Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 giugno 2014 3 11 /06 /giugno /2014 21:43

 

 

 

 

Sembra una battuta e non fa ridere: come non fa ridere sapere che oltre 170mila persone sono state malmenate e scacciate da casa propria per permettere, secondo i dirigenti dell' ordine, una armoniosa e gloriosa manifestazione sportiva come lo  sono i mondiali di calcio che si terranno proprio in Brasile. Non ho avuto conferme su persone uccise per repressione, ma di persone sfollate malamente si.

La notizia che sta girando su facebook: “bambini ammazzati dalla polizia per pulire le strade in vista dei Mondiali” è una bufala, suffragata da una foto che ritrae alcuni cadaveri insanguinati di ragazzini con attorno operatori delle forze dell’ordine in tenuta anti-sommossa. Ed è un’immagine che si riferisce ad un preciso fatto di cronaca, risalente allo scorso febbraio: un’operazione di polizia, scattata in una favelas nel mezzo di una guerra tra bande di trafficanti di droga, durante la quale sono rimasti feriti pure alcuni agenti.
odr20140204028_1

Le forze dell’ordine protette da caschi e giubbotti antiproiettile che sparano lacrimogeni ad altezza uomo, gli indios a torso nudo e con copricapi di piume che rispondono scagliando frecce dai loro archi. In queste immagini, immortalate nelle strade della capitale brasiliana Brasilia, nei pressi dell’Estadio Nacional Mané Garrincha, tutte le contraddizioni sociali e politiche che accompagnano i Mondiali di Brasile 2014. Le proteste, organizzate dai movimenti Nao Vai Ter Copa, volevano impedire l’esposizione al pubblico del trofeo mondiale, e sono riuscite. Alle migliaia di persone scese nelle strade, si sono uniti circa cinquecento indios della foresta amazzonica vestiti coi costumi tradizionali, alcuni a piedi altri a cavallo. Quando la situazione è degenerata, ai lacrimogeni e ai manganelli della polizia hanno risposto con le loro armi: l’arco e le frecce. Un poliziotto, colpito alla gamba, è stato ricoverato. Alla fine il trofeo non è stato esposto in pubblico, davanti allo stadio, come previsto.

Fra gli «sfollati del mondiale» il caso più drammatico è quello della piccola favela di Metro Mangueira, che sorge subito sotto la più conosciuta Mangueira (una delle scuole di samba più famose di Rio), a fianco della strada che dovrà portare ai parcheggi coperti del nuovo stadio.

Un migliaio di famiglie che vivono lì da tempo e che adesso se ne stanno andando, alla spicciolata, in nuovi appartamenti di edilizia popolare messi a disposizione dal comune di Rio. Case sulla carta migliori, ma che si trovano spesso a due ore di treno di distanza da lì e in cui spesso non entrano tutti. Franciledy Ramos, leader del quartiere, mostra i numeri scritti con vernice nera su ogni porta, un codice cifrato.

PCC BRASILE 

«In teoria - spiega - noi saremmo anche d'accordo con la ricollocazione, ma non nella maniera in cui la stanno facendo. Buttano giù una casa sì e due no, lasciano le macerie e qui di notte si riempie di topi e cani randagi, per non parlare del via vai di ladri, drogati e prostitute».

Il ministro dello Sport Aldo Rebelo minimizza queste cifre e l'impatto sociale della competizione. «Non bisogna dimenticare che molte di queste persone vivono in case senza un titolo di proprietà, nella più completa illegalità. Il governo sta agendo nel quadro della legge. Le famiglie lasciano le loro abitazioni precarie e ricevono una casa nuova o un risarcimento adeguato».

FAVELAS DI RIO DE JANEIROFAVELAS DI RIO DE JANEIRO

Le ruspe, però, non colpiscono solo favelas e baraccopoli. Il caso del Maracanà è emblematico. Nel progetto generale sono comprese anche le strutture contigue allo stadio che sono cresciute assieme a esso. Il centro sportivo Julio Delamare, la principale struttura sportiva per gli atleti delle discipline acquatiche in Brasile, dovrebbe essere abbattuto per far spazio alla principale rampa d'accesso allo stadio e all'area d'accoglienza vip, con negozi, centri d riunione e per eventi.

 

E dall’Amazzonia giungono altre notizie disastrose. Il governatore della regione ha dichiarato lo stato di emergenza a Manaus, città al limitare della foresta che il 14 giugno ospiterà la prima gara mondiale di Italia e Inghilterra nell’inutile e faraonico stadio Arena da Amazonia, un impianto costato circa 250 milioni di euro e che a fine mondiale rimarrà una immensa cattedrale nel deserto: nella zona giocano solo minuscoli club di seconda serie che in questi mesi hanno portato nemmeno mille spettatori in un impianto che ne contiene quarantamila.

Lo stato d’emergenza è dovuto alla parziale esondazione del Rio Negro, uno dei due fiumi che attraversano la città, dove l’acqua ha superato il livello dei 30 metri. Il sindaco Artur Neto ha detto che non si aspettano un vero e proprio allagamento della città, e che la misura è preventiva, ma alcuni quartieri già sono stati sfollati. Le previsioni dicono che il livello del fiume continuerà a salire, e tra quindici giorni si giocherà una partita come Italia-Inghilterra, a rischio anche per l’ordine pubblico.

E proprio le due squadre, che comunque si trasferiranno a Manaus solo pochi giorni prima della partita dai loro rispettivi ritiri, hanno ricevuto ulteriori brutte notizie. Nell’albergo degli inglesi, il cinque stelle Tulip Hotel di Rio di Janeiro, sono state infatti confiscate derrate alimentari scadute: burro, prosciutto di Parma e salmone affumicato avevano già superato la data di scadenza al momento dell’ispezione. Inoltre l’albergo è accusato di aver infranto la legge perché non ci sono le apposite macchinette per la distribuzione dei profilattici, come deve essere in tutta la regione. Mentre al Portobello Hotel di Mangaritiba, sede del ritiro azzurro, sono stati sequestrati un’altra cinquantina di chili di prodotti avariati. Qui pare non mancassero i profilattici, ma gli opuscoli contro lo sfruttamento della prostituzione. Bazzecole, che strapperebbero un sorriso, se non fosse che in tutto il Brasile la tensione è oramai altissima, e non certo per la trepidante attesa dell’evento ma per le proteste che lo attraversano.

Se dopo i violentissimi scontri a Belo Horizonte, Manaus, Porto Alegre, Rio de Janeiro e San Paolo, a Brasilia si sono scomodati gli indios, capaci di arrivare in città con archi e frecce, e di usarli, significa che questo Mondiale invece di narcotizzare le contraddizione sociali del paese, le sta veramente esacerbando. Come se il calcio avesse smesso tutto d’un tratto di essere l’oppio dei popoli, e fosse invece diventato un mezzo per accrescerne la coscienza.

 

 

 

 

 

Ci saranno problemi e disordini quindi per questi mondiali? Potremo essere sempre dalla parte che comunque, se la questione a noi non ci tocca e quindi, potremo divertirci ugualmente?

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in Cronaca
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg