Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 maggio 2014 2 13 /05 /maggio /2014 21:46

Il livello del mare è cresciuto poco meno di 0,2 metri durante il ventesimo secolo, principalmente come conseguenza all’aumento di temperatura di 0,8°C che l’umanità ha causato attraverso le emissioni di gas serra. Forse può non apparire come qualcosa di cui preoccuparsi ma non c’è dubbio che per il prossimo secolo, il livello del mare salirà in maniera significativa. Ora, la domanda da un milione di dollari è: quanto?

Il livello superiore di due metri, attualmente indicato nella letteratura scientifica, sarebbe estremamente problematico e costoso per molte regioni costiere e il livello del mare non si arresterà alla fine del 21° secolo. Dati storici mostrano che il livello del mare fosse più alto ogni volta che clima terrestre era più caldo di oggi, e non di un paio di centimetri ma di parecchi metri. Questa inevitabilità è dovuta all’inerzia degli oceani e delle masse glaciali del pianeta e ci sono due cause principali per la perpetua reazione del livello del mare alle nostre perturbazioni .

Una è dovuta alla longevità del riscaldamento da anidride carbonica nell’atmosfera. Una volta emessa, l’anidride carbonica  causa un riscaldamento plurisecolare che può essere contenuto significativamente solo se rimuovendo i gas serra. Questo perché la capacità di assorbimento sia del calore che dell’anidride carbonica da parte degli oceani si è ridotta, di conseguenza la temperatura resta elevata per secoli se non per millenni. Com’è ovvio, non tagliare le emissioni aggraverebbe ulteriormente il problema.

L’altra ragione è che sia l’oceano che le masse glaciali sono enormi e un riscaldamento dell’atmosfera circostante penetra lentamente ma inevitabilmente provocando un innalzamento del livello del mare continuo anche qualora il riscaldamento si arrestasse. Durane il secolo scorso, il livello del mare è stato dominato dal riscaldamento dell’oceano e dallo scioglimento dei ghiacciai. Un nostro studio recente in che il futuro innalzamento del livello dei mari sarà dominato dallo scioglimento delle masse glaciali maggiori, in Groenlandia e nell’Antartide – due giganti assopiti che noi stiamo per svegliare.

Graph: Contributi all’innalzamento del livello del mare nel corso di 2000 anni dovuti a: riscaldamento dell’oceano (a); scioglimento ghiacciai montani (b); scioglimento ghiacci della Groenlandia (c) e ghiacci Antartico (d). L’aumento  totale (e) è di circa 2,3 m per ogni grado di riscaldamento sopra ai livelli preindustriali.

È  facile immaginare un mondo futuro che raggiunge un nuovo equilibrio, con temperature ambientali più elevate; è più difficile capire  la dinamica della transizione (forse molto rapida) dalla situazione odierna a quella più calda. Perciò abbiamo utilizzato modelli fisici per gli oceani, per i ghiacciai montani e per le grandi calotte polari per calcolare quanto sarebbero diversi  se il nostro mondo fosse più caldo.

Quello che abbiamo trovato è che per ogni grado di riscaldamento globale, superiore ai livelli preindustriali, il contributo degli oceani al livello del mare sarebbe pari a circa 0,4 m e quello dell’Antartide 1,2 m. I ghiacciai montani avendo una massa limitata, darebbero un contributo limitato ma questo sarebbe largamente compensato dalla fusione dei ghiacci della Groenlandia. In totale, il  livello del mare del mare aumenta quasi linearmente di  circa 2,3 m per ogni grado centigrado di riscaldamento (si veda il grafico).

Con quale rapidità avverrà, non lo sappiamo. Possiamo soltanto dire che non ci vorrà più di 2000 anni, e che l’innalzamento di 2,3 m non accadrà in questo secolo. Questi valori devono essere considerati come qualcosa di inevitabile se le temperature globali raggiungeranno un determinato valore a causa delle nostre attività.

Ben Strauss di Climate Central ha considerato le diverse strade che una società come quella americana dovrebbe seguire e calcolato quali città statunitensi sono a rischio a lungo termine. Si è chiesto in quale anno, se continuiamo a emettere gas serra  al ritmo attuale, avremo causato un innalzamento del mare tale da mettere in serio pericolo alcune città.

Secondo le sue analisi, entro pochi anni Miami in Florida sarà probabilmente destinata a finire sott’acqua mentre le nostre azioni future possono ancora determinare la sorte di città come Virginia Beach, Sacramento, Boston, Jacksonville o New York.

E’ una decisione che la società deve prendere per le future generazioni. Dovremo adattarci ai cambiamenti climatici in ogni caso, anche se non se saremo sempre capaci.. La collettività deve decidere se sacrificare la Torre di Londra, per esempio, o mettere un freno al cambiamento climatico per non doverlo fare.

- See more at: http://www.climalteranti.it/2013/08/31/linevitabilita-dellinnalzamento-del-livello-del-mare/#sthash.OsNqsdBF.dpuf

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg