Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 luglio 2012 1 09 /07 /luglio /2012 22:17
Se potessimo inquadrare una zona del mondo dove i misteri si infittscono, senza dubbio potremmo pensare ad un posto dove aerei, navi, sono scomparse misteriosamente:il Triangolo delle Bermuda.Da tempo immemorabile, notizie che giungono da tale zona, portano sempre la stessa domanda: che fine fanno tutte le cose che passano di li', dato che spariscono?Molti esperti, hanno cercato di risolvere l'enigma che si cela dietro i misteriosi fenomeni generati in questa particolare zona del pianeta. Lo stesso Cristoforo Colombo registra nei suoi diari strani fenomeni luminosi e malfunzionamenti della bussola.
Alcuni ricercatori indipendenti, sono convinti che i misteriosi fenomeni del Triangolo delle Bermuda siano causati da una qualche tecnologia antica - o aliena - sommersa nelle profondità dell'Oceano Atlantico, un dispositivo ad altissima energia in grado di creare dei veri e propri portali spazio-temporali capaci di trasportare uomini e cose verso altri mondi e altre dimensioni.
Ora un team composto da esploratori americani e francesi ha confermato, in maniera indipendente, una scoperta incredibile che ai ricercatori è già nota dal 1968: una strutture gigantesca, una piramide di cristallo, forse più grande della Piramide di Cheope in Egitto, parzialmente trasparente, sembra poggiare sul fondo del Mar dei Caraibi e la sua origine, età e scopo sono del tutto sconosciute. La notizia, appartiene ad un anno poco lontano dal nostro: il 28 maggio 1991.
crystal_sphere_pyramid.jpgLa lunghezza della base della piramide è di 300 metri per 200 e il vertice della piramide si innalza a circa 100 metri dalla base. Una struttura gigantesca, forse più grande della Grande Piramide di Cheope in Egitto. Sulla cima della piramide ci sono due fori molto grandi, attraverso i quali l'acqua del mare si muoverebbe ad alta velocità generando dei vortici che influenzano fortemente anche la superficie del mare. I ricercatori impegnati sul luogo ipotizzano che questo movimento vorticoso di acque possa avere qualche effetto sul passaggio di barche e aerei, generando quell'alone di mistero che circonda l'area.
Per quanto riguarda il materiale di composizione, dai risultati preliminari sembrerebbe che questa struttura sia fatta di vetro o di un simil-vetro (cristallo?), in quanto risulta completamente liscia e parzialmente traslucida. Comunque, per maggiori dettagli, i ricercatori rimandano ad uno studio più approfondito che offrirà risultati che al momento è difficile immaginare.
 
Una scoperta o una ri-scoperta?
In effetti, quella fatta dal team internazionale non è una scoperta ex-novo, ma una conferma di una scoperta avvenuta, quasi per caso, negli anni '60. Secondo le cronache del tempo, la piramide fu individuata per la prima volta nel 1968 da un medico, Ray Brown, Arizona. Brown si trovava in vacanza nei Caraibi a fare immersioni con i suoi amici al largo delle Bahamas, in una zona conosciuta come "La Lingua dell'Oceano", a causa della bizzarra conformazione del fondale marino. Ma chi è questo dr. Brown?
La storia del dottor Ray Brown riguardo ad Atlantide e il cristallo rinvenuto,  è uno dei più  citati "eventi" addotte a sostegno della storia di Edgar Cayce di Atlantide.Dr. Brown è morto all'età di 89 nei primi anni del 1990, ma il cristallo esiste. La sua più recente apparizione pubblica era ottobre 10, 2010 (10/10/10) presso l'Edgar Cayce Center di New York City.E 'stato precedentemente visualizzata 9 settembre 2009 (9/9/9). Le date non sono una coincidenza. E 'stato incorporato nella tradizione che circonda i "teschi di cristallo" e il loro ruolo nella presunta data di Maya 2012. La mia ipotesi è che ci appaiono di nuovo 11/11/11 e 12/12/12, poco prima della fine della data del calendario Maya. Ma in risposta a una query, il custode del cristallo relativa a me che può essere visualizzato il 19 febbraio 2011 in Ft. Lauderdale, Florida.
   
Il cristallo è attualmente in possesso di Fanning Arthur di Sedona, Arizona, che si riferisce Fanning come l '"occhio di Dio". Lo dico un po 'scherzosamente, perché secondo un rapporto il cristallo è stato rubato da Brown diverse volte ed è miracolosamente teletrasportato da lui ogni volta. Tuttavia, le foto del cristallo "corrente"sono coerenti con quelli del 1980 e il cristallo in Fanning di possesso è sicuramente quello riferito da Brown.
Brown è in genere indicato come un medico nella maggior parte dei rapporti. Era in realtà una "naturopata" , che praticava in Mesa, Arizona. Non riesco a trovare tutti i dettagli su dove o quando ha ricevuto questo grado. Nei suoi ultimi anni Brown ha avuto  problemi legali  dalla sua pratica "medica".Informazioni molto poco disponibili su questo tema. Brown era anche un appassionato cacciatore di tesori,di  immersioni nella speranza di saccheggiare galeoni spagnoli persi nelle Bahamas. In effetti, Brown raccontò che aveva più volte trovato un tesoro nelle Bahamas.
Quando il cristallo viene visualizzato oggi viene spiegato che si trattava di uno dei quattro originariamente da Atlantide.Secondo questi rapporti, due degli altri cristalli sono stati distrutti quando Atlantide è stata sommersa e il quarto rimane in un tempio ora subacquea (presumibilmente alle Bahamas). Non riesco a trovare alcun rapporto in cui Brown effettivamente fatto questa affermazione, tuttavia, Brown ha affermato che il cristallo era probabilmente da Atlantide. 
La storia psichicamente deriva dei quattro cristalli identici sembra interessante, ma questo è quanto si può realisticamente andare con lui.
In realtà ci sono vari conti di quando, come e dove Brown  ha "trovato" il cristallo come pure diversi conti di cui era proprio, e che la barca su cui viaggiava. La consistenza solo nelle relazioni è che Brown era essenzialmente solo quando ha trovato il cristallo, che lui e gli altri con lui sulla barca erano a caccia al tesoro, che non ha immediatamente rivelato la sua scoperta agli altri membri dell'equipaggio, e la descrizione generale ha dato della struttura piramidale in cui ha detto di aver trovato il cristallo. Nel suo libro del 1984 "Atlantis: The Eighth Continent" scrittore Charles Berlitz intervistato Brown e ha indicato che il cristallo è stato trovato al largo delle isole Berry alle Bahamas, non lontano dalla lingua in profondità dell'Oceano. Berlitz incluso il seguente conto Brown gli ha dato sulla scoperta del cristallo nel 1970:
"Quando siamo tornati a dove eravamo stati prima, alla ricerca dei galeoni sommersi, una raffica violenta si avvicinò. Abbiamo dovuto aggrapparsi a mangrovie sull'isola, è stato così violento, abbiamo perso la maggior parte delle nostre apparecchiature. Al mattino abbiamo visto che le nostre bussole e i nostri magnometeri non davano letture. Partimmo a nord-est dell'isola. era torbida, ma all'improvviso abbiamo potuto vedere i contorni degli edifici sotto l'acqua. Sembrava di essere una grande area esposta di una città sommersa. eravamo cinque sub e siamo tutti saltati  in giù, cercando qualcosa che abbiamo trovato. Come abbiamo nuotato, l'acqua è diventata chiara. ero vicino alla parte inferiore a 135 metri e stava cercando di tenere il passo con il sub davanti a me. Mi voltai a guardare verso il sole attraverso l'acqua torbida e vide un shinning forma piramidale come uno specchio. trentacinque a quaranta metri dalla cima è stata un'apertura. ero riluttante ad  andare dentro ... ma ho nuotato in ogni caso. L'apertura era come un albero sfocia in una stanza interna. ho visto  qualcosa. E 'stato un cristallo, tenuto da due mani metalliche. avevo i guanti e ho cercato di allentarlo . Divenne libero Appena l'ho afferrato ho sentito questo era il momento di uscire e non tornare..  Io non sono l'unica persona che ha visto le rovine - altri li ho visti dal cielo e si dicono cinque miglia di larghezza e oltre che in lunghezza. Uno dei fatti più importanti e significativi in tutta la Brown-Crystal vicenda è che nessuno degli altri subacquei  si fece avanti per dichiarare apertamente che Brown ha mostrato loro il cristallo prima che tornassero a Miami. Tutti questi altri individui sono apparentemente defunti ed i loro nomi non sono riportatida nessuna parte. Non ci sono dichiarazioni a quanto pare altri registri a disposizione da qualcun altro che era con Brown, quando egli avrebbe trovato l'artefatto. In sostanza, ciò che abbiamo sono le dichiarazioni di Brown e lo stesso cristallo, nient'altro. Il cristallo esiste e il dottor Ray Brown è esistito. La sua storia della scoperta era talvolta coerente e talvolta no.  Più piramidi sottomarine sono stati trovate fuori l'America Centrale, Yucatan, e Louisiana, dove sono stati trovati cupole nello Stretto di Florida. Un edificio in stile greco in marmo è stato trovato tra la Florida e Cuba. E che dire della colonna che energia irradiata Dr. Zink trovato nella Bahamas e Zink anche portato altri artefatti dalle sue immersioni in Atlantis,  lui è stato intervistato da Mente Internazionale da un  agente Steve Forsberg. Altre piramidi sono state esplorate da un Ray Dr. Brown sul fondo del mare al largo delle Bahamas nel 1970. Brown è stato accompagnato da 4 sub che hanno anche trovato strade, cupole, edifici rettangolari, non identificati strumenti metallici
 
Successivamente, nell'estate del 1991, il famoso oceanografo dott. Verlag Meyer, durante una conferenza stampa a Freeport fece una dichiarazione alquanto misteriosa. Meyer comunicò che durante una scansione con il sonar del fondale del famoso "Triangolo delle Bermuda", il suo team trovo ben due piramidi gigantesche, più grandi delle Piramidi di Giza, ad una profondità di 600 metri.
piramide-bermuda.jpg
 
La posizione ufficiale dell'archeologia classica sembra essere quella di un sarcastico scetticismo, teso a ridicolizzare la scoperta di queste amenità. Eppure non è la prima volta che si scoprirebbe una piramide sottomarina. Basti pensare alle piramidi di Yonaguni, Giappone, scoperte nel 1987, quando alcuni subacquei si immersero nelle acque a sud dell'isola per studiare la grande popolazione di squali martello che si radunano nella zona. Fu il giapponese Kihachiro Aratake, nel corso di queste immersioni, che scoprì per caso quella che gli sembrò una struttura architettonica, una parte della quale è stretta tra due pilastri che si innalzano a otto metri dalla superficie. Nel suo insieme, le strutture rinvenute richiamano le piramidi egiziane.
piramidi%20di%20Yonaguni.jpg
piramidi%20di%20Yonaguni-2.jpg
Da allora molti sono gli scienziati che hanno studiato il fenomeno, malgrado la presenza di forti correnti oceaniche, che rendono proibitive le immersioni. I fondali marini contengono quelle che sembrano essere le rovine di una civiltà formatasi alla fine dell'era glaciale. Sono state rinvenute tracce di flora, fauna e stalattiti che si formano abitualmente solo in superficie. La loro somiglianza con altri reperti del mondo antico ha portato qualcuno a teorizzare che potrebbero essere i resti di un'antica civiltà risalente a 10.000 anni fa. Altre analisi indicano che l'origine della struttura, che misura 120 m in lunghezza, 40 m in ampiezza e 20–25 m in altezza, possa risalire ad 8.000 anni fa.
piramide-lago-fuxian.jpgBisogna anche ricordare la piramide sommerse del lago Fuxian, in Cina, scoperta nel 2006 da Geng Wei, capo del dipartimento di ricerca di monumenti sottomarini del lago Fuxian a Yuxi e che già aveva scoperto una serie di edifici in questo lago: "Questa piramide è diversa da quelle che si trovano in Egitto dal momento che la sua sommità è piatta. Questo genere di piramide piuttosto ricorda maggiormente gli edifici maya che hanno uno sorta di piattaforma anziche' una punta", affermo Wei al momento della scoperta.
Chiaramente, se la notizia della scoperta della piramide sul fondo del Triangolo delle Bermuda venisse ufficializzata, le conseguenze sarebbero enormi. Gli archeologi si troverebbero costretti a trovare una spiegazione logico-razionale alla presenza di una piramide di cristallo sul fondo del Mar dei Caraibi. "Che diavolo ci fa una piramide in quel posto? Lì non ci dovrebbe essere nessuna piramide, anzi, non c'è nessuna piramide!". Ovviamente, il passo successivo sarebbe quello di dover affrontare uno dei temi più scomodi per l'archeologia ufficiale: l'esistenza di Atlantide. La Piramide dei Caraibi potrebbe essere la prova dell'esistenza di un antico continente sprofondato nell'oceano a seguito di un cataclisma di proporzioni globali? E il fatto che ci sia una piramide, struttura presente in ogni sito archeologico del pianeta, potrebbe indicare che in passato, in un'era pre-cataclisma, esisteva una civiltà globale umana evoluta, andata poi perduta a causa di una qualche distruzione globale? Queste domande fanno venire il mal di testa agli archeologi classici.
 
E' la piramide di cristallo a causare i fenomeni nel Triangolo?
piramide-bermuda-2.jpg
Alcuni ricercatori hanno ipotizzato per anni che sul fondo del Triangolo delle Bermuda vi fosse una fonte di energia capace di interferire con le radiotrasmittenti e i radar. Se la leggendaria Atlantide esisteva davvero, questa piramide potrebbe essere ciò che rimane di una potente macchina capace di produrre energia e che si trova ancora lì, intatta sul fondo dell'Oceano. Tale macchina, essendo di forma piramidale, potrebbe essere il modello storico originale al quale le culture successive si sono ispirate più tardi in tutto il mondo.

La piramide è una costruzione scoperta in ogni angolo della Terra: Nord, Centro e Sud America, Est Europeo, Medioriente, Siberia, Cina settentrionale e centrale. Qualcuno ipotizza che ce ne sia una anche sotto i ghiacci del Polo Sud, ma lo spessore del ghiaccio - oltre 1 chilometro - non permette nè conferme, nè smentite. Si può affermare che le piramidi planetarie sono l'indizio più evidente dell'esistenza dell'antico continente di Atlantide. Sull'annoso problema dell'effettiva esistenza di Atlantide, Rich Hoffman, esploratore e ricercatore, consiglia di spolverare la storia dell'archeologo dilettante Heinrich Schliemann, l'uomo che trovò e scavò le famose rovine della città di Troia, nonostante gli storici pensavano fosse solo una leggenda.
I ricercatori affermano che questa incredibile macchina energetica potrebbe essere in grano di attrarre e raccogliere i raggi cosmici dal cosiddetto "campo di energia" o "vuoto quantistico", e che potrebbe essere stata utilizzata come centrale energetica per la civiltà atlantidea (umani in pieno regola, solo più antichi di quanto crediamo!).
 
Un reperto archeologico della mitica Atlantide?
Forse la Piramide dei Caraibi non fa parte direttamente del centro di Atlantide, ma di una sua succursale decentrata. Il dott. Maxine Asher, direttore del Research Association Mediterraneo Antico a Los Angeles, in un intervista di qualche anni fa dichiarò di essere "convinto che Atlantide era una super-civiltà globale che esisteva tra il 10.500 e il 10.000 a.C. e che sia stata sopraffatta da una catastrofe globale, forse quella registrata nella Bibbia e conosciuta come il Diluvio Universale di Noè.
Se Atlantide è esistita, dunque, probabilmente è da collocarsi alla fine dell'ultima era glaciale. La storia del suo affondamento si riferisce a massicce inondazioni dovute ad un brusco innalzamento delle acque, innescato da uno scioglimento improvviso delle calotte polari. Le ricerche dimostrano che il livello del mare si è innalzato di quasi 400 metri e nessuna tecnologia avanzata avrebbe potuto salvare Atlantide da un simile disastro.
Notate le date dei video postati.


Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in documenti importanti
scrivi un commento

commenti

Tiziana 07/10/2012 18:44


Questa costruzione di vetro nel fondo del mare e quelle sfere misteriose mi hanno fatto pensare al libro Abisso di Lincoln Child.

il conte rovescio 07/10/2012 22:56



La Groenlandia....malati psichici.... energie sconosciute...indubbiamente un ottimo libro, l' idea sembrerebbe la stessa: una base costruita sopra qualcosa per prenderne i segreti. Anche qui
invece qualcosa è stata già presa da Brown, rivelata come notizia e....sarà vero?Le notizie sono già datate da parecchi anni e ridate alla luce, tanto per ricordare che ci sono sempre misteri da
rivedere. 



 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg