Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

25 settembre 2012 2 25 /09 /settembre /2012 21:46

Riporto questo genere di informazione poichè, negli altri paesi, sembra che la popoliazione non sia per niente daccordo, con i loro governi e quindi come si muove? Manifestando apertamente, dimostrando il loro diniego verso un istituzione che non tiene più conto di sapere cosa vuol sapere affrontare sacrifici reali ogni giorno, con difficoltà ad affrontare giornate senza un futuro.

La Spagna con i loro INDIGNADOS, che non si sono più sentiti nominare, non hanno risolto i problemi, e così, Migliaia di persone provienenti da tutta la Spagna si preparano a marciare intorno al Congresso per chiedere nuove elezioni. Davanti a loro 1.300 poliziotti in tenuta antisommossa: Oggi in Spagna il parlamento ha l'aspetto di una fortezza che si prepara a difendersi dall'assalto delle forze nemiche. La polizia ha infatti alzato le barricate prima che parta nel pomeriggio la protesta contro la gestione maldestra della crisi economica da parte del governo guidato dal partito conservatore di Mariano Rajoy.

Nel Portogallo, ben più grande il movimento dei garofani, che smuove una folla enorme:

richiede il primo ministro Coelho di lasciare il paese, altrimenti porterà a un movimento per rovesciare, la difesa della democrazia e I diritti democratici.
L’Associação de Praças (AP) mentre accusa la coalizione di governo portoghese che “distruggendo il paese” e che “il popolo ha trasformato il paese in cavie per esperimenti sociali con le nuove misure di austerità. E ‘evidente che le politiche imposte da questo governo hanno fallito. Si sono concentrati sui lavoratori ekthemeliosi e dei diritti sociali attraverso l’imposizione di austerità sempre più, più disoccupazione e più insicurezza “tra gli altri punti forti nella comunicazione della Associação de Praças (AP).Nella sua comunicazione, gli stati AP che vuole restare un semplice osservatore “, come questo attacco spregevole era in fase di preparazione”, sottolineando che “non è la cultura dell’esercito per evitare situazioni” e continuerà a sollecitare il primo ministro di lasciare immediatamente il paese. “Signor Primo Ministro, per il bene del Portogallo e il portoghese fare loro un favore e dimettersi ora lasciare il paese”. AP definisce anche portoghese militare per assistere le concentrazioni di Sabato ‘e sono i cittadini. “
L’AP accusa anche il governo del Portogallo che ha “trasformato i poveri poveri e la classe media in neoptochous leader di un paese devastato, senza alcun obiettivo nell’abisso.” E l’affermazione che si conclude con un chiaro avvertimento che “le forze armate portoghesi saranno costretti a prendere le sorti del paese nelle loro mani!”
“Non permetteremo che la Troika e nessun altro per continuare. Abbiamo avere il diritto di difendere la Costituzione portoghese e non possiamo, né non abbandonare una nazione con 900 anni di storia svaniscono, perché avete deciso di fare ostaggio Portogallo per gli ambienti finanziari internazionali. Tutto il personale delle forze armate del paese ha promesso di difendere il paese, a guardia della Costituzione e le leggi della Repubblica e categoricamente denunciare le politiche perseguite, perché è in contrasto con ciò che le forze armate hanno giurato “.
Il governo portoghese è attualmente sotto pressione per dare le dimissioni, in particolare dopo le proteste di un milione di persone in 32 città.
Si noti che la “Associação de praças” è a sinistra e deriva storicamente dalla rivoluzione dei garofani.
 - Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

In Italia, il 29 settembre ci sarà una manifestazione importante in molte città contro la sovranità monetaria.  L’appuntamento in tutta Italia è per il 29 settembre, a Udine il corteo organizzato da Forza Nuova è fissato per il 28. Motivo della protesta del gruppo politico di estrema destra è la perduta sovranità monetaria dell’Italia. Gli slogan lanciati dai militanti inneggiano all’uscita dall’euro e a tornare a battere moneta nazionale. Questioni quelle della politica monetaria che sono estremamente d’attualità. Su facebook, intanto continua l' ottima tattica del passaparola, che continua tuttora a riscuotere consensi e approvazioni:

In Francia, il 30 settembre, anche il popolo francese dirà la sua contro il governo: come?

No all’austerità permanente. Rifiutiamo il Patto di bilancio, apriamo il dibattito in Europa! Il documento di convocazione delle forze della sinistra francese e dei movimenti sociali per la manifestazione nazionale.

Il Presidente della Repubblica vuole fare ratificare al più presto dal Parlamento il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance (TSCG) dell’eurozona, più noto sotto il titolo di «Patto di bilancio», così come è stato firmato da Nicolas Sarkozy il 25 marzo scorso. Ma le deboli misure «di crescita» annunciate il 29 maggio scorso non costituiscono per niente la «rinegoziazione », promessa dal candidato François Hollande, di un trattato che «aggiunge austerità all’austerità».
Questo Patto di bilancio aggrava le politiche neoliberiste attuate da anni e che hanno portato ai problemi attuali dell’eurozona. Innanzi tutto è un’assurdità economica. Imponendo che il «deficit strutturale» di uno Stato sia inferiore allo 0,5% obbligherà a tagli drastici nelle spese pubbliche. Priverà i poteri pubblici di mezzi indispensabili per attuare politiche che permettano di avviare la transizione sociale ed ecologica. Ora, al contrario, noi abbiamo bisogno di sviluppare e rinnovare i servizi pubblici e la protezione sociale per rispondere ai numerosi bisogni non soddisfatti, ridurre le ineguaglianze sociali e realizzare l’uguaglianza tra donne e uomini. Abbiamo bisogno di investimenti pubblici considerevoli per finanziare la transizione energetica, ridurre gli inquinamenti, assicurare la riconversione ecologica dei modi di produzione e di consumo, creare milioni di posti di lavoro. L’obbligo dell’equilibrio di bilancio permanente sarà un freno fortissimo ad affrontare la crisi sociale ed ecologica.
In una Europa in cui i clienti degli uni sono i fornitori degli altri, questo orientamento iniziato da due anni conduce oggi alla recessione generalizzata. Le difficoltà della PSA e di altre imprese derivano direttamente dal crollo della domanda nell’Europa del Sud. Oggi il potere d’acquisto stagna o regredisce, le imprese e le collettività locali riducono i loro investimenti: in un tale contesto, tagliare le spese pubbliche non farà che aggravare la disoccupazione. Secondo uno studio dello stesso FMI, riportare il deficit della Francia all’obiettivo posto dal governo del 3% del PIL, creerà 300 000 disoccupati in più dal 2013. La riduzione delle entrate fiscali che ne deriverà renderà ancora più difficile la riduzione dei deficit, che l’austerità avrebbe dovuto favorire, «giustificando» in tal modo un nuovo giro di vite, e così via.
Stupido dal punto di vista economico, questo Patto di bilancio è socialmente insopportabile poiché i «programmi di aggiustamento strutturale» oggi imposti alla Grecia e agli altri paesi in difficoltà riducono le protezioni, accrescono le ineguaglianze e colpiscono più duramente le parti più precarie della popolazione: donne, giovani, operai/e, immigrate/i. Lungi dall’evitare ai paesi del Nord-Europa di subire la sorte di quelli del Sud, questo Patto trascina tutta l’Unione in una spirale depressiva che rischia di generalizzare la povertà. Sarebbe un ritorno indietro senza precedenti dalla Seconda Guerra mondiale.
Infine, questo Patto di bilancio rappresenta una negazione della democrazia. Non solo prevede sanzioni quasi automatiche in caso di non rispetto, ma marginalizza i Parlamenti nazionali e quello europeo, e fa della Commissione e della Corte europea di giustizia, organismi non eletti, i giudici dei bilanci nazionali. Istituisce un federalismo autoritario che nega la sovranità popolare. Mette l’economia in stato di pilotaggio automatico, sottoposta a norme destinate a rassicurare dei mercati finanziari la cui potenza non viene messa in discussione. Noi non lo accettiamo.
Le crisi mondiali: sociale, ecologica e finanziaria, si aggravano. Sono cariche di pericoli, come dimostra il rafforzamento delle estreme destre xenofobe e nazionaliste. Queste crisi necessitano di una mobilitazione dell’Europa, ma di una Europa fondata sulla solidarietà e la democrazia, di una Europa che si libera dalla presa dei mercati finanziari. Il Patto di bilancio, al contrario, rafforzerà le contraddizioni interne dell’eurozona e potrebbe portare alla sua disgregazione. Il rifiuto da parte della Francia di ratificare il trattato sarebbe un segnale forte mandato agli altri popoli europei per aprire un dibattito sulla costruzione di un’altra Europa.
Per questo noi, le organizzazioni firmatarie di questo appello, rifiutiamo questo Patto di bilancio che compromette l’avvenire. Noi chiediamo che si tenga un ampio dibattito democratico affinché i cittadini possano impadronirsi di questo soggetto decisivo e pronunciarsi in proposito. Vogliamo mettere il Presidente della Repubblica, il suo governo, i parlamentari, di fronte alle loro responsabilità.

Per creare tale dibattito democratico, facciamo appello a rafforzare i collettivi locali già esistenti – in particolare quelli per l’audit cittadino del debito pubblico – ed eventualmente a crearne dei nuovi; noi organizzeremo insieme una serie di dibattiti pubblici in tutta la Francia; ci rivolgeremo, e inviteremo tutti i cittadini a rivolgersi, a ciascun deputato e senatore della maggioranza parlamentare, e organizzeremo manifestazioni, e tra queste una grande manifestazione unitaria a Parigi domenica 30 settembre. Si costituisce immediatamente un comitato di organizzazione per assicurare il successo di queste iniziative.

 

 

 



 

Secondo le stime la manifestazione, organizzata sotto lo slogan 'Occupy Congresso', dovrebbe attirare migliaia di persone provienenti da tutta la Spagna. Per contrastarli e impedire che le proteste sfocino in violenze, la delegazione del ministero dell'Interno ha detto che 1.300 poliziotti anti sommossa saranno schierati.

I manifestanti hanno assicurato che non hanno alcuna intenzione di prendere d'assalto il Congresso e ripetere quanto successo gia' ad Atene in passato, ma che l'idea invece e' quella di marciare intorno all'edificio legislativo in segno di protesta. I 'ribelli' chiedono nuove elezioni, denunciando l'esecutivo di aver impostato misure di austerita' contrariamente alle promesse fatte in campagna elettorale. Il partito popolare e' salito al governo piu' o meno in contemporanea con Mario Monti, lo scorso novembre, ma al contrario del professore della Bocconi e' stato eletto democraticamente dal popolo spagnolo.

La Spagna sta facendo i conti con la sua seconda fase di recessione in tre anni e con un tasso di disoccupazione che si avvicina al 25%. Madrid ha introdotto riforme economiche nel tentativo di convincere i suoi partner stranieri e gli investitori nell'area euro che e' davvero determinata a ridurre il suo deficit, che si stima sara' pari al 6,3% del Pil a fine 2012 e al 4,5% l'anno successivo.Le preoccupazioni per le finanze pubbliche del paese sono evidenti ogni volta che il Tesoro si rivolge al mercato primario per cercare di rifinanziarsi. Al momento i tassi a dieci anni dei titoli pubblici iberici scambiano poco sotto il 6%.

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Il 2021 tra le incognite del Covid. Ecco cosa dicono le profezie del Ragno nero
    Profezia del Ragno Nero del 2021. Una profezia che ha già nel passato dimostrato di essere attendibile. Basti pensare che l’anno scorso la profezia parlava sia del Covid che del Recovery found. Quest’anno l’anno sarà caratterizzato dalla “Corona di San...
  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg