Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
11 luglio 2014 5 11 /07 /luglio /2014 22:45

 

Cropcircle
L'affascinante crop circle apparso nella città di Boskovic, lo scorso 28 giugno mostra una serie molto interessante di codici da decifrare. Ecco le foto e il significato.
viking-Cropcircle
1. Tali sono le spettacolari riprese aeree di questo cerchio nel grano di oltre 90 metri di diametro. Si osserva una stella a quattro punte e una serie di archi nel centro della figura. Gli archi del centro sono divisi in tre parti distinte perfettamente.

2. Se si guarda, la metà del cerchio esso è appare scuro (senza pieghe degli steli) e l'altra metà è chiara (steli piegati).La figura ricorda la bussola solare dei popoli del Nord Europa.

3.Sebbene la formazione fosse un po 'danneggiata dal vento e dai visitatori di passaggio, si puo’ notare al centro della stessa un interessante codice scoperto e decifrato dai ricercatori J.Parma, L.Susil e Dr.Drew. I numeri 3, 6, 0 e 5, entrambi corrispondenti ai 360 gradi della bussola come i 365 giorni dell'anno, hanno la funzione di un calendario solare e indicatore polare.

Ricerca: Vicente Fuentes
Fonte consultata:. Dr.Horace R.Drew 
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
10 luglio 2014 4 10 /07 /luglio /2014 21:09

559104_125986394222726_487276613_nQuelle che seguono sono una parte importante delle innumerevoli dichiarazioni sugli UFO da parte di personaggi del mondo militare, governativo e scientifico, che hanno ricoperto ruoli significativi spesso strettamente attinenti agli UFO. Si tratta di dichiarazioni autentiche che non possono essere smentite, e sono supportate da evidenze riscontrabili in molti eventi accertati.

Ho personalmente fatto le traduzioni dalla lingua delle fonti originarie, cioè per lo più dall'inglese, riguardo alla maggior parte delle seguenti dichiarazioni, ed ho scelto una esposizione più o meno cronologica, a partire dal 1947 fino ai giorni nostri, cercando di dividere le dichiarazioni tra militari e scienziati.

 

   - Il capo dell'FBI, J. Edgar Hoover, scrive questo memo a mano poco dopo la caduta del disco volante a Roswell nel 1947, in risposta all'ordine governativo di far stare l'FBI fuori dall'affare UFO: "Lo vorrei fare, ma prima di obbedire noi dobbiamo insistere sul pieno accesso ai dischi recuperati. Per esempio, nel caso di La. l'esercito lo ha sottratto e non ci ha permesso neanche un esame superficiale".  Nel 1949 in un documento FBI si afferma: "Gli UFO sono considerati top secret dagli ufficiali dell'intelligence appartenenti all'esercito ed all'aereonautica militare." 

- Luogotenente Walter Haut, ufficiale addetto all'ufficio stampa della Roswell Army Air Base: "Eravamo effettivamente in possesso di un disco volante, era stato trovato in un ranch a nord di Roswell. L'informazione fu data a me dal Colonel Blanchard. La copertura fu orchestrata molto bene e velocemente da Washington attraverso vari canali. Dovevamo dire che era tutto falso, che era solo un pallone meteorologico".

- Harry S. Truman, Presidente USA: "Posso assicurarvi che i dischi volanti, nella 'ipotesi' che esistano, non sono costruiti da nessuna potenza della Terra".

 

- Generale Nathan Twining, capo dell'Air Materiel Command (AMC), Chief of Staff, US Air Force, capo del Joint Chiefs of Staff, nel 1947 dichiarava che: il fenomeno dei dischi volanti è qualcosa di reale e non visionario o fittizio. Ci sono oggetti che hanno approssimativamente la forma di un disco alcuni dei quali appaiono piatti nella parte inferiore e presentano una cupola nella parte superiore. Questi oggetti sono grandi come un aereo ed hanno una superficie metallica o luminosa. Inoltre, essi mostrano prestazioni e manovrabilità straordinarie senza produrre suoni e fanno azioni evasive quando sono intercettati dagli aerei e dai radar.

Aggiunge che le caratteristiche operative riportate di tali oggetti, quali estremi ratei di salita, manovrabilità (particolarmente nel rollìo) ed azioni che possono essere considerate evasive quando avvistati o contattati da radar ed aerei amici, inducono a ritenere che alcuni di tali oggetti possano essere controllati in modo manuale, automatico o da remoto.

 

- Luogotenente George Gorman, pilota di un caccia F51 che ingaggiò una battaglia aerea di 30 minuti con un piccolo UFO nel 1948. ha dichiarato "Sono convinto che ci fosse qualcosa di pensante dietro alle manovre di quella cosa".

- Comandante Robert McLaughlin, responsabile della Ricerca Missilistica dell'USAF e della base missilistica di White Sands nel Nuovo Messico, nel 1949 affermava che: "i Dischi Volanti non hanno nulla a che fare con qualsiasi esperimento esercitato da scienziati americani o da chiunque sulla Terra". "Se queste cose sono vere, queste provengono da un altro pianeta, in cui le creature sono molto più avanti di noi nell'utilizzo della scienza". "Ho sentito dire che sono navi spaziali provenienti da Marte, che sono state attratti dalla nostra Terra, dalle esplosioni e dalla bomba atomica, affascinati da ciò che hanno visto, hanno continuato a mantenere un occhio su di noi." Dichiarò anche:  "Il 7 e il 27 aprile 1948 ho visto dischi volanti inseguire missili e sorpassarli in velocità".

- In un documento ufficiale del 21/10/1950, si legge la seguente affermazione: "La Security Division, AEC, Oak Ridge; la Security Branch, NEPA division, Oak Ridge; l'AEC Security Patrol, Oak Ridge; l'FBI, Knoxville; l'Air Force Radar and Fighter Squadron, Knoxville; e l'OSI, Knoxville, Tennessee, falliscono nel dare una adeguata spiegazione al soggetto (ndr gli UFO), e le possibilità che siano scherzi, isteria di massa, palloni di qualsiasi tipo, uccelli con o senza oggetti attaccati, foglie che cadono, sciami di insetti, particolari fenomeni naturali, riflessi, aquiloni volanti, oggetti lanciati da terra, oggetti trasportati dal vento, pazzie, e molti altri eventi naturali sono stati respinti a causa dell'attendibilità dei testimoni; a causa di dettagliate descrizioni simili degli oggetti fatte da differenti persone; a causa dell'impossibilità."

- Dr. H. Marshall Chadwell, assistente capo dell'Office of Scientific Intelligence della CIA, nel dicembre 1952 scrisse: "Gli avvistamenti di oggetti inspiegabili a grande altitudine che viaggiano ad alte velocità nelle vicinanze delle installazioni della difesa USA sono di una natura tale che non sono attribuibili a fenomeni naturali o a tipi di aerei conosciuti".

 

- Harry G. Barnes-Senior, Controllore del traffico aereo per la C.A.A., nel parlare dell'avvistamento di massa avvenuto su Washington nel 1952: "Per sei ore ci sono stati almeno 10 UFO che si muovevano su Washington.  Essi non erano aerei ordinari."

 

- Luogotenente D. A Swimley dell'USAF, nel 1953 avvistò con il suo aereo ben 8 UFO, i quali furono confermati dal radar e da numerosi testimonianze che includono piloti commerciali e ufficiali di polizia, dichiarò sulla faccenda in seguito a tentativi di ridicolizzare la storia: "E non ditemi che erano riflessi, io so che erano oggetti solidi".

- Air Chief Marshall Lord Hugh Dowding, ufficiale comandante della Royal Air Force durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1954 dichiarò : "Certamente gli UFO sono reali e sono di origine interplanetaria. Le prove accumulare sull'esistenza degli UFO  sono moltissime ed io accetto la realtà della loro esistenza".  "Più di 10.000 avvistamenti UFO sono stati riportati, la maggioranza dei quali non possono essere risolti utilizzando qualsiasi spiegazione scientifica, come utilizzando il fatto che sono allucinazioni, riflessi, meteore, ruote che cadono da aerei, e simili. Questi UFO sono stati tracciati dagli schermi radar e le velocità osservare erano maggiori di 14481 km orari (9000 mph). Sono convinto che questi oggetti esistano e che non sono fabbricati da nazioni della Terra. Io non vedo altra alternativa che l'accettare il fatto che siano di origine extraterrestre".

 

- Principe Filippo, Duca di Edinburgo, nel 1954 dichiarò: "Ci sono molte ragioni per credere che gli UFO esistono. Ci sono molte evidenze provenienti da testimoni attendibili".

 

- Allen Dulles, capo della CIA, nel 1955 dichiarò "Esiste la massima segretezza riguardo il tema degli UFO".

- Il leggendario Generale Douglas MacArthur l'8/10/1955 dichiarò: “Ora affrontiamo un nuovo mondo, e un nuovo cambiamento. Parliamo in termini sconosciuti, di sfruttare l’energia cosmica, e dell’ultimo conflitto fra la razza umana e le forze sinistre di qualche altra galassia. Le nazioni del mondo dovranno unirsi, dato che la prossima guerra sarà interplanetaria. Le nazioni della terra un giorno o l’altro dovranno fare uno sforzo comune, contro l’attacco di popoli provenienti da altri pianeti.”

 

- Generale Benjamin Chidlaw del Comando della difesa aerea USA (Air Defense Command), ha dichiarato: "Noi abbiamo una gran quantità di rapporti sui dischi volanti. Li prendiamo in seria considerazione dal momento che abbiamo perso molti uomini ed aerei nel tentativo di intercettarli".

- Il Capitano Jean Plantier nel 1955 fece uno studio sugli UFO e concluse che i cosiddetti dischi volanti non erano un prodotto della fantasia, ma apparecchi prodotti da civiltà evolute e suggeriva all’Aeronautica Militare Francese di intraprendere serie ricerche per sperimentare questa rivoluzionaria tecnica di volo. Plantier teorizzò anche l’esistenza di una energia inesauribile e non inquinante che gli alieni erano riusciti in qualche modo ad imbrigliare (una free energy).

- Il 16/1/1957 l'Ammiraglio S. Fahrney, capo collaudo missili della Marina Americana ha dichiarato: "Secondo informazioni degne di fede, nella nostra atmosfera giungono oggetti ad altissima velocità controllati da intelligenze coscienti. Nessun mezzo, né negli Stati Uniti, né nell'Unione Sovietica è attualmente in grado di raggiungere le velocità attribuite a questi oggetti dagli apparecchi radar e dagli osservatori. Secondo rapporti di scienziati e tecnici, questi oggetti volano in formazione e compiono manovre che sembrano indicare che essi non siano completamente controllati da un equipaggiamento automatico. Questi oggetti sono incontestabilmente il risultato di lunghe ricerche e di un insieme di cognizioni tecnologiche eccezionali".

- Generale Brigadiere João Adil Oliveira, capo della Air Force General Staff Information Service, guidò la prima inchiesta militare ufficiale brasiliana sugli UFO e nel 1957 dichiarò: "È impossibile negare ancora l'esistenza dei dischi volanti ai giorni nostri. I dischi volanti non sono illusioni, sono fatti confermati da prove materiali. Ci sono migliaia di documenti, foto e rapporti di avvistamenti che dimostrano la loro esistenza". Nel 1954 aveva dichiarato: "Il problema dei dischi volanti ha polarizzato l'attenzione dell'intero mondo, ma è serio e merita di essere trattato seriamente. Quasi tutti i governi delle grandi potenze si sono interessati a questo problema, trattandolo in modo serio e riservato, a causa del suo interesse militare".

 

- William H. Ayres, membro del congresso USA, nel 1958 dichiarò: "Le investigazioni delle commissioni congressuali sono ancora ferme sul problema degli UFO ed è un problema tale nel quale c'è molto interesse. Poiché la maggior parte del materiale presentato alle commissioni è classificato,  le sedute non sono mai state registrate".

- Maggiore Donald E. Keyhoe, United States Marine Corp: "L'Air Force aveva emesso un ordine segreto per i suoi piloti per catturare gli UFO". Inoltre fece la seguente dichiarazione in una trasmissione del 1958, che fu immediatamente troncata per motivi di 'sicurezza nazionale' non appena invece di attenersi alle frasi che gli erano state imposte di dire, Donald E. Keyhoe iniziò a dichiarare questo: "Negli ultimi cinque mesi noi abbiamo lavorato con una commissione investigativa ufficiale segreta riguardante le prove che gli UFO sono macchine reali sotto controllo intelligente".

- Luogotenente Colonnello Richard Headrick, esperto di bombardamento radar, nel 1959 dichiarò: "I dischi volanti esistono, io ne ho visti due, erano manovrati in modo intelligente (tattiche evasive, voli in formazione, galleggiamenti in aria). Essi erano veicoli, e non erano degli Stati Uniti o della Russia. Io presumo che fossero extraterrestri".

 

- Capitano Kervendal, della Gendarmeria Francese, ha dichiarato: "Sta accadendo qualcosa nei cieli che noi non riusciamo a capire. Se tutti i piloti civili e militari che hanno visto gli UFO e qualche volta li hanno inseguiti sono vittime di allucinazioni, allora a moltissimi piloti dovrebbe essere proibito di volare".

- Wilbert Smith, ingegnere radio senior del Department of Transport e capo del Progetto Magnet che fu la prima inchiesta governativa Canadese sugli UFO (negli anni 50), dichiarò: "La questione degli UFO è la cosa più altamente classificata per il Governo degli Stati Uniti, persino più della Bomba H. I dischi volanti esistono. Il loro modo di operare è sconosciuto ma uno studio approfondito è stato fatto da un piccolo gruppo guidato dal Dr. Vannevar Bush. L'intera questione è considerata dalle autorità degli Stati Uniti di grandissima importanza". Da notare che l'altissima segretezza degli UFO è rimasta tale fino ad oggi, tanto è vero che, sempre a proposito di dichiarazioni, nel Dicembre 2008 il politico australiano Malcolm Turnbull ha affermato che gli UFO hanno classificazione "Above Top Secret", la più alta esistente.

 

- Ammiraglio M Herbert B Knowles, US Navy, ha dichiarato: "So che c'è una reale necessità di passare attraverso la copertura sugli UFO di Washington e portare la verità alla gente. Sembra che ci ci sia una grande paura tra i potenti sul fatto che le persone americane cadrebbero nel panico se sapessero la verità. Quanto poco conoscono e capiscono  i loro stessi cittadini. Io sento che milioni dei nostri cittadini già credono nella realtà degli UFO."

- Vice-Ammiraglio R.H. Hillenkoetter, Comandante dell'Intelligence del pacifico nella Seconda Guerra Mondiale e successivamente capo della CIA, nel 1960 ha dichiarato: "Dietro le quinte, gli ufficiali di alto rango dell'Air Force sono seriamente preoccupati riguardo agli UFO. Ma attraverso una politica ufficiale di segretezza e di ridicolizzazione, molti cittadini sono portati a credere che gli UFO siano sciocchezze. Per nascondere i fatti l'Air Force ha zittito il suo personale".

 

- Pierre Clostermann, importante pilota militare dell'aviazione francese, ha dichiarato: "I dischi volanti sono di origine extraterrestre. Né gli  americani né i russi sono in grado di costruire macchine simili. Le caratteristiche dei dischi volanti sono infatti chiaramente superiori alle presenti possibilità della scienza".

- Colonnello Joseph J. Bryan III, fondatore del reparto CIA della guerra psicologica, assistente speciale al segretario dell'Air Force, consulente alla NATO: "Questi UFO sono apparecchi interplanetari che stanno sistematicamente osservando la Terra, e sono pilotati da equipaggi oppure sono controllati a distanza". "Le informazioni sugli UFO, inclusi i rapporti degli avvistamenti, sono state e sono ancora ufficialmente tenute nascoste".

- Barry Goldwater, Senatore USA, pilota con decine di anni di esperienza e Generale dell'Air Force Reserve, ha dichiarato: "Certamente io credo che esistono alieni nello spazio, e che essi stanno davvero visitando il nostro pianeta. Essi potrebbero non essere come noi, ma io credo che sono avanzati oltre ogni immaginazione". "Penso che si stiano effettuando degli studi governativi altamente segreti sugli UFO e noi non sappiamo nulla di essi, e probabilmente non ne sapremo mai nulla a meno che l'Air Force non li renderà pubblici". Barry Goldwater si era anche lamentato del fatto che gli era stato rifiutato il permesso di controllare i files sugli UFO dell'Air Force.

- Colonnello Hayashi, Comandante dell'Air Transport Wing della Air Self-Defense Force del Giappone, negli anni'60 dichiarò: "L'esistenza degli UFO è impossibile da negare...è molto strano che noi non siamo riusciti a trovare la loro origine dopo oltre 20 anni di indagini".

- Maggiore General E.B. LeBaily, direttore dell'informazione USAF, nel 1965 scrisse: "Molti dei rapporti sugli UFO che non possono essere spiegati provengono da individui intelligenti e molto qualificati la cui integrità non può essere messa in dubbio".

 

- Il Generale Curtis LeMay, parlando di UFO, nel 1965 ha dichiarato: "Ci sono dei casi (ufologici) che non possono essere spiegati. E mai lo potrebbero".

- Capitano e ingegnere Omar R. Pagani, direttore della inchiesta militare Argentina sugli UFO, nel 1965 dichiarò: "Gli UFO esistono. La loro presenza ed il loro movimento intelligente nello spazio aereo argentino è stato provato. La loro natura e la loro origine sono sconosciute e nessun giudizio è stato dato su questi aspetti".

 

- Generale Kanshi Ishikawa, capo dell'Air Staff dell'Air Self-Defense Force del Giappone e comandante della 2nd Air Wing, nel 1967 dichiarò: "Molte prove ci dicono che gli UFO sono stati tracciati dai radar; quindi, gli UFO sono reali e potrebbero venire dallo spazio....vario materiale ci mostra scientificamente che ci sono più individui preparati che pilotano i dischi volanti e le astronavi madre".

 

- Capitano Robert Salas delle forze aeree USAF: "La sicurezza chiamò e disse, signore, c'è un oggetto luminoso rosso che galleggia in aria proprio fuori all'ingresso principale. Io presi tutti gli uomini e ci precipitammo lì con le armi in pugno. Perdemmo tra i 16 ed i 18 ICBM (Missili nucleari  intercontinentali balistici) nello stesso momento in cui degli UFO erano nell'area. Un ufficiale di alto grado delle forze aree disse di sospendere le investigazioni, di non occuparsi più di questo e di non scrivere un rapporto sulla questione. Molte delle guardie che fecero rapporto sull'incidente furono spedite in Vietnam".

 

- Air Marshall Nurjadin Roesmin, Comandante in capo delle forze aeree indonesiane nel 1967: "Gli UFO avvistati in Indonesia sono identici a quelli avvistati nelle altre nazioni. A volte sono dei problemi per la nostra difesa aerea e in un caso siamo stati obbligati ad aprire il fuoco su di loro".

 

-  Air Commodore J. Salutun, del Consiglio Aerospaziale nazionale Indonesiano e Membro del parlamento indonesiano, nel 1967 dichiarò:Il caso più spettacolare di UFO in Indonesia è avvenuto durante il culmine della confrontazione del presidente Sukarno in Malesia, quando degli UFO penetrarono una area molto ben difesa per due settimane, e ogni volta furono accolti con quello che è forse stato il più pesante fuoco anti-aereo di sbarramento della storia".

- Colonnello Carl Sanderson, USAF, nel commentare il suo avvistamento di due UFO circolari di colore argenteo in prossimità del suo aereo: "Dalle loro manovre e dalla loro incredibile velocità sono certo che le loro prestazioni di volo sono molto più avanzate di qualsiasi altro aereo oggi conosciuto".

- Comandante Juan Barrera della Aquirre Cerda Airbase, nel commentare un suo avvistamento UFO: "Non è possibile che potesse essere un veicolo aereo costruito sulla Terra".

 

- Maggiore Edward G. Ruppelet, direttore del progetto Blue Book sugli UFO dell'USAF, ha dichiarato: "Alcuni dei rapporti che non siamo stati in grado di spiegare potrebbero forse essere spiegati ammettendo l'esistenza di velivoli di provenienza extraterrestre sotto controllo intelligente". "Ogni volta che divento scettico, penso agli altri rapporti (sugli UFO) fatti da piloti esperti e da operatori radar, scienziati, e da altre persone che sanno a cosa stanno guardando. Questi rapporti sono stati accuratamente investigati e sono ancora senza spiegazione. Noi non abbiamo alcun aereo su questa terra che può così facilmente seminare i nostri aerei più moderni. Forse la Terra è visitata da astronavi extraterrestri".

 

- Generale Lionel M Chassin, Forze aeree francesi, Coordinatore della difesa delle forze aeree dei paesi membri della NATO, ha dichiarato: "Il numero delle persone razionali, intelligenti e preparate in pieno possesso delle loro facoltà che hanno 'visto qualcosa' e lo hanno descritto cresce ogni giorno. Noi possiamo categoricamente dire che oggetti misteriosi sicuramente sono apparsi e continuano ad apparire nei cieli che ci circondano."

 

- Presidente USA Gerald Ford: "Raccomando fortemente di costituire una commissione investigativa sul fenomeno UFO. Io penso che dobbiamo alla gente il fatto di dare credibilità agli UFO e di produrre quanti più chiarimenti possibili su questo soggetto."

- Jimmy Carter, Presidente USA: "Sono convinto che gli UFO esistono perché ne ho visto uno. Era la cosa più strana che avessi mai visto, era enorme molto luminoso, cambiava colore. Nessuno di noi ha capito cosa potesse essere. Una cosa è sicura: non mi prenderò mai più gioco delle persone che dicono di aver visto UFO nei cieli".

 

- M. Robert Galley, Ministro francese della Difesa, nel 1974 ha dichiarato: "Io credo che lo spirito che dobbiamo adottare nell'affrontare apertamente il fenomeno ufologico deve essere uno spirito aperto, il che consiste nel non negare a priori il fenomeno, come i nostri antenati dei secoli passati negavano molte cose che oggi sembrano perfettamente elementari."
 

- Generale Carlos Castro Cavero delle forze aeree spagnole, nel 1976 ha dichiarato: "Credo che gli UFO siano astronavi o velivoli extraterrestri. Le nazioni del mondo stanno attualmente lavorando insieme nell'investigazione del fenomeno UFO. C'è uno scambio internazionale di dati. Forse quando questo gruppo di nazioni acquisiranno più precise e definitive informazioni, sarà possibile rilasciare la notizia al mondo". "Io stesso ne ho visto uno per più di un'ora. Era un oggetto estremamente brillante, che rimase stazionario per tutto quel tempo e poi schizzò via verso Egea de los Caballeros, coprendo la distanza di 20 Km in meno di due secondi. Nessun  velivolo umano può raggiungere una velocità simile".


- Victor Marchetti, ufficiale della CIA, nel 1979 scrive: "Noi siamo stati contattati e visitati da esseri extraterrestri, ed il governo USA, in accordo col le altre potenze della Terra, è determinato a tenere nascoste queste informazioni al pubblico. Lo scopo della cospirazione internazionale è di mantenere una stabilità praticabile tra le nazioni del mondo e mantenere un controllo istituzionale sopra i loro rispettivi cittadini.

Per questi Governi ammettere che ci sono esseri extraterrestri con mentalità e capacità tecnologiche molto superiori alle nostre, potrebbe, una volta pienamente percepito dalla persona media, erodere le fondamenta dalla struttura del potere tradizionale sulla Terra. I sistemi politici legali, religiosi, economici e sociali, e le rispettive istituzioni, potrebbero presto diventare senza senso nella mente della gente. Le strutture oligarchiche nazionali,persino la civiltà così come noi la conosciamo, potrebbe collassare nell'anarchia. Tuttavia, queste conclusioni estreme non sono necessariamente valide, ed esse probabilmente riflettono la paura delle 'classi dominanti e dei centri di potere' delle principali nazioni, i cui leader (particolarmente quelli in affari con l'intelligence) hanno sempre propugnato una eccessiva segretezza governativa sulla questione come una cosa necessaria a preservare la 'sicurezza nazionale'."

A questo punto giova citare cose ha detto il Prof. Federico Di Trocchio, storico della scienza, dell'Università di Lecce: “Sono state le continue interferenze dell'intelligence fin dal suo primo manifestarsi, che hanno compromesso una adeguata presa di coscienza del fenomeno UFO da parte della comunità scientifica internazionale.”

 

- Comandante Turner, è stato per ben 29 anni a capo dei sistemi radar della RAF, ha ottenuto nel 1983 il riconoscimento di "Member of the British Empire" (MBE), e nel 1971 era di stanza presso la base militare della Royal Air Force di Sopley nel Dorset, quando qualcosa di incredibile è apparso sugli apparecchi radar. 35 oggetti velocissimi e tutti equidistanti tra loro, passavano da 3.000 a 60.000 piedi a circa 300 miglia orarie sotto gli occhi esterrefatti del militare e dei suoi colleghi. Ogni pochi secondi uno degli UFO spariva dal radar e veniva rimpiazzato qualche attimo dopo da un velivolo identico.

Turner ha affermato che almeno 4 civili e 6 operatori radar militari, più gli operatori dell'aeroporto di Heathrow, hanno avvistato gli UFO a est di Salisbury Plain ed hanno compilato rapporti descrivendo il fenomeno accaduto nel 1971. Tre giorni dopo l'incidente, il Ministro della Difesa ha visitato il sito RAF e dato precise istruzioni di "non parlare mai più dell'accaduto".

Turner ha dichiarato che: "Gli UFO sono reali, ho potuto seguirli personalmente su radar militari. Quello che ho visto supera ogni logica ed è stato veramente straordinario. Oltretutto non sono stato l'unico testimone. Oltre 30 paia di occhi dello staff RAF e operatori radar all'aeroporto di Heathrow, hanno osservato la stesa cosa. È arrogante pensare che siamo gli unici esseri nell'universo. Ho realizzato subito che non si trattava di un convoglio aereo militare. L'unico velivolo con quella possibilità di ascesa sarebbero stati aerei supersonici ultra veloci, ma non sarebbero comunque riusciti a mantenere una formazione così perfetta (ndr senza contare le sparizioni improvvise sul radar) e inoltre avrebbero fatto un sacco di rumore, invece quella notte nessuno ha sentito un rumore."

 

- Generale turco Erdogan Karakus, ha rivelato di aver assistito, quando era pilota di caccia, ad un incontro ravvicinato tra otto caccia dell'aeronautica turca e alcuni oggetti volanti non identificati avvenuto nel maggio 1983 nei cieli della Turchia.
"Gli Ufo galleggiavano nell'aria grazie ad una tecnica a noi sconosciuta'', ha detto Karakus, quando vennero visti da uno dei piloti.
Gli oggetti volanti accompagnarono la squadriglia aerea per circa 15 minuti ''ed io avvisai un pilota di non avvicinarsi in quanto quegli oggetti non assomigliavano ad aeroplani'', ha detto l'ex generale.
''Intanto uno dei miei amici aveva spento le luci dell'aereo. A questo punto gli Ufo si sono avvicinati al terzo caccia della fila. Poi si sono spostati in direzione del secondo quando anche il terzo spense le sue luci'', ha aggiunto Karakus secondo il quale, quando egli stesso guardò in direzione di un Ufo che volava alla sua sinistra, riuscì a vedere soltanto un raggio di luce gialla.
''Dopo di che scomparvero all'improvviso''. Anche le torri di controllo degli aeroporti di Istanbul, Ankara e Konya intercettarono gli Ufo sui propri radar, ha concluso l'ex generale.

 

- Air Commodore David Thorne, capo delle operazioni generali per le forze aeree militari dello Zimbabwe Air Force, nel 1985 ha dichiarato: "Questo è il primo caso in Zimbabwe dove dei piloti militari hanno tentato di intercettare un UFO. Per quanto i miei esperti aeronautici si siano interessati alla questione, noi riteniamo implicitamente che gli UFO inspiegabili provengano da civiltà extraterrestri".
 

- Maggiore George A. Filler dell'USAF, pilota che ha avuto intercettazioni radar/visuali con UFO sopra il Regno Unito, ha dichiarato: "Fermi si domandò dove fossero gli extraterrestri se ci stavano visitando". "La mia risposta ad Enrico Fermi è che sonde extraterrestri ci stanno visitando su basi regolari. Possono non essersi mostrate apertamente, ma l'umanità non le sta cercando o non sta analizzando le ampie prove disponibili". "Quando ero in servizio nelle forze aeree militari USA, il comando di controllo di Londra ci ha portati a investigare e ad intercettare un grande UFO. Intercettammo l'UFO, lo vidi sul mio radar e con i miei occhi proprio prima che si allontanasse ad una velocità incredibile. Ci sono migliaia di storie simili dove piloti, personale di terra  e operatori radar hanno osservato degli UFO. È tempo per gli scienziati di iniziare a guardare le incredibili evidenze raccolte continuamente in tutto il mondo".

 

- Il Colonnello Colman S. VonKeviczky si laureò in scienze militari ed ingegneria all’università militare “Maria Ludovica” di Budapest e, al termine della seconda guerra mondiale, prestò servizio presso il quartier generale dei servizi speciali della polizia statunitense in Germania. Dal febbraio del 1953 lavorò presso la segreteria dell’ONU, negli Stati Uniti e divenne in seguito fondatore dell’ICUFON, l’Inter-Continental UFO Network, un organismo impegnato in una serie di iniziative volte al coinvolgimento dell’ONU nell’analisi del fenomeno UFO e nella divulgazione dei dati raccolti, ai mezzi di comunicazione di massa.

Il 21 aprile del 1987, nell’auditorium della biblioteca del quartier generale dell’ONU, ha effettuato una importanza conferenza sul tema UFO, in cui ha dichiarato:

“Da tre decenni gli scienziati, gli ufologi e l’opinione pubblica cercano in tutto il mondo prove e discutono invano su una teoria: Esistono gli UFO o no? Da dove vengono? Quali sono le loro intenzioni? È strano il fatto che, negli ultimi 40 anni, i nostri scienziati e i ricercatori privati abbiano evitato di basare le loro ricerche sulle solide fondamenta della documentazione militare, che già dal 1953 spiega, pubblicamente, l’indubitabile origine extraterrestre degli UFO.”


- Presidente degli USA Ronald Reagan, disse all'assemblea delle Nazioni Unite il 21/09/1987: “La nostra ossessione per l’antagonismo del momento, ci fa dimenticare spesso quanto uniti devono essere tutti i membri dell’umanità. Forse abbiamo bisogno di una lezione, proveniente dall’esterno, dall’universo, che ci faccia riconoscere questo bene comune. Occasionalmente penso a come le nostre differenze planetarie potrebbero facilmente dissolversi, se dovessimo affrontare una battaglia con una forza aliena esterna a questo pianeta. E ancora mi chiedo: non esiste già una minaccia aliena sopra di noi?“

 

- Michail Gorbaciov, ultimo Presidente dell’Unione Sovietica. In una riunione a Mosca nel 1987, in presenza di scienziati, Gorbaciov parlò riguardo a cosa gli aveva detto Reagan, in merito alle attività aliene sul pianeta, dichiarando: "non entrerò nel merito di una ipotesi del genere, nonostante ciò, penso che sarebbe prematuro preoccuparsi per un intrusione così". Nel 1990 dichiarò anche: "Il fenomeno degli UFO esiste e deve essere trattato seriamente".

 

- Ronald Reagan, prima di partire con il suo aereo il 6/5/1988: “Se dovesse succedermi qualcosa, ebbene io spero che tutti i popoli della Terra si uniranno nel caso di un’invasione aliena”. In un'altra occasione, Reagan raccontò anche il suo avvistamento in volo di UFO luminoso che zigzagava nei cieli.

 

- Lord Admiral Hill-Norton (GCB), Ministro della difesa Britannico, Capo della commissione militare della NATO, Ammiraglio della Flotta britannica, Membro della casa dei Lord, ha dichiarato: "Mi è stato frequentemente chiesto perché una persona del mio background, Ministro della Difesa e Capo della Commissione Militare della Nato, perché  penso che ci sia una copertura sui fatti che riguardano gli UFO. Io credo che se i governi temono che se rivelassero questi fatti le persone andrebbero in panico, ma io non credo che accadrebbe. C'è una seria possibilità che noi siamo visitati da esseri extraterrestri. Spetta a noi scoprire chi sono, da dove vengono e cosa vogliono".

"L'evidenza che ci sono oggetti che sono stati visti nella nostra atmosfera, perfino sulla terra ferma, che non possono essere spiegati come oggetti fatti dall'uomo o come fenomeni naturali o come effetti conosciuti dai nostri scienziati mi sembra essere sconvolgente. Un numero molto grande di avvistamenti è stato garantito da persone le quali credenziali mi sono sembrate impeccabili. È impressionante come così tanti osservatori esperti, come ufficiali di polizia, e piloti civili o militari. Le loro osservazioni sono state in molti casi supportate da mezzi tecnici come radar o, perfino più convincenti, interferenze con apparecchi elettrici di un tipo o di un altro".

- Generale delle Forze Aeree Francesi Denis Letty, nel 2004 dichiara che: "Io dico sì, gli UFO esistono, le testimonianze sono numerose ed affidabili nella loro grande maggioranza. A titolo d’esempio, dal 1900 più di 1.300 casi aeronautici osservati da piloti civili e militari sono stati censiti e in un gran numero di casi l’osservazione visuale è confermata da altri elementi, quali la ricezione radar simultanea (20% dei casi), la testimonianza di un controllore di volo o di un altro equipaggio". "Al presente una minaccia UFO non si è fatta sentire in Francia, ma almeno in due casi sembra di aver visto manovre intimidatorie".
 

- Colonnello Alfonso Isaia Ufficiale pilota dell'Aeronautica Militare italiana, pilota personale della famiglia Agnelli e capo del Servizio Aeromobili in dotazione FIAT, ha dichiarato: "Oggi ritengo che questi corpi volanti ci siano: E sono convinto anche che siano pilotati, che ci siano delle persone a bordo. Sono sicuro che esistono".


- Nel dicembre 2007, il capo di gabinetto nipponico, Nobutaka Machimura, alle domande insistenti dei giornalisti sui recenti avvistamenti di oggetti non identificati nei cieli giapponesi il ministro ha ammesso, senza giri di parole, che "il governo può solo offrire risposte stereotipate a questa domanda, ma personalmente credo definitivamente che gli Ufo esistano. Non dovrei aggiungere altro, ma vorrei veramente che queste domande venissero poste con più frequenza".

- Sempre nel dicembre 2007, il capo di Stato maggiore delle Forze di autodifesa giapponesi, il ministro Shigeru Ishiba, ha affermato che il Giappone deve prepararsi preventivamente ad un possibile attacco da parte degli alieni. Inoltre ha affermato che "Non c'è nessun motivo per negare ulteriormente che oggetti non identificati (UFO) esistono" e che "questi (UFO) vengono controllati da un'altra forma di vita".

- Nel 2008, grazie ad History Channel”, si è saputa la storia del pilota della Forza Aerea Peruviana (FAP), Oscar Santa Maria Huertas, il quale si trovò in contatto con un UFO ad inizio degli anni 80 del novecento, con il quale entrò anche in combattimento. Questo caso è stato documentato dal Dipartimento della Difesa e la CIA nordamericana come un fatto reale. Egli ha dichiarato:

“Sono Oscar Santa Maria Huertas, pilota della Forza Aerea Peruviana e attualmente in pensione. Il giorno 8 Aprile del 1980, alle ore 07:15 della mattina nella base aerea di Joya (Perù)…all’epoca avevamo 1800 soldati effettivi che osservarono al termine della pista un oggetto simile ad un globo, il quale non era autorizzato a volare nell’area e fu identificato come una spia e fu ordinato di raggiungerlo e distruggerlo immediatamente”. Il pilota peruviano sparò 64 colpi (con un cannone di 9 millimetri) contro l’oggetto, il quale restò immune dai colpi, poi accelerò e poi ridusse la sua velocità. Il caso di Santa Maria è stato divulgato dagli apparati militari e in special modo dal Segretario di Stato Americano, la NSA e la CIA. Il documento si intitola “UFO avvistato in Perù” e segnala: “La Forza Aerea Peruviana (FAP) tentò di intercettare e distruggere l’UFO però senza esito”.

- Comandante Wilson Salgado dell'aviazione militare dell'Ecuador, in una dichiarazione ufficiale, in seguito alla decisione del Governo di declassificare i casi ufficiali sugli UFO nel 2008, ha dichiarato che: "Gli UFO sono velivoli di origine extraterrestre nella nostra atmosfera e dobbiamo condividere il nostro spazio con esseri di altri mondi". Inoltre, il presidente della Repubblica Ecuadoregna ha ammesso che gli UFO ci sono e che per ora non rappresentano una minaccia.

 

-  Il colonnello in pensione della US Army, John B. Alexander, il 25 gennaio 2009 ha dichiarato:
“Gli UFO sono reali. La prova che ci sono cose che volano su tutti i nostri cieli e non sono nostre è davvero stravolgente. Ma la maggior parte degli scienziati non andrà vicino a questa soluzione perché pensano a Condon, dal nome Edward che ha supervisionato il progetto Colorado, che aveva il compito di effettuare un approfondito studio, ma in realtà non lo fece. Dobbiamo fare in modo di permettere agli scienziati di studiare di nuovo gli UFO. Si potrebbe contribuire a fare una richiesta formale alla National Academy of Science, magari tramite l’intervento di John Podestà. Ma credo che ciò sarà un tantino difficile perché non c’è stato nessun miglioramento politico, e la comunità scientifica non vuole nemmeno guardare le prove. Le scarta a priori“.

 

- Il Colonello Ariel Sánchez è un ufficiale della Forza Aerea dell'Uruguay con 33 anni di servizio attivo dal 1989 e che guida la commissione ufficiale sugli UFO, il cui compito è quella di raccogliere un registro di casi e sviluppare linee guida o conclusioni sulla sua veridicità e origine. Sánchez ne  è attualmente presidente, ed ha dichiarato nel giugno 2009 in seguito alla declassificazione uruguaiana di documenti riguardanti gli UFO:
 "la commissione ha accertato determinate modificazioni della composizione chimica del suolo dove sono registrati atterraggi. Il fenomeno esiste. Può essere un fenomeno che si registra nella bassa atmosfera, l’atterraggio di una aeronave di una forza straniera, oppure teoricamente di una extraterrestre. Può trattarsi di una sonda di vigilanza proveniente dallo spazio, nello stesso modo in cui mandiamo nostre sonde per esplorare mondi lontani. Il fenomeno UFO esiste nel paese. Insisto: la Forza Aerea non scarta l’ipotesi extraterrestre sulla base della nostra analisi scientifica".

 

- Sócrates da Costa Monteiro, Ex ministro dell’Air Force durante il governo di Fernando Collor, dal 1990 al 1992, ex tenente brigadiere della Força Aérea Brasileira (FAB), pilota di diversi tipi di aerei, il 25 ottobre 2009 ha rivelato che le osservazioni di UFO sono state regolarmente captate sugli schermi radar, ben prima dell’assunzione al suo comando, e che tutti i casi sono stati accuratamente registrati, ed alcuni di essi hanno subito un'ulteriore indagine da parte delle Forze aeree.
Monteiro ha descritto una situazione in cui la stazione radar di Cindacta a Gama (DF) è stata sorvolato a bassa quota da un oggetto a forma di disco di grandi proporzioni, e che il suo personale, senza sapere cosa fare, ha aperto il fuoco contro l’intruso. Quando giunse a saperlo, Monteiro diede loro espressamente ordine di fermare, immediatamente, il fuoco perché "hanno una tecnologia molto più avanzata della nostra e non sappiamo come avrebbero reagito alla nostra azione".

 

- Jim Warnica è stato nella Navy Reserve dal 1944 al 1946 ed ha lavorato come addetto radar, nel luglio 2010 ha dichiarato in una intervista rilasciata al quotidiano “Cannonconnections” che, mentre era in servizio vide un oggetto misterioso sui radar: “ricordo che un giorno il mio schermo radar rilevò un oggetto veloce in movimento, che non aveva l’aspetto di un aereo. Si muoveva più veloce di qualsiasi aereo che potesse volare. Questo avvenne prima che gli UFO fossero conosciuti“.

 

- Nel gennaio 2011 Everett Harris, ex pilota di caccia USA, ha dichiarato che nel 1945, mentre era a bordo del suo Mustang P-51 nei cieli della Germania, vide due misteriosi oggetti sferici volanti. Harris ha detto: "io ed un'altro pilota volavamo in formazione stretta sulla via del ritorno alla base...Improvvisamente due oggetti sferici, ciascuno più grande di un aereo monomotore, apparvero volando a non più di 20 metri di distanza sul mio lato sinistro, come se volassero in formazione con noi". Harris tentò di girare verso le sfere ma esse improvvisamente fuggirono ad alta velocità, per poi sparire in direzione Sud. Sulle sfere c'erano dei rivetti, mentre non era visibile alcuna fonte di propulsione.
 

- Il capitano dell'Esercito e pilota Rodrigo Bravo, del distaccamento degli aviatori dell'istituzione, ha dichiarato che "non si può negare o ignorare la situazione: gli UFO rappresentano una minaccia reale e di grande gravità" e "siamo di fronte ad un fenomeno complesso, con caratteristiche che non possono essere spiegate in termini naturali, terrestri".

 

 

Nota: non sono stati citati personaggi noti che però hanno raccontato falsità e quindi sono considerati inattendibili. Faccio tre esempi.

Il primo è l'ex-Colonnello Philip Corso, il quale dichiarò anche che tecnologie come il laser, le fibre ottiche, i transistor, ecc. derivano dalla tecnologia aliena recuperata a Roswell, ma ciò è assolutamente falso, basta una breve ricerca, ad esempio utilizzando la wikipedia inglese, per trovare evidenti prove che si tratta di cose sviluppate dall'uomo.

Ad esempio, ecco la prova che il laser deriva dalla scienza umana e non aliena:   http://www.dalcanton.it/tito/physics/laser.pdf

ma, come si è detto, basa anche solo andare nella wikipedia inglese (quella italiana è povera su questi temi), per trovare ulteriori dimostrazioni:

http://en.wikipedia.org/wiki/Laser#Foundations

Il secondo personaggio dall'attendibilità dubbia è l'ex-ministro della difesa canadese Paul Hellyer, dato che dichiarò anche che gli USA avevano intenzione di costruire una base sulla Luna entro il 2020 non per scopi scientifici ma per monitorare ed abbattere le astronavi aliene che vengono regolarmente sulla Terra: questa si tratta di una affermazione totalmente campata in aria e contraria a tutti i dati disponibili in merito.

Il terzo personaggio è il generale Albert Stubblebine, che è convinto di poter attraversare i muri con la forza del pensiero e di poter uccidere le capre soltanto fissandole.  Stubblebine è anche convinto che levitazione e telepatia siano fatti indiscussi e che ci siano macchine aliene su Marte. Tutto ciò ovviamente è puro delirio.

Fortunatamente esistono anche personaggi che non si sono compromessi la credibilità raccontando falsità e assurdità varie.

 

Fonte: ceifan.org

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
9 luglio 2014 3 09 /07 /luglio /2014 22:06

7 Agosto 1968: solo sette anni dopo il rapimento di Betty e Barney Hill, negli stati del New England si sarebbe nuovamente verificato un rapimento alieno. Buff Ledge Camp in Vermont sarebbe il sito di una visita di quattro UFO che sembrerebbero, fare manovre aeree rivoluzionari, e alterare le vite di almeno due giovani.

 Buff Ledge era un campo di ragazze che si trova a nord di Burlington sul lago Champlain. Durante la loro permanenza in carica come dipendenti in un campo estivo, Michael Lapp, un ragazzo sedicenne  della manutenzione, e un 19 anni, maestro di sci d'acqua Janet Cornell sono stati  in una darsena in una giornata di relax.

 

Su questo particolare pomeriggio di agosto, la squadra di nuoto ha un fatto un viaggio a Burlington per competere in un incontro, e il campo era praticamente deserto. Nel tardo pomeriggio, i due amici stavano godendo la vista del tramonto sopra l'acqua, quando una luce brillante apparve nel cielo scuro.

In un primo momento, Michael pensò che erano stati trattati per una stella, vista da vicino del pianeta Venere. Tutto ad un tratto, la luce incandescente ha cominciato a muoversi verso il basso, e sempre più vicino a Michael e Janet. L'oggetto, in un primo momento un bagliore turno, ora ha cominciato ad appiattirsi come venne ancora più vicino.

Michael gridò: «Wow! Venere ci sta venendo addosso!". 
Mentre i due guardavano quella luce, tre luci più piccole sembravano scendere da quello più grande, e rapidamente si  spostarono verso l'alto scomparendodalla vista. I tre oggetti più piccoli hanno cominciato a muoversi sul lago.

Erano ovviamente sotto un controllo intelligente. Gli oggetti fecero su uno spettacolo per Michael e Janet, facendo manovre a zig-zag, loop,  poi scendevano come le foglie che cadono dagli alberi, per far comprendere il movimento. I tre oggetti ora si spostarono ancora più vicino ai due ragazzi sconcertati. Dopo aver formato un triangolo, due degli oggetti tornò indietro. Michael avrebbe in seguito ricordato un suono "come mille sintonia forchette" quando i due ha lasciato il terzo mestiere da solo.

Raffigurazione Avvistamento UFO, il credito Ronald StoryL'unico residuo UFO passò Michael e Janet, poi girato verso l'alto e momentaneamente scomparso.E 'molto presto riapparve, inclinata da un lato, lasciandosi cadere nel lago. Un paio di minuti sembrarono passare prima che l'oggetto riemerse dall'acqua, e cominciò a scivolare dritto verso di loro!

L'oggetto era ormai abbastanza vicino per vedere una cupola trasparente, occupata da due creature infantili. Michael avrebbe descrivere gli esseri come aventi colli allungati, teste grandi, e senza capelli. 
loro occhi erano anche grandi, ed esteso intorno al lato della testa. Michael ha cominciato a percepire una sorta di comunicazione mentale con i due esseri. Guardandoli attentamente, Michael batté il ginocchio, e con sua grande sorpresa, uno degli occupanti ha imitato il suo movimento.

Il mestiere ora spostato direttamente in testa, e ha sparato un fascio a Michael e Janet. Afferrando la spalla di Janet, Michael tirato entrambi sulla schiena sul dock. Improvvisamente, Michael è stato superato con la paura di essere rapito.

Si ricorda urlando, "Non vogliamo andare!" La luce del fascio era così brillante che Michael ricorda di essere in grado di vedere le ossa in mano, come una radiografia. I due ragazzi entrambi tardi correlati che il fascio ha una sensazione di "liquido" ad esso, e diede loro il senso della libera fluttuazione.

I loro prossimi pensieri coscienti sarebbe quella di fissare di nuovo l'oggetto dal molo. Il cielo era ormai completamente nero, e Michael si chiese da quanto tempo era stato in questo posto. Guardando Janet, poteva vedere che era in uno stato di trance; sonnolenza e disorientato.

Ora udirono i suoni di benvenuto della squadra di nuoto di ritorno da loro si incontrano in Burlington.L'UFO ora spostato verso l'alto nel cielo nero, balenò il suo fascio di luce più volte, e poi sparì dalla vista.

Stranamente, Michael e Janet non discutere di ciò che era accaduto a loro, non ora, e non per il prossimo paio di settimane, quando camp stagione si è conclusa. Forse le cose strane che avevano visto sul lago di questa sera erano solo illusioni ottiche. Forse non erano.

Dopo i loro posti di lavoro campeggio estivo erano finiti, Michael e Janet presero strade separate. Nel corso dei prossimi cinque anni, Michael raramente pensato quella notte. Ma, nel tempo, ha cominciato ad avere inquietanti sogni ... sogni di essere stato rapito; rapito ... contro la sua volontà. I sogni sarebbero venuti ... come hanno fatto ... poi i sogni svanirebbero ... come hanno fatto.

Sarebbe dieci anni dopo la sua esperienza straziante che Michael prese la decisione di contattare il Centro Studi Ufologici, e cercare risposte. Investigator Walter Webb è stato assegnato al caso, e dopo aver sentito la storia di Michael, ha suggerito l'ipnosi regressiva per aiutarlo a liberarsi della sua lotta emotiva e sogni spaventosi.

Raffigurazione Avvistamento UFO, il credito Ronald StoryDurante l'ipnosi di Michael, ha vividamente ricordato le sue esperienze in quella notte nell'agosto 1968 Ricordò come il fascio di luce lo sollevò verso l'interno artigianato.; Come entrò un mestiere più grande, e come vide Janet sdraiata su un tavolo in esame.

I piccoli esseri brillavano come se avessero una luce negli occhi,  la  pelle liscia e lucida, come se trasudasse fluidi dal suo corpo. "Gli alieni tutti sembravano uguali, Michael ha ricordato, e aveva quegli occhi grandi, una bocca senza labbra, orecchie, e due piccole aperture per il naso." 
Michael ha anche descritto gli esseri che avevano tre  punte per le dita, ei loro corpi si sentivano "umidi e viscidi." Gli alieni relativi a Michael dissero che la loro missione era quella di "rendere la vita come la nostra ... in altri posti."

Anche Janet subì anche la regressione, e le sue descrizioni servirono solo a confermare quanto detto da Michael. Ha ricordato la sensazione di "freddo" sul tavolo dell'esame, con qualcosa che gli"tirava i capelli e pizzicando il collo." Il rapimento di Michael e Janet Lapp Cornell certamente rientra il modello generale di rapimenti segnalati da molti altri.

Per confermare i fatti della loro storia fantastica, Webb trova diversi altri membri del campo che avevano assistito le strane luci sul Lago Champlain la stessa notte del rapimento! Altri due dipendenti hanno riportato una esperienza simile che era accaduto in precedenza quella stessa estate, quando si osservano oggetti volanti non identificati si libra sopra il lago per circa 20 minuti.

Anche se l'esperienza di Michael e Janet non è stato segnalato per dieci anni dopo il fatto, è ancora un caso ben documentato di rapimento alieno.

Autore, BJ Booth 
fonti: 
WEBB, Walter N.: Incontro a Buff Ledge, 1994

Fonte: http://www.ascensionearth2012.org/2014/05/the-buff-ledge-alien-abduction-of-two.html

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
9 luglio 2014 3 09 /07 /luglio /2014 21:35

 Ormai gli studiosi del fenomeno ‘abduction’ (prelevamento forzoso di esseri umani da parte di militari terrestri ed alieni) hanno a disposizione svariate migliaia di resoconti diretti, molti dei quali ottenuti in stato ipnotico, in grado di donare una rappresentazione completa degli aspetti e degli scopi di tale operazione. A tali resoconti si possono inoltre sovrapporre le numerosissime testimonianze antiche (soprattutto sumere e bibliche) di viaggi spaziali, voci interiori, epifanie multicolori o prelevamenti divini che in definitiva raccontano degli stessi accadimenti. In realtà, di tutti questi dati dovrebbe interessarci solo la parte relativa al disvelamento delle finalità ultime di tanto lavorio, ma procediamo con ordine.

 

Che si tratti di un’operazione congiunta e ben pianificata non vi è dubbio in quanto si tratterebbe, in estrema sintesi, di procedure condotte in sinergia tra varie entità aliene e corpi militari terrestri (in Italia, soprattutto francesi) che presentano caratteristiche seriali ripetitive e cadenzate. Dall’Australia agli Stati Uniti, dal sud America sino alle lande pugliesi, gli addotti raccontano una sola verità; essere stati prelevati, in momenti disparati della propria vita, da entità non terrestri di vario tipo, ed essere stati condotti in laboratori od altri ambienti insoliti, come oggetti di complesse sperimentazioni scientifiche.

 

La caratteristica saliente di tali interventi è costituita da ‘topoi’ fondamentali come la presenza dei cosiddetti ‘grigi’ (quegli esseri piccoletti di Spielberg per intenderci, spesso scambiati dagli addotti per ‘bambini’) che altro non sarebbero che automi organici, alle dipendenze delle razze predominanti quali gli insettoidi od i sauridi, utilizzati per svolgere lavori pratici preliminari.

 

In sintesi cosa avverrebbe sul corpo e sulla mente dei malcapitati umani? Soprattutto manipolazioni fisiche e genetiche (incluse clonazioni anche massive) nonché l’utilizzo e lo sfruttamento di una componente energetica propria definita dal  Prof. Corrado Malanga ‘anima’. Tale componente sarebbe un retaggio energetico della prima creazione compatibile con alcuni esseri umani (ma non tutti) incarnatasi con il fine ultimo di fare esperienza in questo stato dimensionale denso e congestionato quale il nostro. Da notare come i popoli di tutte le latitudini e culture abbiano da sempre dato per scontato la presenza di ‘anima’ nonché quella dei suoi predatori: è sufficiente leggere alcuni testi sullo  sciamanesimo (di ogni dove) per rendersene conto. Solo il nostro mondo occidentale pragmatico ed  apparentemente materialista ha da pochi secoli bandito tali informazioni dal pubblico dominio e forse non a caso: se è l’illuminismo la matrice di tanto oblio, non sorprenda allora la sua origine francese. Ovviamente il 'materialismo' è la 'verità' solo per le masse, i vertici elusivi sono invece da sempre legati all'occultismo ed allo spiritismo.

 

In una complessa scala gerarchica, razze aliene più o meno ‘dense’ agirebbero secondo accordi traballanti tra di loro e tra reparti militari terrestri, adoperandosi nel grande progetto di creare una genia ibrida umano/aliena al fine di consentire lo sfruttamento esaustivo dell’energia animica e di perpetuare una esistenza sovrannaturale in contenitori idonei. Alla base di questa procedura ci sarebbe la possibilità di poter trasferire l’essenza vitale (ricordi, esperienze ed emozioni) sottoforma di contenuti di memoria ed energie particolari in contenitori adatti come lo sono i cervelli umani, da sempre utilizzati per garantire una sorta di eternità agli alieni come grandi ed efficienti supporti di memoria ed energia. Possiamo immaginare quindi il cervello umano come una specie di hard disk in grado di contenere non solo memorie aliene ma anche le memorie delle vite passate di tutti i contenitori utilizzati nel tempo per perpetuare quella originaria esistenza aliena ‘digitale’. E’ questo il motivo per cui possediamo questo enorme organo e lo utilizziamo solo per una piccola percentuale?

 

E’ facile osservare la sovrapponibilità quasi totale dei concetti di possessione diabolica con quelli relativi alle ‘abduction’. La xenoglossia, ad esempio, verrebbe facilmente compresa in questo contesto, si tratterebbe di aspetti dei contenuti esperienziali di altri contenitori precedenti, oppure di memorie aliene. Personalmente ho conosciuto una signora addotta che comunicava fluentemente con il suo ‘parassita’ in latino pur non conoscendolo affatto.

 

E’ l’anima l’oggetto finale del contendere, quella forma di energia sublimata potente e creativa di cui gli alieni hanno anche maledettamente paura, essendo in grado di sviluppare potenziali energetici per loro fatali: un ‘oggetto’ quindi a loro sostanzialmente sconosciuto da maneggiare con estrema cura.

 

Il vero pericolo per gli alieni è quindi da sempre l’accrescimento della consapevolezza umana, fine legato alla ‘mission’ di anima sulla Terra. Un ‘contenitore’ completo e consapevole può infatti stimolare le autodifese di anima e mettere in pericolo tutta l’operazione del suo sfruttamento. Anima consapevole può decidere di allontanare gli alieni e cancellare tutte le memorie passate, rendendo vani anni di lavoro e ‘terminando’ così per sempre questi surrogati esistenziali alieni. Il dio biblico allontana velocemente Adamo ed Eva dal suo giardino dicendo ‘diverranno come noi’ non appena acquisiscono consapevolezza: il timore di subirne le conseguenze era davvero troppo forte!

 

Una entità particolarmente interessante per lo studio del fenomeno è quella di un essere abitante in un universo parallelo definita ’ringhio’ per le sue caratteristiche vocali stridenti sue proprie. Trovandosi in gravi difficoltà, dato il prossimo collasso di quel suo universo adiacente al nostro in espansione, tenta disperatamente di saltare in questa dimensione: il vero e proprio ‘diavolo’ secondo l’etimologia greca del suo nome (dia-ballo: ‘lancio o passo attraverso’). Egli agisce in questa dimensione attraverso un corpo fittizio che gli addotti definiscono ‘biondo a sei dita’, un essere alto, lugubre, seriale ed appunto esadattilo.

 

Un mondo di pressioni aliene quindi agisce sulla nostra natura da millenni. Questa azione determina cambiamenti epocali di portata immensa in tutti i settori del nostro vivere. L’obiettivo finale di tanto lavoro non sarebbe raggiungibile qualora la consapevolezza umana dovesse raggiungere stadi avanzati. Il Nuovo Ordine Mondiale (in realtà meglio definibile come Antichissimo Schiavismo Planetario) risponde a tali esigenze? Parrebbe proprio di si. Le ignobili e potenti operazioni di inquinamento a livello planetario che subiamo hanno questa origine? Potrebbe darsi. Gli ‘umani’ che inneggiano al NOM per chi lavorano?

 

E’ assai consigliabile stracciare il velo che ci impedisce di renderci conto di tanto scempio leggendo i testi del Prof. Corrado Malanga (il cui sito è, nel momento in cui scrivo, stranamente non raggiungibile!). Non si tratta della ‘Verità’ assoluta ma senz’altro della più ampia ed esaustiva ricerca nel settore, condotta con grande rigore scientifico e morale. Una tappa di un percorso che vede le sue origini nelle ricerche di Budd Hopkins, John Mack, Salvador Freixedo, David Jacobs e tantissimi altri ricercatori sparsi per il pianeta. Come ho già avuto modo di dire, non esistono che due alternative: o tutta questa ricerca si basa su fantasie rielaborate da contenuti psichici profondi comuni, oppure è la chiave di lettura preferenziale per tutto ciò che ci accade, che ci è accaduto e che ci accadrà. Sovente ci accorgiamo che la tecnologia potrebbe costituire la moneta di scambio tra alcuni umani ed alieni, trattandosi però di un’arma a doppio taglio: un coltello senza manico che alcuni di noi maneggiano inconsapevoli. Un po’ come fu il whisky per i pellerossa. L’uomo nuovamente consapevole potrebbe invertire il corso degli eventi e lo sradicamento di gran parte dei suoi simili. Siamo sotto attacco e mille sono le metodologie di intervento sulla nostra specie, molte delle quali elusive e clandestine. Possiamo ribellarci e riprenderci non solo il pianeta ma mandare a quel paese per sempre chi attenta alla nostra costituzione che, seppur perfettibile, è potenzialmente molto elevata.

 

http://freeskies.over-blog.com/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
8 luglio 2014 2 08 /07 /luglio /2014 21:53

Gli Addotti parlano tutti di un Arrivo Imminente

LA BATTAGLIA FINALE

Messaggi alieni riportati dagli addotti presagiscono il sopraggiungere di una grande rivoluzione e ci esortano a prepararci sia spiritualmente che materialmente al mutamento in atto

  
 


Gennaro Pepe è medico psicoterapeuta ed ipnoterapeuta, il dottor Gennaro Pepe si occupa attivamente, del fenomeno dei rapimenti alieni. Ha costituito un gruppo di supporto grazie allo studio scaturito dal lavoro effettuato su numerosi soggetti che riscontravano una simile esperienza alle spalle. Lo scopo prioritario nelle ricerche del dottor Pepe non è di accertare la presunta veridicità del fenomeno già appurata negli ultimi anni a seguito di un'imponente casistica registrata in diversi paesi, ma cercare di comprenderne le reali finalità, avvicinandosi al tipo di pensiero del famoso collega americano John Mack.

Ho concluso il mio precedente articolo dicendovi che Franco (nome fittizio dato ad uno dei pazienti che ho in cura) è sicuro che gli extraterrestri si manifesteranno pubblicamente molto presto.
In verità non è l'unico a pensarlo: quasi tutti gli addotti che seguo provano da tempo una forte inquietudine interiore che, lentamente, si sta trasformando nella chiara sensazione che qualcosa stia per accadere e che "loro" stiano per arrivare. Tutte queste cose che andiamo apprendendo, i piccoli pezzi del mosaico da ricostruire dovranno per forza avere un tempo ed uno spazio in cui evolversi e realizzarsi.

In altri termini, non parliamo di eventi che non accadranno mai o che avverranno in un tempo molto lontano ma di fatti - assodato che siano veri - che dovranno necessariamente avere luogo e, probabilmente, molto presto.

Le sensazioni, le intuizioni, le premonizioni, poiché nascono nell'emisfero destro del cervello che è atemporale, non sono perfettamente databili, ma è pur vero che gli avvenimenti di cui veniamo a conoscenza per loro tramite, prima o poi accadranno.

Quindi si presuppone che le informazioni sul futuro dell'Umanità, trasmesse in questi anni dagli alieni tramite i loro contatti terrestri dovranno realizzarsi presto. Noi sappiamo che i rapiti sono persone preparate ad affrontare una situazione planetaria non molto piacevole, attraverso la quale, però, una parte dell'Umanità stessa potrà finalmente effettuare un salto di coscienza che permetterà di vivere in armonia con l'ambiente che ci circonda e con le energie spirituali a noi vicine. Questo rappresenta il panorama tratto dal lavoro da me svolto negli anni con gli addotti.


Il momento delle scelte è vicino


Ebbene, se ci guardiamo intorno o semplicemente scorriamo le pagine dei giornali, non vi sembra che ci troviamo già in una situazione spiacevole? Terremoti, uragani, disastri ambientali di ogni genere. Tante bestialità che l'uomo continua a commettere non possono che farci pensare che abbiamo quasi raggiunto il fondo. Dunque perché non ammettere che forse, tra breve, accadrà un "qualcosa"? Qualcosa, che comunque sia porterà ad uno sconvolgimento positivo.

Credo che quello in cui stiamo vivendo potrebbe essere lo scenario adatto alla comparsa degli alieni ed il momento in cui gli addotti potrebbero svolgere il compito che è stato loro assegnato. Il discorso si complica, ma in un certo senso diviene più chiaro, se a tutto questo abbiniamo l'aspetto religioso che spesso emerge dai discorsi degli addotti: in quest'ottica, infatti, il grande mutamento, lo sconvolgimento, quel "qualcosa" a cui accennavo prima diviene il campo di battaglia finale dell'eterna lotta tra le forze del bene e le forze del male. Parlo di scontro finale perché si tratta di un cerchio che si chiude dopo migliaia di anni. Ipotizzerei che gli eventi di cui saremo testimoni avranno una doppia valenza, sia fisica che metafisica, ovvero influiranno sulla materia ma, soprattutto, sullo spirito. Forse avremo bisogno proprio di una rivoluzione come questa per arrivare a conoscerci meglio e raggiungere una maggiore consapevolezza di cosa significhi scegliere il bene o scegliere il male.


ABDCUTION: IPOTESI ESPLICATIVA SUL FENOMENO PIU' COMPLESSO DELL'UFOLOGIA MODERNA

In attesa del risveglio - La fuga della mente di fronte all'irrazionale. Una latente conoscenza superiore. La convinzione di avere una missione da compiere


Una delle costanti riscontrate nel gruppo di addotti che ho avuto modo di seguire è quella che, ad un certo punto del loro cammino… scappano. Più che del loro cammino, direi del loro "risveglio". Accade puntualmente che dopo i primi incontri, in cui emergono i primi ricordi, scompaiono e non si fanno più sentire, anche per lunghi periodi di tempo. Inizialmente, avevo imputato questo tipo di reazione alle spiacevoli emozioni legate al ricordo dell'esperienza di sequestro. Ricordare di essere stati prelevati, apparentemente contro la propria volontà, condotti da qualche parte e sottoposti in qualche modo ad una sorta di esame medico e/o susseguente manipolazione genetica, non è certo un'esperienza piacevole. Col passare del tempo ed approfondendo le ricerche però, ho cambiato idea.

È fuori dubbio che il ricordo di determinati traumi subiti provochi a volte vere e proprie tempeste emotive, ma ritengo che la ragione primaria sia molto più profonda. Innanzitutto, è necessario sottolineare che il rapimento fisico vero e proprio si verifica poche volte nella vita, la maggior parte, infatti, avviene a livello più "sottile", astrale o anche semplicemente mentale. Naturalmente anche queste esperienze, per quanto virtuali, possono essere spiacevoli, essendo legate al tipo d'evento ed alle emozioni provate. Ma la voglia di scappare nasce dalla volontà della mente razionale di cancellare ciò che diventa sempre più evidente: trovarsi di fronte a qualcosa che non riesce a spiegare e che sembra spingersi oltre i limiti della dimensione materiale in cui è abituata a muoversi.


Tendo ad escludere finalità negative


Inizialmente questo conflitto tra la mente razionale che rifiuta e la mente profonda che tende a portare in superficie, è molto stridente. Questo è il motivo perché si allontanano. Con il passare del tempo, però, ritornano sempre, perché sanno o avvertono inconsciamente di avere un compito da svolgere. Quando si lavora con un addotto, si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad una persona con una conoscenza superiore, anche se latente. Loro, d'altra parte, sanno di avere un ruolo ben preciso, un compito specifico da svolgere, anche se non riescono a definire quale. Deve essere estremamente frustrante sapere di avere a disposizione una Ferrari e non riuscire a ricordare come metterla in moto. Ho chiesto a più d'uno di essi se sapevano quale fosse il loro compito. Tre di loro mi hanno dato la stessa identica risposta: "cambiare gli uomini nel cuore e nella mente". Cosa vuol dire? Cambiare l'umanità in meglio? E come? A questa domanda non hanno saputo rispondere.

Quando ho chiesto il momento in cui ciò sarebbe stato possibile, la risposta è stata la stessa: "Lo sto già facendo". Debbo dire che questa risposta mi ha lasciato abbastanza perplesso. Queste persone non hanno un ruolo sociale particolare e nessuna di loro se ne va in giro chiedendo al prossimo di cambiare. E se tutto ciò stesse avvenendo su un piano diverso? Assurdo? Lo so, la mente razionale vacilla. Ma in fondo questa realtà non è che la punta di un iceberg. È illogico pensare che tanto tempo e tanta energia investiti su migliaia di esseri umani, non abbiano una finalità. Tendo ad escludere una finalità in qualche modo negativa per due ovvie ragioni. La prima è che questi esseri sono così evoluti tecnologicamente da doverlo essere anche in senso etico, altrimenti si sarebbero già autodistrutti (vedi la nostra civiltà). La seconda è che se avessero, in qualche modo, mire espansionistiche o di dominio nei nostri confronti avrebbero già avuto modo e tempo di attuarle. È chiaro che abbiamo ancora troppo pochi elementi del fenomeno per poter comprendere appieno e trarre delle conclusioni definitive ma, è mia opinione che, per saperne di più, non passerà molto tempo.

Un'altra costante che ho riscontrato negli addotti è il senso dell'attesa. Tutti aspettano qualcosa. Si potrebbe ipotizzare un evento o qualcosa di simile, che funga da catalizzatore, da sequela, per il risveglio delle loro coscienze.
Articolo del dottor Gennaro Pepe
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
5 luglio 2014 6 05 /07 /luglio /2014 23:12

Siamo di fronte all'inesauribile fonte di fatti misteriosi e incredibili: L'ufficiale in pensione, conosciuto solo come capitano Kaye, sostiene anche di aver servito in un segreto 'flotta spaziale' gestito da un'organizzazione multinazionale chiamata Earth Defense Force .

Un ex Marine degli Stati Uniti ha dichiarato che ha trascorso 17 anni della sua carriera su Marte.

 L'ex soldato di fanteria navale, che usa lo pseudonimo di Capitano Kaye, dice che è stato pubblicato sul Pianeta Rosso per proteggere le cinque colonie umane da forme di vita marziane indigene.

 Egli sostiene di aver poi trascorso quasi tre anni di servizio in un segreto 'flotta spaziale' gestito da un'organizzazione multinazionale chiamata Earth Defense Force, che recluta il personale militare da paesi tra cui Stati Uniti, Russia e Cina. 

In una testimonianza rilasciata a ExoNews TV, capitano Kaye ha detto che è stato addestrato a volare tre diversi tipi di combattenti spaziali e tre bombardieri.

 Ha aggiunto che la formazione ha avuto luogo su una base lunare segreta chiamata Lunar Command Operations, la luna di Saturno, Titano, e nello spazio profondo.

Il capitano Kaye dice si ritirò dopo un tour 20 anni di servizio, che descrive una cerimonia di pensionamento sulla luna che egli sostiene presieduta da vip, tra cui ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld.

 

 

Questa flotta è gestita da un’organizzazione internazionale chiamata Earth Defense Force.

In un’intervista esclusiva pubblicata sul ExoNews TV, l’informatore, che usa lo pseudonimo di Capitano Kay , ha detto che il reclutamento per Earth Defense Force viene fattp tramite i servizi militari di diversi paesi, tra cui Cina, Russia e Stati Uniti.

Egli sostiene di essere stato reclutato da un ramo segreto del US Marine Corps, intitolato “Special Branch” dopo aver precedentemente lavorato per 17 anni su Marte al servizio di tutela delle colonie umane di cinque forme di vita marziane indigene.

La testimonianza del capitano Kay descrive i tre diversi tipi di caccia spaziali e tre bombardieri, volo in cui si è formato. La formazione ha avuto luogo in una base lunare segreta chiamata Lunar Command Operations sulla luna di Saturno, Titano, e nello spazio profondo.

Caccia spaziali e bombardieri avevano diversa propulsione, vanno dall’uso di reattori nucleari, compresa la fusione nucleare, elettro – sistemi gravitazionali, lo spazio su disco, viaggi nel tempo, e sistemi più tradizionali di prua.

Indica anche l’esistenza di almeno cinque veicoli spaziali di grandi dimensioni a forma di sigaro che sono in grado di voli interstellari, sono le “case” dei caccia e dei bombardieri. Il capitano Kay sostiene che ha servito su uno di essi chiamato “FES SS Nautilus”, lunghezza ¾ miglio.

s10684352

Il capitano Kay, dopo aver completato i suoi 20 anni di servizio è andato in pensione con cerimonia commemorativa alla base lunar Operations Command, presieduta da  ospiti VIP, tra cui l’ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld.

Parte della testimonianza del capitano Kay concorda con la testimonianza di altri informatori, che descrivono la flotta spaziale segreta. Degna di nota fra questi sono la testimonianza dell’ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, il quale, riferendosi alla flotta altamente segreta dello spazio, 11 Giugno 1985 nei suoi diari, aveva mostrato “la nostra capacità di muoverci nello spazio è che potremmo mandare in orbita a 300 persone.”

  Diversi informatori ed esperti di aviazione si sono presentati al pubblico per mostrare le diverse parti di tecnologie antigravitazionali avanzate che possono, secondo Ben Rich (ex amministratore delegato di Lockheed Skunkworks CEO) ” portare a casa gli alieni .”

http://www.mirror.co.uk/news/weird-news/secret-alien-base-mars-marine-3745652#ixzz36dkGD3C4

http://www.uforay.net/?tag=base&paged=2

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
3 luglio 2014 4 03 /07 /luglio /2014 21:52

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto quello che ci hanno sempre nascosto sarà svelato prossimamente dalla troupe televisiva di Peter Yost che ha avuto accesso alla base segreta americana e promette si svelarci cose incredibili. Ufo? Alieni? Entro la primavera la risposta.
Volete una notizia bomba da far accapponare la pelle? Bene, sedetevi e tenetevi forte: per la prima volta nella storia, un’equipe televisiva è riuscita ad avere tutte le autorizzazioni necessarie per accedere all’interno di tutti gli uffici, laboratori e dipartimenti ubicati all’interno della base aerea Nellis (Nellis Air Force Base) meglio nota come Area 51. Si tratta di una vasta zona militare super-segreta controllata dalle forze armate statunitensi, che si estende per circa 26 mila km2 all’interno del territorio desertico di Groom Lake, detto anche Dreamland (la terra del sogno), nel sud dello Stato del Nevada. La base ha livelli di sicurezza da film di fantascienza, con sensori di movimento, telecamere, controlli satellitari, uomini armati, missili superficie-aria, disseminati un po ovunque lungo il suo perimetro, per impedire l’accesso del personale estraneo e il sorvolo dello spazio aereo da parte di aeromobili non autorizzati. Proprio per questi standard così rigidi, la base aerea Nellis non compare sulle cartine geografiche. Ma cosa accade all’interno dell’area 51 da richiedere una così grande discrezione, inducendo, in passato, il governo americano a sconfessarne addirittura l’esistenza?

Ufficiosamente, il sito è adibito alla progettazione, sviluppo e sperimentazione di nuove apparecchiature, per lo più velivoli tecnologicamente avanzati, come aerei spia e moduli lunari. Qui è stato concepito, ad esempio, il famigerato bombardiere supersonico Stealth-B2, l’aeroplano realizzato con materiali compositi a base polimerica unitamente a rivestimenti superficiali radar-assorbenti, che lo rendono impercettibile o difficilmente individuabile da molti strumenti di localizzazione, inclusa la vista.

La notizia ancora più riservata, da sempre sulla bocca dei curiosi, è che la base venga impiegata per concepire velivoli non convenzionali, funzionanti con generatori ad antimateria asportati da alcune navicelle extraterrestri catturate in seguito a crash, che permetterebbero di attraversare le barriere spazio-temporali a velocità uguali o superiori a quelle della luce! Robert Scott Lazar, un fisico americano che ebbe modo di lavorare all’interno del sito, affermò di aver visto all’interno dei dischi volanti con caratteristiche sorprendenti: cabine di pilotaggio molto piccole che avrebbero potuto ospitare a malapena un bambino e in nessun caso un uomo adulto, velivoli costruiti con materiali sconosciuti sulla Terra e privi di punti di saldatura, come se l’intero chassis fosse stato fuso all’interno di uno stampo. A ciò si aggiungono le testimonianze di alcuni ex dipendenti, che affermerebbero di aver lavorato a contatto con esseri alieni per lo sviluppo di queste nuove tecnologie e i numerosi avvistamenti giornalieri che i turisti e le equipe televisive di tutto il mondo, hanno immortalato in questi anni con le loro videoriprese e foto.

La troupe televisiva che ha avuto accesso all’area 51, filmando i meandri più nascosti della base come mai nessuno aveva fatto prima, è quella del produttore Peter Yost, collaboratore da sempre delle più grandi redazioni televisive del mondo, tra cui NBC News, Discovery-Times e molti altre. L’uomo ha realizzato per la National Geographic Television un documentario – “Area 51 declassified”- destinato a diventare il numero uno nel panorama mondiale degli speciali d’inchiesta, nel quale vengono mostrati documenti declassificati, filmati, fotografie, interviste a ex dipendenti e tante altre cose sottratte per una vita ai nostri occhi e che lo stesso Yost assicura di rilevanza notevole. Infatti, durante la conferenza stampa, tenutasi nel corso della TCA (Television Critics Association) a Los Angeles, l’uomo ha dichiarato: «il programma televisivo pubblicherà foto e filmati esclusivi all’interno della struttura militare, con interviste a ex dipendenti della stessa Area. Alcune delle cose che ci sono state nascoste sono abbastanza notevoli» – ed ha po aggiunto – «Ormai è fatta! Siamo in possesso di migliaia di documenti e filmati unici. E’ tutto vero, è tangibile e verificabile. Ed abbiamo alcune sorprese! E’ davvero eccezionale essere riusciti ad ottenere dalla base militare ultra-segreta l’accesso a dei documenti militari declassificati».

Non resta allora che aspettare per vedere questo capolavoro sui nostri teleschermi e finalmente conoscere la verità su UFO e alieni.

http://www.2duerighe.com/attualita/619-area-51-ufo-e-vita-aliena-cade-la-censura-e-arriva-la-notizia-bomba-del-secolo.html

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
2 luglio 2014 3 02 /07 /luglio /2014 21:30

Molte invenzioni di Nikola Tesla, che la storia ufficiale ha attribuito ad altri, tra cui la radio e, eventualmente, la prima macchina per la ricerca di intelligenza extraterrestre.

p1_7_Tesla8

 

Tesla, il genio serbo che riuscì a rubare la scintilla elettrica dal cielo, oltre che ad aver dato al mondo la corrente alternata, morì senza alcun riconoscimento nei libri di storia, in povertà, solo con i piccioni in una stanza del New York Hotel. Vi è una certa polemica sul caso, ma a quanto pare, alla sua morte, l’FBI sequestrò molti documenti tra cui numerose invenzioni definite come, possibile tecnologia segreta, tra cui una versione del suo trasmettitore senza fili che potrebbe inviare onde radio mirate verso parti distanti del sistema solare.

Mentre il genio di Tesla è indiscutibile, alcune persone si chiedono se a volte non avesse raggiunto la megalomania. L’interesse di Tesla per lo sviluppo di cose come un “Raggio della Morte”, o come una macchina per la produzione di energia libera utilizzando energia cosmica, il tutto contornato dall’uso di un linguaggio pieno di misticismo, più il sequestro dei suoi file da parte dell’FBI, ha portato alla produzione di innumerevoli teorie cospirative, come quella della sua partecipazione a progetti come il Philadelphia Experiment e il Progetto Montauk, tecnologie apparentemente legate a rendere la materia invisibile ed ai viaggi nel tempo. Ciò che è vero è che Tesla ha passato tutta la sua vita a sviluppare la tecnologia per contattare intelligenza extraterrestre e credette, almeno una volta, di aver rilevato un segnale alieno.

Il 1896, Tesla creò una tecnologia che, molto probabilmente, poteva essere utilizzata per contattare gli esseri intelligenti su Marte; si trattava di una versione del suo popolare amplificatore trasmettitore wireless.

Tesla_coloradoNell’estate del 1899, lavorando nel suo laboratorio a Colorado Springs, Tesla osservò una serie di codici numerici in segnali radio cosmici, che interpretò come un segno di intelligenza proveniente da Marte o Venere:

“Ebbi la sensazione crescente che fossi il primo uomo a sentire il saluto di un pianeta, verso un altro”.

Un anno più tardi, quando la Croce Rossa gli chiese di fare una previsione su quella che sarebbe stata la più grande scoperta dell’uomo nel XX secolo, Tesla scrisse:

“Ho osservato alcune azioni dell’elettricità, che sembrano inspiegabili. Sono tanto vaghe e incerte che ho la profonda convinzione che non passerà molto tempo, per gli esseri umani su questo pianeta, di buttare gli occhi al cielo, con sentimenti di amore e riverenza, entusiasti per la felice notizia: “Umanità! Abbiamo ricevuto un messaggio da un altro mondo, sconosciuto e remoto. Si legge: uno … due … tre …”.

Guglielmo_Marconi_1901_wireless_signalTesla non era il solo ad ascoltare i segnali extraterrestri. Marconi, che la storia considera l’inventore della radio, anche se Tesla la brevettò un paio di anni prima, ha creduto di essere sintonizzato su segnali radio provenienti da Marte, qualcosa che venne subito liquidato come una mera interferenza.

Il caso di Tesla era più complesso e alcuni credono che, i segnali ricevuti, provenissero dai temporali prodotti dalla magnetosfera di Giove.

Nel 1937, in un testo apparso sul New York Times, Tesla annunciò di aver messo a punto “un nuovo e compatto apparato con cui quantità significative di energia, possono essere mandate, attraverso lo spazio interstellare, a qualsiasi distanza e senza la minima dispersione”.

Haarp 01Alla fine è difficile determinare l’entità della tecnologia sviluppata da Tesla. Alcuni credono che le sue invenzioni siano state utilizzate dal governo anche come prototipo per lo sviluppo della tecnologia HAARP (clicca QUI).

La storia di Tesla è affascinante e merita ulteriori indagini. Era un uomo il cui genio è paragonabile, secondo il mio modesto parere, solo a quello del grande Leonardo Da Vinci. Einstein era solo un ebreo somaro.

Film: Il Segreto di Nikola Tesla

Se non dovesse funzionare il player, cliccate su questo link: http://www.nowvideo.at/video/deddc903d4f08

http://luniversovibra.altervista.org/messaggi-extraterrestri-di-nikola-tesla/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
30 giugno 2014 1 30 /06 /giugno /2014 22:16

Si tratta di un evento la cui descrizione richiama in modo stupefacente alcuni dei brani che abbiamo incontrato nella disamina della molteplicità degli Elohìm.

Tra il 66 e il 70 d.C. Roma interviene per sedare le ribellioni scoppiate in Giudea e a Gerusalemme: il conflitto terminerà con la conquista e distruzione della città ad opera dell’esercito romano comandato da Tito.

L’opera citata narra queste vicende e Giuseppe Flavio scrive testualmente (Libro VI, cap. 5,296-299):

(296) Non molti giorni dopo la festa, il ventuno del mese di Artemisio, apparve una visione miracolosa cui si stenterebbe a prestar fede;

(297) e in realtà, io credo che ciò che sto per raccontare potrebbe apparire una favola, se non avesse da una parte il sostegno dei testimoni oculari, dall’altra la conferma delle sventure che seguirono [corsivo  dell’autore].

(298) Prima che il sole tramontasse, si videro in cielo su tutta la regione carri da guerra e schiere di armati che sbucavano dalle nuvole e circondavano le città.

(299) Inoltre, alla festa che si chiama la Pentecoste, i sacerdoti che erano entrati di notte nel tempio interno per celebrarvi i soliti riti riferirono di aver prima sentito una  scossa e un colpo, e poi un insieme di voci che dicevano:

«Da questo luogo noi ce ne andiamo».

Non possiamo far altro che chiederci:

• Di chi sta parlando Giuseppe Flavio?

• Perché lui stesso afferma che ciò si è visto era straordinario al punto da essere incredibile? «Per fortuna c’erano dei testimoni», sembra quasi esclamare compiaciuto, e il fenomeno risulta quindi innegabile.

• Da chi è composto quell’esercito celeste?

• Chi sono gli individui che dicono di voler lasciare quel luogo?

• Sono le schiere degli Elohìm e dei [malakhìm] che lasciano per sempre il loro governatorato?

Non lo sappiamo con certezza, ma quell’evento non è isolato.

Nei versi 289 e 290 Giuseppe Flavio ricorda che «in un tempo precedente» in cielo si era presentato… un astro a forma di spada e una cometa che durò un anno o come quando […] essendosi il popolo radunato per la festa degli Azzimi […] all’ora nona della notte l’altare e il tempio furono circonfusi da un tale splendore, che sembrava di essere in pieno giorno, e il fenomeno durò per mezz’ora…

Notiamo una precisione temporale quasi cronometrica nel descrivere fenomeni riconducibili a schiere celesti e a non meglio identificate presenze accompagnate da fenomeni stupefacenti.

Forse, al suo tempo, i “vigilanti” di cui parla Daniele erano ancora lì.

Tratto da “Il Dio alieno della Bibbia” di Mauro Biglino, Uno Editori, clicca qui

 

http://www.maurobiglino.it/?p=2877

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
29 giugno 2014 7 29 /06 /giugno /2014 21:08

alieno-scimmia

E’ successo in Cina centrale, precisamente a Henan. In un villaggio cinese di nome Gezhai, è stato scatenato il panico da quello che, secondo la gente locale, sembrava essere un alieno, poichè le sembianze di quest’essere potevano rifarsi a tutto fuorchè a un animale.

L’allarme è stato lanciato inizialmente da parte di Mao Xiping, una casalinga del posto, che ha scoperto la strana creatura mentre stava rubando cetrioli dal suo appartamento. E’ stata definita da lei come una creatura con un volto da alieno, dicendo di non aver mai visto niente di simile fino ad ora.

I poliziotti non le hanno creduto, finchè questa, finalmente, è riuscita a mettere in trappola questo strano animale, dentro al cesto della biancheria, e portarlo alla polizia. A quel punto, se ne è andata, dicendo agli ufficiali di occuparsi di questo strano essere. Vari esperti stanno esaminando questa creatura dalla scorsa notte per riuscire a capire di cosa si tratti.

www.curiosone.org/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg