Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
8 novembre 2014 6 08 /11 /novembre /2014 22:49
Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?

L'idolo è la più antica statua in legno del mondo, si stima sia stato costruito circa 9.500 anni fa, e conservato come in una capsula del tempo in una torbiera al margine occidentale della Siberia. L'esperta Svetlana Savchenko, capo custode dello Shigir Idol, ritiene che le facce della struttura trasportano informazioni codificate dall'uomo antico dell'Era mesolitica per quanto riguarda la loro comprensione della "creazione del mondo". Gli scienziati tedeschi sono ora vicini ad una datazione precisa dell'incredibile manufatto - con una approssimazione di 50 anni - che è un meraviglioso esempio di creatività dell'uomo antico. I risultati dovrebbero essere resi noti alla fine di febbraio o all'inizio di marzo, rivela il Siberian times. Ora la domanda che circola tra gli accademici è quella di una migliore comprensione dei simboli e pittogrammi su questo maestoso idolo di larice, uno dei grandi tesori della Russia, che è ora in mostra in uno speciale sarcofago di vetro nella sua sede permanente, il Museo di Storia Ekaterinburg, dove la Savchenko è di alto livello ricercatore. Non esiste una scultura in legno più antica in tutta Europa. Foto: Ekaterina Osintseva, The Siberian times Il professore di preistoria tedesco Thomas Terberger ha detto: "Non esiste una scultura più antica in tutta l'Europa. Lo studio di questo idolo è un sogno che si avvera. Ci aspettiamo i primi risultati del test, alla fine dell'inverno del prossimo anno." Il professor Mikhail Zhilin, eminente ricercatore dell'Accademia Russa delle Scienze Istituto di Archeologia, ha spiegato: "Studiamo l'idolo con una sensazione di timore reverenziale. Si tratta di un capolavoro, che porta un gigantesco valore emotivo e di forza. Si tratta di una scultura unica, non c'è niente altro al mondo come questo. È molto viva e molto complicata allo stesso tempo. "L'ornamento è coperto con nient'altro che informazioni crittografate. Le persone si passavano questa conoscenza, con l'aiuto del'idolo." Egli è fermamente convinto che siamo in grado di trarre conclusioni circa la sofisticata conoscenza delle persone che hanno creato questo capolavoro, probabilmente raschiando il larice con una pietra a 'cucchiaio', anche se il dettaglio del codice rimane un mistero assoluto per l'uomo moderno. Si tratta di un capolavoro, che porta un gigantesco valore emotivo e di forza. Foto: Ekaterina Osintseva, The Siberian times Alla domanda se fossero vissuti nella paura permanente di potenti forze della natura misteriosa, che nervosamente si agitavano intorno, pietrificati dal pericolo, ha risposto: "Lascia perdere. Gli uomini - o uomo - che hanno creato l'idolo hanno vissuto in totale armonia con il mondo, hanno avuto uno sviluppo intellettuale avanzato, e un complicato mondo spirituale". "È evidente che gli elementi di ornamento geometrico abbiano avuto qualche significato," ha dichiarato Savchenko e Zhilin nello spiegare gli antichi segni dell'idolo. "La difficoltà di interpretazione è la polisemia del simbolismo di questi simboli"- in altre parole, i possibili molteplici significati correlati. Secondo l'etnografia, una linea retta potrebbe indicare terra, o orizzonte - il confine tra terra e cielo, acqua e cielo, o il confine tra i mondi. "Una linea ondulata o a zig-zag simboleggiavano l'elemento acquoso, il serpente, la lucertola, o determinato un certo confine. Inoltre, lo zigzag segnalava pericolo, come un luccio. La croce, il rombo, il quadrato, il cerchio raffigurava il fuoco o il sole, e così via". Savchenko e altri membri del personale del museo hanno ipotizzato che tra i suoi scopi ci fosse quello di una mappa precoce, o di un navigatore. Le linee rette, le linee ondulate e le frecce indicavano modi di arrivare alla destinazione e il numero di giorni per un viaggio, con le onde che significavano il percorso dell'acqua, le linee rette significavano burroni, e le frecce significavano colline, secondo questa teoria, che deve ancora essere pienamente ricercata. L'ornamento è coperto con nient'altro che informazioni crittografate. Foto: Ekaterina Osintseva, The Siberian tempi L'autore Petr Zolin, citando il lavoro scientifico di Savchenko e Zhilin, ha dichiarato: "I caratteri dell'idolo non possono avere un'interpretazione univoca. Se queste sono le immagini di spiriti che hanno abitato il mondo umano in tempi antichi, la posizione verticale delle figure (uno sopra l'altra ) probabilmente si riferiscono a la loro gerarchia. "Inserire immagini sulla parte anteriore e posteriore delle superfici dell'idolo, forse indicava che appartenessero a mondi diversi. Se vi sono raffigurati i miti sull'origine degli esseri umani e del mondo, la disposizione verticale delle immagini può riflettere la sequenza degli eventi. Gli ornamenti possono essere segni particolari che segnano qualcosa di significativo". Lo Shigir Idol riflette ciò che queste persone erano, con nasi dritti e zigomi alti. Gli uomini - o uomo - che hanno creato l'idolo vivevano in totale armonia con il mondo, avevano un avanzato sviluppo intellettuale, e un complicato mondo spirituale. Foto: Ekaterina Osintseva, The Siberian Tempi L'impressione che si ha della faccia principale tridimensionale, con una bocca aperta, è di un aspetto Azteco, ma solo perché la parte del naso della faccia principale era rotta. In tutto ci sono sette facce, di cui sei sono mono dimensionali. "È chiaro che le facce insieme con l'ornamento formano figure distinte," hanno detto Savchenko e Zhilin. "Sia sulla parte anteriore che in quella posteriore dell'idolo ci sono tre figure. Qui si trovano una sopra l'altra, e la settima figura superiore ... collega entrambi i lati e corona la composizione". Alcuni hanno sostenuto che l'Idolo include una scrittura primitiva, che, se vera, sarebbe tra le prime sulla Terra, ma non c'è un consenso tra gli esperti che hanno studiato la statua degli Urali. L'Idolo è stato conservato a causa di un colpo di fortuna per quanto riguarda il suo luogo di riposo negli Urali. È successo "grazie ad una combinazione di antisettici," ha detto il professor Zhilin. "L'idolo è stato fatto dal larice Phytoncidic, quindi "sepolto nella torba, che è un ambiente anaerobico acido che uccide i microrganismi-decompositori e ha anche un effetto scurente." Alcuni hanno sostenuto che l'Idolo include una scrittura primitiva, che, se vera, sarebbe tra le prime sulla Terra. Immagine: Ekaterina Osintseva, The Siberian tempi Gli scienziati presso l'Ufficio di Stato della Bassa Sassonia per i Beni Culturali stanno utilizzando AMS - spettrometria di massa accelerata - che consente loro di confrontare l'analisi di cinque campioni microscopici del larice dell'idolo con i dati dei cambiamenti climatici degli ultimi 10.000 anni. Questo permetterà loro di capire esattamente quando sia cresciuto il larice di 159 anni di età da cui l'Idolo è stato intagliato. I test seguono quello che il professor Terberger chiama "un viaggio estivo di grande successo", in cui "abbiamo lavorato insieme ai nostri colleghi russi del Museo di Storia Yekaterinburg". L'Idolo è stato originariamente recuperato nel gennaio 1890 nei pressi di Kirovograd; alto circa 2,8 metri, sembra avere sette facce. È stato protetto lungo i millenni da uno strato di quattro metri di torbiera sul sito di una miniera d'oro a cielo aperto. La mancanza di fondi ha, fino ad ora, impedito il corretto test sull'età di questo tesoro degli Urali. Il professor Uwe Hoysner, dell'Istituto Archeologico di Berlino, ha dichiarato: "L'Idolo è ricavato da larice, che, come si vede dagli anelli annuali, aveva almeno 159 anni. I campioni che abbiamo selezionato contengono importanti informazioni sugli isotopi che corrispondono al momento in cui l'albero è cresciuto." I campioni utilizzati per le prove sono stati tagliati nel 1997. L'Idolo è stato estratto in diversi punti della torbiera. Le prime ricostruzioni dell'Idolo dell'archeologo Vladimir Tolmachev. Foto: Museo di Storia Ekaterinburg Il professor Dmitry. I. Lobanov ha combinato i principali frammenti per ricostituire la scultura alta 2,80 m, ma nel 1914 l'archeologo siberiano Vladimir Tolmachev ha proposto una variante di questa ricostruzione, integrando frammenti in precedenza non utilizzati. Purtroppo, alcuni di questi frammenti furono successivamente perduti, di loro rimangono solo i disegni di Tolmachev. Ad ogni modo, questi indicano che l'altezza originale della statua era 5,3 metri. Frammenti per 1,93 metri della statua non sopravvissero alle rivoluzioni e alle guerre del XX secolo e sono visibili solo su i suoi disegni. Ma anche la dimensione attuale la rende la statua di legno più alta del mondo. Una domanda intrigante dibattuta dagli scienziati russi è come l'Idolo - alto come una casa di due piani - era mantenuto in posizione verticale. Il personale del museo ritiene sia stato conficcato nel terreno per aiutarlo a stare in piedi, e non che fosse appoggiato contro un albero, perché così sarebbero stati coperti più della metà dei suoi ornamenti.

http://www.astronavepegasus.it/pegasus/index.php/misteri/889-inciso-su-di-un-idolo-di-9500-anni-fa-il-piu-antico-codice-segreto#.VF6hAsvwupo

yy

Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?
Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?
Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?
Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?
Shigir-Idol Inciso su di un idolo di 9500 anni fa: il più antico codice segreto?

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg