Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

22 marzo 2015 7 22 /03 /marzo /2015 22:24
Il gatto, lo spirito di Iside

~~Prima venne il gatto selvatico. Poi il gatto domestico. Poi la Dea Gatto. Poi il gatto domestico sacro alla Dea. E’ stato un lungo processo avvenuto lungo tutto il millennio dal 3.000 al 2.000 a. C. E’ probabile che i gatti selvatici vivessero nelle vicinanze dell’uomo fin dal 6000 a. C.

Ma ci vollero almeno altri tre millenni (più probabilmente quattro), perché si fidassero completamente di noi. Le testimonianze più antiche dell’avvicinamento del gatto all’uomo risalgono al 5000 a.C.. A Badari, Alto Egitto, furono portate alla luce delle ossa di gatto. Risalgono invece al 2000 a. C. le immagine funerarie e i primi gatti mummificati e le iscrizioni a loro dedicate nelle piramidi. La prima opera d’arte che rappresenta un gatto sicuramente domestico è un dipinto parietale rinvenuto a Beni Hasan, risalente al 1200 a.C. Il falco, il serpente e il coccodrillo sono stati ritenuti animali sacri nell'antico Egitto, ma la popolarità e venerazione verso il gatto ha superato quella per qualsiasi altro animale. Il gatto era l'animale più diffuso fin dall'antichità e la sua fama crebbe nel tempo facendolo passare da animale sacro a vera e propria divinità, il suo culto si estese ben oltre i suoi confini dell'Egitto. Bastet L'esistenza del culto della dea Bastet [BASTET, BAST - Divinità egizie], è ricordato in documenti che risalgono al 3000 a.C, questo felino fu anche chiamato Bast, Pakhet, Ubastet, Ubasti e nei Testi delle Piramidi è noto come Mafdet, divinità rappresentata mentre uccide un serpente con i suoi artigli. I testi più antichi descrivono Bastet come la figlia del Dio del sole Ra, creata insieme alla sua gemella malvagia la dea Sekhmet, tali documenti raccontano che fu proprio per l'intervento di Ra che la forza distruttrice di Sekhmet si placò divenendo, insieme a Bastet, l'equilibrio delle forze della natura. Sekmet la leonessa Sekmet la leonessa Seguendo l'influenza greca Bastet fu paragonava ad Artemide, avendone caratteristiche simili come la protezione per la famiglia, fu così trasformata da divinità solare a lunare, identificandola come figlia di Iside ed Osiride.

Venne rappresentata con il corpo di donna e la testa di gatto e nella sua mano sinistra veniva raffigurato spesso un amuleto a forma di occhio detto l'Udjat “occhio di Ra” avente forti poteri magici, questo talismano veniva riprodotto anche nelle decorazioni all'interno dei templi e delle case come protezione da malattie, rapine ed infortuni ...tutt'ora se viene portato al collo si dice che protegga i viaggiatori. Fu amata così tanto da divenire per gli egiziani la dea protettrice della famiglia, dei bambini, delle donne, della danza, del sorgere del sole e divinità che forniva la protezione contro le forze maligne e le malattie. Testimonianze di templi dedicati al culto della dea gatto si trovano in tutto l'Egitto, ma la città sacra di Bastet è Bubastis, località vicino all'attuale città di Zagazig, dove il 31 ottobre di ogni anno si svolgeva un'importante festa in suo onore del quale si trova traccia nel testo dello storico greco Erodoto (Storie – libro II cap. 60). Una leggenda racconta che Bastet, morsa da uno scorpione, fu guarita da Ra: “Ra infuriato, provocò una siccità, quando si fu calmato, mandò Thot a cercare Bastet in Nubia, dove lei si era nascosta sotto forma della dea leonessa Sekhmet. Navigando il Nilo, Bastet si era bagnata nel fiume in una città sacra a Iside, trasformandosi di nuovo in gatta entrando a Bubastis, la città dei gatti, fu trovata da Thot per molti secoli gli egiziani hanno ripercorso il suo viaggio in venerazione dei gatti e della dea Bastet”.

La gatta era assimilata alla luna: come nei gatti le pupille nel buio della notte subiscono grandi variazioni così venivano paragonati ai cicli lunari. Scrive in proposito Edward Topsell (Topsell's Histories of Beasts): “Gli Egizi hanno osservato negli occhi di una gatta le varie fasi lunari perché con la sua luna piena splendono di più mentre la loro luminosità diminuisce con la luna calante e il gatto maschio muta l'aspetto dei suoi occhi in relazione al sole, infatti quando il sole sorge la sua pupilla si allunga, verso mezzogiorno si arrotonda e la sera non si vede affatto e sembra che l'intero occhio sia omogeneo”. Alcuni versi tratti dai geroglifici del tempio di Dendera confermano il legame di Bastet con Iside, si legge: “Quando la vide, sua madre Nut le disse, sii leggera per tua madre, Tu sei più vecchia di tua madre perchè il tuo nome è stato Iside” . Nella VI dinastia, il faraone Pepi I fece costruire nel suo santuario una cappella dedicata a Bastet, e anche la grande regina Hatshepsut fece scavare un santuario in onore della dea gatto nei pressi di Beni Hassan. Il gatto quindi venne ritenuto sacro al sole e ad Osiride, la gatta invece consacrata alla luna e ad Iside. Un brano tratto dal “Le settantacinque lodi di RA” 1700 a.C. recita: “Lode a te, o Ra, glorioso dio-leone, tu sei il grande gatto, il vendicatore degli dei e il giudice delle parole, il presidente dei sovrani e il governatore del sacro cerchio, tu sei il corpo del grande gatto”. Gli Egizi chiamarono il gatto Myou, conferendogli da prima un ruolo di porta fortuna, riconoscendogli una natura amabile e disponibile, lo introdussero successivamente nella vita quotidiana di tutte le famiglie, con il compito di proteggere le provviste alimentari dai roditori e serpenti velenosi. Si sono trovate decorazioni tombali che provano che i gatti venivano portati dagli egiziani nelle paludi per recuperare le anatre cacciate, ma l'amore per questi felini si spinge oltre portando alcuni genitori a dare il nome dei gatti (Myoun... Mit... Mirt... Miut) alle proprie figlie femmine. E' stata ritrovata a Deir el Bahri nel tempio del re Mentuhotep una mummia di una bambina di 5 anni dal nome Mirt. Immagini dei gatti comparvero anche su oggetti di vita quotidiana, gioielli, braccialetti d'oro, amuleti e anelli ma il gatto fu anche rappresentato in moltissime statue in bronzo destinate per lo più a scopi funerari.

Quando il gatto divenne domestico, tutte le famiglie egiziane avevano un gatto in casa e se ne prendevano cura con ogni attenzione. Erodoto ci ha riportato un’usanza egiziana particolarmente significativa: quando il loro gatto moriva, gli Egiziani si radevano le sopracciglia. Racconta lo storico greco che lo facevano: “… perché la bellezza se n’era andata con lui.”. Erodoto racconta anche che quando una casa egiziana bruciava, la prima cosa a cui pensavano i proprietari era salvare i gatti. Soltanto dopo si occupavano di spegnere l’incendio. Ma il gatto non era soltanto estremamente bello. Aveva una funzione molto utile, anzi essenziale per gli Egiziani: mangiare i topi (e i serpenti velenosi), che rappresentavano una vera calamità per il popolo egizio, perché la sua sopravvivenza era legata alle provviste di grano custodite in immensi depositi. Dopo l’inondazione annuale del Nilo, sulle rive del fiume si creavano due aree fertili di limo (due sole aree fertili circondate dal deserto…nota) dove gli Egiziani coltivavano frumento. I topi, purtroppo, li devastavano. E cosa c’è di meglio di un gatto per sterminare il popolo dei topi? Niente (... a parte il Pifferaio Magico…).

La gran parte delle statuette aveva le orecchie forate con orecchini d'oro o d'argento e occhi intarsiati di pietre semi preziose. Dei gatti Erodoto scrive: “E quando scoppia un incendio, ai gatti succede qualcosa di veramente strano, gli Egiziani lo circondano tutt'intorno pensando più ai gatti che a domarlo, ma gli animali scivolano sotto o saltano sugli uomini e si gettano tra le fiamme. Quando questo succede, in Egitto è lutto nazionale, gli abitanti di una casa dove un gatto è morto di morte naturale si radono le sopracciglia, i gatti vengono portati in edifici sacri dove vengono imbalsamati e seppelliti nella città di Bubasti.” Da scavi archeologici nelle rovine di Tell Basta (nome attuale di Bubastis) è stato ritrovato un grandissimo cimitero di gatti mummificati, infatti questi felini subivano lo stesso processo di imbalsamazione delle mummie reali, poi bendati con gli arti distesi e seppelliti con vicino ciotole per il latte e oggetti che ne garantivano la sopravvivenza nell'aldilà. Il gatto di colore nero era il prediletto perché associato al colore della notte e al colore nero del limo portatore di fertilità e rinascita dopo le inondazione del Nilo. Infine anche nell'Islam si trova traccia del gatto: Si narra che Maometto, intento a leggere con un braccio allungato sul tavolo, fu avvicinato da un gatto che gli si sdraiò sulla manica della sua tunica, arrivata l'ora della preghiera Maometto guardando dormire beatamente il gatto non volle svegliarlo credendo che il felino stesse, nel suo sonno, comunicando con Dio (Allah). Preferì quindi tagliarsi la manica della tunica per andare a pregare. Al ritorno dalla preghiera il gatto, riconoscente gli fece tante fusa e Maometto commosso gli riservò un posto in paradiso ponendogli per 3 volte le mani sulla schiena gli donò la capacità di cadere sempre sulle zampe senza farsi male. ~~In quello che è chiamato “Il Libro dei Morti”, il più antico esempio di testo illustrato esistente, cioè un papiro manoscritto contenente formule magico-religiose, si parla del “grande gatto di Eliodoro”. Questo gatto era una delle forme di “Ra”, il dio vendicatore che proteggeva l’Egitto dai nemici. Uno di questi era il malefico serpente Apopi, che il gatto di Eliodoro uccise. Tale gatto era un gattone maschio, rossiccio e con le orecchie da lepre. Oggi è il gatto Abissino ad essere considerato il diretto discendente del gatto egiziano (nella fotogallery alcuni stupendi esemplari). Discende la gatto africano selvatico e non deve essere molto diverso dal mitico gatto di Eliodoro. L’Abissino è un gatto regale, elegantissimo, silenzioso, ma è anche un irrequieto e abilissimo atleta. Ha occhi magnifici. Per quel che riguarda il carattere, pare che “richieda attenzioni” (… Basterà trattarlo come fosse un piccolo sacerdote sacro a Bastet?) Nota 1. Alcuni attenti studiosi di storia della civiltà e storia felina, hanno notato una coincidenza temporale sbalorditiva: il gatto si è avvicinato definitivamente all'uomo nel 2000 a.C., cioè quando i Fenici inventavano la prima scrittura alfabetica e la scrittura egizia raggiungeva il suo culmine. Sono gli animali (poi divenuti 'domestici') ad aver deciso di avvicinarsi a noi e a diventare "addomesticabili". Il gatto lo ha scelto quando la civiltà umana aveva compiuto un grande passo avanti: la scrittura. Nota 2. Un’ultima curiosità: “gatto” in Egiziano di diceva “miw” (e “gatta” si diceva “miwt”. Come Sakhmet, come Bastet… i nomi femminili nella lingua egiziana finiscono spesso per “t”.). L'origine della parola è chiaramente onomatopeica. Ma quanti gatti saranno esistiti ed esistono che si chiamano "Miù"? Li si chiama così, non sapendo che li si sta chiamando semplicemente "gatto"...

fonte

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg