Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 agosto 2014 1 18 /08 /agosto /2014 22:08

Astronauta di Kiev

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono riportati nella Bibbia, il primo risale all’anno 18.617.837 a.C.; l’ultimo al 607 a.C.: stiamo parlando degli sbarchi di popoli extraterrestri che avrebbero aiutato l’evoluzione della nostra civiltà, se non, addirittura, “creato” l’uomo con ardite operazioni di biogenetica.

Tra i vari pseudo-culti legati agli UFO, la cosiddetta Ipotesi extraterrestre è senz’altro la più popolare.
All’origine della civiltà umana vi sarebbe una visita, anzi parecchie visite, di un popolo alieno, proprio come sostengono le varie mitologie quando parlano di “Dei venuti dal Cielo”. 
I visitatori spaziali avrebbero fornito ai terrestri le conoscenze necessarie per iniziare il loro lungo cammino verso la civiltà; poi, compiuta la missione, sarebbero tornati al loro mondo sperduto nella Galassia. Non é facile risalire a un inventore “ufficiale” dell’ipotesi extraterrestre: per anni, infatti, è stata relegata a riviste estremamente specializzate diffuse tra gli ufologi o in altri club interessati a cose misteriose.

Tra gli scrittori più popolari che se ne sono occupati ricordiamo i francesi Robert Charroux e Pauwels & Bergier, l’italiano Peter Kolosimo, e, soprattutto, il tedesco Erich Von Daeniken, i cui libri sono divenuti best-seller in 26 lingue.

Milioni e milioni di copie vendute, miliardi di diritti d’autore, una denuncia per truffa, un vero e proprio esercito di seguaci, decine di imitatori in tutto il mondo: questo é quanto ha reso a Erich Von Daeniken una serie di libri iniziata nel 1967 con Erinnerungen an die Zukumft (letteralmente “Ricordi dal futuro”; tradotto in Italia con il titolo Gli extraterrestri torneranno ). L’abile scrittore tedesco ha saputo elaborare l’ipotesi extraterrestre in forma estremamente divulgativa e leggibile, anche se le prove esibite a suo favore sono assai scarse. Von Daeniken (come i suoi imitatori) si limita infatti a mostrare foto di antiche statuette e monili; se la testa della statuetta è rotonda, secondo lui rappresenta senz’ombra di dubbio un casco da astronauta; se il personaggio porta un copricapo con le corna (come in molte antiche raffigurazioni), queste sono antenne radio, e così via. Spesso, poi, lo scrittore cita viaggi che non ha mai compiuto, inventa testimonianze, parla di luoghi che in realtà non esistono; cosicché la sua opera ha, paradossalmente, fornito nuove armi ai detrattori di un’ipotesi che, dopotutto, potrebbe nascondere un fondo di verità.

Von Daeniken e i suoi continuatori propongono una soluzione extraterrestre a molti degli enigmi descritti in questo stesso volume: i disegni giganteschi visibili solo dal cielo che si snodano per chilometri sull’altopiano di Nazca facevano parte di uno spazioporto; le grandi costruzioni come Stonehenge, le piramidi, Tiahuanaco furono edificate con l’ausilio di tecnologie aliene; l’incisione sul sarcofago del tempio di Palenque, le statuine Dogu e certi graffiti in Australia e nel Sahara rappresentano astronauti in tenuta da volo; la Carta di Piri Re’is fu disegnata a bordo di un’astronave; le esplosioni che distrussero Mohenjo-Daro e Tunguska furono provocate da armi extraterrestri. Anche nell’attuale Confederazione di Stati Indipendenti l’ipotesi extraterrestre è sorprendentemente diffusa. Autori come Alexandr Kazantsev hanno raccolto in vari volumi le “prove” delle remote visite di “Dèi venuti dallo spazio” in quella che fu l’Unione Sovietica. Gli esquimesi che vivono nell’estremo nord della Comunità di Stati Indipendenti proverrebbero, in realtà , da fertili regioni tropicali, e sarebbero stati trasportati nell’Artide (per pura cattiveria?) da “grandi uccelli metallici” provenienti dalle stelle.

Altri popoli che vivono all’interno del circolo polare, come gli Jucaghiri stanziati tra i fiumi Jana e Kolyma, discenderebbero addirittura da progenitori extraterrestri, giunti con un aspetto informe e successivamente trasformati per magia in esseri umani. “Prove” del passaggio di extraterrestri nei paesi dell’Est sono costituite dagli graffiti, i quali rappresenterebbero – al solito – particolari di scafandri o veicoli spaziali. Presso il villaggio di Fergana, sul fiume Shiahimardan, un’incisione riproduce un essere munito di un “casco” stilizzato. A Sarmys, in Uzbekistan, un graffito che risale almeno a 3000 anni fa riproduce un “missile” circondato da uomini che portano in volto un oggetto simile a un respiratore. Nel monastero di Visoki Decani, in Albania, gli affreschi sulle pareti raffigurano alcuni personaggi a bordo di navicelle spaziali molto rumorose: i personaggi di contorno dell’affresco, infatti, si coprono le orecchie con le mani.

Nel museo di paleontologia di Mosca si trova un cranio di bisonte rinvenuto in Yakutija, con un foro perfettamente rotondo al centro della fronte. Secondo Alexandr Kazantsev, esso sarebbe stato causato da “una specie di pallottola”; e poiché l’osso parzialmente riformato intorno al buco indica che l’animale riuscì a sopravvivere, questo significa che fu colpito quando era ancora vivo, migliaia di anni fa. Ma chi poteva disporre, allora, di un’arma da fuoco? Forse gli spiriti che, secondo gli abitanti della regione, ” scendevano dal cielo con i loro carri splendenti ” a prelevare le anime dei morti?

La Bibbia ha fornito ai seguaci dell’ipotesi extraterrestre una vastissima serie di “prove”: c’è chi ha attribuito all’intervento alieno l’episodio in cui Giosuè ha fermato il Sole o quello in cui ha abbattuto grazie a una tromba le mura di Gerico; chi ritiene che l’Arca dell’Alleanza sia un manufatto alieno; chi ancora che gli angeli siano piloti di astronavi. Insomma, tutti gli eventi straordinari dell’Antico Testamento accettabili solo grazie alla fede in Dio (quello che segue ne costituisce un ridottissimo elenco) sono stati rispiegati con l’aiuto di un’altra fede: quella nell’esistenza di alieni particolarmente interessati nel destino dei nostri antenati.

La dizione al plurale del nome di Dio (nella Genesi si chiama sia Elohim , che significa dèi ; sia Yahwè al singolare) è giustificata dal fatto che gli Elohim erano un gruppo di extraterrestri i quali costruirono l’uomo per mezzo di elaborate operazioni biogenetiche.

La visione del Carro di fuoco di Ezechiele non rappresentava un angelo, bensì un disco volante completo di propulsori a forma di ruota.

La distruzione di Sodoma e Gomorra è stata causata da un esplosione atomica scatenata dagli extraterrestri. Lo prova il fatto che la moglie di Lot, voltatasi a osservarne il bagliore, si sia trasformata in una statua di sale, ovvero sia stata calcificata dal calore.

Mosè aprì le acque del Mar Rosso con l’aiuto di forze amiche extraterrestri.

La manna con cui si nutrirono gli Ebrei fuggiaschi altro non era che un deposito (evidentemente commestibile) lasciato dalla combustione dei motori delle astronavi aliene.

Esaminando i volumi dedicati all’ipotesi extraterrestre, è addirittura possibile tracciare una cronistoria dei principali sbarchi di alieni sulla Terra. Tra parentesi sono citate gli autori o le “correnti di pensiero”.

18.617.837 a.C.: Un gruppo di alieni chiamati Kumaras e provenienti da Venere sbarcano su un’isola nell’attuale deserto del Gobi, allora un oceano (Tradizioni Braminiche)

5 milioni a.C.: Sempre i Venusiani atterrano presso il lago Titicaca, in Bolivia, ove fondano la fortezza di Tiahuanaco. Li comanda una donna tapiro, rimasta nota con il nome di Orejona (Peter Kolosimo)

443.000 a.C. : I Nefilim, provenienti dal Pianeta Marduk, sbarcano in Mesopotamia e danno origine alla civiltà sumera (Zecharia Setchin)

Intorno al 400.000 a.C: Extraterrestri anfibi diffondono la cultura di Oaness, il Dio Pesce, presso i Sumeri, i Filistei e i Dogon

38.000 a.C.: In seguito a una guerra spaziale, un gruppo di extraterrestri si insedia sulla Terra, ove costruisce immense gallerie sotterranee in cui rifugiarsi dagli inseguitori (Von Daeneken)

12.000 a.C.: Extraterrestri scendono in Amazzonia, ove fondano la mai più ritrovata civiltà di Akakor (Karl Brugger)

Tra l’8000 e il 500 a.C.: Una nuova ondata di extraterrestri sbarca in vari punti della Terra, e contribuisce a fondare alcune civiltà cosiddette “misteriose” (Maya, Incas, Egizi, Baschi, Etruschi) (Von Daeneken)

Dal pianeta Hub giungono sulla Terra esseri malvagi che entreranno nella leggenda come Lucifero e gli angeli caduti. Sopravvivono ancora oggi, e a loro si devono i guai che funestano il mondo (Gruppo dei “Figli di Jared”)

3097 a.C.: Di nuovo i Venusiani, costretti ad abbandonare il loro pianeta a causa di una catastrofe cosmica, approdano sulla Terra. La catastrofe causa il famoso diluvio universale (Signorini)

1927 a.C.: A seguito di guerre celesti combattute sul nostro pianeta, la progredita civiltà di Mohenjo Daro (Pakistan) viene cancellata dalla faccia della Terra da un esplosione atomica (Davenport)

1246 a.C. : Distrutto dalle sue stesse armi, il pianeta Maldek si sbriciola. Sulla Terra si riversa una pioggia di frammenti fiammeggianti e di virus sconosciuti, causando le leggendarie piaghe d’Egitto (Raymond Drake)

607 a.C. : Viaggiatori di un altra dimensione, giunti per “riassettare l’orbita della Terra e il sistema solare” (?) fondano la civiltà Maya (Josè Arguellas)

28 Marzo 1950 d.C.: Giunge sulla Terra una pattuglia di Ummiti, che descrivono – per lettera – le meraviglie tecnologiche del loro pianeta a numerosi corrispondenti sparpagliati per il globo.

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg