Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 dicembre 2015 4 17 /12 /dicembre /2015 13:13
I fuochi fatui

Le leggende sui fuochi fatui sono moltissime: nell’antichità si pensava che fossero manifestazioni delle anime dei defunti o delle “anime perse” vaganti, che avevano bisogno di preghiere per uscire dal purgatorio, o di bimbi morti prematuramente, senza avere potuto ricevere il battesimo, o anche spiriti malvagi che sviassero i malcapitati passanti in luoghi pericolosi come le paludi. Nell’ aspetto, in genere, il fuoco fatuo somiglia ad una fiamma; vista da vicino il colore pare bluastro, rossastro, verdastro o giallastro, sfumante nel purpureo ma mai di un bianco puro. Talvolta la fiamma assume una posizione fissa, brillando con forza vicino al terreno o a pochi piedi sopra di esso; altre volte, può mostrarsi in rapido movimento, talvolta salire in alto, a mezz’aria, e ancora separarsi in fiamme più piccole che sono state viste avvicinarsi, allontanarsi e ricombinarsi.

In altri casi le fiammelle ondulanti vennero associate ad anime pure e protettrici delle persone. In realtà i “fuochi fatui “sono pallide luci a forma di fiammella, che in rari ma ripetuti casi si possono osservare sospesi in aria a una altezza ridotta dal suolo o dall’acqua, visibili di notte o al crepuscolo intorno a paludi, acquitrini e soprattutto nei cimiteri.

Queste fiammelle appaiono di un colore pallido, azzurro-blu, a volte giallo o vermiglio, sotto forma di scintillii. La luce, più o meno diffusa, vibra velocemente e in alcune manifestazioni può persistere fino a 30 secondi, ed eccezionalmente diversi minuti. Secondo i testimoni del misterioso fenomeno i fuochi fatui vengono descritti a luce fredda, senza fumo, nè bruciature alle cose che attraversano e sembra che li si possa vedere meglio nelle fredde serate d’autunno.

Il fenomeno è raro e difficile da riprodurre in laboratorio, quindi scientificamente è stato scritto poco; una spiegazione possibile è che siano generati dal metano – uno dei gas prodotti dalla putrefazione di sostanze organiche (corpi umani o di animali sepolti) in presenza di anidride carbonica – mescolato a tracce di fosfina, un composto che prende fuoco spontaneamente appena entra in contatto con l’aria, e incendia il metano.

I chimici italiani Luigi Garlaschelli e Paolo Boschetti dell’Università di Pavia hanno provato a riprodurre il fenomeno, ottenendo delle “chemiluminescenze “ dalla decomposizione di composti organici in ambiente anaerobico e oggi i due studiosi stanno cercando di dimostrare la presenza della fosfina negli ambienti dove si osservano i fuochi fatui. Ma c’è una seconda teoria che sostiene che si tratti di emissioni di fosforescenze naturali dei sali di calcio presenti nelle ossa.

Condividi post

Repost 0
Published by conte rovescio
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg