Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 ottobre 2014 3 01 /10 /ottobre /2014 22:18
Oltre Angkor: i laser hanno rivelato una città perduta

Nel profondo della giungla cambogiana si trovano i resti di una grande città medievale, che è rimasta nascosta per secoli. Nuove tecniche archeologiche stanno rivelando i suoi segreti - tra cui una complessa rete di templi e viali, e soluzioni tecniche d'avanguardia. Nell'aprile del 1858 un giovane esploratore francese, Henri Mouhot, salpò da Londra verso il sud-est asiatico. Per i successivi tre anni viaggiò molto, scoprendo insetti esotici nella giungla che portano ancora il suo nome. Oggi sarebbe stato del tutto dimenticato se non fosse per il suo diario, pubblicato nel 1863, due anni dopo la sua morte per febbre in Laos, all'età di soli 35 anni. Il racconto di Mouhot ha catturato l'immaginazione del pubblico, ma non a causa dei coleotteri e dei ragni che ha trovato. I lettori sono stati rapiti dalle sue vivide descrizioni di vasti templi consumati dalla giungla: Mouhot ha introdotto il mondo alla città medievale perduta di Angkor in Cambogia e al suo romantico, maestoso splendore. "Uno di questi templi, un rivale di quello di Salomone, ed eretto da qualche antico Michelangelo, potrebbe prendere un posto d'onore accanto ai nostri edifici più belli.

E' più grande di qualsiasi cosa che ci ha lasciato la Grecia o Roma." Le sue descrizioni hanno introdotto nella cultura popolare la fantasia affascinante di esploratori che trovano templi dimenticati. Oggi la Cambogia è famosa per questi edifici. Il più grande, Angkor Wat, costruito intorno al 1150, rimane il più grande complesso religioso sulla Terra, che copre una superficie quattro volte più grande di Città del Vaticano. Ma torniamo nel 1860, Angkor Wat era praticamente sconosciuta, al di là di monaci e abitanti dei villaggi locali. L'idea che questo grande tempio fosse un tempo circondato da una città di quasi un milione di persone era del tutto sconosciuta. C'è voluto più di un secolo di estenuante lavoro sul campo archeologico per riempire la mappa. La città perduta di Angkor lentamente cominciò a riapparire, strada per strada. Ma anche allora le lacune sono rimaste significative. Poi, l'anno scorso, gli archeologi hanno annunciato una serie di nuove scoperte - in merito ad Angkor, e una città ancora più antica nascosta nel profondo della giungla. Un team internazionale, guidato dal dottor Damian Evans dell'Università di Sydney, aveva mappato 370 km quadrati intorno ad Angkor con un dettaglio senza precedenti - impresa non da poco data la densità della giungla e la prevalenza di mine della guerra civile in Cambogia.

Eppure l'intera indagine ha preso meno di due settimane. Grazie all'impiego del Lidar - una sofisticata tecnologia di telerilevamento che sta rivoluzionando l'archeologia, soprattutto ai tropici. Montato su un elicottero che sorvolava la foresta avanti e indietro, il team del dispositivo Lidar ha sparato un milione di raggi laser ogni quattro secondi attraverso il tetto della giungla, registrando le micro variazioni nella topografia del terreno. I risultati sono stati impressionanti. La tecnologia Lidar ha rivelato la città originaria di Angkor - le linee rosse indicano le caratteristiche moderne, tra cui strade e canali Gli archeologi hanno trovato paesaggi urbani non documentati incisi sul pavimento della foresta, con templi, strade ed elaborati corsi d'acqua sparsi nel paesaggio. "Tu hai questo tipo di improvviso momento eureka dove si mettono i dati sullo schermo per la prima volta ee eccola lì - questa antica città molto chiaramente davanti a te", dice il dottor Evans. Queste nuove scoperte hanno profondamente trasformato la nostra comprensione di Angkor, la più grande città medievale sulla Terra. Phra Sav Ling Povn, palazzo del re lebbroso, nei pressi di Angkor Wat, circa 1930 Al suo apice, nel tardo XII secolo, Angkor era una metropoli vivace che copriva 1.000 kmq. Ci sarebbero voluti altri 700 anni prima che Londra raggiungesse dimensioni simili. Angkor era una volta la capitale del potente impero Khmer che, governato da re guerrieri, ha dominato la regione per secoli - che copriva l'odierna Cambogia e molta parte di Vietnam, Laos, Thailandia e Myanmar. Ma le sue origini e luogo di nascita sono stati a lungo avvolti nel mistero. Le scarse iscrizioni hanno suggerito che l'impero sia stato fondato nei primi anni del IX secolo da un grande re, Jayavarman II, e che la sua capitale originaria, Mahendraparvata, fosse da qualche parte tra le colline Kulen, un altopiano boscoso a nord-est del sito su cui Angkor sarebbe poi stata costruita. Ma nessuno lo sapeva per certo - fino a quando non è arrivato il team del Lidar.

L'indagine Lidar delle colline ha rivelato i contorni nascosti sul pavimento della foresta di templi sconosciuti e di una griglia elaborata e del tutto inaspettata di viali cerimoniali, dighe e laghetti artificiali - una città perduta, ritrovata. Più sorprendente di tutte è stata la prova di ingegneria idraulica su vasta scala, la firma che definisce l'impero Khmer. Con il tempo la capitale reale si trasferì a sud ad Angkor intorno alla fine del IX secolo, gli ingegneri Khmer stoccavano e distruibuivano grandi quantità di preziosa acqua monsonica stagionale con una complessa rete di canali e bacini enormi. Sfruttando il monsone veniva garantita la sicurezza alimentare - e di fatto la classe dirigente era straordinariamente ricca. Per i successivi tre secoli hanno incanalato la loro ricchezza nella maggiore concentrazione di templi sulla Terra. Un tempio, Preah Khan, costruito nel 1191, conteneva 60 tonnellate d'oro. Il suo valore oggi sarebbe di circa 3,3 miliardi di dollari. Ma nonostante l'immensa ricchezza della città, si stava preparando il peggio. Nello stesso momento in cui Angkor ha raggiunto il suo picco, la sua vitale rete idraulica stava cadendo in rovina - nel momento peggiore possibile. La fine del periodo medievale ha visto drammatici cambiamenti climatici in tutta l'Asia sud-orientale. Campioni degli anelli degli alberi hanno registrato repentine fluttuazioni tra asciutto e bagnato estremo - e la mappa Lidar rivela i danni delle catastrofiche inondazioni per la vitale rete idrica della città. Angkor è entrata in una spirale di declino da cui non si riprese mai. Nel XV secolo, i re khmer abbandonarono la loro città e si trasferirono alla costa. Hanno costruito una nuova città, Phnom Penh, la capitale attuale della Cambogia. Quando Mouhot arrivò trovò solo i grandi templi di pietra, molti dei quali in uno stato di pericoloso abbandono. Quasi tutto il resto - dalle case comuni ai palazzi reali, che erano stati tutti costruiti in legno - era marcito. Le grandi metropoli che circondavano i templi erano state tutte divorate dalla giungla. Fonte: Qui

Oltre Angkor: i laser hanno rivelato una città perduta
Oltre Angkor: i laser hanno rivelato una città perduta

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg