Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 giugno 2014 4 19 /06 /giugno /2014 21:44

Corpo nero. Grosse macchie gialle. La salamandra è un anfibio. Lunga circa 20 cm, la metà dei quali spettano alla coda. Diffusa nelle zone boscose, ombreggiate e umide di tutta Europa (Italia compresa), si nutre di lombrichi e molluschi; di insetti e lumache. La sua pelle è nera e gialla. Lucida. Ricca di ghiandole. Esce allo scoperto nelle notti piovose. È diventata molto rara.

 

La salamandra della Cina e del Giappone, invece, con una lunghezza di 1,50 e, in alcuni casi, persino di 1,85 metri, rappresenta indubbiamente un gigante tra gli anfibi. La salamandra ha la facoltà di rigenerarsi. E al Wistar Institute, in Pennsylvania, hanno scoperto che anche alcuni topi possiedono tale facoltà. Addirittura hanno quella di far ricrescere organi vitali. Questa straordinaria varietà di topi è stata scoperta accidentalmente: lavorando su cavie create per lo studio delle patologie autoimmuni, i ricercatori avevano praticato dei fori nelle orecchie di topi geneticamente modificati, per distinguerli dal gruppo di controllo. Poco dopo i topi erano guariti senza riportare cicatrici. Altri ricercatori avevano danneggiato diversi organi delle cavie: cuore, fegato, cervello. Ebbene, nella maggior parte dei casi si è avuta una ricrescita. Ma c'è stata una scoperta (forse) ancor più significativa. La si è ottenuta iniettando cellule prelevate a un topo rigenerante in un animale normale. Si è scoperto che l'esemplare comune acquisisce anch'esso la facoltà di rigenerarsi. E se il topo speciale si accoppia con uno normale, la discendenza eredita la stessa facoltà.

Biologo scopre mammifero con salamandra-come capacità rigenerative

“Il topo spinoso africano sembra rigenerare i tessuti dell’orecchio come in una salamandra ricresce un arto che è stato perso  per un predatore”, ha detto Ashley W. Seifert, un ricercatore post-dottorato nel dipartimento di biologia di UF.

Questo non è il caso in altri mammiferi, di solito il tessuto cicatriziale si forma per riempire il vuoto creato da una ferita.

Nel  topo spinoso ricresce anche il tessuto sul corpo principale quando ferito, ma non del tutto, come fa nelle sue orecchie. “Sulle loro spalle, ricrescono i follicoli dei capelli e la pelle, ma il muscolo sotto la pelle non si rigenera”, dice Seifert.

Seifert studiava la guarigione delle cicatrici negli ianfibi quando un collega gli disse che un piccolo roditore che aveva osservato in Africa sembrava in grado di autotomia, un meccanismo di difesa per cui l’animale si auto-amputa una parte del corpo per sfuggire a un predatore.

“L’Autotomia in scinchi, gechi e alcune salamandre è ben nota “, ha detto Seifert. “Ma è molto rara nei mammiferi, e finora abbiamo visto solo in un paio di roditori che possono gettare a mare la coda.”

A Nairobi, Seifert è stato in grado di documentare il primo caso conosciuto di autotomia della pelle in un mammifero. Ma è stato come le lesioni degli animali sembrava essere una guarigione che davvero una sua attenzione.

Seifert utilizzata un punzone per biopsia  di 4 millimetri, le dimensioni di un grande BB, per fori nel orecchie dei topi per vedere se l’animale ha mostrato capacità rigenerative.

“I risultati sono stati sorprendenti”. “I vari tessuti dell’orecchio ricresciuti attraverso la formazione di blastema-come le strutture, lo stesso tipo di processo biologico che utilizza una salamandra di rigenerare un arto reciso.”

Ken Muneoka, professore al Tulane University di biologia cellulare e molecolare, che non è stato coinvolto con lo studio, concorda sul fatto che le scoperte di Seifert sono importanti.

“Potrebbe rappresentare un nuovo modello di sistema  per la  guarigione della pelle nelle ferite e la rigenerazione dei tessuti negli esseri umani “.

 

 

 

Il sistema immunitario delle salamandra è la chiave della sua straordinaria capacità di far ricrescere gli arti, e potrebbe anche spiegare la capacità di rigenerare il midollo spinale, il tessuto cerebrale e anche parti del cuore, secondo gli scienziati autori di un nuovo studio.

Nella ricerca pubblicata ieri 20 Maggio su Proceedings of the National Academy of Sciences, ricercatori dell'Australian Regenerative Medicine Institute (ARMI) della Monash University hanno scoperto che, quando le cellule immunitarie chiamate macrofagi sono rimosse sistematicamente, le salamandre perdono la loro capacità di rigenerare un arto e formano invece tessuto cicatrizzato.


Il ricercatore principale dottor James Godwin, del laboratorio del professor Nadia Rosenthal, direttore dell'ARMI, dice che i risultati portano i ricercatori un passo più vicino al capire quali condizioni sono necessarie per la rigenerazione. "In precedenza, si pensava che i macrofagi fossero negativi per la rigenerazione, e questa ricerca dimostra che questo non è vero: se i macrofagi non sono presenti nelle prime fasi della guarigione, non avviene la rigenerazione", spiega il dottor Godwin. "Ora, abbiamo bisogno di sapere esattamente come contribuiscono alla rigenerazione questi macrofagi. Il risultato potrebbe essere una terapia che regola il sistema immunitario umano in un modo più rigenerativo".


Le salamandre trattano le lesioni in un modo straordinario. Il risultato finale è il ripristino funzionale completo di qualsiasi tessuto, su qualsiasi parte del corpo, compresi gli organi. Il tessuto rigenerato è senza cicatrici e replica quasi perfettamente il luogo della ferita prima che si verificasse il danno. "Possiamo vedere le salamandre come un modello di ciò che dovrebbe essere una perfetta rigenerazione", conferma il dottor Godwin.

 

A parte le applicazioni di cui si fantastica, come ad esempio la guarigione del midollo spinale e le lesioni cerebrali, il dottor Godwin ritiene che lo studio dei processi di guarigione delle salamandre potrebbe portare a nuovi trattamenti per una serie di condizioni comuni, come le malattie di cuore e del fegato, che sono collegate alla fibrosi o alla cicatrizzazione. La promozione di guarigioni senza cicatrici potrebbe anche migliorare notevolmente il recupero dei pazienti dopo un intervento chirurgico.Ci sono indicazioni che ci sia la capacità di rigenerazione in una vasta gamma di specie animali, ma, nella maggior parte dei casi, si è spenta con l'evoluzione. "Alcuni di questi percorsi rigenerativi potrebbero essere ancora aperti per noi. Potremmo essere in grado di alzare il volume su alcuni di questi processi", ipotizza il dottor Godwin. "Dobbiamo sapere esattamente cosa fanno le salamandre e quanto bene lo fanno, in modo da decodificarlo e trasformarlo in terapie umane".


Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in Curiosita'
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg