Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

23 gennaio 2020 4 23 /01 /gennaio /2020 22:51

Un oggetto volante ripreso nel 2004 da un cacciabombardiere è stato classificato ufficialmente come "fenomeno aereo non identificato". E altri due video analoghi desecretati nel 2017 e nel 2018 stanno creando apprensione, al di là della questione extraterrestri

ufo_2004
Un fotogramma del video ‘Gimbal’ (foto: To the stars academy of arts & science)

La notizia più significativa di tutte è che le autorità militari statunitensi hanno per la prima volta fatto riferimento ufficialmente agli ufo. E non una sola volta, ma tre. Per la precisione, non hanno parlato di “oggetti volanti non identificati” bensì di “fenomeni aerei non identificati“, utilizzando l’acronimo Uap (Unidentified Aerial Phenomena). Il riferimento è a tre video, noti come Flir1, Gimbal e GoFast, ormai vecchi di alcuni anni ma diventati di pubblico dominio solo tra 2017 e 2018.

Per evitare fraintendimenti, nonché i facili entusiasmi da parte dei cacciatori di alieni, meglio chiarirlo fin dal principio: in questa storia non ci sono tracce oggettive (nemmeno alla lontana) di creature extraterrestri, ma solo una piccola serie di velivoli che finora la marina degli Stati Uniti non è stata in grado di riconoscere.

No, stavolta non è una bufala

Per il momento la storia degli ufo è ufficialmente confermata. La vicenda all’inizio aveva sollevato più di una perplessità e un sospetto, anche perché era stata raccontata per la prima volta dall’ex cantante dei Blink-182 Tom DeLonge all’interno della trasmissione-documentario Unidentified su History Channel – in pratica un analogo del nostrano Mistero – in mezzo a una valangata di sparate sugli ufo del tutto prive di fondamento. Invece, il caso ha ricevuto molteplici conferme, sia giornalistiche (New York Times e Vice anzitutto), sia da siti che si occupano di fughe di notizie (The Black Vault) o di smascherare fake news (Truth or fiction), sia da fonti ufficiali della marina e dei servizi statunitensi.

Il fatto che il caso sia emerso proprio ora non è una coincidenza: solo pochi mesi fa, infatti, la marina aveva annunciato nuove linee guida per il proprio personale, incentivando tutti quanti a fare rapporto ogni volta che viene osservato un oggetto volante non chiaramente identificato. Probabilmente è anche per questo motivo che pure nelle comunicazioni ufficiali si parla di “fenomeni aerei non identificati”, anziché utilizzare termini più tecnici e meno notiziabili come “droni” o semplicemente “aerei“.

 

Cosa sappiamo dei tre video

Al di là dei nomignoli che sono stati loro affibbiati, è interessante sapere qualcosa in più sulle tre sequenze di immagini al centro della storia. Ormai vecchi di parecchi anni (il meno recente, Flir1, è del 14 novembre 2004, mentre gli altri due sono del 21 gennaio 2015), i filmati sono frutto delle riprese a bordo di velivoli militari statunitensi, di cui almeno uno è un cacciabombardiere F/A-18. Il video Flir1, in particolare, è stato raccolto dal comandante David Fravor nei cieli sopra San Diego, in California. Fravor negli anni scorsi ha anche parlato apertamente dell’ufo come “qualcosa che non appartiene al nostro mondo”, ma si è trattato solo di una dichiarazione non ufficiale rilasciata a una tv locale, peraltro frutto di una semplice sensazione del pilota non corroborata da dati oggettivi.

Non è del tutto chiaro se i tre filmati siano o meno stati ufficialmente desecretati dal governo statunitense, ma quel che è certo è che sono ormai da tempo di dominio pubblico. In particolare, la prima versione online dei video è stata attribuita al New York Times e al gruppo di ricerca To the stars academy, che hanno reso disponibile il materiale in rete tra il dicembre 2017 e il marzo 2018.

Il video Flir1
Il video Gimbal
Il video GoFast
Gli elementi di apprensione

La comunità mondiale degli ufologi è naturalmente in fibrillazione per queste notizie, ma il punto della questione sembra essere un altro. Anzitutto, diverse voci autorevoli si sono espresse affermando che non si può escludere che l’oggetto volante non identificato sia lo stesso in più di un video, soprattutto per i due più recenti che sono quasi contemporanei. Se questo da un lato abbasserebbe il numero di ufo da 3 a 2, allo stesso tempo renderebbe evidente un’altra criticità: le osservazioni del gennaio 2015 infatti sono collocate tra la Florida e la Georgia in un’area prossima al Navy’s atlantic undersea test and evaluation center (Autec), un centro militare all’avanguardia della tecnologia e attrezzato con sofisticati sistemi di monitoraggio aereo e marittimo, nessuno dei quali ha rilevato la presenza di velivoli anomali.

Senza entrare nel merito della provenienza dell’oggetto volante, quindi, desta più di una preoccupazione che quell’oggetto sembra essere transitato inosservato per i cieli statunitensi, intravisto solo per caso da un pilota impegnato in un volo di addestramento. Se anche si fosse trattato banalmente di un velivolo militare sperimentale, è significativo che nessuno strumento ne abbia rilevato la presenza, tra l’altro in uno degli spazi aerei più monitorati del mondo.

 

Per il momento i dettagli delle valutazioni tecnico-scientifiche sull’accaduto non sono di pubblico dominio, perché i dati raccolti dagli strumenti sono tutt’ora coperti dal segreto militare. Il legame di tutta questa storia con extraterrestri, alieni e fantomatici omini verdi, invece, resta pura speculazione.

fonte

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...
  • 3 esempi di come il cambiamento climatico sta cambiando il volto del pianeta
    Dall’Artico all’Africa subsahariana passando per la Sicilia: il riscaldamento globale sta stravolgendo gli ecosistemi in tutto il pianeta. Ma non sono solo gli eventi climatici estremi a minacciare autentiche perle naturalistiche; spesso si aggiunge anche...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg