Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 luglio 2012 5 06 /07 /luglio /2012 06:20

Una delle alternative sul come passare una domenica con il sole: il parco del Valentino a Torino offre la possibilità di trascorrere una giornata, immersi nella natura, con un fiume a fianco romantico dove lo segue per tutta la lunghezza del parco. Oggi, sabato 23 giugno, ho trascorso qualche ora in questo parco, ormai storico, in compagnia della natura che nonostante sia all' interno di una città, crea l' illusione di essere fuori dallo smog, del caos cittadino, quindi godersi una anticipazione di relax prima delle vacanze estive.  

foto-1.jpg 

 

Una delle prime immagini che mi si presentano davanti al parco che colpiscono la mia attenzione, e' il castello del borgo medioevale del Valentino, immerso nella vegetazione di cui solo una torre spicca dagli alberi.Tutto il borgo,costruito nel 1884, è stato fatto per riprodurre un borgo feudale del XV secolo La giornata è molto afosa,  la vampata di calore africana continua a non dare tregua e ogni zona d' ombra, elargische un minimo di refrigerio. Il parco del Valentino oltre a essere a tutti gli effetti un ottimo posto per trascorrere tutta la giornata, vanta numerose attrazioni turistiche, le quali non possono essere che apprezzate da tutti coloro che le visitano.Il classico esempio e' proprio il castello medioevale, ove entrargli all' interno, riporta con la mente a un tempo lontano, quasi come a essere nuovamente a contatto con giullari di corte, regine , re e cavalieri imbarbati da cerimonia o da guerra. 

 

foto-2.jpg 

Il parco offre una incredibile varietà di ambientazioni, variano dalla classica gita in barca sul fiume Po con l' imbarcazione VALENTINO 1 e VALENTINO 2, della GTT, a pagamento ovviamente, alla visita alla rocca dove armi medioevali possono essere visitate con una guida o senza.

foto-3.jpg  foto-12.jpg

 All' interno del castello, sono a disposizione luoghi e negozi tipici per la rievocazione storica del periodo,dove si ripropongono edifici piemontesi e valdostani, accostati a costituire un nucleo abitato animato dalle botteghe artigiane. Dalla fontana  alla tettoia del forno per il pane, dal laboratorio del maniscalco, all'Ospizio per accogliere i pellegrini. Sotto il portico della Casa di Bussoleno è allestita una cartiera, ove l'antica pila a magli sfilaccia gli stracci per la carta. Dietro alla facciata della chiesa è da pochi anni allestita una sala mostre, dove, in determinati periodi, si propongono al pubblico esposizioni e allestimenti temporanei.   
 

 foto-vetrina.jpg  23062012990.jpg

 foto-chiesa-castello.jpg                                              foto-melograno-fontana-castello.jpg

   

  Una chiesetta all' interno del castello puo' ospitare poche decine di persone che possono visitarla in maniera fulminea: basta entrarci per rendersene conto!Sicuramente adatta alla preghiera e alla meditazione, di certo non per celebrare celebrazioni dove numerose persone sarebbero impossibilitate nell' entrarci.  Camminando all' interno del castello,  sotto i porticati, si può ammirare uno spettacolo che solo la semplicità della natura può offrire: un nido di rondine con relativa famiglia al suo interno, scruta passanti senza spaventarsi, senza emettere alcun suono: solo uno sguardo di curiosità.

  foto-10-nido-rondine-copia-2.jpg

Continuando la nostra visita, non possiamo che fermarci nuovamente a osservare sul come diverse persone, colgano occasione di intrattenersi nel prato che non manca all' interno del parco: un piccolo strappo alla regola per godersi il sole e un pacifico relax, magari in compagnia di una buona lettura.L' unica regola da tenere sempre in considerazione è sempre la stessa, quando si intraprendono azioni di questo genere: RISPETTO VERSO LA NATURA, RISPETTO PER IL PARCO STESSO.

foto-11.jpg  foto 9

 

La meraviglia di questo parco, non si ferma solo a questo;piccoli stagni sono stati creati al suo interno con una significativa partecipazione di oche, anatre, cigni, aironi:il luogo è piuttosto pulito e affascinante, vale la pena fermarsi, davanti alle ringhiere per potersi godere nella semplicità, questi graziosi pennuti, ormai abituati alla presenza dei visitatori e quindi avvicinabili per foto e riprese per un bel ricordo.

foto-13.jpg  foto-4.jpg 

 

 foto-6.jpg  foto-7-oca.jpg

 

Nel cammino della nostra interessante osservazione, il Po continua a essere un attrazione alquanto curiosa.Quando non è interessato da pressioni meteo che lo alzano di qualche metro, rimane una discreta meta per poter camminare adiacente al suo corso d' acqua, di correre a piedi o in bici, in qualsiasi modo una persona ritenga di gustarselo come ritiene più opportuno.Ho scelto di rimanere a lato del parco, in modo da vedere la moltitudine di gente che passa sulla strada con risciò, pattini e combriccole di famiglie con le bici, nonchè coppie e amanti degli animali.  

Amare la propria città non è uno sbaglio, basta apprezzare le bellezze che la natura offre anche in luoghi cittadini e ricordate... una domenica nei parchi di ogni città può solo far assaporare una semplice  passeggiata, con chi volete.

 

 conte rovescio 

 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in il nostro pianeta
scrivi un commento

commenti

SirCiadi 07/06/2012 17:23


Ci sono stato. Ho gli zii che vivono a Torino. Gran bel posto il parco. E fantastica anche torino, un sacco di cose da vere.

il conte rovescio 07/06/2012 20:00



indubbiamente! peccato che da molti venga svilita e non apprezzata...io ho imparato a vederla con occhi diversi, è piena di storia e fascino del mistero!



 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg