Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 maggio 2017 2 02 /05 /maggio /2017 21:43

 Negli anni passati, gli USA si dice che abbiano alimentato la psicosi degli UFO servendosi di prototipi sperimentali. E questo, intenzionalmente.

La stagione dei rivelatori in tema di UFO e alieni ha avuto inizio verso l'inizio degli anni ’80 del secolo scorso. Tra gli esponenti più rappresentativi di tale fenomeno vi è William Milton Cooper, ex militare USA, figlio di un ufficiale dell’aeronautica USA.

Nel marzo del '90 si è scatenata in Belgio una vera e propria caccia agli UFO. Un misterioso ordigno triangolare o romboidale sorvolava il Paese e veniva segnalato da migliaia di persone. Compariva sui radar, mostrando accelerazioni incredibili (da 280 a 1800 km/h in un secondo), veniva filmato e fotografato. Il frutto di tutti questi studi veniva raccolto in due ponderosissimi volumi noti come Vague d'OVNIs sur la Belgique.

Nel 1993 abbiamo intervistato uno degli investigatori coinvolti nella caccia agli UFO, Michel Bougard, e gli abbiamo chiesto se l'ordigno segnalato fosse un aereo o un UFO. La risposta, diplomatica, fu che si trattava "di un UFO, nel senso di oggetto non identificato. Qualcosa, cioè, destinato a rimanere senza identificazione".

Ciò che all'epoca maggiormente ci stupì, oltre alla forma insolita per un UFO, fu che, al momento degli avvistamenti, l'ordigno era seguito lentamente da un piccolo aereo ultraleggero (da Suddeutsche Zeitung 17.4.90), un aereo-navetta, diremmo. Un aereo cioè incaricato di controllare le prestazioni di un prototipo...terrestre. Ad un'identica conclusione sono giunti molti ufologi europei, dal belga Wim Van Utrecht al gruppo francese che si riunisce attorno alla rivista Phénomèna. E persino la Japan Space Phenomena Society, che qualche settimana prima della Guerra del Golfo visse un flap di oggetti triangolari sopra Sagaken, flap continuato sino al gennaio 1994.

In un'occasione, il triangolo volante si era divertito a terrorizzare un automobilista,il sig. Satoshi Chiyojima, sparandogli contro un fascio di luce che aveva illuminato a giorno la macchina.

La conclusione degli ufologi giapponesi, in base alle foto e alle testimonianze, è stata che "è altamente possibile che le segnalazioni di oggetti triangolari a Sagaken siano falsi UFO. Io credo - avrebbe scritto il presidente del gruppo, Shin-ichiro Namiki - che una nuova arma, il Black Manta, abbia volato silenziosamente in cielo sopra Sagaken...(10)".

In sintesi, Era un progetto di copertura per il progetto RedLight. Un oggetto volante nominato Type fu costruito utilizzando tecnologia convenzionale. Esso non fu presentato alla stampa e volò in pubblico in diverse occasioni. Il proposito era quello di spiegare che avvistamenti o rivelazioni concernenti RedLight erano da attribuirsi al velivolo SnowBird. Ciò si è dimostrato congruo per il suo carattere disinformativo. Questo progetto è esecutivo solo se indispensabile. Non è stato usato per diversi anni ed è attualmente congelato.

Condividi post

Repost 0
Published by conte rovescio
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg