Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 gennaio 2013 7 27 /01 /gennaio /2013 19:54

Le nubi temporalesche non contengono solo acqua, ma anche diverse forme di vita. (Nina Ražen)

 

I ricercatori della Asrhas University, studiano le nuvole e cosa ci vive al suo interno, in questi ultimi tempi, hanno raccolto 42 chicchi di grandine caduti durante una tempesta in Slovenia. Dopo aver pulito la superficie dei grumi di ghiaccio, il team ha analizzato i microbi e le sostanze chimiche all’interno: è il primo studio del genere.È un mondo duro quello tra le nuvole, ma i chicchi di grandine ci mostrano alcune delle differenti forme viventi capaci di sopravvivere in quell'ambiente.

Gli scienziati hanno scoperto diversi tipi di batteri che si trovano di solito sulle piante, insieme a circa 3.000 differenti composti chimici, per lo più presenti nel suolo. Tuttavia, non hanno trovato molti microbi del suolo o sostanze chimiche vegetali.

In particolare, nella maggior parte dei chicchi di grandine sono stati scoperti tre specie di batteri che potrebbero essere indicativi del tipo di vita presente nelle nubi.

Gli scienziati hanno suggerito che i batteri delle piante potrebbero avere migliori chance di sopravvivenza nelle condizioni di alta atmosfera, rispetto ai batteri presenti nel suolo.

«La conclusione è che le nubi temporalesche sono tra gli habitat più estremi della Terra, ma la vita microbica esiste», hanno scritto i ricercatori nel loro articolo.

Quindi: cosa mangiano i batteri nel cielo? Alcune delle sostanze chimiche nelle nuvole presentano tracce di composti organici, sufficienti per i microbi.

«Quando abbiamo iniziato queste analisi speravamo di arrivare ad una caratterizzazione meramente descrittiva della comunità dei batteri in un habitat inesplorato» , ha detto Ulrich Gosewinkel Karlson, co-autore dello studio, in un comunicato stampa.

«Ma quello che abbiamo scoperto è una prova indiretta per i processi vitali nell’atmosfera, come la selezione di batteri e la loro crescita» .

Dopo le recenti ricerche su questo argomento, è risultato errato considerare l’ascendenza nei cumulonembi come una colonna d’aria del tutto regolare. Si tratta piuttosto di una serie di grosse bolle d’aria calda ascendenti, tra le quali l’atmosfera è perturbata da moti vorticosi e da zone di discendenza. Questi movimenti si manifestano visivamente con una specie di “ribollimento” caratteristico dei contorni della nube. Alle medie altitudini il pericolo della turbolenza è più alto tra i 4000 e i 6000 mt. Al di sotto dei 2000 mt e al di sopra degli 8000 mt l’intensità della turbolenza è ridotta a circa la metà.La turbolenza può essere forte anche all’esterno delle nubi temporalesche. La turbolenza è altresì molto forte sotto la nube a causa dell’alternarsi delle correnti ascendenti e discendenti.

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in nuvole: tipologie e strutture
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg