Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

28 gennaio 2020 2 28 /01 /gennaio /2020 23:06

Il 30 ottobre 1961 un’onda sismica fece il giro completo della Terra per tre volte. Non si trattava di un fenomeno “naturale”, era il risultato della più potente esplosione provocata dallo scoppio di un ordigno: “Big Ivan o Tsar Bomb”, la più devastante arma nucleare mai creata dall’uomo, e più precisamente dai sovietici. La bomba poteva, in teoria, sviluppare una potenza da 100 megatoni, anche se poi, durante il test, gli scienziati russi preferirono dimezzare la forza distruttiva dell’ordigno, accontentandosi di una resa da 50 megatoni. Per fare un paragone, la bomba più potente testata dagli Stati Uniti, quella fatta esplodere nel 1954 sull’atollo di Bikini, aveva una potenza di 15 megatoni.

Copia della Bomba Zar, esposta presso il museo di Sarov

Fonte immagine: Croquant/Hex via Wikipedia – licenza CC BY-SA 3.0

Big Ivan doveva servire a dimostrare la superiorità sovietica in campo bellico, in quel periodo storico durante il quale lo scoppio di una guerra nucleare costituiva un rischio concreto.

 

L’ordigno, chiamato anche Bomba Zar, fu sganciato il 30 ottobre 1961 alle 11.32 (ora di Mosca), su un’isola dell’arcipelago di Novaja Zemlja, a nord del circolo polare artico. Una gigantesca palla di fuoco, del diametro di otto chilometri, incendiò il cielo ma non arrivò a colpire il suolo, perché la terribile onda d’urto la respinse verso l’alto, all’incirca alla stessa altezza dalla quale era stata lanciata, circa a 10 chilometri.

La palla di fuoco creata dalla Bomba Zar

Fonte immagine: webarchive.org via Wikipedia – Giusto uso

Il fungo atomico che sviluppò, alto 64 chilometri, si alzò fino alla stratosfera, mentre il cappello si allargò per 95 chilometri. L’esplosione, avvenuta in un’area remota del pianeta, non provocò morti (se non quelli dei pochi animali presenti) ma causò danni alle case fino a una distanza di quasi mille chilometri.

Il fungo atomico provocato dalla Bomba Zar

Fonte immagine: webarchive.org via Wikipedia – Giusto uso

La bomba era talmente grande da non poter essere trasportata nemmeno dal più grande bombardiere sovietico dell’epoca, il Tupolev Tu 95V, che fu modificato per poter alloggiare l’ordigno. L’aereo fu schermato con un’apposita vernice bianca, che doveva ridurre i danni provocati dal calore, mentre la bomba fu dotata di paracadute, perché l’aereo avesse il tempo di allontanarsi prima dello scoppio. Nonostante queste precauzioni, la possibilità di sopravvivenza dell’equipaggio era del 50%. L’onda d’urto dell’esplosione fece precipitare il velivolo di circa mille metri, ma il maggiore Andrej Durnovcev riuscì a salvare se stesso e i suoi compagni, e per questo fu dichiarato Eroe dell’UNione Sovietica, e immediatamente promosso al grado di tenente colonnello. Riuscì a salvarsi anche il pilota di un aereo più piccolo, il Tu-16, che accompagnava il bombardiere per filmare il test e prelevare campioni dell’aria.

Il sito della detonazione

Fonte immagine: Wikimedia Commons – licenza CC BY -SA 3.0

I fisici che avevano progettato la bomba avevano inizialmente studiato un ordigno da 100 megatoni, che però avrebbe prodotto una ricaduta di materiale radioattivo talmente estesa, da indurre gli scienziati a depotenziare della metà “Big Ivan”. Con la potenza così ridotta, la Bomba Zar sviluppava comunque un’energia 1570 volte superiore a quella prodotta insieme dalle due bombe che distrussero Hiroshima e Nagasaki, e pari a circa un quarto di quella che sprigionò il vulcano Krakatoa durante la devastante eruzione del 1883.

Confronto tra le sfere di fuoco generate dai più potenti ordigni nucleari, dove le misure lineari sono riferite ai raggi

Immagine di pubblico dominio

Anche se “Big Ivan” poteva essere considerato un dispositivo in grado di dare “un potere praticamente illimitato” , in realtà non offriva grandi vantaggi a scopo bellico, perché gran parte della sua energia distruttiva si sviluppava verso l’alto. Il test della Bomba Zar fu condotto probabilmente solo a scopo dimostrativo: il leader sovietico Nikita Khrushchev aveva voluto mantenere la minacciosa promessa fatta nel 1960 durante un’assemblea alle Nazioni Unite, quella di mostrare agli Stati Uniti la “madre di Kuzma”, altro nome poi dato alla Bomba Zar.

Il fisico sovietico Andrej Sacharov

La bomba all’idrogeno RDS-220 è stata la più potente arma nucleare mai creata dall’uomo, talmente potente da spaventare anche gli stessi scienziati che l’avevano progettata, come il fisico Andrej Sacharov, che poco tempo dopo quell’impressionante esplosione di prova, iniziò a battersi contro gli esperimenti nucleari, fino a divenire apertamente dissidente nei confronti del regime sovietico, in particolare sulla spinosa questione dei diritti civili in URSS.

Sotto, Zona di distruzione totale della Bomba Zar su una mappa di Roma: cerchio porpora = distruzione totale (raggio di 35 chilometri), cerchio rosso = palla di fuoco (raggio 3,5 km). Immagine condivisa con licenza CC BY-SA 3.0 via Wikipedia:

di 

 

fonte   https://www.vanillamagazine.it/tsar-bomb-il-30-ottobre-1961-esplose-il-piu-potente-ordigno-nucleare-della-storia/

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...
  • 3 esempi di come il cambiamento climatico sta cambiando il volto del pianeta
    Dall’Artico all’Africa subsahariana passando per la Sicilia: il riscaldamento globale sta stravolgendo gli ecosistemi in tutto il pianeta. Ma non sono solo gli eventi climatici estremi a minacciare autentiche perle naturalistiche; spesso si aggiunge anche...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg