Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 aprile 2014 6 19 /04 /aprile /2014 22:40

Qualcosa di davvero terribile è accaduto presso il terzo Tempio, tanto da meritare il titolo di “abominazione della desolazione”, ed è accaduto davanti agli occhi di tutto il mondo e, affermiamo noi, è accaduto durante la festa delle Capanne (o Sukkot), in cui tutte le nazioni della terra sono state invitate a “salire” a Gerusalemme per celebrare il raccolto. Questa è l’ultima festa di Israele, la settima, e qualcosa di davvero definitivo la caratterizzerà. Ci ritroviamo, a questo punto, nel bel mezzo della settimana.

La NASA ha calcolato che il fenomeno della “luna rossa” si verificherà proprio il giorno della Pasqua ebraica (15 aprile 2014), poi durante il Sukkot (8 ottobre 2014), poi di nuovo a Pasqua (4 aprile 2015) e poi ancora durante il Sukkot (28 settembre 2015). I nostri calcoli indicano che la settantesima settimana avrà inizio con una Pasqua, confermando l’esistenza di un “patto di difesa”, motivo per cui qui si è sottolineato l’interesse profetico del recente viaggio in Israele del presidente Obama, il quale ha ricevuto notifica, il 9 ottobre 2009, di aver vinto il premio Nobel per la pace. Da quella data sono trascorsi esattamente 1260 giorni fino al 22 marzo 2013, quando il Presidente ha ricevuto la più alta onorificenza israeliana, la medaglia presidenziale, per il suo “sostegno allo Stato di Israele e alla sua sicurezza”.

Forse l’osservazione di tipo pratico potrebbe essere: se la Babilonia degli ultimi tempi è collegata all’occidente, come molti teologi e studiosi teorizzano, allora non potrebbe esservi un “re di Babilonia”, poiché è di “regno” che si parla? E se queste “navi di Tarsis” (il grande impero commerciale occidentale degli antichi Fenici) giocano un ruolo così dominante in Ezechiele 38-39, protestando contro le pretese di Gog-Magog di opporsi ad Israele negli ultimi giorni, allora questo fatto da solo non dovrebbe costituire un elemento di preoccupazione per i cristiani americani, se non addirittura per la popolazione americana intera? Ciò implica, come questo autore vuole dire, che il “re” di cui parla Daniele 11:36 corrisponde proprio al “re di Babilonia”:

Il re agirà a suo piacimento, s’innalzerà, si esalterà al di sopra di ogni dio e pronuncerà parole inaudite contro il Dio degli dèi; prospererà finché non sia finita l’ira, poiché ciò che è stato deciso si compirà.

(Daniele 11:36)

Di nuovo, volgiamoci all’apparizione del Dragone sulla riva del mare, mentre la Bestia compie la sua ascesa.

moon2

La “settimana di Pasqua” seguente alla prima delle lune rosse sopra menzionate, inizierà il 15 aprile 2014 e terminerà la sera del 22/23 aprile 2014. Ora, se contiamo 1260 giorni in avanti, comprensivi della sera del 22/23 aprile, giungiamo al 4 ottobre 2017, festa delle Capanne. Questi 1260 giorni corrispondono alla prima metà della settantesima settimana della profezia di Daniele riguardo “al tuo popolo e alla tua santa città” (Daniele 9:24), dove un’enfasi speciale viene posta sulla profezia dei due Testimoni/Profeti di Apocalisse 11:3. Perciò, non è forse possibile porre l’inizio della settantesima settimana di Daniele nel giorno della luna rossa, la Pasqua ebraica, dal 15 al 22/23 aprile 2014?

Se prendiamo questi calcoli da un altro punto di vista, ponendo cioè l’affermazione del patto di difesa nella visita del presidente Obama a Gerusalemme il 20-23 marzo 2013, poiché la Pasqua ebraica è iniziata il 25 marzo 2013 e terminata il 2 aprile 2013, aggiungendo a quest’ultima data i 1260 giorni della prima metà della settimana, giungiamo al mese di ottobre 2016, quando la festa delle Capanne avrà inizio la sera del 16. Il problema però, è che in questo caso i giorni fino al 16 ottobre 2016 sono 1264, non i “richiesti” 1260 necessari per completare la metà della settimana, i 42 mesi, “un tempo, dei tempi e la metà di un tempo”.

 La luna rossa - Sequenza Profetica

Quello che voglio dire è che la prima delle quattro lune rosse previste apparirà nel 2014, all’inizio della Pasqua ebraica e, dopo 1260 giorni (o tre anni e mezzo profetici), la ritroveremo alla festa delle Capanne, poi ancora a Pasqua e poi alle Capanne. Le Scritture annunciano che vi sarà la “luna mutata in sangue” prima del “giorno del Signore”:

Farò prodigi nei cieli e sulla terra: sangue, fuoco, e colonne di fumo. Il sole sarà cambiato in tenebre, e la luna in sangue, prima che venga il grande e terribile giorno del Signore.

(Gioele 2:30:31)

Inoltre, “la luna diventò tutta come il sangue … poiché è venuto il gran giorno della Sua ira” (Apocalisse 6:12, 17). Resta la domanda: quando sarà l’inizio della settantesima settimana di Daniele? Se fosse la Pasqua del 2014, avremmo la metà della settimana corrispondente alla festa delle Capanne del 2017, precisamente 1260 giorni dopo l’inizio. Aggiungendo altri 1260 giorni dalla fine delle Capanne del 2017, giungeremmo alla Pasqua del 28 marzo 2021, fine della seconda metà della settimana profetica.

 Calendario delle feste ebraiche - Sequenza Profetica

Poiché il calendario ebraico inizia con il mese di Nisan e la Pasqua cade il 14 dello stesso mese, possiamo contare precisamente 180 giorni all’inizio del calendario civile ebraico e arrivare al Rosh Hashanah (Capodanno ebraico) che cade sempre il primo giorno del mese di Tishri (da 1 Nisan a 1 Tishri passano esattamente 180 giorni). Dal Capodanno passano poi 10 “giorni di pentimento” fino al 10 Tishri, giorno dell’Espiazione o Yom Kippur (si noti che l’intero lasso di tempo di 10 giorni è considerato periodo di “giudizio”), che noi consideriamo il giorno di inizio del ministero di Gesù (cioè il Suo battesimo) in cui Giovanni Battista dichiarò: Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo” (Giovanni 1:29). Questo giorno cade 180 giorni dopo la Pasqua, quindi il ministero del Signore si è esteso per quattro Pasque, iniziando il giorno dell’Espiazione (10 Tishri) fino alla prima Pasqua (14 Nisan) per un totale di 180 giorni + 360 giorni fino alla seconda Pasqua + 360 giorni fino alla terza Pasqua + 360 giorni fino alla quarta e ultima Pasqua = 1260 giorni totali di ministero o 42 mesi o tre anni e mezzo o “un tempo dei tempi e la metà di un tempo”. Gli ulteriori 4 giorni (cioè 14 Nisan meno 10 Tishri = 4 giorni) rappresentano “l’esame” dell’Agnello pasquale, l’ispezione a cui fu sottoposto Gesù da parte delle figure religiose e secolari del Suo tempo, quando Ponzio Pilato esclamò: “Ecco l’uomo … io non trovo in Lui alcuna colpa” (Luca 23:4, 14; Giovanni 18:38; 19: 4, 6).

Ora, poiché la Pasqua cade il 14/15 Nisan e la festa delle Capanne cade sempre il 15 Tishri (circa 4 o 5 giorni dopo l’Espiazione), se dovessimo capovolgere calendario religioso ebraico (Nisan) con il calendario civile ebraico (Tishri), dal 14 Nisan ci troveremmo immediatamente alla festa delle Capanne il 15 Tishri (il quinto giorno dopo l’Espiazione), passando dalla prima delle festività ebraiche (Pasqua) alla settima (festa delle Capanne o Sukkot).

L’elemento più significativo sta nel fatto che, ribaltando il calendario ebraico da religioso a civile, riconosciamo immediatamente il fatto che Dio controlla le nazioni (cioè le potenze dei gentili). Se iniziamo il calendario con il Capodanno ebraico (1 Tishri), detto anche “festa delle trombe”, queste trombe annunciano e introducono i 10 giorni di riflessione interiore noti come “giorni di pentimento” che portano al giorno dell’Espiazione (Yom Kippur), la festa più solenne del calendario ebraico nonché giorno che, secondo noi, conclude la settantesima settimana di Daniele e segna il termine del furore del Diavolo e della persecuzione dei santi, concludendosi con la resurrezione / rapimento degli eletti. A questa fase seguiranno i 30 giorni dell’ira dell’Agnello e il suono della settima tromba per tutto il periodo dei 30 giorni fino al 1290° giorno di desolazione in base a Daniele 12:11).

Si noti che vi sono esattamente 10 giorni tra il Rosh Hashanah (Capodanno) e il giorno dell’Espiazione. È ovvio che questo periodo è il periodo del giudizio che culmina con lo spargimento del sangue dell’Agnello da parte del sommo sacerdote sul Propiziatorio per l’espiazione dei peccati degli ebrei nel giorno dell’Espiazione (10 Tishri): questo è rappresentato dalla presentazione dell’Agnello di Dio da parte di Giovanni Battista. È convinzione di questo autore che l’ira dell’Agnello inizi il giorno dell’Espiazione (cioè all’ultima tromba o chiusura dei 10 giorni di pentimento), spostando tutta l’enfasi sul momento del suono della settima tromba, quando le nazioni saranno soggette all’ira e al giudizio dell’Agnello (poiché in 4/5 giorni inizierà la festa delle Capanne)!

La prima festa degli ebrei è la Pasqua e l’ultima festa biblica degli israeliti è la festa delle Capanne (Sukkot). Il ribaltamento del calendario ebraico ci porta a dover riconoscere due distinte manifestazione del sangue dell’Agnello. La prima è a Pasqua, quando esso doveva essere applicato sugli stipiti delle porte delle case, in modo che l’angelo della morte passasse oltre, rappresentando così il fatto di essere “scampati al giudizio di Dio”: potrebbe questo essere un anticipo della futura preservazione di Israele tramite il sigillo posto sui 144.000?

Allo stesso modo, il sangue dell’Agnello sparso dal sommo sacerdote sul Propiziatorio dopo i 10 giorni di pentimento, nel giorno dell’Espiazione o Yom Kippur, connota sempre l’Agnello di Dio, ma stavolta il Suo sangue non è sparso per la redenzione, ma rappresenta l’ira dell’Agnello, le cui vesti sono tinte di sangue e il cui nome è “Parola di Dio” (Apocalisse 19:13).

I 4/5 giorni di differenza tra il giorno dell’Espiazione (10 Tishri) e l’inizio della festa delle Capanne (15 Tishri) costituisce il lasso di tempo “fino all’apparire di un unto, di un capo, ci saranno sette settimane e sessantadue settimane” (7 + 62 = 69 settimane) e “dopo le sessantadue settimane un unto sarà soppresso, nessuno sarà per Lui” (Daniele 9:25-26); poiché Egli è stato riconosciuto come Messia durante la Sua entrata trionfale a Gerusalemme nel giorno della festa delle Palme (10 Nisan) e 4/5 giorno dopo, a Pasqua (14/15 Nisan) è stato “soppresso”. Questo lasso di tempo di 4/5 giorni si trova in Esodo 12:3-6, poiché ogni casa doveva “serbare” l’agnello pasquale per quattro giorni  (10-14 Nisan) prima di sacrificarlo.

Il decimo giorno di questo mese, ognuno prenda un agnello per famiglia, un agnello per casa … Lo serberete fino al quattordicesimo giorno di questo mese, e tutta la comunità d’Israele, riunita, lo sacrificherà al tramonto.

(Esodo 12:3-6)

Il calendario religioso ebraico (che inizia il primo giorno del mese di Nisan) è semplicemente ribaltato nel calendario civile poiché la prima venuta dell’Agnello come “servo sofferente” si è compiuta; quindi ora passiamo al calendario civile di Israele (che inizia il primo giorno del mese di Tishri), ma nel farlo iniziamo direttamente dal 10 Tishri, il giorno dell’Espiazione, in cui è sottolineata l’ira dell’Agnello, passando per i 4/5 giorni di “esame” fino al 15 Tishri che si trova a 180 giorni di distanza dalla Pasqua (14/15 Nisan).

Come abbiamo detto in precedenza, vi saranno 30 giorni di ira dell’Agnello alla fine dei 2520 giorni della settantesima settimana di Daniele e poi vi sarà il ritorno del Messia in gloria, portando i 45 giorni di benedizione fino al 1335° giorno (Daniele 12:11:12).

“Ma quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno li sa, neppure gli angeli del cielo, neppure il Figlio, ma il Padre solo” (Matteo 24:36). Ma ora, dopo i 30 giorni dell’ira, c’è la venuta del Figlio dell’Uomo e la festa delle Nozze dell’Agnello. Il motivo per cui nessuno sa il giorno né l’ora è proprio perché tale festa non si trova nel calendario ebraico. Perciò, questa sarà la prima volta che l’umanità festeggerà questa ricorrenza!

Ci sono precisamente 75 giorni (30 giorni di giudizio + 45 giorni di benedizione) dal 1260° giorno della fine della seconda metà della settimana di Daniele fino al 1335° giorno, o 1260 + 75 = 1335 giorni. E ci sono precisamente 75 giorni tra l’Espiazione o Yom Kippur (10 Tishri) e la festa della Dedicazione o Hanukkah (25 Kislev), o 20 giorni rimanenti nel mese di Tishri + 30 giorni del mese di Cheshvan + 25 giorni del mese di Kislev fino all’Hanukkah = 20 + 30 + 25 = 75 giorni. E in questo 75° giorno si compirà quanto è scritto:

Settanta settimane sono state fissate riguardo al tuo popolo e alla tua santa città,

per far cessare la perversità,

(alla fine del 1290° giorno di desolazione, Daniele 12:11)

per mettere fine al peccato,

(il giorno dell’Espiazione o 10 Tishri – l’Agnello di Dio)

per espiare l’iniquità

(“In quel giorno vi sarà una fonte aperta per la casa di Davide e per gli abitanti di Gerusalemme, per il peccato e per l’impurità”, Zaccaria 13:1)

e stabilire una giustizia eterna,

(Malachia 3:3; 4:1-2, “il Sole della giustizia” – i 45 giorni)

per sigillare visione e profezia

(Daniele 12:9, “sigillate fino al tempo della fine”)

e per ungere il luogo santissimo

(la fine dei 75 giorni e la festa della Dedicazione del Tempio millenario di Ezechiele 40-48)

(Daniele 9:24)

Nell’arco di questi 30 giorni di giudizio troviamo un’altra festa delle Capanne, poiché è durate questo lasso di tempo che l’ira di Dio e dell’Agnello si manifesterà nel giudizio delle nazioni dei gentili che verranno contro Gerusalemme: questa è l’ultima o settima festa di Israele.

Questo sarà il “grande e terribile giorno del Signore” nonché termine della campagna di Armageddon che si è protratta nel corso della gran parte della settimana di Daniele. Sarà la finale “battaglia di Armageddon”, in cui Babilonia verrà divisa in tre parti e la triade diabolica (il Dragone, la Bestia e il Falso Profeta) sarà giudicata (Isaia 2:12; Gioele 2:1-11, 30-32; Amos 5:18-20; Matteo 24:29-31; Atti 2:17-21; 2 Corinzi 1:14; 1 Tessalonicesi 5:2-4; 2 Pietro 3:8-10; Apocalisse 6:12-17; 17-19). Questo sarà il giorno del Messia, il giorno del Signore, che verrà “come un ladro nella notte” prima che si radunino “nel luogo che in ebraico si chiama Harmagedon” (Apocalisse 16:15-16).

Quindi il 2520° giorno cadrà su una Pasqua, così come l’inizio della settantesima settimana, poiché l’anti-Messia giungerà in Israele a Pasqua); tuttavia, ribaltando il calendario ebraico per segnare il giudizio dell’Agnello sulle nazioni dei gentili, vediamo l’annuncio della venuta del Messia alla fine dei 10 giorni di pentimento iniziati al Capodanno ebraico, il primo giorno di Tishri, ed estesi fino al 10 Tishri, giorno dell’Espiazione e ai 4/5 giorni di “ispezione”, fino al 14/15 Tishri, che è la festa delle Capanne o “delle nazioni”, portando l’attenzione sul fatto che qui viene sottolineata l’ira dell’Agnello sulle potenze dei gentili e sulla triade diabolica.

Ricordiamo questo: l’intera settantesima settimana di Daniele e i 75 giorni collegati sono stati designati per portare ai 45 giorni finali di benedizione che si trovano tra il 1290° e il 1335° giorno, ossia per giungere alla venuta del Figlio dell’Uomo in gloria. Se sommiamo 1260 giorni (prima metà della settimana) + 1260 giorni (seconda metà della settimana) + 30 giorni + 45 giorni = 2595 giorni o 2 x 5 x 9 x 5 = 450 o 45 giorni di benedizione in cui “tutto Israele sarà salvato” e il Sole della giustizia “sorgerà portando la guarigione sulle Sue ali”! Inoltre, 2 + 5 + 9 + 5 = 21, frattale dei 2,1 piedi del Cubito Sacro che, se moltiplicati per 450 danno: 450 x 2,1 = 9450 in cui troviamo il Sole della giustizia (9) e i giorni della Sua venuta (45). Inoltre 9 + 4 + 5 = 18, numero della Nuova Gerusalemme.

di Doug Krieger © the Tribulation Network

edizione italiana a cura di Sequenza Profetica

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg