Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 aprile 2014 6 26 /04 /aprile /2014 21:54

Oltre 4 mila civiltà extraterrestri. Ma troppo lontane da noiParlare di civiltà extraterrestri è importante per capire l’origine e il divenire dell’uomo, una teoria affascinante, rivelata appunto dalle civiltà extraterrestri e anche frutto di un’approfondita ricerca storica. Abbiamo testimonianze da parte di studiosi, ufologi, mistici e contattati, ma soprattutto dobbiamo tener conto della rivelazione messianica da parte di questi esseri che vengono dal Cosmo, e della rivelazione che proviene dai famosi archivi akasici, che riguardano la creazione del nostro sistema solare.
I contattati sono uomini idonei a fare da tramite fra Cielo e Terra, sono quasi sempre persone normali che nel corso della loro vita vivono un’esperienza che trasforma radicalmente il loro modo di essere.
Il contatto avviene in forma telepatica oppure con un intervento diretto da altre dimensioni o altre fonti energetiche, che a malapena noi possiamo concepire.
Il cammino della civiltà umana è costellato da visite di civiltà provenienti dallo spazio.
Gli extraterrestri appartengono ad alcune civiltà umanoidi, che si sono evolute nel tempo. Anche l’uomo è destinato ad evolversi e attraverso la sofferenza arriverà ad una maturazione. Come avviene per altre civiltà, dovrà conoscere gioia e serenità, perché l’umanità è stata creata per essere ad immagine e somiglianza di Dio. Anche gli angeli giungono dall’esterno, perché i mondi di luce a cui appartengono non fanno parte della nostra dimensione.
L’uomo non è sempre stato uomo, e non lo sarà sempre. Egli è il risultato di Anima, Corpo e Spirito, tre entità diverse che collaborano insieme per la crescita individuale, ma anche per la crescita macrocosmica. Da qui proviene l’intuizione che la morte, come viene normalmente concepita, in realtà non esiste.
Noi siamo gli autori del nostro destino, e quando siamo stati creati, Dio ci ha dato la possibilità di essere parte della sua Creazione, ma anche responsabili di essa.
Mettendo in pratica il discernimento nelle nostre vicende umane, gioiremo o soffriremo in prima persona, applicando così la legge di causa ed effetto, che vige in ogni angolo dell’Universo.
Quando parliamo di uomo, parliamo di un essere individuale, che riceve un’informazione che mai è uguale a quella di un altro essere, poiché ognuno è un essere unico in tutto l’Universo e non ne esiste un altro uguale.
Se comprendiamo questo concetto, non saremo più razzisti e smetteremo di emarginare chi la pensa diversamente da noi, perché questa diversità è necessaria. I nostri punti in comune sono le ispirazioni divine, i valori, i concetti che orientano la nostra vita, nella spiritualità e nella materia. Se ogni uomo fosse cosciente di questa sua potenzialità, troverebbe la ragione di ogni cosa, anche nella sofferenza.
Dobbiamo rispettare ogni essere vivente, perché esprime la sua idea e opera secondo la sua logica e soprattutto secondo quello che esce dal suo cuore. Prima di tutto dobbiamo credere in noi stessi e successivamente, se vogliamo, potremo studiare nuove teorie, ma non dimentichiamo che la verità assoluta non la possiede nessuno!
L’umanità potrà evolversi quando tutte le verità troveranno un punto in comune nei valori fondamentali che danno origine ad ogni cosa. Le teorie sono infinite, ma ognuno troverà quella che è più vicina alla sua evoluzione spirituale, senza dimenticare che vivendo in mezzo a tante altre anime, l’unità e l’unione saranno sempre più necessarie per evitare guerre individuali e di religione. Ricordiamo sempre che la parola religione significa “rilegare” un evento all’altro, unione, creatività….e non dimentichiamo mai che dove c’è divisione non c’è Dio!
Quando l’uomo è stato creato era capace di amare, tollerare, rispettare, nel bene e nel male. Nella realtà attuale tutto questo raramente è messo in pratica, creando così un mondo pieno di paura, diviso e senza speranza.
Ma ognuno di noi, se vuole, può iniziare ad operare in modo diverso, pensare in positivo, cominciando dalla propria famiglia, nel proprio prossimo, affinché l’aura della Terra ritorni ad emanare luce azzurra, da tempo offuscata dall’inquinamento operato dall’uomo a causa di tutti i suoi pensieri negativi!
Non serve a niente un cammino spirituale se non siamo capaci di amare coloro che più ci sono vicini, che abbiamo a fianco in ogni momento della giornata, perdonando loro per i problemi che ci mettono in crisi d’intolleranza. Il perdono è il primo passo evolutivo ricordando sempre che quello che noi facciamo agli altri, un giorno verrà fatto a noi.
D - Che relazione c’è tra gli Anunnaki e gli Elohim ?
R - Sono due realtà che collaborano. Gli Anunnaki, chiamati così dai Sumeri, sono i creatori dell’uomo, sono esseri cosmici.
Secondo le profezie Sumere viaggiano su una nave stellare che sarebbe un vero e proprio pianeta, proveniente dalla costellazione Sirio B.
Altre profezie parlano di un asteroide che dovrebbe portare seri problemi al magnetismo terrestre, e questo anche secondo le teorie di Zaccaria Sichin.
Secondo le profezie dei Sumeri, i creatori dell’umanità vengono periodicamente, attraverso questa orbita, a visitare il nostro pianeta. Gli Anunnaki e gli Elohim sono sempre stati tra di noi, hanno sempre seguito la nostra crescita specialmente nelle fasi più difficili del nostro esistere, attraverso messaggi molto chiari, come: Umanità dove vai?
É un messaggio di avvertimento a cui dovremmo rispondere seguendo un cammino più adeguato; anche se ci comportiamo nel modo più coerente possibile, possiamo portare distonie anche solo con il pensiero. Invece se saremo sereni e tranquilli, riusciremo a trasmettere queste sensazioni anche a chi ci è vicino, e questa positività aiuterà il processo di tutta l’Umanità.
Spesso non è importante dire tante parole, ma quello che conta è sentire tutte le informazioni d’Amore che dall’Idea Cosmica arrivano al nostro plesso solare. Dalla psiche riceviamo tutto ciò che può aiutare la nostra evoluzione.
D - L’umanità certamente arriverà ad una determinata consapevolezza, e con la legge di causa ed effetto raccoglierà quanto ha seminato. Ma se c’è stato un passato negativo che ha generato questo presente negativo, se l’essere si ravvede, può creare un futuro migliore?
R - Dio ci concede più possibilità, e anche l’essere più demoniaco un giorno sarà un angelo, è questione di evoluzione, ognuno ha bisogno del suo tempo. Ci sono persone che apparentemente non hanno niente di spirituale, ma se Dio vuole che continuino a vivere, significa che hanno possibilità di redimersi come tanti altri. Questo pianeta è in procinto di un salto qualitativo, e tutti quelli che non sono in sintonia con l’Universo e con la nuova vibrazione, abiteranno un'altra stanza del Padre, un altro pianeta dove vivono quegli esseri che non si sono evoluti, bisognosi di altro tempo. Quelli che desiderano veramente che il mondo cambi, vivranno tutto ciò per cui lavorano, e la Terra certamente sarà un paradiso.
D - Cos’è il Libero Arbitrio?
R - Il Libero Arbitrio è un dono del Creatore per poter crescere, esso ha potere fino a quando non interviene nelle libertà di un altro individuo e ci porta a fare delle scelte più o meno responsabili. Non possiamo perciò infrangere la libertà di un altro uomo, pena l’intervento dal Cielo con l’applicazione della legge di causa ed effetto.
D - Perché ci hanno creati uomini? Sapevano che avremmo creato questa situazione?
R - Non ci hanno creati uomini, noi siamo spirito e per evolverci abbiamo bisogno di fare le nostre esperienze nei mondi materiali. Lo spirito che vive nella divinità, ha bisogno di staccarsi momentaneamente dal Tutto per evolversi attraverso i regni materiali, per poi ricongiungersi al Tutto ma coscienti. Lo spirito è la scintilla Divina che vive in ogni creatura. Esso comincia dal regno minerale, attraverso l’evoluzione passa al vegetale, poi alla realtà animale, e se è pronto, cosciente, può guidare un uomo.
La Terra è un granello di sabbia che orbita e vive in un costante equilibrio ricevendo delle informazioni cosmiche e divine per la propria evoluzione. Noi siamo entità divine incarnate in questo spazio e in questo tempo, potenzialmente possediamo l’entità divina dentro di noi, si tratta solo di farla emergere con le giuste esperienze, ma per ognuno ci vuole un tempo diverso, questa è l’eternità. Quello che seminiamo raccogliamo e quando riusciremo a completare il nostro compito, finalmente cresceremo.
Il nostro cervello è una perfetta ricetrasmittente, in tempi antichi riuscivamo a comunicare telepaticamente da pianeta a pianeta e ancora oggi, nella foresta amazzonica e nelle pianure australiane, popolazioni tribali comunicano tra loro senza dirsi una parola, telepaticamente. Queste potenzialità sono dentro di noi, ma la tecnologia e la vita moderna che applichiamo ci hanno allontanato sempre più da queste doti, se usassimo per intero le capacità del nostro cervello anche noi potremmo comunicare telepaticamente e fare anche ben altro.
Possiamo e dovremmo usare di più l’energia spirituale che potenzialmente è in noi, per il bene del prossimo, per aiutare chi ci è più vicino e ha bisogno di una carezza, di un sorriso, di una parola buona. Più Amore facciamo uscire dal nostro cuore, più contribuiamo al progetto celeste.
Per colpa della durezza del cuore, tanti segni, tanti sacrifici, tanta donazione nel cammino dell’umanità, non sono stati né compresi né imitati, ma ostacolati, con perdita di tempo prezioso per l’evoluzione.
Qualsiasi cosa deve accadere, se saremo in pace con noi stessi, con la nostra vita, in sintonia con le rivelazioni, non avremo niente da temere, perché è stato detto: non un solo capello vi sarà torto!
D – Cosa può dire sulle profezie e il 3° Segreto di Fatima?
R - La rivelazione del cosiddetto terzo segreto di Fatima, è una profezia degli eventi che la nostra Umanità dovrà vivere. La Madonna ha rivelato quello che potrebbe accadere se l’uomo non si ravvede; condanna la corruzione che regna in tutte le istituzioni, religiose, politiche, economiche; parla della crisi della fede e del ritorno del Cristo. Quello che più sconvolge sono le parole della Madre sulla guerra nucleare e le catastrofi che si abbatteranno sulla Terra. Ma nel messaggio stesso, si parla anche della visita di esseri cosmici che “da lontani lidi dell’Universo, verranno a parlare di DIO”.
D - Cos’è l’inferno?
R - L’inferno non è altro che una condizione dove esistono delle entità demoniache che obbediscono a Colui che concede di tentare l’umanità. Il lavoro che svolgono è quello della divisione usando vari sistemi, ma solo le nostre debolezze danno successo a questo processo.
I demoni sono tutti incarnati sulla Terra e sono riconoscibili: chi divide è indemoniato, chi unisce obbedisce alla legge di Dio.
Gesù tornerà accompagnato da tutti i Maestri della storia, perché hanno partecipato alla redenzione e a divulgare il messaggio della verità sulla Terra. Anche alcune istituzioni Cattoliche sono guidate da anime pure che portano avanti la vera missione di Cristo. Padre Pio è una di queste. Egli è venuto sulla Terra per cambiare, all’interno, un’istituzione poco corretta. Anche Madre Teresa di Calcutta è della stessa matrice Cristica, ha avuto delle compenetrazioni dalla Madre Cosmica e con un grandissimo atto d’amore ha sacrificato la propria vita per il prossimo. Questi meravigliosi esseri, incarnandosi sulla Terra, ci offrono tutto il loro aiuto.
D - Chi sono i rettiliani? É vero che sono demoni?
R - Non c’è demone più demone dell’uomo, non esiste un extraterrestre che si comporti con tanta violenza come un essere umano! Esistono alcune razze, chiamate rettiliane che sono le nostre precedenti reincarnazioni. Su Venere, per esempio, ci sono due tipi di entità, i colonizzatori, esseri meravigliosi di Luce che appartengono al piano direttivo, e i colonizzati che vivono ancora sott’acqua, ma che viaggiano già nel Cosmo.
Appaiano molto meno evoluti nel fisico, ma in realtà sono molto più evoluti nello spirito semplicemente perché hanno accettato la Legge universale.
Noi siamo un’insieme di razze provenienti da diverse evoluzioni, la Terra è un pianeta scuola, e coloro che hanno necessità di sperimentare i valori importanti della vita, devono incarnarsi su di essa. E’ arrivato il tempo che il pianeta si evolva, e nella nuova dimensione, tra i grandi cambiamenti, non esisterà più l’aggressività verso gli animali e la natura.
Finirà la sofferenza che produciamo ad essi e il loro disperato messaggio di dolore nell’universo cesserà.
Gli effetti prodotti sono i segni che osserviamo quotidianamente: ghiacciai che si sciolgono, vulcani con eruzioni anomale, esplosioni sul Sole di straordinaria violenza, cambiamenti di clima, e tutto questo con preoccupazione e meraviglia degli scienziati che non sanno dare una spiegazione logica.
Queste sono grida di allarme che la Terra ci invia affinché l’uomo apra finalmente gli occhi e il cuore e possa incamminarsi sulla retta via contribuendo così, a far rinascere un pianeta nell’amore della Luce Cristica. Questo volente o nolente sarà il divenire dell’uomo.
La consapevolezza di appartenere al grande progetto Divino, le grazie alla consolazione dei grandi Maestri, il sacrificio dei grandi spiriti e la rinascita della Madre Terra, farà realizzare e concretizzare anche su questa stanza del Padre, l’Amore della Luce Cristica.

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg