Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

30 dicembre 2020 3 30 /12 /dicembre /2020 22:31

Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano si toccano. Il cervello umano contiene molti misteri, e questo è illustrato più chiaramente dall’esistenza di una serie di fenomeni, come il dolore agli arti fantasma. Questo particolare fenomeno si verifica quando una persona crede di poter rilevare dolore o altre sensazioni tattili in un arto che hanno perso attraverso l’amputazione. Alcune persone provano allucinazioni tattili, nelle quali erroneamente credono di provare sensazioni quando, in effetti, nessun fattore potrebbe averlo indotto. Le allucinazioni tattili si presentano solitamente in individui che vivono in condizioni psicologiche, come la schizofrenia. Tuttavia, le persone che sono completamente mentalmente e fisicamente sane possono anche sperimentare un fenomeno simile. Ad esempio, quando una persona riceve un tocco sulla mano sinistra, può credere di aver sentito questo tocco nel loro piede sinistro o viceversa. Gli scienziati chiamano questo una sensazione fantasma, e i ricercatori sono ancora perplessi sul motivo per cui questo fenomeno si verifica. In un nuovo studio, i cui risultati appaiono in Current Biology, un team di ricercatori della New York University e delle Università di Amburgo e Bielefeld in Germania spiegano in modo più dettagliato cosa caratterizza le sensazioni fantasma. Sostengono che una migliore comprensione di questo fenomeno potrebbe aiutare gli specialisti a decifrare misteri simili, incluso il dolore agli arti fantasma. “I limiti delle spiegazioni precedenti su come e dove i nostri processi cerebrali si toccano diventano evidenti quando si tratta di individui che hanno avuto parti del loro corpo amputate o affette da malattie neurologiche”, osserva il coautore del Prof. Tobias Heed. Sottolinea che fino ad oggi gli scienziati sanno sorprendentemente poco su come il cervello umano elabora la sensazione del tatto. “Le persone che hanno avuto una mano o una gamba amputata spesso riferiscono sensazioni fantasma in questi arti”, osserva il Prof. Heed. “Ma da dove viene esattamente questa falsa percezione?”

Una comprensione mutevole dei processi cerebrali

“In precedenza, gli scienziati pensavano che la nostra percezione cosciente di dove si fosse verificato un contatto derivasse da una mappa topografica nel cervello: seguendo questa ipotesi, parti di questo corpo, come le mani, i piedi o il viso, sono rappresentati su questa mappa”, dice Prof. Heed. Tuttavia, questo nuovo studio, che si concentra su partecipanti completamente sani, indica che il modo in cui il cervello attribuisce sensazioni tattili è molto più complicato. “Le nostre nuove scoperte (…) dimostrano che anche altre caratteristiche del tatto sono usate per attribuire un tocco a parti del corpo”, osserva il prof. Heed. Nel presente studio, gli investigatori hanno condotto cinque diversi esperimenti, ciascuno dei quali ha coinvolto la collaborazione di 12-20 adulti sani. In ogni esperimento, i partecipanti hanno concordato di avere stimolatori tattili attaccati alle loro mani e ai loro piedi. I ricercatori hanno usato questi stimolatori per generare sensazioni tattili in due diverse parti del corpo in rapida successione e poi hanno chiesto ai partecipanti di riferire dove avevano sentito i tocchi. Il Prof. Heed e il team hanno ripetuto questo test diverse centinaia di volte per ogni partecipante. “Sorprendentemente, nell’8% di tutti i casi, i soggetti attribuivano il primo tocco a una parte del corpo che non era nemmeno stata toccata – questa è una sorta di sensazione fantasma”, afferma l’autrice Stephanie Badde.

3 fattori contribuiscono alle sensazioni fantasma

“La precedente concezione – che la posizione attribuita del tocco sul corpo dipende dalle” mappe “del corpo – non può spiegare queste nuove scoperte”, osserva il Prof. Heed. “Dimostriamo che le sensazioni fantasma dipendono da tre caratteristiche: la più importante è l’identità dell’arto – sia che si tratti di una mano o di un piede, ecco perché un tocco da una parte viene spesso percepito dall’altra” lui spiega. Altri due fattori contribuiscono all’attribuzione errata del tocco:

  • il lato del corpo – una persona potrebbe pensare di percepire il tocco nella mano destra quando, in effetti, il tocco è avvenuto sul loro piede destro
  • la normale posizione anatomica dell’arto (destra o sinistra)

Ad esempio, se una persona incrocia le braccia o le gambe, posizionando l’arto destro alla sinistra del corpo, potrebbe percepire erroneamente un tocco sul loro braccio destro come un tocco sul loro piede sinistro. “Quando parti del corpo sono posizionate sull’altro lato del corpo di quanto non siano in genere – ad esempio, quando si incrociano le gambe – i due sistemi di coordinate entrano in conflitto”, afferma il prof. Heed. Non solo le scoperte attuali contraddicono la comprensione precedente della modalità di elaborazione del cervello, ma potrebbero anche, in futuro, aiutare a guidare la ricerca che circonda le sensazioni degli arti fantasma e altri fenomeni correlati.

 

fonte

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...
  • 3 esempi di come il cambiamento climatico sta cambiando il volto del pianeta
    Dall’Artico all’Africa subsahariana passando per la Sicilia: il riscaldamento globale sta stravolgendo gli ecosistemi in tutto il pianeta. Ma non sono solo gli eventi climatici estremi a minacciare autentiche perle naturalistiche; spesso si aggiunge anche...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg