Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

12 novembre 2019 2 12 /11 /novembre /2019 23:39

Il Gatto, da sempre ritenuto uno degli animali più misteriosi del pianeta. Molto probabilmente furono gli egiziani ad accorgersi per primi del comportamento a volte strano di questo simpatico felino. Essi infatti sembravano adorarlo quasi all’ ossessione, tant’è che hanno lasciato molte prove nei vari siti archeologici.

Pare che la vista straordinaria del gatto sia dovuta alla quantità di luce ultravioletta che i suoi occhi siano in grado di assorbire.

Sicuramente ci è capitato di notare come i gatti osservano in maniera curiosa l’ambiente e tutti i suoi abitanti. Chi possiede oppure ha avuto almeno un gatto, avrà sicuramente notato, come il loro comportamento a volte può risultare al quanto bizzarro: Può capitare di vederli mentre si lanciano contro pareti come se vedano una preda invisibile, fissare muri o corridoi per diversi minuti, soffiare e rizzare il pelo in maniera apparentemente immotivata.

 

Da un recente studio, durato diversi anni, pare che i gatti riescano a vedere qualcosa che non riusciamo minimamente a vedere, e non solo, pare che il gatto riesca anche a percepire persino il nostro stato d0animo e le sue alterazioni.

Negli studi su questo animale “sensitivo” gli sono giunti alla conclusione che il gatto riesca a vedere oltre il nostro corpo, addirittura localizzando fonti di dolore o di malattia. Oltre ad avere un campo visivo più complesso degli umani, i gatti sembrano avere alcuni sensi che a noi mancano, come la percezione dei campi magnetici e elettrici, un’innata premonizione su terremoti e disastri naturali, e una grande sensibilità per le piccole escursioni termiche, anche di pochi decimi di grado.

Tutto questo, giustificherebbe in parte alcuni comportamenti che a noi paiono anomali.

Non tutti i gatti però si comportano allo stesso modo e pare che la reazione agli stati alterati dell’ambiente attorno a loro dipende dalla razza, dal sesso e e dall’età. I gatti maschi, in generale, sembrano più menefreghisti e se vengono disturbati scelgono di cambiare luogo ed evitare reazioni ostili; le femmine, specialmente se hanno figli di cui occuparsi, sono molto più ricettive e nervose e non esitano a tirare fuori le unghie e graffiare persino il loro padrone, se qualcosa le disturba. In particolare tra le diverse razze di gatti sembra che la più ricettiva si la razza certosino, che dai risultati di alcuni test è risultata quella più dotata.

 

Ci sono altri comportamenti che nemmeno la scienza è riuscita a comprendere. Alcuni studiosi del paranormale che hanno effettuato degli studi su questi felini, sostengono che non solo percepiscono altre entità, a noi invisibili, ma la loro presenza le terrebbe lontane.

Anche il cane è un animale sensitivo, ma la differenza tra quest’ultimo ed il gatto sembra essere che il primo riesca a percepire “l’invisibile”, mentre il felino oltre a percepirle pare che riesca anche a vederle.

La scienza però non ammette teorie fantasiose e giustifica gli sguardi eprsie nel vuoto dei gatti come una sorta di “abbaglio” che subiscono in presenza di alcuni colori. Grazie a uno studio pubblicato dalla Proceedings of the Royal Society si scopre che gatti, renne, cani, roditori, ricci, pipistrelli, furetti e okapi (della famiglia delle giraffe) percepiscono livelli elevati di raggi ultravioletti (UV); “Siamo abituati a pensare ai raggi UV come nocivi, ma in realtà sono indispensabili per la sopravvivenza di alcune specie”, asserisce Ronald Douglas, uno dei biologi della ricerca. Questa particolarità consente l’ingresso di più luce nella retina, ed è proprio grazie a questo fattore che i gatti riescono a vedere meglio di notte. Alcuni colori e tessuti appaiono molto più luminosi per i gatti, quindi secondo la scienza certi animali si comportano in quel modo quando vedono determinati colori o tessuti.

Quindi è solo questo che influenza alcuni comportamenti dei gatti? O si tratta veramente di una animale “sensitivo”?

Condividi post
Repost0

commenti

irene 11/13/2019 10:21

Rieccomi, ho risposto al tuo commento sui cristalli. Chi vive con un gatto sa che trattasi di esseri oltredimensionali, ovvero creature a 360°, alcuni asseriscono si tratti di alieni, tutto ciò che esula dalla razionalità viene definito alieno... mah... secondo altri invece son creature molto evolute facenti parte della genesi di Gaja, eran presenti agli esordi, nella cosiddetta ancestralità. Personalmente prendo in considerazione questa ipotesi, ognuno giustamente crede in ciò che vuole credere... ognuno ha una sua strada e son tutte rispettabili.
Gli amici dei gatti comunque sanno che tu appartieni a loro, non il contrario, e ti scelgono, il mio atterrò letteralmente sul cofano della mia auto, probabilmente da un albero, era estate e stavo chiaccherando con una amica che abitava fuori città, non distante da casa sua.
Iniziò a farmi le fusa e deciso di portarlo a casa.
Fu una esperienza bellissima, purtroppo era malato e venne a mancare mesi dopo, ma ci divertimmo molto insieme, adorava le patatine fritte.
Alla prossima...

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg