’urto provocata dall’esplosione nucleare avrebbe spazzato i giacimenti di salgemma del Mar Morto e investito la moglie di Lot, trasformandola in una “statua di sale”. Inoltre è fin troppo evidente l’obbligo di non doversi girare per non guardare la luce dannosa dell’esplosione nucleare. - Abramo vide di notte passare su un punto preciso due misteriosi veicoli che egli descrisse come una fiaccola ardente e un forno fumante, in pratica un classico UFO tubolare luminoso ed un ancor più classico disco volante luminoso con la famosa nebbiolina che lo circonda. - La Bibbia parla di patriarchi, come Enoch, che vengono rapiti in cielo da oggetti volanti misteriosi, e dell’apparizione ripetuta di uomini misteriosi al servizio di Dio che sono dotati di alta tecnologia, come dimostra l’episodio in cui questi uomini misteriosi colpiscono con raggi abbaglianti delle persone spregevoli che volevano entrare in casa di Lot. Nei libri apocrifi di Enoch, si parla di Enoch che viene portato nello spazio da astronavi ed incontra Angeli astronauti, che gli mostrano la terra vista dallo spazio, ed altri esseri “bianchi” simili ma non uguali agli uomini (grigi?). - Dei veicoli UFO nella Bibbia descritti come il carro di fuoco ed il turbine rapiscono ripetutamente in cielo il profeta Elia. - La Bibbia parla del Leviatan come un veicolo cilindrico capace di muoversi tanto in cielo come sulla terra e nell’acqua. - Giona viaggiò per tre giorni in un mezzo sottomarino simile a quello in cui rientravano gli Apkallu. Questo mezzo aveva un grande portale, degli oblò ed una illuminazione interna. - Come dimenticarci della misteriosa colonna di fuoco (che di giorno assomiglia ad una nube) che indica a Mosè e agli ebrei la via dell’esodo e come dimenticarci l'altra l’astronave madre sigariforme al cui passaggio si aprono le acque del mar delle Canne, il quale altro non era che una palude (quindi non il mar Rosso: l’errore è dovuto ad una errata traduzione). - Se seguiamo le indicazioni date a Mosè sulla costruzione dell’Arca dell’Alleanza, non si ottiene altro che un condensatore del valore di qualche centinaio di volt. Inoltre non bisogna dimenticare un vero e proprio cibo alieno per definizione: la manna. - Il profeta Isaia vide dischi volanti fare ritorno all’astronave-madre, come colombi che volano al loro sportello. - Il profeta Ezechiele sul fiume Kebar commentava un disco volante con le conoscenze dell’epoca: una nuvola con dentro una ruota con sopra una cupola e con sotto dei carrelli di atterraggio. - I Serafini vengono definiti “serpenti fiammegianti”, anche se bisogna considerare che “Serafini” significa gli ardenti, i brucianti, vale a dire esseri costituiti da energia pura (come i ben documentati alieni parafisici). - Popoli antichi abbastanza evoluti come gli egiziani, i greci ed i romani annotavano meticolosamente tutti gli eventi che accadevano e fra questi ci sono molte cronache riguardanti veri e propri avvistamenti di astronavi aliene, prevalentemente di forma sigariforme, sferica o discoidale, descritte come colonne di fuoco, nuvole luminose, sfere infuocate e così via, che sorvolavano e compievano manovre su antiche città. La cosa più interessante è che anche molti storici famosissimi dell'antichità riportano tali avvistamenti. - Alcune statuette in terracotta copte, risalenti al VII secolo d.C, mostrano dei riconoscibilissimi alieni Grigi. - La divinità brasiliana Bep Cororoti scese dal cielo da un astronave tuonante. Egli indossava una tuta spaziale, aveva un generatore di energia ed impartì degli insegnamenti agli Indios brasiliani Caiapò. - Ad Abido vi fu una battaglia tra Dei (tra Horus e Seth), in cui essi attaccavano i nemici su dischi alati.

Oggi qui vi sono geroglifici che rappresentano chiaramente i mezzi usati nella battaglia: un elicottero, due aerei ed un carro armato, insieme a segni che significano spostarsi, muoversi nell’aria e volare. Anche se sembra assurdo i disegni sono chiarissimi e non lasciano altre interpretazioni. - Gli egiziani menzionano un astronave tubolare scintillante (grande serpente), lunga 30 aune e larga 8, che è atterrata lungo il fianco di una montagna. - Il papiro Tulli (conservato nei musei vaticani) ci dice chiaramente che il faraone Tumosis III il Grande vide un disco volante e una formazione di oggetti luminosi. - nel tempio di Abydos (Egitto) sono stati ritrovati alcuni geroglifici che ricordano un elicottero, un carro armato, un aerocargo e un aliante. Erano nascosti sotto altri geroglifici, che si sono staccati dalla parete. - Presso Dendera (basso Egitto) l’archeologo francese Auguste Mariette scoprì nelle cripte del santuario della Dea Hator alcuni bassorilievi che rappresentano praticamente le moderne lampadine o delle grosse lampade. L'immagine mostra dei tubi di vetro oblunghi con all'interno un serpente a forma di filamento. Nei vicini geroglifici il serpente che attraversa i tubi viene descritto come “seref “ che significa illuminare ed inoltre nei bassorilievi è raffigurata una specie scatola da cui partono diversi “cavi” che giungono ai suddetti “tubi”. Regalo degli dei alieni? - Nel 1898, in una tomba egizia presso Sakkara, sia stato rinvenuto un modello di aereo che venne catalogato con la denominazione di "uccello" al Museo Egizio del Cairo, ove rimase per mezzo secolo. Nel 1969 il dott. Khalil Messiha rilevò che il reperto in questione presentava caratteristiche aereonautiche, e che in sostanza rappresentava in maniera perfetta un aliante. Le sue ali sono diritte, il piano di coda rialzato ed il corpo centrale lavorato in modo aerodinamico. Il reperto, che consisteva di due parti (una specie di fusoliera ed una sola coppia di ali che si incastrava perfettamente in una scanalatura della prima) era lungo 14 centimetri con un' apertura alare di 18 centimetri e non vi è traccia di zampe. - Presso il British Museum a Londra è conservata una lente di un binocolo o di un telescopio proveniente da una tomba egiziana di Elwan. La lente, perfetta, mostra inoltre una lavorazione ti tipo meccanico. - Ramses II usò in guerra un’arma donatagli da un dio alieno (Amon), con la quale sterminò migliaia di nemici da solo e senza nessuna protezione, proprio come era avvenuto precedentemente per il faraone Tutmosi III nella battaglia di Armageddon. - L’Arma di Amon aveva la forma di un bastone cilindrico, proprio come quello che fu donato da “Dio” a Re Salomone per tagliare le pietre del tempio. Si trattava dello stesso bastone cilindrico di Mosè, che guarda caso era simile agli oggetti cilindrici degli Dei serpentiformi della cultura Ubaid di Jarmo. Anche le tradizioni indiane Navaho parlano di armi simili possedute da un popolo stellare, così come armi “divine” tecnologiche venivano impiegate dagli angeli in varie occasioni, ma in questo caso il bastone cilindrico veniva chiamato “spada”. Si tratta delle stesse armi che oggi vengono usate dagli alieni, come i famigerati cilindri paralizzanti. - Nel 1936, durante la realizzazione di una ferrovia, vicino a Baghdad, venne scoperta una antica tomba coperta da una lastra di pietra. Fra i numerosi oggetti che ne furono estratti c'era una pila a batteria chimica atta a produrre elettricità. Un ingegnere americano, Willard F.M. Gray, costruì nel '40 un modello funzionante di questa pila. Sempre in Iraq, altri scienziati hanno scoperto materiale dorato risalente a quattromila anni fa, materiale che non può essere stato placcato se non mediante l 'elettricità. - Nel 600 a.C. circa, il profeta Baruk fu fatto salire da un angelo a bordo di una macchina volante che lo portò in viaggio nel sistema solare per svelargli alcuni misteri di “Dio”. - Una radio a galena fu rinvenuta su uno scheletro umano risalente a circa 2500 anni fa, scoperta in una caverna nella zona di Yianghe, nella provincia sud-orientale di Yiangxi in Cina, ad opera di una équipe di archeologi guidata dal prof. Han della Nanking University. Il reperto è costituito da due auricolari collegati ad una scatola contenente delle lamine d' argento (forse funzionanti da trasduttori di frequenze) e un cristallo di colore viola (avente forse funzione di antenna). Indossando gli auricolari, si udrebbe un suono che assomiglia più o meno ad un canto funebre. - Nel 329 a.C. l’esercito di Alessandro Magno fu "attaccato" da due scudi argentati volanti, che sorprese l’esercito greco mentre attraversava il fiume Jaxartes, in India - la fibbia da cintura rinvenuta in Cina nei pressi della tomba del generale Chou Chu, della dinastia Chin, vissuto dal 265 al 316 d.C. Dall' analisi compiuta dall' istituto di fisica applicata dell' Accademia delle Scienze cinese e dal politecnico di Dunbai, si è appurato che il metallo della fibbia è una lega formata dal 5% di manganese, dal 10% di rame e dall' 85% di alluminio. l' alluminio sarebbe stato scoperto solo nel 1803 e si è riusciti a produrlo in forma sufficientemente pura solo nel 1854. - Omero parla di carri volanti. Nell’impero Romano gli UFO furono visti spesso in cielo, ma anche atterrare e ripartire, e furono classificati principalmente come travi di fuoco dorate, scudi ardenti, torce fiammeggianti, globi di dorati. - Cicerone parla di globi nel cielo. - Lo storico latino Tito Livio ci parla di scudi ardenti che sfrecciavano nel cielo (clipei ardentes). - Secondo Tito Livio il secondo re di Roma, Numa Pompilio, fu testimone personale della caduta dal cielo di uno "scudo volante". Tali oggetti furono osservati anche in futuro nei cieli non solo di Roma, ma per tutto l’Impero - Carcopino narra che nel mese di luglio successivo all’assassinio di Cesare per sette giorni consecutivi prima del tramonto si vedeva su Roma un UFO luminoso che procedeva verso Nord. - Lo scienziato romano Plinio il Vecchio parla di scudi argentati che sfrecciavano nell’antica Roma. Inoltre riporta avvistamenti in cielo di lumi, di fiaccole, di bolidi volanti e travi volanti uguali a quelle che comparivano nell’antica Grecia. più precisamente egli classifica gli UFO in fiaccole, lampade e bolidi volanti, nonché le travi volanti. - Giulio Ossequente parla di avvistamenti (diurni e notturni) di scudi di fuoco, di torce, di più soli, di più lune, di ruote luminose, apparsi su Roma e su altre località (I Secolo a.C.). - Cronache di identici avvistamenti furono riportati nelle opere di: Plutarco, Valerio Massimo, Seneca, Eschilo, Senofonte. - Senofonte fa addirittura una classificazione degli oggetti volanti in base alla loro forma (a conchiglia, a piatto, a campana, triangolari, ecc.). - I Manoscritti del Mar Morto risalenti al primo secolo a.C. parlano di uomini provenienti dal cielo che sono venuti sulla Terra ed altri uomini che sono stati prelevati dalla Terra e portati in cielo. - Nel 91 a.C in Palestina vi è un avvistamento UFO con relativa pioggia di bambagia silicea. Per maggiori informazioni si veda il caso del 1954 in Italia, dove tale bambagia silicea fu raccolta ed analizzata ufficialmente. - Nell’89 a.C. è riportato l’atterraggio di un globo di fuoco. - Nel mese di luglio successivo all’assassinio di Cesare, Carcopino ci dice che per sette giorni consecutivi poco prima del tramonto fu vista una sfera incandescente solcare i celi verso nord. - Nel 7 a.C., che è la data di nascita reale di Gesù, compare un oggetto luminoso volante chiamato Stella Cometa. L’oggetto luminoso, che aveva la forma dello scudo di Davide, volava poco sopra le teste dei magi e si fermò sopra il luogo della natività. In pratica la stella cometa era un aeromobile discoidale che infatti a seconda delle occasioni spariva, si fermava e poi riprendeva il cammino. - Gesù ha evidenti relazioni con "esseri superiori" che viaggiano sempre su "nuvole luminose". Esemplare il caso dell'ascensione al cielo di Gesù su una nuvola luminosa e la promessa che ritornerà nello stesso modo. - Accuratissimi esperimenti scientifici effettuati da Thomas Philips della Harvard University e dal professore Jean Baptiste Rinaudo hanno replicato alla perfezione il processo di formazione della Sindone, attraverso il bombardamento di protoni di un telo di lino all'interno di un accelleratore di particelle. I risultati scientifici portano senza dubbio al fatto concreto che l’immagine della Sindone è il risultato di una scarica protonica (proveniente dall’alto, visto l’impronta lasciata nel lino) che fu la causa della resurrezione. Tra l'altro E. Lindner, professore di chimica tecnica a Karlsruhe (Germania) ha dimostrato che la Sindone si sia creata grazie ad una radiazione elettronica omogenea e perpendicolare al corpo, ed altri suoi esami chimici e spettroscopici affermano l'altissima probabilità che la Sindone sia stata irraggiata con neutroni. Questo irraggiamento energetico risulta essere frutto di sofisticati strumenti ipertecnologici posti al di sopra del corpo di Gesù, e quindi della Sindone. E su questo ci sono ben pochi dubbi. - Nell’Apocalisse di San Giovanni si legge chiaramente che Giovanni vide aprirsi un portale dimensionale nel cielo e successivamente vi entrò a bordo di una nuvola luminosa, trovandosi così in un mondo diverso dal nostro popolato da alieni caratterizzati da luminosità intensa e varia. - La stessa Apocalisse di San Giovanni attesta nella visione introduttoria che il vero corpo di Cristo è quello di un angelo, visto che Gesù asceso nel suo ambiente celeste viene descritto esattamente come in altre parti della Bibbia vengono descritti gli angeli. - Lo storico romano Giulio Ossequiente nel 3° secolo d.C nel suo Prodigiorum Liber riportata brani originali di Cicerone, Tito Livio, Seneca, Plinio, ecc. dove vengono descritti anche oggetti volanti di forma semi-sferica, nonché oggetti volanti chiamati travi infuocate. Da comparazioni (superflue), risulta che tali oggetti volanti descritti siano assolutamente corrispondenti ai vari tipi di UFO che oggi conosciamo. di Pasquariello Domenico

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg