Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

3 aprile 2012 2 03 /04 /aprile /2012 21:57

Il primo falò dell'uomo, 1 milioni di anni fa

 

Datati i resti trovati a Wonderwerk, in Sudafrica: ossa e erbe bruciacchiati all'interno di una grotta in Sudafrica. Ma presto potrebbero arrivare nuove scoperte, ancora più in là nel tempo

UN GRUPPO di uomini si riunì intorno a un fuoco per la prima volta almeno un milione di anni fa. A quest'epoca risalgono i resti più antichi di un pasto cucinato con una fiamma accesa ad hoc. Trovare tracce di materiale carbonizzato così antico non è affatto banale. E gli archeologi delle università di Boston, Gerusalemme, Johannesburg e Toronto hanno utilizzato tecniche di analisi finissime, con strumenti capaci di osservare le singole molecole di quei resti di ossa e erbe bruciacchiati ritrovati all'interno di una grotta in Sudafrica.

Il falò di Wonderwerk (nella parte settentrionale del paese) precede di circa 300mila anni quelli che fino a ieri erano considerati i resti più antichi, ritrovati lungo la valle del Giordano nella località di Gesher Benot Ya'acov. E hanno il vantaggio di essere all'interno di una grotta, dove è più difficile che un incendio possa innescarsi spontaneamente. Accanto ai resti di vegetali bruciati, gli archeologi hanno osservato le pietre probabilmente usate per accendere la scintilla, oltre a resti di ossa e denti appartenenti a quegli animali che alla cena primitiva fornirono sostanza.

Il primo falò dell'uomo, 1 milioni di anni fa


"La capacità di controllare il fuoco è una tappa cruciale nell'evoluzione umana" scrivono i ricercatori su Pnas. Quel che il mito di Prometeo aveva già suggerito, è oggi un concetto chiave dell'antropologia. Un ricercatore dell'università di Harvard, Richard Wrangham, annunciò una decina di anni fa che la capacità di cuocere il cibo diede una spinta decisiva all'evoluzione dell'homo erectus. "E il nostro lavoro - scrivono ancora gli archeologi che hanno lavorato a Wonderwerk - offre una conferma a questa ipotesi".

Il primo falò dell'uomo, 1 milioni di anni fa


Secondo Wrangham carne e vegetali, una volta cotti, rendono disponibili al nostro sistema digestivo molte più calorie. Masticare è più facile: i denti possono assottigliarsi e la bocca rimpicciolirsi. L'abbondanza di nutrimento permette al cervello - un organo succhia-calorie, che nell'uomo moderno è responsabile di un quarto del consumo di energia - di crescere in dimensioni. Intorno a un fuoco che brucia e a una preda che si rosola, poi, occorre che l'homo erectus impari ad aspettare, collaborare e dividersi il cibo con una certa equità.


Anche se i resti di Wonderverk risalgono a un milione di anni fa, le tappe dell'evoluzione descritte dall'antropologo di Harvard sarebbero iniziate molto prima: quasi 2 milioni di anni fa, proprio con l'avvento dell'homo erectus. E per questo motivo nessuno si stupirebbe se prima o poi il falò sudafricano fosse surclassato da un ritrovamento ancora più antico, anche se difficilmente un sito così chiaro come quello di Wonderver potrà ripresentarsi.

A una trentina di metri dall'imboccatura della grotta, i ricercatori hanno trovato le pietre scheggiate, alcune centinaia di denti e frammenti di ossa scoloriti dal calore, insieme a resti vegetali carbonizzati in un'area di circa un metro di diametro. Come combustibile gli ominidi del Sudafrica non hanno usato legna, ma erba, arbusti e ramoscelli. Per questo motivo la loro fiamma non dovrebbe aver superato i 700 gradi di temperatura. Tutto è rimasto come all'epoca di quell'antica cena, e nessuno ha messo in dubbio che i resti appartengano a un fuoco che venne acceso dall'uomo per cuocere il proprio cibo. Ma che servì anche a forgiare i nostri antenati nel corpo, nel cervello e nelle loro relazioni sociali. (02 aprile 2012).

 

 

tratto da: http://www.repubblica.it
di ELENA DUSI

 

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Il 2021 tra le incognite del Covid. Ecco cosa dicono le profezie del Ragno nero
    Profezia del Ragno Nero del 2021. Una profezia che ha già nel passato dimostrato di essere attendibile. Basti pensare che l’anno scorso la profezia parlava sia del Covid che del Recovery found. Quest’anno l’anno sarà caratterizzato dalla “Corona di San...
  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg