Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
19 febbraio 2014 3 19 /02 /febbraio /2014 22:44

Certamente il quesito è: ma potremo mai viaggiare come i dischi volanti? Dubbi, domande e risposte non mancheranno mai, ma..qualcosa sembra muoversi negli ultimi anni, a riguardo della nostra propulsione e viaggi sempre più indirizzati verso l' impossibile attuale: la propulsione al plasma, sembra essere un buon argomento su cui interessarsi, allora. Ma come funziona un disco al plasma? Com’è noto, quest’ultimo è un “quarto stato della materia” (dopo quelli solido, liquido e gassoso), composto da gas ionizzato con elettroni ed atomi cui sono stati strappati gli elettroni. Oltre che in laboratorio, il plasma puo’ essere realizzato anche in maniera involontaria (ad esempio, quando le navicelle spaziali rientrano surriscaldando l’aria). L’uso di una tecnologia al plasma concretizza un sistema avveniristico di propulsione aerospaziale, che esonera da molti vincoli aerodinamici i mezzi piu’ pesanti dell’aria. I laboratori Sandia e Livermoore svilupparono la retroingegneria MFD. Il Governo farà di tutto per proteggere questa tecnologia. Il plasma, basato sul mercurio, è pressurizzato a 250.000 atmosfere a una temperatura di 150 gradi Kelvin e accelerato a 50.000 giri al minuto per creare un plasma super conduttore capace di alterare la gravità. L’MFD genera un campo magnetico a vortice, che interrompe o neutralizza l’89% degli effetti della gravità su una massa posta nelle sue vicinanze.

Non fraintendetemi: non è antigravità. L’antigravità produce una forza propulsiva che può essere usata anche come mezzo di spinta del velivolo. L’MFD invece crea una "interruzione" dell’attrazione gravitazionale terrestre sulla massa interna all’acceleratore circolare. La massa dell’acceleratore circolare e tutta la massa al suo interno, come la capsula che porta l’equipaggio, l’avionica, i sistemi MFD, il carburante, i sistemi di supporto vitale dell’equipaggio e il reattore nucleare sono ridotti dell’89%. Ciò fa sì che il veicolo diventi estremamente leggero e in grado di effettuare e manovrare meglio di qualsiasi altro velivolo, eccetto naturalmente gli UFO, che noi non abbiamo costruito.

Il TR-3B è una piattaforma di ricognizione ad alta altitudine Stealth, con un tempo indefinito di intervallo. Una volta giunto velocemente ad alta quota, non ci vuole molta propulsione per mantenere l’altitudine. A Groom Lake sono corse voci di un nuovo elemento, capace di catalizzare il plasma. Con la massa del veicolo ridotto dell’89%, l’aereo può volare a Mach 9, sia in verticale che in orizzontale. Le mie fonti dicono che tale performance è limitata solo dallo stress che il pilota umano può sopportare, che in realtà è molto, considerando che, oltre alla riduzione della massa, anche le pressioni gravitazionali sul pilota ("G", ndr) sono ridotti dell’89%. L’equipaggio del TR-3B dovrebbe essere in grado di elevarsi facilmente, a 40 giri al secondo.

La propulsione del TR-3B è fornita da propulsori multifunzione montati sul fondo, ad ogni lato della piattaforma triangolare. Il TR-3 è un veicolo a velocità sub Mach, fino a quando non raggiunge un’altitudine superiore a 36.000 metri, allora solo Dio sa quanto può sfrecciare veloce! I tre ugelli multifunzionali, montati ad ogni lato del velivolo triangolare, usano idrogeno o metano ed ossigeno come propellente. In un sistema propulsivo liquido a ossigeno/idrogeno, l’85% della massa propellente è ossigeno.

I missili nucleari termici usano un propellente all’idrogeno, accresciuto dall’ossigeno per ottenere una propulsione aggiuntiva. Il reattore riscalda l’idrogeno liquido e inietta l’ossigeno liquido nell’ugello supersonico, in modo che l’idrogeno bruci contemporaneamente all’ossigeno liquido nel postbruciatore. Il sistema propulsivo multifunzione può operare nell’atmosfera, con la propulsione fornita dal reattore nucleare, nella stratosfera con la propulsione all’idrogeno e in orbita con la propulsione combinata idrogeno/ossigeno. I tre ugelli devono solo spingere l’11 per cento della massa del TR-3B top secret. Si ritiene che i motori siano costruiti dalla ditta Rockwell.

 

Ma non è tutto:

 

Al diparimento di ingegneria meccanica e aerospaziale dell' Università della Florida, il professore associato Subrata Roy, ha presentato una domanda di brevetto per un velivolo di forma discoidale, che ricorda le astronavi viste in innumerevoli film di Hollywood. Roy, tuttavia, chiama i suoi velivoli: “wingless electromagnetic air vehicle", ovvero:
"velivoli a vento elettromagnetico senza ali" (in sigla: WEAV).
Il prototipo proposto è piccolo - l'aeromobile misura meno di sei pollici in tutto - e sarà alimentato con batterie di bordo.
Roy ha detto che il modello da lui ideato può essere eseguito anche con proporzioni molto più grandi, e non solo in miniatura, come da lui progettato.
Le funzioni più "ovvie" di tale "oggetto" sarebbero di sorveglianza e di navigazione (progettandolo con piccole dimensioni). Il velivolo,ad esempio, potrebbe essere utilizzato per il trasporto di una macchina fotografica o di una videocamera, ed essere controllato da un telecomando a grandi distanze, ha detto il Prof. Subrata.
Egli ha inoltre dichiarato che il suo disco volante, un giorno potrebbe anche spaziare attraverso atmosfere diverse da quelle proprie della Terra. Ad esempio, l'aeromobile sarebbe un velivolo ideale per l'esplorazione di Titano,o della sesta luna di Saturno, che è ad alta densità e bassa gravità.
La US Air Force e la NASA hanno espresso un acceso interesse per l'aeromobile in questione, e l'università in cui egli lavora ha già richiesto la licenza per la progettazione.
"Questo è un concetto assai innovativo, e se avrà successo, sarà rivoluzionario," ha detto il Prof. Roy.
Il velivolo sarà alimentato da un fenomeno chiamato magnetoidrodinamica, ovvero dalla forza creata quando una corrente o un campo magnetico passano attraverso un fluido conduttore. Nel caso specifico di questi aeromobili, il fluido conduttore verrà creato da elettrodi che coprono tutte le superfici del veicolo e ionizzano l'aria circostante in plasma.
La forza creata facendo passare una corrente elettrica attraverso il plasma,spinge via l'aria circostante, e la rotazione di quest'aria a sua volta (oltre a creare degli slanci ascensionali), assicura una certa stabilità contro le raffiche di vento.
Al fine di massimizzare la superficie di contatto tra l'aria e il velivolo,il design dello stesso è stato concepito parzialmente cavo e con parecchie curve.
Uno degli aspetti più rivoluzionari di questa tecnologia, che si basa essenzialmente sulla magnetoidrodinamica, è che il velivolo non avrà alcuna parte in movimento. La mancanza di parti meccaniche, come ad esempio eliche o motori a reazione, dovrebbe fornire enorme affidabilità, ha detto Roy. Tale disegno consentirà anche al WEAV,di oscillare e decollare verticalmente.
Anche se sulla carta il design promette bene, in realtà comunque potrebbero palesarsi parecchie difficoltà tecniche, una volta che tale velivolo verrebbe costruito.
Nessun aeromobile con propulsione al plasma, ha mai preso il volo con successo, qui sulla Terra. Tale design ha invece trovato un certo successo nello spazio, dove gravità e attrito sono ridotti al minimo.
Inoltre, la fonte di energia dev' essere estremamente leggera ma in grado di produrre energia sufficiente per generare il plasma necessario. Per non parlare poi del fatto che lo stesso plasma, che permetterà alll'aeromobile di volare,dovrà anche interferire con determinate onde elettromagnetiche, necessarie per la comunicazione con il velivolo.
Roy è sicuro che l'unicità del suo velivolo permetterà di azzerare gli ostacoli tecnologici;
concludendo con questa frase:
"Certo il rischio è enorme, ma così è il payoff", ha detto. "In caso di successo, avremo un aeromobile, un disco volante e un elicottero, il tutto in un unico oggetto".

 

fonte: http://www.fainotizia.it/node/5017484

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
16 febbraio 2014 7 16 /02 /febbraio /2014 22:47

12000 anni fa, a causa della precessione degli equinozi, questa stella bianca distante 25 anni luce dal nostro Sole era la nostra Stella Polare. 

Foto che ritrae Vega. Credit: CAST
Nel 10000 AC accaddero molte cose incomprensibili ed ancora misteriose per la scienza: la repentina fine del periodo glaciale denominato 'glaciazione di Wurm', l'inondazione di interi continenti, la fine di grandi civiltà, l'inizio di eventi descritti nei testi sacri più antichi. Tutti i monumenti più antichi della civiltà umana sono stati costruiti seguendo la posizione astrale offerta dal cielo notturno di 12000 anni or sono. 
Quei costruttori ed astronomi avevano come Stella Polare proprio Vega.

Nella letteratura fantascientifica questa stella avrebbe un sistema planetario e sarebbe la dimora di Specie Aliene intelligenti.

Nella religione zoroastriana Vega era talvolta associata a Vanant, una divinità minore il cui nome significa "conquistatore". Forse i Vanant furono gli antichi conquistatori del nostro pianeta e coloro che ci fecero fare i primi passi nel progresso tecnologico?

Quante probabilità ci sono che su un ipotetico sistema planetario di Vega ci siano forme di vita complesse?

Le osservazioni effettuate dal James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) nel 1997 hanno rivelato una "regione brillante e allungata" ad una distanza di 70 UA da Vega. Si è ipotizzato che questa struttura potesse essere il risultato di una perturbazione del disco di polveri causata da un pianeta o da un altro oggetto orbitante circondato dalle polveri. Gli astronomi del Joint Astronomy Centre, che gestisce il JCMT, hanno ipotizzato che l'immagine potrebbe mostrare un sistema planetario in formazione.Le ricerche condotte dagli astronomi, sfruttando anche i telescopi Keck, non sono riuscite a rilevare l'eventuale radiazione emessa da possibili pianeti o nane brune in orbita attorno alla stella. In una pubblicazione del 2002 si è ipotizzato che i particolari agglomerati nel disco potessero essere causati da un pianeta di massa paragonabile a quella di Giove, posto su un'orbita altamente eccentrica; le polveri si sarebbero accumulate in orbite in risonanza con questo ipotetico pianeta, dando origine ai conglomerati osservati. Nel 2003 è stata formulata un'altra ipotesi, che prevedeva l'esistenza di un pianeta di massa paragonabile a quella di Nettuno, migrato da una distanza di 40 UA fino a 65 UA in circa 56 milioni di anni, con un'orbita sufficientemente ampia da non perturbare le regioni interne del sistema e permettere quindi la formazione di pianeti rocciosi vicini alla stella. La migrazione avrebbe richiesto l'interazione gravitazionale con un secondo pianeta di massa più elevata posto in un'orbita più interna. Nel 2005, mediante l'utilizzo di un coronografo montato sul telescopio Subaru alle Hawaii, gli astronomi sono riusciti ad affinare le stime sulle dimensioni del probabile pianeta, affermando che avrebbe una massa non superiore alle 5–10 masse gioviane. Anche se un pianeta attorno a Vega non è stato ancora osservato direttamente (come è accaduto, al contrario, nei casi di Fomalhaut o HR 8799, due stelle Vega-like), o comunque confermato mediante altri metodi di individuazione, non può essere esclusa la presenza di un sistema planetario, contenente probabilmente anche degli eventuali pianeti di tipo terrestre in un'orbita più vicina alla stella. L'inclinazione orbitale degli eventuali pianeti sarebbe verosimilmente allineata al piano equatoriale della stella.

Se esistessero pianeti rocciosi in un area interna, bisognerebbe considerare la giovane età di Vega, la sua alta temperatura superficiale ed il fatto che ha 2,5 volte la massa solare. La vita sarebbe possibile in fasce più esterne, magari su lune di qualche gigante gassoso.
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
15 febbraio 2014 6 15 /02 /febbraio /2014 22:52

Intervista a Guy Kirkwood, alias “Mel Noel”, pilota USAF ritiratosi con il grado di luogotenente e con un vasto bagaglio di esperienze di contatti con una aviazione non terrestre.

di Guido Ferrari (giornalista TV Svizzera)

Ho incontrato e intervistato per la TV della Svizzera Italiana, Guy Kirkwood, alias Mel Noel – questo era lo pseudonimo dietro cui si è nascosto a lungo – a Mesquite, nel Nevada, nel dicembre 1995, in occasione di un convegno internazionale sugli UFO.

Si nota un oggetto lenticolare seguire un caccia Sabre F-86. La foto sarebbe stata scattata durante una dele missioni di intercettazione a cui partecipò Kirkwood

[Guy Kirkwood] Il mio stupore è stato duplice: prima di tutto quello di trovarmi davanti, in carne ed ossa, un personaggio di cui avevo letto e che sentivo appartenente ad un mondo strano e affascinante che sta a cavallo tra la fantascienza e la realtà, che ti incuriosisce perché ti pone in questione in modo profondo un sarà “veramente vero” quello che dice, quello che ha vissuto, e se è così allora… E devo dire che Noel mi sembra credibile. Altro forte stupore: Noel sembra uscire da un film di Spielberg. Faccia larga bruciata dal sole, capelli grossi, spettinati, occhiali Polaroid, vecchio giaccone di pelle da aviatore, un fisico molto prestante per uno ormai vicino ai settanta.
Davvero un personaggio.

La mia prima percezione, dopo poche battute dell’intervista, fu che Noel fosse angosciato: toccare un tema per lui doloroso, legato quasi ad un senso di disperazione.

SE AGISSERO SULLA NOSTRA PSICHE?”

Mi raccontò che nel 1953 e 1954 lui e altri giovani piloti di una pattuglia militare di Sabre F-86 avevano avvistato e filmato più volte una formazione di UFO nei cieli del Colorado.

Quella era la missione per la quale erano stati particolarmente addestrati: erano state mostrate loro centinaia di fotografie di UFO, scattate soprattutto da civili, erano stati avvertiti di possibili effetti della vicinanza di UFO sugli strumenti di volo. Al posto della mitragliatrice, sull’aereo, era stata montata una cinepresa speciale (le Gun-Camera; alcune cineprese usufruivano di pellicole standard, altre ad infrarossi, N.d.R.).

Dopo una serie di uscite senza risultato, nel dicembre del 1953 ebbero tuttavia un primo contatto, senza tuttavia riuscire a scattare fotografie.

Sedici oggetti a forma di disco volavano in formazione a V, vicino alla pattuglia.

Due settimane più tardi avvistarono cinque UFO simili ai precedenti e li fotografarono usando le apparecchiature.

A quel punto – continuò Noel – cominciavamo a preoccuparci della nostra salute: se gli UFO agiscono sugli strumenti di bordo, danneggeranno anche il nostro corpo, la nostra psiche?

 

Dopo un contatto con riprese riuscite, i piloti, dopo l’atterraggio, ebbero un collasso, come capita talvolta ai piloti dopo un combattimento.
“Bisogna capire che eravamo molto giovani, io avevo 24 anni. Entrare in contatto con qualcosa di così misterioso e di intelligente ci sconvolgeva”.

Chiesero di essere dimessi dall’incarico e lo furono.

Noel mi disse che, mentre volavano accanto agli UFO, in cuffia e in inglese, avevano chiaramente sentito dei messaggi. Veniva detto che “loro” venivano in pace, che la Terra era in pericolo per l’uso incontrollato dell’energia atomica, che l’uomo aveva la possibilità di evitare il disastro se solo avesse seguito i valori dell’amore. Noel e gli altri piloti si chiesero se non avessero avuto delle allucinazioni o se non fossero stati vittima di un impossibile scherzo.

Per Noel era una comunicazione reale e ciò lo sconvolse.

UN MONDO CHE NON AVREBBE VOLUTO

Durante l’intervista, l’emozione di allora riaffiorò:

I dischi volanti osservati erano a forma lenticolare – continuò Noel – con una specie di cupola sopra; erano di una cinquantina di metri di diametro e di una decina di altezza. Quando erano fermi nel cielo erano circonfusi da una nebbiolina argentea. Quando poi partivano si sarebbe detto che attraversassero i toni dello spettro”.

Le fotografie scattate simultaneamente dagli aerei furono consegnate alla base e di esse Noel non seppe più nulla (venivano regolarmente inviate a Wright-Patterson, N.d.R). Tuttavia me ne consegnò un paio più tardi e purtroppo non gli domandai come mai le avesse. Successivamente, gli chiesi di raccontarmi del suo caposquadriglia, il colonnello Patterson, il quale più tardi scomparve in circostanze misteriose.

 

Era stanco e abbattuto. Mi disse che, nonostante i tanti avvertimenti ricevuti, il mondo corre come un treno senza pilota verso l’abisso.

Cercai di sdrammatizzare l’atmosfera, ma Noel, dopo un po’, proseguì il suo discorso dicendomi che il mondo che lascia ai suoi nipoti non è quello che avrebbe voluto.

“Il progresso dov’è? Un tempo le madri stavano a casa a curare i figli. Ora sono necessari i salari dei due coniugi per tirare avanti e i figli sono educati da strutture anonime. Cosa vuole che si ottenga? Ciò che conta e che tutto giustifica è la produzione, il guadagno. E poi le armi atomiche e tutte le altre diavolerie. L’ultima invenzione, ma già in via di automatizzazione, è il sistema Haarp – io ne sentivo parlare per la prima volta – che è in grado di influenzare i campi magnetici, di sconvolgere le meteore ecc. Sono tutte cose segrete. gestite da gruppi incontrollabili. È a conoscenza del sistema di gallerie che collega i punti strategici degli Stati Uniti?” e mi mostrò la fotografia di un’enorme scavatrice, scoperta per caso in un cunicolo scavando le fondamenta di una gigantesca costruzione.

LE NOTE DI TIMOTHY GOOD

Non ho voluto e forse nemmeno ho potuto, allora, fargli altre domande sulla sua vita; così, per scrivere questo articolo, ho risfogliato ìl volume di Timothy Good “Above Top Secret”, una vera miniera di informazioni. Leggo che Noel, lasciato il militare, fu pilota professionista civile, continuò a studiare il fenomeno UFO collaborando con il suo amico Gordon Cooper, già pilota militare e astronauta.

Cooper, come è noto, il 27 novembre 1978, in una sua dichiarazione scritta letta alle Nazioni Unite, affermò che nel 1957 avvistò più volte formazioni di UFO nei cieli della Germania.

Come Noel e Cooper, decine di piloti civili e anche militari hanno fatto le stesse dichiarazioni. Inoltre vi sono fotografie, riprese filmate ecc..

In un’altra circostanza Cooper dichiarò che nel 1957 un team militare cinematografico da lui diretto, filmò l’atterraggio di un UFO vicino alla base militare di Edwards, negli USA. Good scrive ancora che Noel gli disse che quando era pilota militare, fu avvertito che parlare di quanto aveva osservato in merito agli UFO gli sarebbe costato 10 anni di prigione e 10.000 dollari di multa.

Otto anni dopo aver lasciato il militare, Noel ne parlò alla radio con lo pseudonimo di Noel, appunto. Poco prima dell’emissione, fu avvicinato da due uomini della CIA e diffidato, ma Noel non diede loro retta, senza conseguenze.

Ma ritorniamo alla caffetteria del casinò dì Mesquite-Nevada. Noel ogni tanto apriva una vecchia valigetta di cuoio – che aveva colpito la mia fantasia – per mostrare qualche documento. Ora parlava veloce, con lo sguardo lontano fissato su un’immagine cupa. E devo dire che anche altri testimoni anziani, del calibro di Noel, mi hanno trasmesso un sentimento di viva preoccupazione e anche di rabbia e di impotenza di fronte alla cecità dei potere.

Da parte mia penso che non si debba cedere al catastrofismo – quante cose inaspettate sono avvenute nella storia – ma rimanere vigili e fare quello che si può, ognuno al proprio posto. Forse un giorno sapremo di più su questo e altri misteri, ma ciò non può distoglierci, fin da ora, dal vivere in modo responsabile.
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
14 febbraio 2014 5 14 /02 /febbraio /2014 22:29
 

E’ già da qualche giorno che ascolto volentieri quello che questa persona ha deciso di raccontarmi. Non era molto convinta di volersi raccontare, per paura dei giudizi che molto spesso la gente esprime senza il minimo problema. Però, alla fine, affinchè anche altre persone con le medesime esperienze possano farsi avanti senza timore, ha deciso di regalare al mondo la sua esperienza, pur restando, per ovvi motivi, nell’anonimato. Inutile spendere ulteriori parole, ecco il suo racconto. Buona lettura.

"La mia storia comincia più di 30 anni fa, quando avevo circa 22 anni. In quel periodo ho cominciato ad avere quelli che sembravano dei seri disturbi del sonno, invece di addormentarmi entravo in una specie di stato catalettico. Rimanevo cosciente e con la mente lucidissima, ma mi sentivo completamente paralizzata, senza poter muovere un muscolo e, di conseguenza, in prede al panico. Mi concentravo e mi sforzavo per riuscire a muovere almeno un dito e, dopo interminabili minuti, convinta di esserci riuscita, mi sedevo lentamente, un po’ sbigottita, e allungavo una mano per accendere la luce. A quel punto sentivo chiaramente il clic dell’interruttore ma non succedeva nient’altro, la luce rimaneva spenta e, voltandomi vedevo me stessa immobile nel letto, praticamente ero sdoppiata.In quei momenti il panico mi abbandonava e stavo lì ad osservare l’altra me stessa quasi incuriosita, con indifferenza, senza stupore. Poi di colpo finiva tutto e mi ritrovavo di nuovo "completa", in preda al terrore e senza riuscire a rendermi conto di quanto tempo fosse trascorso. Gli episodi si ripetevano quasi quotidianamente e, non riuscendo a capire cosa mi stesse succedendo decisi di confidarmi col mio medico col quale ero in confidenza, volevo solo capire e che quella cosa cessasse. Per circa un mese ho fatto tutte le analisi e gli esami possibili, consultando neurologi, facendo elettroencefalogrammi, sono andata persino a Bologna nel più importante centro per la cura dei disturbi del sonno. Risultati : zero ! Ero sana come un pesce ed in ottima salute. Intanto gli sdoppiamenti continuavano allo stesso ritmo ed io ero terrorizzata solo all’idea di andare a dormire, non ce la facevo più. Finchè una sera, dopo circa un anno dall’inizio dei fenomeni, succede una cosa davvero inquietante. Mentre ero sdoppiata, mi trovavo in piedi a circa un metro dal mio corpo, vedo chiaramente a lato del letto, due figure dai contorni umani, semicorporee, nere e fumose, come due ombre dense. Una, più alta, se ne stava in piedi con accanto un’altra identica ma molto più piccola che era china su di me quasi a toccare il mio viso col suo. In quell’occasione, e solo in quella, ho sentito la voce di quella alta, che sembrava comandasse, dire all’altra "ecco, lasciala, non la toccare, va bene così…" Aveva un tono di voce basso, piatto, monocorde, senza sfumature. Io intanto ero lì che guardavo in silenzio, tranquillissima, indifferente alla sorte di quel corpo sul letto, come se non mi appartenesse.
Col trascorrere degli anni queste esperienze sono diminuite di frequenza, stabilizzandosi su una media di 2 o 3 volte al mese. Da qualche anno però la situazione è cambiata, c’è stata un’evoluzione, con dei riscontri materiali e fisici che mi hanno sempre più convinta di essere un’addotta.
E’ successo che circa 5 anni fa mi fu diagnosticata una malattia gravissima al fegato, anche abbastanza rara. E’ un male che non lascia scampo nè speranze, mi dissero allora che il tempo medio di sopravvivenza era di circa due anni, se ero fortunata forse tre. Tentano una cura inutile e distruttiva ma, nel frattempo, succede qualcosa di veramente strabiliante. Le visite delle mie "ombre" si intensificano al punto di essere quasi quotidiane. Comincio a vederle, anche se fugacemente, anche di giorno nelle zone in penombra della casa. Senza sdoppiamenti o paralisi. Comincio ad avere delle sensazioni fisiche ben precise, sento che mi toccano, di solito per pochi secondi, percepisco la forma delle loro mani, sono sempre fresche…mi toccano le ginocchia, le braccia, mi circondano le spalle, si appoggiano sulla mia testa. Magari la sera sono sul letto a leggere e sento che ci si appoggiano sopra, di fianco a me. Talvolta mi sdoppio e le vedo vicino al mio corpo inerte, immobili, che mi guardano. Quando mi risveglio di solito mi sanguina il naso, ma il sangue è chiarissimo e liquido come l’acqua. Ho come la sensazione che mi accudiscano, che mi curino. Il tutto è durato circa otto mesi, dopo di che decido (ma sono stata veramente io a decidere?) improvvisamente di sospendere ogni tipo di terapia, contro il parere di tutti. A questo punto dovrei essere morta e sepolta da un pezzo, invece sono qua che godo di ottima salute, nonostante le mie analisi continuino a darmi per spacciata, un vero mistero! L’ultimo episodio è di pochi mesi fa ed è stato quello che mi ha tolto ogni dubbio.C’è stato un altro intervento, molto pesante, delle mie "ombre"…sembra proprio che mi vogliano tenere lontano dai medici. Dovevo andare dal dentista per curare una carie ed estrarre 2 radici di molari. Al mattino vado a curare il dente con la carie ed il pomeriggio del giorno stesso ricevo la visita delle "ombre" ma con una modalità nuova, quasi svengo invece di addormentarmi e non c’è stato nessuno sdoppiamento. Avevo degli sprazzi di lucidità che duravano pochi attimi. Riesco a vedere davanti alla faccia i contorni di una delle ombre, aveva dietro la testa un alone biancastro, poi ho sentito distintamente e chiaramente le sue dita che si muovevano dentro la mia bocca, ho avuto la sensazione che stesse controllando cosa mi era stato fatto, quelle dita erano lunghe, sottili, snodate, fredde, mi è sembrato che fossero 4 e che le mani fossero 2. Praticamente corrispondevano a descrizioni che ho letto delle mani dei grigi. Al risveglio mi son sentita confusa e tramortita come dopo un’anestesia. Nei due giorni seguenti, una alla volta, l’osso della mia mascella ha espulso, spontaneamente le due famose radici che se ne stavano lì piantate da almeno tre anni, ben salde e inamovibili. E’ assolutamente impossibile che ciò sia avvenuto in modo naturale senza interventi dall’esterno.
Ora, io non so cosa mi stiano facendo da oltre 30 anni, non hanno certo cura della mia salute per un senso di altruismo (non credo provino emozioni) probabilmente hanno la necessità che io resti in vita e che non sia analizzata troppo a fondo, forse stanno compiendo esperimenti o test sul mio corpo, non so di che tipo perchè io mi sento bene. Forse per loro sono un soggetto fisicamente ideale, ho anche il sangue con RH- che dicono sia il frutto di antiche ibridazioni fra alieni e umani, questo tipo di sangue è solo del 15% della razza umana. Sarebbe interessante una statistica in tal senso fra tutti gli addotti. Preferisco non farmi troppe domande, però nel tempo ho sviluppato una mia teoria. Io penso che gli alieni, o demoni come si suppone, convivano con noi da sempre, che non arrivino da chissà dove, ma che occupino un altro piano dimensionale in un universo parallelo al nostro e che siano talmente evoluti (secondo i nostri standard) da potersi muovere e spostarsi in questo spazio-tempo. Ma è solo una mia teoria..."
Articolo a cura di Eclissi del Mondo

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
11 febbraio 2014 2 11 /02 /febbraio /2014 22:35

gli ufo sono una realtà indiscutibile puntata zero

 1) Sono qui solcano i nostri cieli atterrano nei luoghi più insospettabili e si fanno vedere solo quando vogliono,sfoggiano una tecnologia avanzatissima di origine sicuramente non terrestre e che supera ogni umana immaginazione.

Migliaia di testimoni li hanno visti e fotografati di giorno e di notte; i governi custodiscono voluminosi dossier delle loro apparizioni, classificati con il sigillo di Top secret, e l'opinione pubblica è divisa in merito alle loro intenzioni. Esistono gli ufo o è soltanto frutto di una suggestione collettiva unita al desiderio di trovare su altri pianeti degli esseri umani simili a noi?

2) Gli ufo non sono un fenomeno contemporaneo. Sembra ci accompagnino da diversi secoli, e su di loro esistono prove storiche in abbondanza. Tuttavia la loro presenza sempre più frequente e risaputa, ha prodotto un maggior interesse nella massa sociale e ha costretto gli scienziati a occuparsi di loro allo scopo di conoscerli. La curiosità è stata resa più agevole dai mass media che hanno divulgato immagini sorprendenti che hanno girato tutto il mondo, cosicchè che ormai tutti sappiamo cosa è un Ufo.

3) Nella preistoria sono state rinvenute delle pitture rupestri raffiguranti dei dischi volanti e innumerevoli sono le immagini di esseri provenienti dal cielo, da apparecchi volanti non identificati e con l'immagine di esseri umani con uno scafandro sul volto scambiati spesso per delle divinità da tantissime civiltà primitive. Tutto questo  a testimonianza del fatto che siamo stati visitati da tantissimi millenni da persone provenienti da altri pianeti che probabilmente hanno contribuito al nostro sviluppo scientifico. Questo prova il perchè siano esistite civiltà molto evolute tecnologicamente e scientificamente già nel passato.

4) Alcuni scienziati stanno analizzando  con i mezzi più sofisticati offerti dall'attuale tecnologia, le immagini fotografiche; certificano gli effetti, bruciature e fusioni, che il contatto delle astronavi extraterrestri produce sul terreno dove atterrano; constatano le alterazioni sofferte da motori e apparecchiature elettriche per la loro presenza; misurano le traiettorie e la velocità; elaborano dettagliati questionari che devono essere compilati dai testimoni degli eventi e interpretano gli stessi dal punto di vista della veridicità e dei tratti psicologici dei compilatori. Il lavoro è enorme e non si limita alla conferma degli avvistamenti che non presentano più alcun dubbio perchè sono moltissimi. Ormai sempre più numerose sono le prove dall'antichità fino ai nostri giorni della loro esistenza. Si Gli ufo esistono e sono una realtà indiscutibile.

di Giorgio Iachella

addaura-sicilia

 

 

 

 


Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
8 febbraio 2014 6 08 /02 /febbraio /2014 23:18

the host5

Secondo uno psicologo gli extraterresti non sono altro che la reminiscenza ancestrale di un volto femminile fissato nel nostro cervello sin da neonati 

 

Gli alieni sono dentro di noi. Almeno secondo la teoria dello psicologo Frederick Malmstrom, studioso presso la US Air Force Academy, il quale sostiene che la tipica immagine degli extraterresti non sia altro che la reminiscenza ancestrale di un volto femminile come rimane fissato nel cervello di un bimbo appena nato. Una scoperta che ha permesso agli studiosi di sostenere che gli alieni non esistono se non nella nostra testa.

Malmstrom ha iniziato questo percorso di studi perché interessato da tutte quelle persone che, sostenedo di essere stati rapiti dagli alieni, li hanno descritti con teste grandi, pelle grigia, lineamenti poco marcati, una bocca appena visibile o assente e corporatura esile. Non ritenendo corretta la teoria secondo la quale una popolo extraterrestre rapisce le persone per poi rimandarle sulla terra in vista di una futura invasione, lo psicologo preferisce sostenere la tesi per cui la gente vede gli alieni quando sono nel dormiveglia. E le immagini che compaiono sono quelle nascoste nel subconscio.

Ma da dove vengono? Lo studioso, dopo aver considerato molte possibilità, è giunto a una conclusione: l'immagine è un archetipo femminile, presente nel cervello dei neonati, creato per aiutarli a rispondere istantaneamente alla madre. E per dimostrare questa teoria, Malstrom ha alterato otticamente la foto di una donna in modo coerente con le caratteristiche della vista di un neonato: astigmatismo, mancanza di precisione, percezione anormale di luce e così via.
Il volto che ne è risultato appariva fortemente simile a quello degli alieni. Una teoria sostenuta anche dal fatto che molti altri animali nascono con determinati modelli visivi di riconoscimento che li aiutano a sopravvivere.
 

 
 

Di contro il mondo scientifico continua il suo incessante impegno nella ricerca di spiegazioni logiche e concrete a questi temi, prestando sempre più attenzione al fenomeno “Alien Abductions” (Rapimenti Alieni), un fenomeno che i media di tutto il mondo, internet in testa, stanno diffondendo sempre più in modo allarmante.

Alcuni scienziati, tra cui l’italiano Corrado Malanga, dopo aver elaborato per anni analisi e dati – basati sulle reali testimonianze di moltissime persone in tutto il mondo, di ogni età, sesso e ceto sociale, che sotto ipnosi hanno rivissuto l’indelebile esperienza del rapimento – sono giunti a una sconcertante conclusione: alcune razze aliene, in un programma che dura da millenni, impiantano le proprie “memorie attive” nel cervello dei rapiti, usandoli come contenitori, per poter “operare” in questa dimensione, con l’obiettivo finale di modificare geneticamente l’umanità e adattarla al proprio DNA, onde sfruttarne completamente l’indistruttibile energia (Anima) e rendere così le proprie specie “immortali”.

Questa teoria sembra finalmente chiarire tutto: il problema non verrebbe solo, fisicamente, dal lontano spazio; semmai risiede nei confini della nostra mente, dove quelli che la mitologia chiama “Dei”, e le chiese “Angeli o Demoni” (o “Voladores” come descritti dallo sciamano Don Juan a Carlos Castaneda) forse sono esseri di altre dimensioni, che possono sopravvivere al di qua (e al di là dello spazio e forse del tempo) “possedendo” la psiche umana, addormentandone la coscienza per poter “vampirizzare” quell’energia (l’Anima?) che solo l’uomo sembrerebbe possedere in questa parte di universo.

Così magicamente si spiegano secoli e secoli di immagini dipinte o scolpite, che rappresentano personaggi umani che dialogano, combattono, adorano, temono entità di diverse fattezze, cornuti rettiloidi alati e non, biondi angeli protettivi in candide vesti bianche o armati e severi, santi sospesi nel cielo, draghi, dei antropomorfi e non, piccoli uomini verdi, fate, ecc. Come dimostrano chiaramente le iconografie egizie, sumere, maja, babilonesi, greco romane, indiane, cinesi, ma anche nella più recente arte sacra cristiana, ebraica, musulmana, ecc., fino ai cartoon, ai comics, ai videogames dei giorni nostri.

Ma inevitabilmente il concetto di “identità” viene messo seriamente in discussione, in nome di una visione dell’uomo in termini “progettuali”; uomo (o essere umano) contenitore di Anima (sì, proprio quella che salirà in cielo, si salverà, o si perderà, si dannerà, verrà venduta, ecc.) ma anche possibile ambito contenitore di personalità aliene, o altre personalità, giustificando tecnologicamente molti dei misteri legati all’esoterismo e alla spiritualità – reincarnazione, visioni, apparizioni di entità religiose e non, spiriti guida, miracoli, profezie, scritture sacre, ecc. – così come alle misteriose anomalie della nostra mente: dejà vu, schizofrenia, disturbi della personalità, ecc.

 

 

Data: Roma, 24 feb. 2006

Fonte: Agenzia   Ign

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
6 febbraio 2014 4 06 /02 /febbraio /2014 22:44

Esistono costruzioni aliene sulla nostra Luna!!!

Grazie al rispettivo satellite, l’agenzia spaziale cinese promette immagini con risoluzione migliore per poter  essere accuratamente studiate.
E ‘vero? Vediamo le foto:

1

 

2

 

Le immagini sono state catturate dalla sonda lunare cinese Orbiter Chang’e-2 . A differenza dalle porcherie di sempre prima , queste immagini mi hanno fatto pensare per un po’ , perché  gli oggetti fotografati sembrano estremamente inorganici.

Infatti, proprio a giudicare dalle immagini, sembrano addirittura edifici ed altre costrizioni sulla Luna.

Se gli americani non li hanno fatto, allora chi è stato?

Beh, potremmo ipotizzare che le costruzioni sono di natura aliena , ma per farlo richiederebbe che queste immagini  sarebbero state del satellite cinese. Quel poco di materiale che ho potuto trovare per fare questa storia bizzarra, è il materiale  ”rubato” su YouTube.

La Cina rilascerà immagini ad alta risoluzione effettuate da Moon Orbiter Chang’e-2, che mostrano chiaramente edifici e strutture sulla superficie della luna.

Egli afferma anche che la NASA intenzionalmente ha bombardato le zone importanti della luna nel tentativo di distruggere i manufatti e le basi antiche lunare. Le foto mostrano chiaramente crateri da impatto nucleare e detriti di costruzione causati da esplosioni in uno sforzo dalla NASA per distruggere la verità.

La Cina si sta muovendo verso la piena divulgazione della realtà extraterrestre, se queste immagini in futuro vengono verificate come autentiche, allora la NASA dovrebbe essere indagata per frode e tradimento.

Cina rilascerà tutti i dati e le immagini Chang’e-2 nelle prossime settimane e mesi, lasciando la speranza che questo sia l’inizio di una nuova era. Così ora hanno mandato la Chang’e-3 rover per andare a piedi sul suolo lunare …
Guarda il video dello scienziato che commenta la situazione.

 

 

e altro ancora … le prime immagini della nuova missione lunare cinese Orbiter Chang’e-3 mostra la luna con terra rossa?

Che cos’è??

Il programma UFO Disclosure Project , una massiccia campagna per il rilascio dei fatti che circondano il fenomeno UFO e il cover-up, ha portato diversi testimoni, di un certo peso, a dare la loro testimonianza su questo tema.

Il progetto ha le dichiarazioni pubbliche di “più di 500 membri del governo, tra i testimoni della comunità di intelligence militare che testimoniano le loro esperienze personali in prima persona con gli UFO, extraterrestri, tecnologia aliena, e cover-up”.
Poche testimonianze sono valide come quella del ufficiale sergente Karl Wolf.

 

Come riportato dal Washington Times, “Karl Wolf, un sergente della Air Force che è stato assegnato alla National Security Agency, ha detto che le strutture misteriose sono state scoperte sul lato opposto della Luna, quando gli Stati Uniti hanno fatto la mappatura della sua superficie, prima dello sbarco lunare 1969. Queste foto sono state anche nascoste al documentazione pubblica.

Questo è stato il volto pubblico della testimonianza, registrato presso il prestigioso Washington Press Club. Non male eh? Almeno non è un rincoglionito o ubriaco in strada, ma qualcuno che è stato all’interno dell’organizzazione, ora sembra sta  buttando fuori tutto in pubblico.giocare .

Secondo questo video, la NASA avrebbe utilizzato un sistema di adulterazione dei “particolari” elementi sulla Luna. Sicuramente sappiamo che la NASA ha falsificato le foto della luna in passato.

Traduzione -Tanja per il Risveglio di una Dea

Credo che è interessante aggiungere a questa storia le notizia che

La NASA vieta ai Cinesi di esplorare la zona proibita della Luna

La NASA avrebbe imposto ai Cinesi il divieto affinche’ il loro rover non esplorasse la Zona Proibita della Luna? Il programma spaziale portato avanti dai militari cinesi, prevede di lanciare il 1°dicembre 2013 un rover lunare che avra’ lo scopo di studiare la superfice della Luna.

La NASA ha dichiarato che alcune zone della Luna sono considerate “zone proibite”, come i luoghi di atterraggio delle missioni Apollo. La domanda che ci si pone e’ se la Cina osservera’ questi divieti imposti dalla NASA.
Gli argomenti della NASA che intendono a giustificare questo divieto sono quelli di preservare le aree dove gli astronauti potrebbero aver lasciato le loro tracce e che i batteri potrebbero aver mutato. Tuttavia, il trattato del 1967 stabilisce che nessun paese ha il diritto di rivendicare il possesso della luna. Questa è un’occasione storica per il programma spaziale Cinese.
Speriamo quindi che la Cina possa rendere pubbliche le informazioni ottenute dalla prossima missione lunare.

 

McClelland, in un suo articolo del 2004, ha riportato una conversazione avuta con il Col. Ellison Onizuka, specialista di missione sullo Space Shuttle Challenger, solo alcuni giorni prima che la navetta esplodesse il 28 gennaio 1986, causando la tragica morte di tutto l’equipaggio.

Secondo McClelland, Onizuka gli chiese se il suo cognome avesse un qualche collegamento con la base dell’aereonautica McClellan, a Sacramento in California.  McClelland, sorpreso dall’inconsueta domanda, rispose negativamente. A quel punto Onizuka riferì che, approssimativamente otto o nove anni prima del suo addestramento da astronauta, presso la suddetta base, egli ed altri ingegneri di volo aerospaziale e piloti dell’USAF furono condotti in una stanza ove fu proiettato un filmato di esseri alieni morti. I corpi degli esseri, giacenti su lastre di marmo,  avevano grandi teste e grandi occhi, tipici degli alieni della razza dei “Grigi”.

Gi ufficiali presenti alla proiezione furono colti completamente alla sprovvista da quello spettacolo, e non fu data loro alcuna possibilità di discutere ciò che avevano visto

 

Col. Ellison Onizuka

 

Onizuka pensò che si trattasse di un qualche tipo di test psicologico per testare la loro reazione complessiva.

 Il colonnello Onizuka iniziò il proprio servizio attivo nell’Aereonautica nel 1970, e fu selezionato come astronauta per la NASA nel 1978. Prestò servizio presso la base di McClellan durante i primi anni ’70 ed è quindi probabile che l’episodio a cui egli fece riferimento si sia verificato in quel periodo.

 

Leonard Stringfield, ricercatore noto per i suoi studi in materia di UFO crash

 

Come al solito è difficile determinare quanto di cui sopra corrisponda a verità, è però utile ricordare che verso la fine degli anni 70’ il ricercatore Leonard Stringfield raccolse molte storie simili. Parecchi militari riferirono di aver visto filmati mostranti esseri alieni e la loro tecnologia. In particolare, uno specialista di radar  disse a Stringfield  che nel 1953, mentre era di stanza a Fort Monmouth, New Jersey, gli fu mostrato il film di un UFO apparentemente precipitato nel deserto.

 Le immagini contenevano anche una breve prospettiva dell’interno del disco e corpi di alieni morti in una  tenda militare.

Il filmato era pieno di graffi e di resa grafica piuttosto scadente, segno che era stato proiettato molte volte. L’ufficiale presente alla proiezione disse ai presenti “di pensarci su e di non parlarne con nessuno”. Due settimane dopo, un ufficiale dei servizi di intelligence della base disse all’operatore radar di dimenticare il film che aveva visto perché si trattava di una beffa !

Qualche anno dopo un altro militare, anch’egli operatore radar, raccontò al testimone di aver visionato lo stesso film e di aver ricevuto le medesime istruzioni.

Per quale oscuro motivo il governo americano ha mostrato a militari con precise credenziali (operatori radar, astronauti) filmati su UFO ed alieni? Forse per prepararli in qualche modo a possibili contatti con intelligenze extraterrestri, considerate anche le mansioni svolte? Non è infatti del tutto improbabile che un astronauta, nel corso delle proprie missioni, possa in qualche modo fare simili incontri. Sono del parere che una mancata informazione sulla materia da parte della Nasa abbia potuto causare i traumi di cui hanno sofferto gli astronauti delle prime missioni spaziali. Bisogna infatti ricordare che l’equipaggio dell’Apollo XI accusò strani disturbi al ritorno sulla Terra: Buzz Aldrin soffrì per molto tempo di una grave forma di depressione, mentre Neil Armstrong divenne insolitamente misantropo e taciturno.

http://surtado.com.br/tecnologia/bomba-em-2012-nave-da-china-descobre-estruturas-extra-terrestres-na-lua

http://misteroufo.blogspot.it

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
31 gennaio 2014 5 31 /01 /gennaio /2014 23:15

     In una rivista quantomeno controversa, Fenix, troviamo, nel numero 30 dell'aprile 2011, un articolo su uno studioso misterioso, Michael Tellinger, il quale avrebbe confermato le teorie di Zecharia Sitchin, massone, disinformatore e amico del potente ed influente Padre Balducci, membro quest'ultimo della Curia della Chiesa Cattolica Romana e ferreo credente degli UFO New Age (una civiltà aliena evoluta spiritualmente che vuole aiutarci nel nome dell'Amore Universale e altre amenità).

Zecharia Sitchin e Monsignor Corrado Balducci a Bellaria (2000)

Questa rivista e la sua gemella, Xtimes, ci hanno abituato oramai da tempo a mischiare temi seri, scottanti e documentati (come le scie chimiche, il nuovo ordine mondiale, le tecnologie di modificazione climatica ecc.) a strane teorie come quella che il mondo è controllato e visitato da una razza aliena macrocefala o che gli umani sono una creazione degli Anunnaki, sulla scia di quanto propagandato dal noto disinformatore New Age David Icke. In tal modo, l'associazione tra le scie chimiche, il nuovo ordine mondiale (fatti documentati) e gli alieni macrocefali e serpentiformi (teorie non documentate) induce il lettore medio ad associare il tutto al mondo della fantascienza e della bizzarria. Come abbiamo già visto, questa è una delle tecniche per screditare informazioni scottanti, che se fossero presentate con la dovuta serietà da ricercatori preparati rischierebbero di mettere in crisi il sistema di potere. Allora succede che si mandino all'arrembaggio tali losche figure, le quali, associando il NWO e le scie chimiche agli alieni grigi macrocefali e agli Anunnaki del pianeta Nibiru, rendono il tutto una storia ridicola da fantascienza, oltre ad occultare i principali responsabili umani di tali atti disumani, di cui non parlano mai se non in qualche nota a margine. 
In tal modo, nella mente del ricercatore razionale che ha letto del Nuovo Ordine Mondiale solo attraverso i libri David Icke, un articolo come Il Piano di Governance Globale del Council on Foreign Relations e il Nouvo Ordine Mondiale pubblicato dal nostro blog e che analizza documenti originali del CFR per provare inconfutabilmente il progetto globalista di tale think tank, non verrà mai preso seriamente in considerazione, perché nella mente di tale ricercatore coi piedi per terra il tutto verrà associato agli alieni grigi e ai rettili mutaforma, e quindi non valevole di serio approfondimento.
Tali losche figure di cui stiamo parlando sono il falso opposto ai classici disinformatori identificati come tali. E non di rado li vediamo beccarsi fra di loro senza sosta, e ciò spinge le persone a schierarsi in modo dogmatico e fideistico "O con noi o contro di noi", sulla scia della dialettica dei falsi opposti, all'interno di un conflitto artificiale dove verità e menzogna sono sapientemente spalmante da entrambe le parti. Ricordatelo bene: tali losche figure sono molto più manipolatorie ed inquietanti dei disinformatori classici e popolano la rete con le loro teorie bizzarre sull'origine "sovrumana" delle scie chimiche ed altre corbellerie contattiste e ufologiche non documentate (spesso le misere prove che propongono alle loro tesi sono le cosiddette canalizzazioni ad opera di misteriose entità molto sospette; inoltre non affermano mai, se non molto raramente, che i cosiddetti UFO possano essere di matrice umana).
Naturalmente noi di nwo-truthresearch non conosciamo tutta la verità sul controllo mondiale, l'origine dell'uomo e dell'universo (non parteggiamo nemmeno per Revolution Harry e la sua credenza nella creazione divina, come esposto nel suo articolo da noi sotto tradotto; ma condividiamo la sua affermazione quando dice di rimanere di mentalità aperta); siamo solo un blog di ricerca; reputiamo quindi che sia lecita anche la speculazione non documentata; ma pensiamo che questa debba essere ben distinta dalla ricerca documentata e non vada mischiata ad essa in un minestrone senza capo ne coda, con teorie New Age che, stranamente, vanno sempre nella stessa direzione (2012/salto quantico/Teosofia/Nuova Religione Mondiale ecc.), con il risultato di mettere tutto sullo stesso piano, proporre gli obiettivi del NWO come soluzioni dal basso e screditare le tesi più solide.
E adesso arriviamo all'interessante 
articolo sulla figura di Tellinger del blog Revolution Harry. Leggetelo con attenzione. 


RevolutionHarry
venerdì 17 giugno 2011
traduzione:
http://nwo-truthresearch.blogspot.com

Alcuni giorni fa un utente anonimo ha lasciato un link ad una serie di video di qualcuno chiamato Michael Tellinger. Non avevo mai sentito parlare di lui prima d'ora, ma guardando il video è emersa una storia familiare. L'ho incontrata molte volte in passato ed i temi in essa contenuti sembrano essere molto popolari nei movimenti New Age e del 2012.
La teoria di Tellinger sull'origine dell'umanità sembra essere quella che noi siamo stati creati dagli alieni che poi ci hanno usati come schiavi per estrarre l'oro. Potrei tentare una discussione molto dettagliata, ma con altre cose a limitare il mio tempo farò solo alcune osservazioni.
In primo luogo Tellinger afferma che Dio, il Dio della Bibbia, sembra ossessionato dall'oro. Il versetto che usa come riferimento è Genesi 2:11. In questo versetto Dio effettivamente accenna che c'è 'oro' nella 'terra d'Avila', ma questo difficilmente rivela un'ossessione. Molto più importante è anche il ricordare che questa è parte della storia della creazione della Genesi. In questo contesto l'oro citato è parte di quella creazione che sembra contraddire completamente l'idea che questo sia lo stesso dio che ci ha creati per farci estrarre le cose per il suo vantaggio.
In seguito c'è la questione della schiavitù. Questa è una questione lunga e complessa e faccio fatica qui a renderne giustizia. Basti dire che la schiavitù di cui parla la Bibbia ha poco a che fare con ciò che in Occidente sarebbe oggi comunemente considerato schiavitù. Quest'ultima è la schiavitù del lavoro forzato che si vedeva in gran parte in America, ai Caraibi e altrove intorno nei secoli XVII e XVIII. Lo 'schiavo' della Bibbia potrebbe essere invece più facilmente descritto come 'servo' ed era spesso e volentieri un affare di volontariato. Da questo sito si legge che:

"La libertà nell'antico Vicino Oriente era uno stato relativo, non assoluto, come illustra l'ambiguità del termine di "schiavo" in tutte le lingue della regione. "Schiavo" poteva essere usato per riferirsi ad un inferiore nella scala sociale. Così, i sudditi di un re potevano essere chiamati i suoi "schiavi", anche se liberi cittadini. Lo stesso re, se era un vassallo, era lo "schiavo" del suo imperatore; allo stesso tempo re, imperatori e gente comune erano "schiavi" degli dei. Anche un socialmente inferiore, quando stava parlando ad un socialmente superiore, si riferiva a se stesso per cortesia come "il tuo schiavo"."
Neppure la 'schiavitù' era una faccenda di tutta la vita perché i molti, se non la maggior parte, in questa posizione, potevano essere liberati (se lo desideravano) dopo un periodo di tempo.
Dallo stesso articolo si legge che:

"In Israele non avrebbe dovuto esserci affatto nessun povero! (In conformità con lo spirito e la lettera del patto che avrebbe dovuto produrre una società caratterizzata dalla giustizia, dalla compassione a dalla prosperità).
4 Nondimeno, non vi sarà alcun bisognoso tra voi; poiché l’Eterno senza dubbio ti benedirà nel paese che l’Eterno, il tuo Dio, ti dà in eredità, perché tu lo possegga, 5 purché però tu ubbidisca diligentemente alla voce dell’Eterno, ch’è il tuo Dio, avendo cura di mettere in pratica tutti questi comandamenti, che oggi ti do. (Deuteronomio 15:4)
Ma Dio è un realista (Dt 15.11!); quindi ha fatto una serie di disposizioni di legge per i poveri [a per la protezione degli 'schiavi'].
 
Il punto è che il tipo di schiavitù forzata ed economica a cui allude Tellinger è allo stesso tempo molto rara nella Bibbia e specificatamente regolamentata da Dio per contrastarla. Per lo meno essa non dimostra che Dio ci ha creati come suoi schiavi.


Egli cita poi il serpente alato che molte disparate culture pensano come il loro dio creatore. Questo è stato, insieme ai dischi solari alati, la rappresentazione del dio sole, che è il simbolo di Lucifero, piuttosto che quello degli alieni. Lucifero è la divinità solare che rappresenta l'angelo caduto ed è stato spesso rappresentato con le ali e/o come un serpente o un drago. Nessuna evidenza di alieni qui. Egli ci parla di "anello mancante" dell'evoluzione. In realtà questo è uno dei molti buchi nella teoria dell'evoluzione. La sua soluzione è che gli alieni scesero giù e manipolarono il DNA dell'uomo di Neanderathl e nel processo crearono l'Homo Sapiens. Naturalmente non c'è alcuna prova di ciò. Più interessante è l'osservazione di Walter Veith nella serie di conferenze sulla Creazione. Pur essendo inizialmente scettico ho trovato le prove di Veith molto più convincenti di ogni altra cosa che Tellinger ci dispensa. Egli afferma che, lungi dall'essere un precursore dell'uomo moderno, i resti di quello di Neandertahl sono stati trovati negli stessi strati di quelli dell'Homo Sapiens, suggerendo che essi furono contemporanei.
Le piramidi sono menzionate come prova del coinvolgimento degli extra-terrestri sul pianeta Terra. La Bibbia parla di civiltà pre-diluviane ed è probabile che esse furono all'origine delle piramidi. Indipendentemente, le piramidi stesse non offrono alcuna prova di un intervento alieno. Tellinger afferma coraggiosamente che ci sono prove schiaccianti di visite aliene. Se ci sono devo ancora vederle. C'è una grande quantità di congetture e speculazioni, ma poche, e affatto solide, evidenze. Spesso sentiamo dire che ci sono prove di ciò nelle opere d'arte antiche. Questo è facilmente confutato in questo video, UFO's in Ancient Art Debunked, di Chris White. (in italiano vedi questo link, ndr).
Quello che abbiamo visto è il grado schiacciante di programmazione predittiva delle 'elite' riguardo agli alieni. Non mi sorprenderei se l'idea degli 'alieni che ci hanno creato' andrà per la maggiore nello smarrimento da "fine dei tempi" di cui essi sembreranno essere i pianificatori. Qualsiasi cosa per minare l'idea che siamo stati creati da Dio. Ho esaminato questa idea nel post 'We Need World Government Because of Space Aliens' (Abbiamo bisogno del Governo Mondiale a causa degli Alieni Spaziali), dove citavo il ricercatore Bill Cooper che diceva:"il fenomeno UFO...ha tutte le caratteristiche delle più riuscite, più sofisticate, operazioni di controllo mentale nella storia del mondo."
Poi abbiamo sentito l'affermazione spesso fatta che tutte le guerre sono state causate dalla religione. Questo non risulta essere affatto vero dopo un esame accurato. Tutte le guerre sono state causate dalla 'elite' regnante che ha usato la religione come una foglia di comodo. Chris White, ancora una volta, ha fatto un ottimo video su questo argomento, dal titolo  'Religious Wars, Fact or Fiction?' (Guerre di Religione, Realtà o Fantasia?). Una puntualizzazione che dovrebbe essere fatta su questo tema è che, anche se le guerre perseguite in nome del Cristianesimo andavano specificatamente contro gli insegnamenti di Gesù stesso, purtroppo questo non si può dire per l'Islam. Detto questo, la maggioranza dei musulmani probabilmente vogliono vivere una vita tranquilla, proprio come noi del resto. Purtroppo per loro, la religione a cui aderiscono appare essere particolarmente bellicosa e il loro stesso profeta era un signore della guerra. Qualcosa che Chris White fa del suo meglio per sorvolare nel video.
Abbiamo poi l'affermazione che gli Annunaki della Bibbia erano davvero degli alieni. Anche se Tellinger non si riferisce specificamente a Zecharia Sitchin, è stata la sua opera che ha reso popolare questa teoria. Molto di quel lavoro è stato ora smascherato in modo efficace.
Sul sito web 'Sitchin is Wrong' leggiamo:

Zecharia Sitchin
"Come scritto nella mia lettera aperta a Zecharia Sitchin, io ho sfidato lui e altri ricercatori sugli antichi astronauti a produrre una riga di un testo cuneiforme che dimostri la sua idea sul fatto che gli Annunnaki compaiono davvero nei testi Sumeri. Voglio vedere una riga di un testo che dice cose come quelle che gli Annunaki abitano un pianeta o abitano Nibiru, o che il termine "Annunaki" significhi "persone dei razzi di fuoco, o quel genere di cose".
Altre prove sembrano suggerire che gli Annunaki potrebbero essere stati degli angeli caduti che sono venuti giù con Lucifero, ma non ho il modo di dimostrarlo con sicurezza. E' sufficiente dire che questa testimonianza non "prova" che gli Annunaki erano alieni.
Allo stesso modo l'affermazione che la Bibbia è stata presa direttamente dai testi Sumeri si è anch'essa dimostrata errata, sebbene i due la ricavino da alcune idee comuni.
Un'altra osservazione circa Sitchin è che lui è chiaramente un massone, come testimonia la stretta di mano massonica tra lui e Jordan Maxwell, visibile chiaramente in questo video
.

Tellinger afferma anche che il dogma Biblico ha schiavizzato le persone. C'è stato un tempo in cui potevo essere d'accordo con lui. Da allora sono arrivato a rendermi conto di quanto il sistema di controllo pagano e occulto, che è stato sviluppato a Babilonia, ha infine trovato la sua strada verso Roma. Questo stesso sistema si è quindi successivamente avvolto in una versione paganizzata del Cristianesimo al fine di ingannare, manipolare e controllare. E' questo, piuttosto che la Bibbia stessa, che ha schiavizzato la gente, il che è ironico, visto che è anche la fonte di gran parte della filosofia New Age che Tellinger abbraccia.
Ad un certo punto Tellinger inizia a parlare della prova delle visite aliene (che egli in realtà non fornisce) e poi devia in una storia completamente indipendente su Nikola Tesla. Mentre la storia di Tesla è interessante e potrebbe contenere qualche verità, in nessun modo rivela di avere qualcosa a che fare con gli alieni.
In seguito c'è l'affermazione dell'oro che sta scomparendo. Egli la porta senza uno straccio di prova del fatto che l'oro stia realmente scomparendo. La conclusione è che i nostri creatori alieni ci stanno ancora usando a loro beneficio per le miniere d'oro, che stanno rimuovendo dal pianeta. Uno scenario molto più probabile è che i veri controllori di questo mondo stiano accaparrandosi il mercato in oro prima di un crash finanziario e bancario costruito a tavolino. Può anche darsi che riescano a convincerci che il ritorno al gold standard è una buona idea (no la è). In un senso o nell'altro, non si ottiene alcuna prova che gli alieni stiano mandando il nostro oro in un qualche pianeta lontano.
Dopo tutte queste congetture ci viene detto che dobbiamo 'abbracciare la verità di chi siamo'. Qual'è esattamente la 'verità'? Seguendolo attentamente noi arriviamo ai criteri della solita roba New Age/2012/Gesuiti (Teilhard de Chardin) dell'evoluzione della coscienza.
Questo meme è stato propagato da una varietà di fonti diverse. Tutto alimenta l'idea che ci apprestiamo a vivere un 'cambiamento di coscienza' all'interno dell'unità nell'anno 2012 o giù di lì. Ne avevo parlato prima, ma essenzialmente si tratta di un'abile psy-ops progettata per creare una falsa unità prima dell'arrivo della falsa utopia con la quale stanno cercando di tentarci. Questo necessiterebbe un post tutto per se, quindi lo abbandono qui per il momento.


Poi arriviamo forse al pezzo più pazzesco di tutti. Sembra che gli alieni ci abbiano creato, ma nel momento in cui ci hanno spento il DNA responsabile della telepatia, noi abbiamo sviluppato quindi queste orribili voci e orecchie. Bizzarro per non dire altro. Personalmente non credo che la voce o la capacità di ascoltare l'audio sia un difetto di qualsiasi tipo. Né sono convinto che la telepatia sarebbe stata alcun tipo di miglioramento. Piuttosto, il perché dovremmo manipolare il nostro DNA in modo da non dover più parlare o ascoltare va al di là della mia comprensione. Da un punto di vista più preoccupante, ciò che questo e l'intera teoria degli 'alieni che ci hanno creato' alimentano è l'agenda del transumanesimo. Abbiamo visto accenni di questo nei film Zeitgeist. In sostanza, quello che Essi vogliono fare è manomettere il nostro DNA e renderci degli schiavi migliori. Essi, ovviamente, vestiranno tutto ciò con un linguaggio opportunamente soffice da farlo sembrare 'progressista' o qualcosa di simile, ma la linea di fondo è che Essi vogliono cambiarci in qualcosa di più adatto per i loro scopi.
Proprio al culmine di questa strada otteniamo l'ennesima affermazione sgangherata che i nostri pensieri stanno lasciando questo pianeta e verranno raccolti da civiltà avanzate. E la prova di questo qual'è? Allo stesso modo la visione a distanza è discussa come se fosse un fenomeno comprovato. Io rimango di mentalità aperta su cose come la visione a distanza, ma so che non ha nulla a che fare con gli alieni che ci hanno creato come schiavi per estrarre l'oro. 
Infine, e inevitabilmente, arriviamo alla solita roba del 2012 dei Maya che è stato affrontato efficacemente altrove. Fedelmente a questa mentalità ci viene detto che la loro informazione gli è stata data da esseri avanzati, senza che venga prodotta alcun tipo di evidenza. Poi ci viene detto che i Maya, insieme ad altre culture Indiane Sud Americane, furono spazzati via dalla Chiesa Cattolica. La facile deduzione è che questi furono quei brutti Cristiani, mentre in realtà fu il paganesimo Babilonese mascherato da Cristianesimo che fu il vero colpevole.
Tellinger poi ci dice che l'umanità non potrà continuare lungo il percorso che sta attualmente seguendo. Naturalmente scopriamo quindi che i cambiamenti devono venire da un intervento esterno. Presumibilmente dagli 'alieni buoni
'. Questo è esattamente ciò che tutta la programmazione predittiva aliena sta preparando per noi. E come tale io non sarei affatto sorpreso se agli 'alieni' venisse fatto giocare qualche ruolo nella grande illusione della fine dei tempi mentre l'élite compie le proprie mosse finali verso il governo mondiale.


Volevo poi scoprire qualcosa di più sul Contribuzionismo, la sua soluzione o la sua visione del futuro. Questo mi ha portato a guardare un'altra serie di video che avrebbero dovuto spiegare il significato di questo concetto. 
In entrambi i video c'erano accenni che i cambiamenti richiesti sarebbero arrivati solo dopo una sorta di apocalisse. Ad un certo punto egli (Tellinger) ha detto che 'una nuova era (età?) sorgerà dalle ceneri' della vecchia, lasciando intendere che egli possa conoscere più di quello che sta dicendoci. Un simbolo principale della massoneria è la fenice che rinasce dalle fiamme e dalle ceneri, creando presumibilmente un ordine dal caos. Anche se appare impossibile affermare se Tellinger sia o no un massone, la possibilità esiste e si basa sul suo uso di parole in codice massonico.
La dichiarazione di Tellinger mi ha ricordato una citazione della teosofa Alice Bailey. Ella disse:

Alice Bailey
"Il Nuovo Ordine Mondiale deve essere adatto ad un mondo che è passato attraverso una crisi distruttiva e ad un'umanità che è stata gravemente sconvolta da questa esperienza. Il Nuovo Ordine Mondiale deve porre le basi per un futuro ordine mondiale, che sarà possibile solo dopo un tempo di recupero, rifacimento e di ricostruzione."
Nei video sul Contribuzionismo Tellinger in realtà dice che gli piace chiamare la sua visione del futuro un Nuovo Ordine Mondiale in modo da rubare, in qualche modo, il tuonare degli 'Illuminati'. Per me, ciò è altamente sospetto, per non dire altro. Forse un abile pezzo di psy-ops? Il fatto è che il suo Nuovo Ordine Mondiale è esattamente lo stesso di quello dei teosofi, dei massoni e degli occultisti assortiti che includono gli Illuminati. Una falsa utopia e una mentalità conformata da alveare (unità) al servizio del dio sole Lucifero. Ad un certo punto ci viene detto che dobbiamo superare l'idea che siamo individui unici, perchè, afferma sfacciatamente, non lo siamo.
I video sul Contribuzionismo non sono particolarmente illuminanti ma noi riusciamo a racimolare un paio di cose, la prima delle quali è che c'è uno stretto parallelismo col Progetto Venus. Mi sarei sorpreso di più se non ci fosse stato. Appare che il denaro sia la radice di ogni male (e non che sia l'amore del denaro), quindi dovremmo immaginare un mondo senza di esso. Non solo il fatto che dobbiamo togliere valore alle cose che eliminano l'eventualità del baratto. Noi non avremmo bisogno di nessuna di queste cose, perché tutti lavoreranno per un 'obiettivo comune' (un altro modo di dire sospetto), seguiranno le proprie passioni e noi potremmo avere tutto ciò che ci serve liberamente.
In un precedente post abbiamo visto il Venus Project descritto come il Comunismo del 21° secolo e io vedo poca differenza tra questo e il Contribuzionismo.
Ci sono numerose falle nel sistema attuale, che a quanto pare è stato progettato in ultima analisi per fallire, ma, come per il Progetto Venus, l'unica via che il Contribuzionismo vedrebbe come possibile sarebbe un governo mondiale totalitario in cui è stato soppresso ogni dissenso (infatti, nel vedere come si comportano i fan di Zeitgeist verso chi dissente dai loro piani totalitari abbiamo molto di che preoccuparci, ndr). A mio parere ogni sorta di governo mondiale sarebbe un disastro, ma in particolar modo in questo momento, ma io sono ancora aperto a nuove idee e modi di pensare. Come ha detto altrove un altro commentatore, lasciate che quelli dietro il Venus Project vadano a comprare qualche pezzo di terra e vivano il loro sogno utopico per 25 anni di modo da poter valutare la fondatezza del sistema prima di convertire l'intero mondo ad esso. Esattamente lo stesso si può dire per il Contribuzionismo.
A mio modesto parere, il Contribuzionismo e il progetto Venus sono carote utopiche che vengono sventolate davanti agli appartenenti dei movimenti New Age e 2012, al pari di molti cosiddetti 'dispensatori di verità' che sono parimenti caduti su questo binario. Lo scopo è quello di ottenere un governo mondiale con ogni mezzo possibile. L'élite non si preoccupa, sa che arriverà alla fine a controllarlo. Che si tratti di Zeitgeist o di un video di Michael Tellinger la soluzione è sempre simile.
Questo è stato solo un breve sguardo a questi video, ma ci è stato sufficiente per riconoscere molti temi della New Age, che sono così diffusi in questo momento. Uno degli obiettivi fondamentali di queste tematiche sembra essere l'indebolimento e lo screditamento della Bibbia e dell'idea che ci sia un Dio amorevole che ci ha creato tutti quanti. Rimango di mentalità aperta e sono disposto a prestare attenzione a qualsiasi informazione, ma temo che questi video non resistano a qualsiasi tipo di verifica e sono purtroppo carenti di qualsiasi cosa che assomigli remotamente ad una prova.

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
30 gennaio 2014 4 30 /01 /gennaio /2014 22:38

 

Lo scorso 18 aprile la "X-Conference" di Washington D.C. ha visto la partecipazione come relatore dell´onorevole Paul Hellyer, ex vice Primo ministro e ministro della Difesa del Canada. Hellyer ha pronunciato un discorso di enorme portata politica, un appello al popolo degli Stati Uniti affinché venga sollevato il velo di segretezza che ricopre la
questione UFO e la presenza di esseri extraterrestri in visita al pianeta Terra. Espresso nella capitale degli Stati Uniti, a pochi passi dalla Casa Bianca, il discorso di Hellyer è stato totalmente ignorato dai grandi media statunitensi.

 

 

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
27 gennaio 2014 1 27 /01 /gennaio /2014 23:12

  Provando a teorizzare come vive una società extra terrestre, si scopre che non sarebbero tanto diverse dalla nostra. NEW YORK (WSI) – Nessuno sulla Terra, molto probabilmente, è ancora […]Provando a teorizzare come vive una società extra terrestre, si scopre che non sarebbero tanto diverse dalla nostra.

NEW YORK (WSI) – Nessuno sulla Terra, molto probabilmente, è ancora entrato in contatto con civiltà aliene e nessuno quindi può avere la più pallida idea di come siano, di come vivono e di cosa fanno gli extra terrestri.

Il sito di informazione io9 ha provato ad immaginare una serie di scenari plausibili di come potrebbe essere una civiltà aliena e quello che, ad oggi, sappiamo, o almeno pensiamo di sapere.

Se guardiamo nei cieli e osserviamo l’infinità di stelle che si possono vedere e pensiamo che solamente la nostra galassia ne ospita 400 miliardi e che vi sono, probabilmente, all’incirca 170 miliardi di galassie che a loro volta contengono un’infinità di stelle che potrebbe arrivare a toccare cifre impensabili, diventa abbastanza improbabile la nostra sia l’unica civiltà intelligente in tutto lo spazio.

Come diceva anche l’autore di fantascienza e inventore britannico Arthur C. Clarke: “Esistono due possibilità: o siamo soli nell’universo o non lo siamo, e sono una più terrificante dell’altra”.

Per capire meglio come potrebbero vivere gli alieni, bisogna fare affidamento su quello che conosciamo e riflettere su un punto principale: le leggi della fisica. Quando infatti si cercano di fare previsioni su qualcosa o qualcuno di cui non si sa nulla, i filosofi a volte consigliano di dare un’occhiata da vicino a noi stessi e alla nostra evoluzione.

Per capire come potrebbero essere strutturate altre eventuali forme di vita, bisogna vedere come ci siamo evoluti noi stessi. Forse questa non sarà un elemento appartenente a tutte le civiltà aliene, ma le leggi della fisica sono uguali per tutto l’universo e di conseguenza anche altre civiltà aliene hanno operato, o operano, con queste. Certo è tutta una questione di punti di vista e di relatività, ma in base alle nostre conoscenze possiamo affermare che forse l’evoluzione degli alieni non può essere tanto diversa dalla nostra.

ANCHE PER ALIENI PROGRESSO TECNOLOGICO E POLITICO

Ad esempio il fisico Don Lincoln, autore anche di un libro sul tema, sostiene che la vita intelligente debba nascere in ambienti simili e svolgere determinati processi evolutivi.

Questo non vuol dire che tutti dobbiamo discendere dai primati, ma certi elementi evolutivi devono essere uguali ovunque.

Ma cosa sappiamo noi sulle civiltà aliene? Sicuramente, come detto, che tutte attraversano dei processi evolutivi, come accaduto a noi, passando per diverse ere.

Lo stesso accade per l’intelligenza che affronta a sua volta processi evolutivi e quindi porta poi ad avere progressi tecnologici. Ad esempio, i cosmologi oggi giorno non possono fare a meno dei telescopi, come i microbiologi dei microscopi, ed è stato sempre frutto di un processo evolutivo.

Come ultimo punto si può riflettere sui vari sistemi politici.
Se sulla Terra nel corso dei secoli sono nati e si sono instaurati varie correnti e anche governi con sistemi politici basati sulla democrazia, l’autoritarismo, il capitalismo e il collettivismo, probabilmente le civiltà aliene hanno affrontato, a loro volta, gli stessi passaggi.

Magari in modo diverso, però mostrando anche in questo caso dei passaggi evolutivi progressivi.

Fonte: io9.com

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg