Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

16 novembre 2019 6 16 /11 /novembre /2019 00:06

Il Medio Oriente è costellato da centinaia di sconcertanti strutture a forma di aquilone o ruota, sono circa 400, costruite in pietra, grosse come campi da calcio, situate in Arabia Saudita ad Harrat Khaybar, uno dei numerosi campi vulcanici sparsi nella penisola arabica.

L'identificazione di queste cosiddette “strutture” è incerta, si ipotizza che alcune risalgano a 9.000 anni fa. Una prima prova registrata risale al 1927 quando il tenente della Royal Air Force Percy Maitland pubblicò un articolo riguardo a queste rovine sulla rivista Antiquity, riportando che le aveva sorvolate in un’area lavica e che, insieme ad altre strutture di pietra, erano chiamate dai beduini “opere degli uomini antichi”. I ricercatori ipotizzano che siano state costruite tra i duemila e i novemila anni fa da popolazioni nomadi e antiche tribù dell’area. “Tendiamo a pensare all’Arabia Saudita solo come un deserto, ma in pratica c’è un grosso tesoro archeologico che va identificato e mappato” ha dichiarato Kennedy. 

David Kennedy, professore australiano che ha pubblicato la sua ricerca su Arabian Archeology and Epigraphy, non hanno “uno scopo al momento definibile: nessuna spiegazione ovvia può essere avanzata”. Alcuni di questi recinti di pietra hanno muri alti tre metri, altri si estendono in lunghezza per misure che variano dai 13 ai 518 metri.  Negli anni Venti in Arabia Saudita furono scoperte strutture simili che in realtà si pensa fossero utilizzate per catturare il bestiame ma sui nuovi reperti, situati nei campi vulcanici a più di 550 miglia da Riad, non c’è certezza. Altre composizioni simili sono state già individuate da un differente gruppo di ricercatori che nel frattempo ha chiesto nuovi permessi per poter esaminare i ritrovamenti.

Oggi, visti dallo spazio, hanno un aspetto lunare o addirittura marziano: piccole colline vulcaniche, laghi di lava congelati e pozzi generati da esplosioni come crateri. Diversi studiosi le hanno paragonate a dei geroglifici come le Linee di Nazca. Il geroglifico è un segno molto ampio ricavato manualmente su una superficie, quindi, anche la funzione di queste misteriose strutture potrebbe essere simile a quella degli enigmatici disegni ritrovati nel deserto peruviano.

 

 

Inoltre, se si considera che i cerchi di pietre erano un luogo sacro di preghiera per gli antichi, si può supporre avessero una funzione religiosa.

 

Tesi avvalorata anche da Huw Groucutt, un borsista presso la Scuola di Archeologia dell'Università di Oxford, il quale non vede “alcun chiaro scopo funzionale” perciò ipotizza che siano siti dove si svolgevano attività rituali.

La verità è che non se ne viene a capo: diverse ipotesi non collimano. E soprattutto c’è scarsa attenzione rispetto ad altri siti archeologici sparsi per il mondo.

 

fonte  fonte

Il mistero delle strutture aliene trovate ad Harrat Khaybar
Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg