Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 gennaio 2013 5 11 /01 /gennaio /2013 23:52

L'enigma di una civiltà estinta che viveva nell'entroterra, ad un'altitudine di 800 mt, in una zona montuosa irregolare nel versante nord della Cordillera del Condor, in Ecuador, si trova l'ingresso "principale", o meglio, l'entrata “conosciuta” in questo affascinante mondo sotterraneo. Come e' possibile che, alle soglie del Duemila, una tribu' sia rimasta nascosta per millenni? Viviamo in un pianeta cartografato e fotografato in lungo ed in largo dagli esploratori, dai satelliti e dagli aerei ricognitori delle missioni geografiche, eppure, periodicamente, scopriamo dell'esistenza di etnie, luoghi o resti di civilta' sfuggiti all'attenzione delle piu' sofisticate tecnologie. La risposta al quesito e' semplice. Esistono ancora, sul nostro pianeta, ampie porzioni di territorio sconosciuto ed inesplorato, sia sopra che sotto la Terra. E questa constatazione alimenta le credenze secondo cui potrebbero 'ragionevolmente' esistere sulla Terra, magari occultate in basi segrete scavate dentro caverne, cellule di visitatori extraterrestri. Questa credenza la troviamo a proposito del controverso affare Ummo (alieni provenienti da Wolf 424, nascostisi negli anni '50 in una montagna francese, secondo i racconti di alcuni contattisti), nel mistero della miniera di Cavagnago (una grotta all'interno della quale, secondo alcuni sensitivi, sempre gli ummiti avrebbero nascosto delle rocce che altro non sarebbero che alieni pietrificati o "ridotti di vibrazione"), nel falso enigma del Gran Sasso (circola voce che all'interno della montagna vi sia una base degli UFO. Le stesse credenze sono state attribuite ai monti Musine' - Torino -, Etna, Cuasso al Monte, Oropa nel biellese). La supposta presenza di caverne abitate da alieni ha dato origine ad un'ulteriore leggenda, l'esistenza di discendenti di quegli alieni atterrati sulla Terra migliaia di anni fa. Questi esseri si sarebbero estinti dopo essersi incrociati con i terrestri. La tribu' di Nimu, secondo questa credenza, potrebbe appartenere dunque a questa perduta genia aliena.

 

 


Nelle vicinanze della Cueva de los Tayos in Ecuador, vivono i Shuaras , che in passato erano conosciuti come "Jibaro", termine dispregiativo per loro, famosi in passato per la loro bravura e l'arte di ridurre le teste . Sono i primi esploratori del sistema sotterraneo, come ogni mese di aprile scendono nella grotta in cerca di pulcini Tayos, che sono più grandi di un piccione. E nel bel mezzo del loro lavoro, incontrarono una serie di sorprese. La più eclatante, è stata senza dubbio la scoperta di impronte giganti su blocchi di pietra, i loro angoli e simmetria, suggeriscono un'origine artificiale. Moricz raccolse queste prove nella sua visita a est dell'Ecuador, egli è in grado di comunicare senza difficoltà con i nativi, grazie alla sua padronanza del Magiar, una lingua antica ungherese simile al dialetto Shuaras. Ovviamente, Moricz sapeva bene a cosa mirare.
Dal 1950 ha seguito pazientemente "la pista" per poter entrare nel regno sotterraneo. Alcune fonti lo collegano anche, ad uno strano ordine esoterico ungherese-germanico, fatto che potrebbe spiegare la profonda conoscenza esoterica, di cui ha parlato in un'intervista controversa. In ogni caso, Moricz è stato in Perù, Bolivia e Argentina in cerca di quest'entrate prima di arrivare in Ecuador. In più di un'intervista ha dichiarato luoghi come Cusco, Lago Titicaca e Terra del Fuoco, come possibili luoghi dove "si può scendere al regno sotterraneo." Secondo lui, la Cava di Tayos è solo una delle molte entrate in questo mondo perduto, e la più travolgente, anche se, stiamo parlando di un una minuta parte del mondo reale di questi esseri intraterrestri, proprio perchè questi posti sono situati a una profondità difficile da raggiungere per l'uomo.

Le lastre metalliche di padre Crespi:

Ma non finisce qui. Forse una delle cose più inquietanti è l'esistenza di una presunta biblioteca metallica. Se esiste, e sempre sulla testimonianza di Moricz, ci si trova registrata la storia dell'umanità degli ultimi 250.000 anni.
Un punto da tenere in considerazione, in relazione a queste lastre, ci porta direttamente agli strani oggetti che custodiva il salesiano Padre Carlo Crespi, nel cortile della chiesa di Maria Ausiliatrice in Cuenca. Gli oggetti sono stati trovati dai nativi che, con un loro atto di amicizia e di gratitudine, li hanno dati a padre Crespi in custodia. Molti di questi oggetti, non tutti, sono stati successivamente rubati. Se padre Crespi fosse ancora vivo, forse potremmo rintracciare l'origine esatta di quei pezzi così enigmatici che sembra essere molto antica, ideogrammi inconfutabili in rilievo, una sorta di "Codice d'informazione" o "scrittura".

Nel 1976, sulla prima pagina della rivista nordamericana Antichi Cieli, è apparso un articolo del filosofo indiano Dileep Kumar, che analizza i simboli visualizzati su un pezzo di metallo che custodiva padre Crespi, apparentemente su un foglio d'oro, di circa 52 cm, alto 14 cm e spesso 4 cm, egli ha concluso che gl' ideogrammi appartenevano ad una classe di scrittura Brahmi, utilizzata nel periodo Asokan nella storia dell'India, 2300 anni fa ... Quattro anni dopo, il dottor Barry Fell, Professore di Biologia all'Università di Harvard è riuscito a identificare 12 segni della lamiera in questione, con i propri dipendenti, con dei segni zodiacali.

Erik Von Däniken e Neill Armstrong:

La prima apparizione sulla scena, del celebre scrittore svizzero Erick Von Daniken, che ha saputo affascinare Moricz, dandogli il materiale fotografico e la versione sconosciuta della loro scoperta, un fatto che è stato spettacolarmente descritto nel libro "L'oro degli dei" (1974), dove Däniken non si è solo limitato a fantasticare sulla versione originale della storia, ma ha affermato di essere entrato nella Cava de los Tayos, e che nei suoi sogni a visto con i propri occhi la biblioteca metallica. Il libro è stato un bestseller mondiale, vendendo 5 milioni di copie e fu tradotto in 25 lingue.

Nessun guadagno per Moricz:

Il libro affascinò, in particolare, i lettori europei, Däniken inserì fotografie dell'Archivio Moricz-Peña Matheus che mostrano l'interno delle grotte, e le immagini delle lastre metalliche di padre Crespi, e fu così che l'ingegnere scozzese Stanley Hall contattò Moricz per proporre una spedizione internazionale nella Cava di Tayos. Moricz accettò proponendosi come capo della spedizione, e a patto, che nulla di ciò che si trovava nel sottosuolo veniva rimosso. Come previsto, Hall non accettò la proposta. Immediatamente respinse la presenza di Moricz dalla spedizione, comunicandolo al governo d'Inghilterra. Con risultato: Nel luglio del 1976 si effettuò una spedizione Ecuadoriana-Britannica, con personale militare e scientifico, e per aggiungere la ciliegina sulla torta, con la presenza dell'astronauta statunitense Neil Armstrong.

Naturalmente, questa non sarebbe la prima incursione della astronauta in un luogo dove "le patate scottano." Basta ricordare le sue frequenti visite a Paysandu, in Uruguay, dovuta all'intensa attività UFO nella sala dell'Aurora-popolarizzata dallo scrittore brasiliano Trigueirinho. Il proprietario della stanza in cui si verificavano gli eventi, Angelo Tonna, con cui ho avuto l'opportunità di condividere nella sua casa di Paysandú nel 1999 - ricorda ancora la visita di Armstrong, che gli confidò anche, nella sua missione in Uruguay, che la missione Apollo XI del 1969, si trovò di fronte un incontro ravvicinato del terzo tipo, sulla Luna.

Un piano segreto?

Le ricerche Ecuadoriano-Britannica, si svolsero in 35 giorni, installando un generatore di elettricità nel campo base, a pochi metri dall'ingresso della grotta, scendendo ogni giorno in profondità per sviluppare le loro "ricerche geologiche e biologiche." Secondo il rapporto finale della commissione di studiosi, conclusero che la Cueva de los Tayos non era artificiale, e non c'erano segni di lavoro umano. Era tutta opera della natura...
Una scoperta sconcertante tenendo conto dei blocchi di pietra che si trovano nel sottosuolo, molto simili a quelli che si trovano, paradossalmente, a metà strada tra il campo base e l'unione di Coangos ne fiume Santiago. Degl 'archeologi hanno trovato un muro megalitico di circa 4,50 metri di lunghezza e 2,5 metri di altezza.

Lo speleologo Julio Goyen Aguado, presente nelle prime spedizioni , tra cui l'incursione Ecuadoriano-Britannica ha ritenuto che la spedizione 1976 è stata finanziata dalla chiesa Mormona, e che le lastre di metallo, delle quali accennava Moricz, ricordavano le tavole d'oro che ricevette il Profeta Joseph Smith, dalle mani dell'Angelo Moroni. Tenendo conto di diverse leggende mormone , questi registri sarebbero attualmente nascosti da qualche parte sulle Ande, è curioso notare che la zona dove si trova la grotta Tayos viene chiamata "Moron", simile al nome di "mandato "mettersi in contatto con Smith. Ad ogni modo, ora defunto Aguayo, sospettava che Stanley Hall apparteneva al Servizio Segreto del Regno Unito, in più di far parte della massoneria britannica, molto interessata a trovare la libreria metallica. Neil Armstrong, e ricordiamo bene questo, era anche lui un Massone.
Nonostante tutto questo, sebbene la questione della biblioteca metallica ha attirato molti ricercatori, questo tesoro nascosto, ha ingannato chi ha intrapreso la sua ricerca dal vero e proprio significato del mondo sotterraneo e segreto: quegli esseri che hanno scritto nelle piastre.

Dopo tutto, la relazione della spedizione frantumò il vero segreto che sta nella Cueva de los Tayos, mentre nel mezzo di tutto questo trambusto, si sono portati via quattro scatole di legno sigillate, le quali non fecero assolutamente aprire agli Shuaras, che si accorsero dell'ingannato e la truffa. Oggi ricordano bene il triste episodio. I nativi pensavo che si portarono via 'qualcosa' dalle grotte... Quando Neil Armstrong scese nella Cava de los Tayos dove rimase per tre giorni, raccontò ai media che la sua visita nel sottosuolo aveva superato di gran lunga la sua esperienza sulla Luna.
Traete le vostre conclusioni....... Ricardo Gonzàlez
    Secondo differenti tradizioni esistono diverse zone inesplorate alle quali si accede soltanto attraverso caverne millenarie, al cui interno si troverebbero armi fantascientifiche e rivoluzionarie. Sfortunatamente queste grotte aliene si troverebbero o nella giungla sudamericana (Erich Von Daeniken ha inventato la leggenda della grotta aliena nella Cueva de los Tajos in Ecuador, al cui interno si troverebbe untesoro e degli scranni istoriati raffiguranti la discesa degli alieni. Spedizioni esplorative hanno sconfessato questa frode) o nelle impenetrabili ed altissime montagne tibetane.

Oggetti trovati nella Cueva de los Tajos:

 

 

 

 

 

 

 


L'atto notarile della scoperta, datato il 21 luglio del 1969 nella città costiera di Guayaquil, in uno dei suoi paragrafi contiene queste inquietanti parole:

“...ho scoperto gli oggetti preziosi di grande valore storico e culturale per l'umanità. Gli oggetti sono soprattutto in lamiera, e probabilmente contengono una sintesi della storia di una civiltà estinta, che fino ad oggi non sapevamo dell'esistenza e quindi non abbiamo nessun indizio.” Un'altra curiosa vicenda, sulla quale ancora una volta non molti sono pronti a giurare, riguarda sempre il Tibet e viene narrata nel volume 'La caverna degli antichi' (Ubaldini, 1976). Autore, il monaco tibetano Lobsang Rampa di Chakpori (in realta' un inglese a nome Cyril Oskin). Questi racconta di quando, in un periodo di tempo non precisato ma certamente risalente alla prima meta' del XX secolo, un altro lama, il maestro Mingyar Dondup, gli rivelo' dell'esistenza di una grotta straordinaria, ricca di congegni misteriosi, occultata fra le montagne tibetane. "Ero un lama molto giovane. - narra Mingyar a Lobsang - Assieme al mio maestro e con altri tre lama stavamo esplorando alcune catene montuose tra le piu' remote. Qualche settimana prima si era sentito un forte scoppio seguito da una frana. Lo scopo della nostra uscita era scoprirne la causa...". Esplorando le vette circostanti il monaco individuava una profonda crepa che immetteva nella caverna degli antichi. "Penetrai nella crepa pieno di paura - prosegue il maestro - e dopo cinque metri mi trovai ad un angolo brusco. Se non fossi stato paralizzato dalla paura avrei gridato per la sorpresa. C'era una dolce luce argentea che non avevo mai visto prima. La caverna in cui mi trovavo era spaziosa, con un tetto che non riuscivo a scorgere. Assomigliava ad un' ampia sala che si stendeva a perdita d'occhio, come se la montagna fosse stata vuota internamente. La luce era dappertutto, veniva giu' dall'alto da un certo numero di globi che sembravano sospesi nel buio. Il posto era pieno di apparecchi e meccanismi strani. Alcuni erano coperti da un vetro trasparentissimo...". Superato il primo momento di stupore i cinque monaci cominciavano ad ispezionare l'immensa sala, attraversando porte che si aprivano automaticamente ed osservando "macchine antichissime che scricchiolavano ed entravano in azione dopo un'eternita' di riposo". In una di queste, simile ad un moderno televisore, il gruppo poteva rivedere registrati gli ultimi istanti della civilta' perduta degli antichi.

"Questo e' quello che vedemmo e sentimmo. - continua Mingyar - Migliaia e migliaia di anni fa esisteva una civilta' molto elevata. Gli uomini potevano volare nel cielo e costruivano apparecchi che imprimevano il pensiero nella mente delle altre persone. Avevano la boma atomica e alla fine ne fecero scoppiare una che distrusse quasi tutto il mondo. Dei continenti sprofondarono sotto le acque ed altri emersero. Il mondo fu decimato e cosi' ora tutte le religioni parlano di un diluvio universale...". Mingyar conclude dichiarando che esistono altre caverne simili in Egitto, in Siberia e nell'America Meridionale. "Queste camere segrete furono nascoste dalle antiche popolazioni affinche' il loro contenuto fosse scoperto da una generazione piu' tarda, quando il momento fosse stato maturo...". Due settimane dopo questa incredibile conversazione, il monastero di Chakpori organizza una nuova spedizione, composta da sette monaci, compresi Rampa e Mingyar. Il gruppo attraversa la valle del Kashya Linga e, dopo tre giorni di cammino, arriva alla grotta degli antichi.

Questa volta la descrizione della caverna e' molto piu' accurata. Rampa racconta di carrelli elevatori grazie ai quali si raggiunge il soffitto, di statue e di immagini scolpite nel metallo, di una scrittura ideografica incisa sul pavimento di pietra e di una scatola di metallo opaco in cui scorreva la registrazione della vita degli antichi. In un "globo ardente" simile ad una macchina per ologrammi i sette monaci assistono alla proiezione di un film tridimensionale. "Vedemmo il mondo di tanto tempo fa. Dove adesso c'e' il mare allora c'erano le montagne e strane creature percorrevano la terra. Strane macchine viaggiavano nell'aria o a pochi centimetri da terra, templi grandissimi ergevano le loro guglie verso il cielo. Gli animali e gli uomini comunicavano telepaticamente, ma non vi era felicita', perche' i preti ed i politicanti insegnavano che era compito divino uccidere il nemico. Vedemmo grandi guerre e gli scienziati che costruivano armi sempre piu' mortali. Una sequela di immagini ci mostro' un gruppo di uomini che costruivano cio' che chiamavano una capsula del tempo (cio' che noi chiamiamo caverna degli antichi), ove immagazzinare per le generazioni future dei modelli funzionanti delle loro macchine e un documento completo della loro cultura. Vedemmo oceani con grandi citta' galleggianti, e ponti e velivoli. Poi un lampo nel cielo e l'intera citta' si trasformo' in gas incandescente. Sulle rovine era sospesa una nube rossa che aveva la forma di un fungo alto migliaia di metri...". Spaventati da queste immagini terrificanti, il gruppo decide di occultare l' ingresso. "I comunisti sono ora nel Tibet - commenta Rampa - ed e' meglio nascondere la posizione della caverna, perche' il possesso degli oggetti che custodisce darebbe ai comunisti la possibilita' di conquistare il mondo....".

E per tutto il viaggio di ritorno nelle orecchie dei sette monaci risuona l'ultimo disperato appello degli atlantidei (che secondo l'esoterista inglese Aleister Crowley erano in contatto con una razza aliena che forni' loro le armi con cui poi si sarebbero autodistrutti) , un attimo prima della distruzione. "Udimmo il discorso di commiato che ci diceva che l'umanita' stava pere distruggersi e che queste scoperte erano destinate alla razza in grado di scoprirle e capirle. Erano un lascito per la gente del futuro, se mai ce ne fosse stata...". 

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg