Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 marzo 2014 7 02 /03 /marzo /2014 22:32

LA DEVASTAZIONE DELLA TERRA E LE GRANDI PESTILENZE

 

 

"L'uomo diventerà predone e la terra sarà saccheggiata. Alla fine del millennio un prato verde, non lordato dall'uomo, e una pianta non avvelenata saranno una rarità. Vedrete campi di grano brillare sotto i raggi del sole, ma quel grano, nato da terra avvelenata sarà veleno e darà una lenta morte e quel sole aprirà sulla pelle dell'uomo e sulla crosta della terra ferite infette. L'umanità irresponsabile e suicida ha eretto un tempio a Mara: quel tempio devasterà la terra e gli uomini. L'uomo sarà attorniato da cibi e da acque, ma morirà di fame e sete, perché l'erba che vedrà crescere e il frutto che vedrà maturare saranno veleno, come pure l'aria che respira perché in essa sarà l'alito di Satana. Depravata generazione di predoni! Tramanderai ai tuoi figli un'eredità di dolore e morte, perché hai bruciato il sangue della terra. All'uomo era stata affidata la terra, affinché la custodisse come un tesoro del creato: invece, quando le macchine voleranno come uccelli l'uomo ucciderà l'uomo con i raggi del sole, essa sarà uno straccio sporco e lacero. L'uomo che poteva saziarsi di piante e di frutti, ha preferito saziarsi di veleni, dolci come il miele, pur sempre mortali. Ecco perché la terra dovrà essere lavata, ma con acqua diversa dall'acqua della terra, un'acqua capace di penetrare fino alla settima piaga della putrefazione, che toglierà l'ultima pestilenza, perché al veleno della terra si aggiungerà la pestilenza dell'uomo".


TUTTO ROVINERÀ, PERCHÉ MANCHERANNO L'AMORE E LA FEDE

"L'amore si consuma nel tempo e quando il Millennio sarà finito, l'amore tra gli uomini non sarà più che una parola priva di significato sulla quale si faranno mille ricami, nel tentativo di scoprire l'antico valore. Chi possederà ancora il dono dell'amore sarà visto come un diverso, un sopravvissuto a una guerra combattuta da un popolo dalla vista corta, contro il sentimento dell'amore. L'uomo non sarà più capace di sopportare niente, per questo diverrà sempre più fragile e dimenticherà la gioia di vivere. Mancheranno l'amore evangelico e la fede: per questo il mondo andrà in rovina. Ci sarà la fede delle parole, ma mancherà quella del cuore: e ci sarà una grande confusione tra quello che fiorisce sulle le labbra e quello che muore nel cuore. Nelle chiese voleranno parole e tra gli uomini germoglieranno promesse, ma parole e promesse rimarranno tali. Tra le pieghe della terra ci sarà un dolore nascosto che uomini di chiesa e di scienza copriranno diligentemente, perché i signori della terra, al servizio delle potenze infernali, vogliono confondere le idee facendo credere ai pochi puri di spirito che questo è il nuovo paradiso terrestre che deve ancora giungere sulla terra. E scenderà sulla Santa Madre Russia, nella terra tra i due fiumi.
Solo allora l'uomo nuovo scenderà dalle montagne per vivere nell'amore e nella fede. L'amore sarà il pane della vita e la fede la strada maestra che condurrà nell'unico porto sicuro".


QUANDO IL VESCOVO DI ROMA PORTERÀ SULLA SCHIENA DUE APOSTOLI

"Quando il vescovo di Roma assumerà due nomi un impero sarà prossimo a crollare: quello della bestemmia. Ma sarebbe follia esultare di gioia, perché non sarà la fine ma l'inizio dei dolori: lo spettro cupo della miseria volteggerà nel cielo come nube impazzita e getterà ombra su molti popoli. Mancherà il pane anche nei paesi ricchi, le guerre strisceranno sulla terra come serpenti velenosi: tutto rovinerà perché tutti parleranno d'amore, ma nessuno conoscerà più l'amore per il prossimo.
I cristiani saranno numerosi, ma avranno dimenticato la legge cristiana e la loro fede sarà di parole. Ai patriarchi, al vescovo di Roma che bagnerà la terra con il suo sangue, il cielo affiderà il compito di riportare la chiesa alle origini. Sarà questo il momento di abbandonare i palazzi per ritornare nell'umiltà, nella pace delle catacombe, di rivivere la chiesa dei martiri della fede. La salvezza verrà da pochi, ma santi. Se non germoglierà l'amore, cadrà un secondo impero e con lui Roma".


IL VITELLO D'ORO VERRÀ DISTRUTTO E LE STELLE CADRANNO

"Sul vitello d'oro cadranno le stelle, ed egli diventerà cenere. Un impero cadrà e una piramide verrà scrollata dal terremoto, perché dell'Eterno è stato fatto uso blasfemo. L'oro diventerà polvere e la polvere oro: il paese nei cui fiumi scorre il miele diventerà il paese della fame, ove troveranno casa Caino e Abele. Delle stelle non rimarrà niente. Nel tempo in cui verrà demolito il vitello d'oro (sarà questo il tempo della bestia marina) vedrete segni in cielo e in terra. Il sole cambierà strada e la luna si perderà tra i monti, le stelle pioveranno sulla terra e da Oriente uscirà una voce che si udrà sino a Occidente. Montagne invisibili passeranno nel cielo e, quando una di queste si vedrà , mancherà il tempo della preghiera. Sentirete allora il pianto di mille madri, perché mille uomini saranno schiacciati dalla montagna. Nel tempo della bestia marina il cielo invierà i suoi messaggi affinché nessun uomo giunga impreparato all'appuntamento finale. Legioni di Santi appariranno tra le nubi del cielo, quando la terra sarà assediata da Satana. Gli angeli parleranno agli uomini, ma pochi saranno capaci di udire la loro voce, e pochi di vedere le visioni angeliche. Milioni di spiriti celesti popoleranno il cielo e milioni di spiriti infernali la terra: i primi vestiti di luce, i secondi di egoismo e cattiveria. Nel giorno dei tre Santi, gli spiriti luminosi scenderanno sulla terra per portare la corona della giustizia e si udrà un pianto disperato nella valle del vitello d'oro".

Il veggente profetizzava anche una nuova "guerra santa" condotta dall'Islam a fianco di alcuni paesi ex-socialisti.
Alla fine, "la terra verrà ridisegnata dall'Eterno."

Tratto da: "Il mistero di San Pietroburgo" - il futuro della Russia e del mondo nelle profezie del monaco Basilio - di Renzo Baschera, Oscar Arcana, Arnoldo Mondadori Editore, aprile 1992, pag. 158

QUANDO LE MONTAGNE DIVENTERANNO PORTI DI MARE

“Arriverà un giorno nel quale troverete il mar Nero sugli Urali e il mar Caspio sulle alture del Volga, perché tutto verra mutato. E necessario sia così, perché nel tempo in cui cambieranno tutti i numeri, la terra sarà marcia e lo sarà anche l'uomo. All'uomo nuovo verra consegnata una terra arata, pronta per la semina, in cui sarebbe follia cercare Mosca o San Pietroburgo o Kiev: tutto sarà passato. Nuove saranno le montagne e nuovi i fiumi. Nuove le piante e le pietre. Su tutto passera l'angelo del Signore per infondere l'alito della vita. La terra verra sbucciata come un frutto. Molti fiumi e molti mari verranno inghiottiti dalla terra e nuovi fiumi e nuovi mari dalla terra sorgeranno. Le reliquie della Santa Madre le ritroverete sulle spiagge del mar Nero e quelle di Kiev tra i monti. Quando tutto sarà cambiato i popoli della terra saranno veramente fratelli, i pochi superstiti scenderanno dai monti e si abbracceranno, perché il nuovo alito della vita non verra dai mari, ma dai monti. Quando le tre civiltà saranno finite, l'uomo ritornerà alla civiltà della grotta e imparerà a vivere.”

 

Paragrafo b Totale 26°
STORIA DELL'OTTAVO GIORNO

“E all'ottavo giorno l'Eterno ritornerà a disegnare la terra, perfettamente lavata, perché la vecchia era stata distrutta dall'uomo. Saranno create per prime erbe e piante, che daranno frutti particolari, assegnandole in posti nuovi, perché per la nuova terra ci sarà un nuovo sole. sarà così che dove un tempo regnava il ghiaccio ora brucerà il sole, e dove bruciava il sole regnerà il ghiaccio. Gli agrumi più gustosi verranno raccolti sulla terra della Santa Madre Russia, mentre sulle coste settentrionali dell'Africa regnerà il ghiaccio. Poi verranno creati gli animali, che saranno liberi, si ciberanno di erbe e frutti e saranno scaldati dal sole e lavati dall'acqua piovana. Infine sarà creato l'uomo, sulla cui fronte verra scritta la parola “ umiltà ”, perché nel tempo deve ricordarsi che non e una creatura superiore, ma creatura tra le creature della terra. A lui verra affidato il compito di lavorare la terra, e il cibo gli sarà dato dalle erbe e dai frutti. La carne non potrà mangiare la carne. Le sue gioie saranno quelle dello spirito, perché nella nuova terra la carne sarà solamente un vestito di poco valore. Non si ripeterà più l'evento di Caino e Abele, perché gli uomini della nuova terra si chiameranno solamente Abele. LEterno non si pentirà di avere creato l'uomo, perché egli sarà l'ombra dell'Eterno. Il governo mondiale non sarà più nelle mani dell'uomo, ma nelle mani della Giustizia Divina, la cui bilancia avrà pesi sinora sconosciuti agli uomini. La santa legge verra da levante e si estenderà fino a oriente e lo spirito dominerà su ogni cosa.”

 

Paragrafo c Totale 27°
UN CANTICO NUOVO

“Nel tempo degli uomini giusti, quando i confini tra Stato e Stato saranno bruciati e il mondo sarà una sola nazione e l'uomo avrà sotterrato la presunzione di essere superiore e senza tempo, il sole illuminerà cose nuove. Dal monte sul quale l'angelo mi ha portato ha visto scendere tre fiumi che attraversavano tutte le terre. Il primo, mi disse l'angelo, e di latte: e la saggezza. Il secondo e di miele: e la dolcezza. Il terzo fiume e di sangue: e l'amore. Su queste tre leggi si reggerà il Mondo dei Giusti. In questo mondo, ovunque cresceranno piante, la pianta del Bene e del Male darà frutto soltanto a San Pietroburgo, dove l'angelo accoglierà l'uomo di Roma e dove verra benedetto il Padre della nuova legge. In questo tempo il sole spunterà a ponente e tramonterà a levante, i frutti matureranno nel tempo delle nevi e la luna non sarà più sola nel cielo. Tutte le leggi della natura saranno cambiate, poiché il cantico sarà nuovo... Piccolo uomo del Duemila non sforzarti di capire che cosa sarà il tempo nuovo: il tuo sforzo sarà inutile, perché la tua mente e chiusa ai disegni dell'Eterno. Sappi solo che l'uomo del Tempo dei Giusti non nascerà piangendo, verra deposto nella culla della felicita, camminerà sul sentiero della pace, parlerà con lo spirito e non avrà bara. Nulla conoscerà dell'uomo vecchio, perché la misericordia di Dio cancellerà l'infamia di un tempo degradato e corrotto.”

 

Paragrafo d totale 28°
E LA MORTE VERRA BRUCIATA

“Quando tutte le cose saranno cambiate, la morte non avrà più senso: questo perché l'uomo conoscerà il fatto di essere temporale sin dalla culla e vivrà sapendo di essere tale e così lavorerà e prolificherà. Quando il binario sarà sovrano, un grande evento coinvolgerà l'intera terra e tutti gli uomini. Allora la morte verra spogliata dal suo manto di terrore e sotto questo manto che terrorizzo migliaia di generazioni l'uomo scoprirà il santo velo della felicita. Tutto cambierà nel tempo in cui lAlfa raggiungerà lOmega, si scoprirà allora che le cose sono completamente diverse, perché quella che chiamiamo vita era solo morte e quella che veniva chiamata morte era vita. Questo perché la misura del tempo binario verra fatta con lo spirito: qualcuno ritornerà, perché lEterno vuole una legge nuova, che non avrà più un tempo, ma sarà per i tempi. ...Bruciato il manto di terrore della morte, l'uomo vivrà secondo il tempo della Scrittura. Bruciato l'abito della morte anche quello del dolore e della malattia verra bruciato, perché la malattia non fu creata dall'Eterno, essa e una creatura dell'uomo e morirà con il vecchio uomo. Verra scoperto allora che la medicina, vestita di sola scienza, era il bastone di sostegno della morte. Così mi e stato svelato per i tempi coperti dall'orizzonte e così io sollevo l'orizzonte per far scorgere agli uomini di un lontano tempo, il disegno dell'Eterno...”

 

Paragrafo e Totale 29°
IL SERMONE SULLE COSE INVISIBILI

“All'uomo era stato donato l'occhio della carne e quello dello spirito, ma, quando il millennio sarà finito, lo spirito sarà cieco e l'uomo vedrà solamente le cose di un mondo destinato a passare. Egli dimenticherà che i mondi sono due: il primo fatto di pietre eterne cementate con l'amore e la spiritualità, il secondo di pietre che si sgretoleranno nel tempo, cementate con l'ansia del successo e l'egoismo. Il primo mondo e eterno, il secondo temporaneo. Questo e il grande segreto che l'uomo dimenticherà completamente, vivendo solamente per ciò che vede con l'occhio della carne, per le pietre che si sgretolano, per i muri destinati a crollare. E vivrà male. La pazzia umana preferirà il temporaneo all'eterno e l'uomo che vedrà quel sottile raggio d'amore che unisce sin dalla nascita tutti gli uomini. Non vedrà quel sottile raggio vitale che unisce tutti gli esseri viventi della terra ...l'uomo che usa solamente l'occhio della carne vivrà male e soltanto meta della sua vita, perché vedrà solo le foglie e non i fiori, ne le anime sante che ci sono accanto per consolarci e aiutarci nel momento in cui passeremo dal temporaneo all'eterno. Non vedrà l'eterna pianta che da tre frutti distinti, ma uguali: amore, bontà, felicita, ma quando le pietre saranno rinnovate e i tempi della carne sepolti, lEterno riaccenderà nell'uomo l'occhio dello spirito e di esso l'uomo vivrà in una dimensione di felicita angelica.”

Paragrafo f Totale 30°


IL TEMPO BEATO DELLE INCARNAZIONI ANGELICHE

"Quando Aph e Chemah saranno passati e tutto l'esercito di Satana risucchiato nel vortice, come foglie secche, quando ogni traccia del Maligno sarà cancellata, verranno inviate sulla Terra le incarnazioni angeliche, che cammineranno nell'ombra dei quattro custodi. Sergio, Boris, Cirillo ritorneranno sulla terra vestiti di stracci, ma colmi di gemme preziose, passeranno di casa in casa, tracciando sui muri il segno della pace nel cerchio dell'amore. Riconoscerete le sante creature dalla parola che riempirà i cuori di gioia, e dalle azioni rivolte principalmente al bene del prossimo, ma riconoscerete sopratutto le loro mani, che saneranno le ultime piaghe lasciate dal sole e dal loro incedere, perché non solleveranno polvere, pur camminando nel deserto. Nel tempo dei messaggeri di Dio, molte creature sante saranno viste contemporaneamente a Occidente e a Oriente, perché nulla sarà vietato né ai santi seminatori della nuova legge né al raccoglitore delle preghiere. La famiglia dell'Eterno avrà il compito di raccogliere sui monti gli uomini-bambini, che spegneranno l'ultimo incendio, che illuminerà la notte del vecchio tempo. Sarà questa la notte della purificazione. Poi i messaggeri del Signore ripasseranno nelle case e dove sarà rimasto il segno della pace verrà consegnato il pane degli angeli. Ma all'inizio del tempo rinnovato non tutte le bocche avranno ancora i denti per masticare questo pane benedetto, che la terra non conosceva da quando i progenitori furono cacciati dal Paradiso Terrestre, e chi mangerà il pane degli angeli diverrà creatura angelica."

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in profetiche
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg