Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

4 dicembre 2013 3 04 /12 /dicembre /2013 22:58

Mangia sushi da una vita, gli trovano il cervello infestato di vermi...

Gli amanti del piatto tipico della cucina giapponese, il sushi, sono in serio pericolo. Un gruppo di chirurgi giapponesi e’ rimasto letteralmente scioccato nello scoprire un incredibile quantita’ di vermi all’interno del cervello di un impiegato giapponese amante del sushi. Gli innumerevoli bar-sushi nonche’ ristoranti giapponesi, hanno ben presto conquistato il palato degli innumerevoli amanti della cucina orientale in tutto il mondo, i quali erroneamente ritengono che il piatto tradizionale della cucina giapponese, il sushi, rappresenti un prodotto salutare, gustoso e a basso contenuto calorico. Infatti e’ proprio il pesce crudo ad essere formatore e portatore di diversi tipi di vermi, i quali possono essere annientati solo a condizione che il pesce crudo venga successivamente cotto o lesso, oppure tenuto in frigo ad una temperatura che varia dagli 0 ai -4 gradi.
E un impiegato giapponese, Sciota Fujiwara, proprio a causa della propria passione nei confronti del pesce crudo, ci ha rimesso la salute. All’interno del cervello dell’uomo infatti e’ stato scoperto un quantitativo impressionante di piccoli vermi l’esistenza dei quali al povero impiegato non sarebbe nemmeno passata per la mente. Va detto che il signor Fujiwara da tempo soffriva di una forte forma di emicrania che successivamente e’ andata a colpire sia gli arti superiori che quelli inferiori. Nemmeno i raggi e la scansione a computer del cervello si sono rivelati in grado di stilare una diagnosi precisa e solo l’apertura del cranio ha permesso ai chirurgi giapponesi di scoprire all’interno del cervello la presenza di un gigantesco quantitativo di piccoli vermi.
In qualsiasi tipo di pesce, compreso quello di mare, avviene la formazione di questi piccoli vermi ed il loro livello e’ assai superiore nel caso in cui il pesce venga consumato crudo. Da sempre nella cucina giapponese vengono utilizzati sia il riso che il pesce crudo, tra l’altro gli ingredienti principali del sushi, a proposito del quale i cuochi nipponici ne ritengono il mantenimento del gusto di origine nonche’ l’aspetto esteriore le due caratteristiche principali.
Va detto che il sushi tradizionale non viene sottoposto a nessun tipo di lavoratura, dal momento che nel paese del Sol Levante il pesce crudo e’ tradizionalmente simbolo di longevita’. Infatti i prodotti di mare sono estremamente ricchi di sostanze minerali e microelementi, mentre il riso contiene la cellulosa, sostanza di fondamentale importanza nel processo di digestione. Trattandosi infine di un piatto a basso contenuto calorico, il sushi e’ diventato molto popolare in qualita’ di piatto ideale per le tante persone alle prese col problema dei chili superflui. In ogni caso, il consiglio e’ quello di andarci cauti per non fare la fine del signor Fujiwara.

 

 

Va anche detto che tale articolo ha scosso molte critiche a riguardo sull' impossibilità della notizia.

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg