Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
26 settembre 2012 3 26 /09 /settembre /2012 22:56

Video Teleportation Cina: mistero risolto!

Ci saremmo mai potuti aspettare un botta e risposta da 2 siti che trattano la medesima passione? Lasciate che vi spieghi una piccola curiosità: in entrambe le argomentazioni, si sottopone in esame un video molto curioso e sbalorditivo...avete solo da guardarlo nel video sotto: per entrambi i siti e le persone che ci lavorano e dedicano il loro tempo all' osservazione ed allo studio di fenomeni paranormali e ufologici, dove forse diventa molto sottile la connessione, ho molta stima. Da qui, potete seguire la controversa discussione:    

La botta del cufom          

 



Dopo la prima pubblicazione l'articolo è stato rettificato a seguito di polemiche da parte del Centro Ufologico Mediterraneo, che non ha gradito la critica. C'è stata quindi, una conversazione privata col Dottor Carannante, che "sembrava" un chiarimento, infatti avevo rimosso dall'articolo il nome del loro sito. Credevo aimè che anche loro avrebbero rettificato il loro articolo polemico nei confronti della nostra critica, abbiamo atteso un po' di giorni... ma così non è stato. Quindi abbiamo ripristiniamo l'articolo così com'era in origine. Nell'articolo del C.UFO.M il Dottor Carannante considera la nostra critica "una carognata". Per gusto personale "la carognata" è non rimuovere l'articolo (il loro), dopo i chiarimenti. Questo la dice lunga sulla loro correttezza.

Ricordiamo al Dottor Carannante che quando si pubblica un'articolo (o delle fregnacce) in chiaro si accetta in automatico il rischio di essere letti e criticati da chiunque.

Diritto di Critica.

Il diritto di critica, come il Diritto di cronaca, è disciplinato dall’art 21 della Costituzione Italiana il quale, nel primo comma, recita: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Ciò implica come ogni avvenimento può essere sentenziato da qualsiasi cittadino ed è legittimato a farlo dalla Costituzione. Giudicare un fatto di cronaca o un comportamento comune è sostanzialmente diverso dalla pura narrazione dei fatti della quale si fa portavoce il diritto di cronaca. La differenza sostanziale tra i due sta nello scopo con il quale nascono: la cronaca è una narrazione dei fatti così come sono avvenuti, l’obiettivo è quello di informare la comunità; mentre la critica, proprio perché esprime un giudizio, è soggettiva e dà molto più peso ad uno specifico punto di vista piuttosto che al fatto in sè. Per la sua componente di soggettività, la critica genera (ed è giusto che sia così) dissensi e consensi.

Allora. Nulla di strano. Il Mistero è stato risolto. Si trattava del promo di un videogioco.La segnalazione ci è giunta da un visitatore dellla nostra pagina ufficiale facebook. Inutile dire che gli siamo molto grati. Ripetiamo: nulla di strano. Ecco cosa abbiamo scritto stamattina domenica 16/9/2012:

"Visto questo video, noi del C.UFO.M. siamo letteralmente sobbalzati. Dopo il primo momento di costernazione ed emozione, subito è prevalsa la razionalità. Da qui la logica domanda: vero o falso? "Cina, 5 settembre 2012 - Un teletrasporto catturato dalla telecamera di sorveglianza - Una persona su una moto viene salvata da una figura sconosciuta e viene teletrasportata a pochi metri di distanza in meno di un secondo". Non possiamo dire: "E' falso e basta". Ci sono molti particolari che sembrerebbero testimoniare addirittura per l'autenticità del filmato, mentre altri sono in senso opposto. Siamo alle solite: con gli ufo (perchè crediamo che, sicuramente c'entrano gli alieni. Ripetiamo, sempre ammesso che il video sia vero) non si è mai sicuri di niente. Per adesso vi postiamo solo il filmato da youtube. Però, restate collegati, perchè ne saprete molto, ma molto di più. A breve".


A noi del C.UFO.M., a onor del vero, l'attacco che ci è giunto dal blog "Cronache terrestri" decisamente non va giù. Quanto diciamo vale ovviamente per tutti quelli che si sono accodati ad esso. Allora ricordiamo agli "amici" di Cronache terrestri quanto segue:

1- Ci sembra che siamo stati piuttosto prudenti. Lo potete vedere da quanto abbiamo appena scritto e controllando l'articolo stesso.

2 - Non abbiamo tempo per "giocare" con i videogioghi come evidentemente fanno loro.

3 - Noi lavoriamo sul campo andando sui luoghi degli avvistamenti. Altri, non sappiamo.

4 - Che siamo ufologi o meno, certamente non lo devono giudicare loro e nemmeno ne hanno la patente.

5 - Non sappiamo quest'astio da cosa derivi, visto che con loro non abbiamo mai avuto alcun tipo di contatto o rapporto, ed, arrivati a questo punto, non li vogliamo nemmeno avere. Ci dispiace solo che abbiamo postato qualche loro news.

A riprova della strumentalità - per non usare ben altri termini che certamente meriterebbero - del gratuito attacco di "Cronache terrestri", ecco cosa si legge sul loro blog: "Ennesima svista di numerosi siti Ufologici (ufologici?), come Segnidalcielo.it e il Centro Ufologico Mediterraneo, che nell'ultima settimana hanno riempito i loro siti, blog e facebook...". L'indirizzo della "carognata" è quello cui accederete cliccando su: Cronache Terrestri.

Scrivono ancora i nostri accaniti critici:

"E' l'ennesima scoppola dietro la testa per molti siti Ufologici, da parte dei debunker, che se la ridono "sotto i baffi" gongolando sull'ennesima svista di coloro che trattano l'ufologia con superficialità e non verificano mai ciò che scrivono e pubblicano".

 

Altra "carognata", perchè i personaggi di cui parliamo, sanno bene che indaghiamo tutti i nostri avvistamenti -per capirci quelli segnalati direttamente a noi e che rendiamo noi stessi pubblici - mentre il caso della Cina qui in discussione, costituisce una delle tante notizie che per giunta abbiamo postato con tanto di cautela. Lo ripetiamo: abbiamo ecceduto (se proprio questi "amici" lo vogliono sapere: "volutamente") solo col titolo dell'articolo, che ovviamente è sempre più incisivo del contenuto dell'articolo stesso. Piccole regole che si usano quando si danno le notizie, che evidentemente neanche conoscono.

 

Noi non vogliamo polemiche a tuti i costi, come evidentemente sono abituati certi personaggi. Anche i ciechi potranno controllare sul nostro sito che l'articolo l'abbiamo pubblicato domenica 16 settembre 2012, e quindi, poche ore prima di questo assurdo articolo (se così lo vogliamo chiamare) di Cronache terrestri. QUINDI NON E' VERO CHE DA UNA SETTIMANA SBANDIERIAMO CHE SIAMO DI FRONTE A QUALCOSA DI ECCEZIONALE, PERCHE' NON L'ABBIAMO MAI AFFERMATO, O PERLOMENO LO ABBIAMO DETTO NEL TITOLO DELL'ARTICOLO. MA, E LO RIPETIAMO FINO ALLA NOIA, ABBIAMO CHIARITO AMPIAMENTE NELL'ARTICOLO STESSO CHE LA NOTIZIA ANDAVA VERIFICATA.

E poi: ci dite per cortesia quali sarebbero le altre notizie che non verifichiamo?

E voi, viste le premesse da cui partite, come fate a sapere che è vero quanto scrivete per esempio sul vostro blog nell'articolo che si può vedere qui: Ex Direttore NASA: antiche città aliene sulla luna ?????????

 Scusate, amici di Cronache Terrestri, assodato (come dite voi) che noi non verifichiamo le notizie, ma come diavolo fate ad affermare che quanto dite nell'articolo appena citato è vero? E le prove che sbandierate? E le verifiche? Ma come! Non fate le verifiche? Non bisogna trattare l'ufologia con superificalità.

 Voi dite nell'articolo: "Ken Johnston... afferma che la NASA aveva scoperto sulla Luna antiche città aliene e resti di macchinari all’ avanguardia..." per non parlare del resto, che tutti possono leggere.

 Ma, veramente credete che quella che "ora avete sparato voi", sia una notizia meno sensazionalistica della questione del teletrasporto? Oh, parliamo di civiltà sulla luna! Mica di teletrasporto! E le verifiche? Incredibile: vi basate su affermazioni di un testimone che per giunta parla "per sentito dire", senza alcuna prova. Sicuro siete ufologi?

Allora fatevi un bell'esame di coscienza. Se l'ufologia in Italia è in questo stato di perenne bagarre, è a causa di persone come voi, che anzichè instaurare un dialogo costruttivo e confrontarsi, attaccano come i tori a testa bassa. Ripetiamo: la classe non è acqua.

Noi ribadiamo il nostro stile: non attacchiamo mai nessuno, ma quando ci dobbiamo difendere da nemici a prescindere, allora tiriamo fuori gli artigli.

 In conclusione consigliamo ai nostri acerrimi critici di pensarci su diecimila volte, prima di parlare di noi, perchè per loro è un onore.

 Teniamo a precisare, ai nostri accaniti censori che, il nostro era solo un poco di sano entusiasmo, moderato come sempre da tanti dubbi, proprio sapendo che molto spesso vi sono disillusioni cocenti. Ora che il mistero è stato risolto, non diciamo che avevamo ragione...ma nemmeno torto.

Ah, in conclusione dimenticavamo una cosa: noi non siamo abituati a stare solo seduti davanti ad un computer a criticare a destra ed a manca, senza nemmeno sapere come si fa un'indagine ufologica e credendo che tutto il mondo sia un PC. Come suol dirsi, alziamo le ch... (concedetelo e scusateci il termine) ed andiamo ad indagare sui luoghi degli avvistamenti Ovviamente quando ci è possibile: cioè molto spesso. Quand ce vo', ce vo' (traduzione: quando ci vuole, ci vuole).

 

 

e qui la risposta di cronache terrestri

 

 

  Il sito cronache terrestri colpisce in pieno: Ennesima svista di numerosi siti Ufologici (ufologici?), tra cui il Centro Ufologico Mediterraneo, che nell'ultima settimana hanno riempito i loro siti, blog e facebook con il seguente video, destando perplessità di vario tipo e valutando il video interessante con affermazioni tipo "Ci sono molti particolari che sembrerebbero testimoniare addirittura per l'autenticità del filmato". Affermazioni che lasciano basiti.

Una telecamera fissa riprende l'incrocio di una strada in orario notturno. Mentre sopraggiunge un furgone ad alta velocità dall'altro lato dell'incrocio sbuca un'uomo che guida una bicicletta. L'impatto sembra inevitabile, ma "qualcosa" o "qualcuno" entra in scena e lo salva teletrasportandolo sull'altro lato della strada. L'autista del forgone scende e corre verso il retro del furgone cercando sotto le ruote posteriori l'uomo in bicicletta, ma non lo trova. Si rende conto che il ciclista è dall'altro lato della strada. Nel frattempo lo scampato si rende conto che accanto ha una donna vestita di scuro con un cappuccio che gli nasconde il viso. Ha le mani e gli occhi che emanano luce. Si spaventa e scende dalla bicicletta ancora frastornato dallo scampato incidente e si trascina sul marciapiede per sedersi. La donna porta le mani che ancora emanano luce nelle tasche della felpa e si allontana. In se il video è fatto molto bene, ma davanti a filmati del genere bisognerebbe un'attimo fare due verifiche prima di giudicarlo autentico. Peccato che sia semplicemente un video "virale", e niente poco di meno che il PROMO del videogame Zhu Xian 2. Se non mi credete e necessitate di conferme, basta andare sul sito http://x.wanmei.com/ del gioco Zhu Xian 2 dove potete osservare altri video che mostrano la donna incappucciata che fa "magie" all'interno di un supermercato.

E' solo l'ultima scoppola dietro la testa per molti siti Ufologici, da parte dei debunker, che se la ridono "sotto i baffi" gongolando sull'ennesima svista di coloro che trattano l'ufologia con superficialità e non verificano mai ciò che scrivono e pubblicano. Eccovi il video:   

Era doveroso per me mettere in evidenza quanto sia facile fare errori e rigirare una frittata:è molto positivo invece continuare a sottoporre video e foto, a chi può aiutarci a classificare una manipolazione fotografica o ricostruzione.

http://www.cronacheterrestri.com/cronache-terrestri/fenomeno-di-teletrasporto-no-e-il-promo-di-un-videogame

http://www.centroufologicomediterraneo.it/it/categorie/video/item/274-video-teleportation-mistero-risolto#.UFZWK7LN_5H

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
26 settembre 2012 3 26 /09 /settembre /2012 18:09

 

Il mistero più fitto della storia dell'aviazione americana è un episodio quasi dimenticato, ma ancora inspiegato, che inizio nel novembre del 1896 e si concluse nel maggio dell'anno successivo.

Dalla California al Maine migliaia di americani riferirono l’avvistamento di grandi "aeronavi" diverse da qualsiasi oggetto che potesse volare a quei tempi, parecchi anni prima che i fratelli Wright, consentendo il volo di corpi più pesanti dell'aria, mutassero per sempre la storia. Le "aeronavi" suscitarono meraviglia e congetture sull’identità del loro inventore, ammesso che fosse uno solo. Ancor oggi nessuno ne conosce il nome.

Tutto quello di cui disponiamo sono alcune ingannevoli indicazioni, la più suggestiva delle quali riguarda un uomo molto strano di nome Wilson.
Il signor Wilson comparve sulla scena il 19 aprile 1897. Un giovane di Lake Charles, in Louisiana, stava conducendo una pariglia di cavalli quando vide un enorme aeromobile passare sopra di lui, che spaventò gli animali a tal punto che s'imbizzarrirono e lo sbalzarono a terra. A questo punto l'aeronave si fermò e rimase sospesa immobile nell'aria (la capacità di fermarsi in volo era una delle prestazioni allora inconcepibili di quel misterioso veicolo) mentre veniva calata una scaletta di corda. Due degli occupanti dell’aeronave discesero e aiutarono il testimone a rialzarsi. "È stato senz'altro confortante trovare che erano semplici, normalissimi americani come me", avrebbe riferito poi il giovane. Gli aeronauti porsero le loro scuse per l'incidente che avevano provocato. Per risarcire il giovane, lo invitarono a bordo e si presentarono coi nomi di Scott Warren e "signor Wilson". Quest'ultimo disse di essere il proprietario del mezzo. A bordo di esso, Wilson e Warren spiegarono il suo sistema di propulsione, ma la descrizione era così tecnica che il giovanotto non ci capì nulla.
Il giorno dopo, presso Uvalde, nel Texas, un'aeronave atterrò e fu scoperta dallo sceriffo H. W. Bayler, che conversò con alcuni membri dell’equipaggio. Uno di loro disse di chiamarsi Wilson e di essere nato a Goshen, nello stato di New York, e chiese poi del capitano C. C. Akers, un residente del posto.
Più tardi, Akers disse a un giornalista: "Posso assicurare che quando abitavo a Fort Worth nel '76 e nel '77 conoscevo bene un uomo di nome Wilson che veniva dallo stato di New York. Eravamo amiconi. Aveva il pallino della meccanica e stava lavorando alla navigazione aerea e a qualcosa che avrebbe sbalordito il mondo. Dotato di un'eccellente istruzione - allora aveva ventiquattro anni - sembrava che disponesse di denaro con cui mandare avanti le sue invenzioni, dedicandovi tutto il suo tempo. In base alle conversazioni da noi avute quando stavo a Fort Worth, credo che il signor Wilson, se fosse riuscito a costruire un'aeronave funzionante, probabilmente sarebbe venuto a cercarmi per mostrarmi che non era così esagerato e bislacco nelle sue affermazioni come allora pensavo".
L'aeronave ricomparve un giorno o due dopo, quando atterrò per delle riparazioni a Kountze, nel Texas. Dei testimoni parlarono coi piloti, che dissero di chiamarsi "Wilson e Jackson". Il 25 dello stesso mese, fra mezzanotte e l'una, come annunciò il giorno dopo il San Antonio Daily Express, "Il cielo era molto nuvoloso e non era visibile una sola stella. Questo fece risaltare ancora di più lo splendore della luce bianca prodotta dai fari dell'aeronave e la luminosità diffusa che ne emanava. Impediva però una visione della struttura, ma man mano che l'oggetto, girando intorno, si avvicinava, almeno una dozzina di luci più basse, fra cui un gruppo di fari verdi sul lato dell'aeronave rivolto verso la città, e un altro immenso raggruppamento di luci rosse a poppa, indicavano chiaramente che si trattava di un oggetto artificiale."
Il giornale proseguiva dicendo, senza spiegare come ne sia venuto a conoscenza, che "gli inventori erano Hiram Wilson, di New York, figlio di Willard W. Wilson, capo meccanico della ferrovia centrale di New York, e l'ingegnere elettrico C. J. Walsh di San Francisco. I due uomini avevano lavorato per parecchi anni al loro progetto, e quando esso fu a punto fecero costruire le diverse parti dell'aeronave in località diverse del Paese, da cui furono spedite al punto d'incontro a San Francisco e assemblate sull'isola".
Il Daily Express affermò che l'aeronave, dopo essere stata collaudata in California, volò nell'Utah e fu nascosta "in qualche parte fuori mano della parte occidentale del paese" per esservi perfezionata. Poi riprese il suo volo verso oriente attraverso gli Stati Uniti, dopo di che non si sentì più parlare di Wilson e della sua mirabolante macchina.

 
Chi era il signor Wilson? Ricerche condotte in anni recenti non sono approdate a nulla. E uno studio su avvistamenti di aeronavi a partire dal 1897 ci danno motivo di sospettare che Wilson fosse ancora più misterioso di quanto possano suggerire le sue prime apparizioni. Secondo lo scrittore Daniel Cohen, autore del libro Il mistero della grande aeronave "C'è molto sull'episodio di questo Wílson che è disorientante e contraddittorio. Ogni tentativo di ricostruire l'itinerario dell'aeronave di Wilson attraverso il Texas meridionale durante l'ultima o le due ultime settimane dell'aprile 1897 si è dimostrato senza speranza. Delle aeronavi sembravano saltar fuori da tutte le parti. Avrebbero dovuto esserci almeno due o forse tre diverse tutte viaggianti lungo rotte estremamente capricciose per spiegare tutti gli avvistamenti e gli incontri. A parte il nome Wilson, che. compare in almeno cinque distinti rapporti, i nomi degli altri membri dell'equipaggio variano. Lo stesso dicasi del loro numero, che va da due a otto. E anche se molte relazioni sostengono che l'inventore annunciò che avrebbe di lì a poco reso di pubblico dominio la sua aeronave, non lo fece mai".

Certi studiosi hanno ipotizzato che l'episodio non era quello che era parso; le aeronavi e i loro occupanti, di aspetto per lo più umano, non erano inventori americani che inesplicabilmente non si fecero mai avanti per reclamare la ricompensa per i loro sforzi, ma invece i prodotti di un'enigmatica intelligenza aliena, che cercarono di mascherarsi indossando abiti che la cultura americana di quel periodo potesse accettare.
 
Questa è una spiegazione fantasiosa, e noi non abbiamo modo, a quasi un secolo di distanza, di sapere se corrisponda alla verità oppure no. Possiamo soltanto essere certi che il misterioso signor Wilson e le strane aeronavi associate alla sua comparsa rimarranno un enigma.

 

 

 

 


Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
24 settembre 2012 1 24 /09 /settembre /2012 22:10

Per secoli e secoli, gli abitanti del Circolo Polare Artico hanno raccontato di strani suoni che si manifestano durante le spettacolari aurore polari. Fino ad ora, molti di questi racconti erano considerati al limite tra la realtà e la leggenda, ma un gruppo i ricercatori è riuscito a stabilire che le aurore generano effettivamente un suono a bassa quota.
Attraverso l'analisi dettagliata dei dati satellitari gli autori sono stati in grado di calcolare gli effetti sugli elettroni intrappolati e di identificare le onde radio che stavano causando la diffusione aurorale. Secondo il professor Thorne la svolta è arrivata quando si sono resi conto che gli elettroni dispersi nell’atmosfera lasciavano una firma che di fatto raccontava la loro storia e come erano stati dispersi. Analizzando i dati satellitari dei due tipi di onde VLF ed elaborandoli per calcolare, tra l’altro, il tasso al quale gli elettroni si disperdono in atmosfera della Terra, hanno concluso che le onde coro sono la causa della dispersione.
L’importanza della scoperta non è solo che risolve un enigma scientifico ma può aiutare a spiegare se e come l'aurora diffusa induca cambiamenti nella chimica dell'atmosfera superiore, inclusi gli effetti sullo strato di ozono in alta quota; cambiamenti che possono incidere direttamente sulla temperatura dell'atmosfera stessa.

A questo punto le onde VLF verranno inserite nei modelli di simulazione computerizzata che forniscono le “previsione meteo spaziali” necessarie per la navigazione satellitare, per garantire l’accuratezza dei sistemi GPS e per le comunicazioni radio in alta frequenza con gli aerei in volo sulle rotte polari.
Molti testimoni delle aurore polari potrebbero raccontare di strani suoni simili al fruscìo di una radio, o al suono del vento che corre tra le foglie degli alberi, anche dove alberi non ce ne sono.
Secondo gli Inuit, si tratta degli spiriti dei morti che tentano di mettersi in contatto con i viventi; ma per la scienza, il fenomeno è sempre stato avvolto dal mistero per l'impossibilità di ottenere dati che potessero fornire un indizio sull' esistenza stessa dei suoni misteriosi prodotti dalle aurore.
Picture
I ricercatori della Aalto University finlandese sono tuttavia riusciti a registrare alcuni di questi suoni. Hanno collocato una piattaforma d'ascolto in grado di captare qualunque suono proveniente dall'ambiente, e hanno scoperto che le registrazioni mostravano picchi in corrispondenza dell'apparizione delle aurore boreali che si manifestano vicino al Circolo Polare Artico.
"La nostra ricerca dimostra che, durante il manifestarsi delle aurore, si possono udire suoni naturali connessi con l'aurore boreale" spiega Unto K. Laine, professore della Aalto University.
Le aurore polari sono causate da un flusso di particelle ionizzate, proveniente dal Sole, che incontra il campo magnetico terrestre e la nostra atmosfera. Queste interazioni con il nostro pianeta si verificano generalmente ad oltre 60 km di quota: le particelle ionizzate eccitano gli atomi che compongono la nostra atmosfera, creando spettacolari effetti luminosi.

Alcuni dei suoni registrati durante l'Auroral Acoustic Project
Si è sempre ritenuto che l'alta quota delle aurore rendesse impossibile ascoltare qualunque suono siano in grado di produrre, ma la realtà è che i suoni associati all'autora sembrano avere origine a circa 70 metri dal suolo, un'altezza che rende possibile, anche se difficile, percepire suoni a bassa intensità come quelli apparentemente prodotti dagli spettacolari fenomeni di luce dei poli terrestri.
Che cosa possa causare questi suoni è ancora questione di dibattito. "In passato, i ricercatori ritenevano che le aurore polari fossero troppo lontane per poter essere ascoltate. Questo è vero. In ogni caso, la nostra ricerca dimostra che la fonte dei suoni è associata all'aurora è probabilmente causata dalle stesse particelle energetiche provenienti dal sole, che creano le aurore nel cielo".
I suoni non vengono sentiti esclusivamente durante le aurore, ma più in generale durante eventi di particolare attività geomagnetica, e i resoconti dei testimoni sono spesso discordanti sul tipo di suono percepito. Per via di queste differenti descrizioni, i ricercatori credono che ci siano diversi meccanismi dietro alla formazione di questi suoni.
Una delle ipotesi è che le particelle ionizzate creino delle cariche elettrostatiche attorno ad alcuni oggetti, e queste cariche verrebbero rilasciate nell'atmosfera ad intermittenza tramite migliaia di minuscole scintille. Il fenomeno si accentuerebbe in presenza di oggetti lunghi, sottili e asciutti, come fili d'erba o capelli.
Un'altra possibilità altrettanto affascinante è la trasduzione elettrofonica: le aurore sembrano produrre onde radio VLF a bassa frequenza che potrebbero essere captate da oggetti lunghi e sottili, che agirebbero da antenne naturali. Quando queste antenne ricevono il segnale radio, lo trasformano direttamente in onde sonore, emettendo il caratteristico suono delle aurore.
 
 
Picture
Vi è un solo Spirito Corporale che la Natura ha creato per primo, che è comune e nascosto, e che è il Balsamo prezioso della vita, che conserva ciò che è buono e puro, e distrugge tutto ciò che è impuro e cattivo. Questo Spirito è la fine e l'inizio di ogni creatura, tripla in sostanza, perché è fatto di Sale, Zolfo e Mercurio , o di Acqua pura; che dall'alto coagula, unisce, assembla e bagna di stille tutti questi bassi luoghi […] questi è colmo di un fuoco sottile e potente e , discendendo dal Cielo, influisce e imprime la sua forza ai corpi della Terra e il ventre di questa ,che è poroso ,è tutto pieno d’ardore ed esso è il padre di ogni cosa […]Questa acqua, che può essere coagulata e che genera tutte le cose, diventa una terra pura, che attraverso una forte unione ,tiene racchiusa in se la virtù degli alti cieli. E poiché questa stessa Terra è unita e congiunta con il Cielo io gli ho dato il bel nome di Cielo Terrestre.
Vincislao Lavinio di Moravia, Il Cielo Terrestre-1612
 
 
 
 
 
 
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
23 settembre 2012 7 23 /09 /settembre /2012 22:17

In questi giorni, in rete si è discusso su cerchi alquanto strani, sott' acqua, durante un'immersione nelle acque di Amami Oshima, Yoji Ookata, esperto sommozzatore e fotografo subacqueo, si è imbattuto in bizzarre formazioni circolari disegnate sul fondale sabbioso, a circa 25 metri di profondità dalla superficie.

Queste formazioni circolari, del diametro di 60-70 centimetri, sembravano essere state meticolosamente disegnate sulla sabbia in modo tale da creare creste simmetriche disposte in cerchi concentrici. Il "crop circle" è stato disegnato sul fondo del mare 25 metri di profondità d'acqua. In cima alla sabbia bianca, bella modello circolare di circa 2 m di diametro sono emersi. Quando viene visualizzato in dettaglio, la parte esterna è circondata da montagne su tutti i lati, un doppio, un sacco di scanalature sono incise irradiano dal centro. Realizzato in modo da poter utilizzare lo strumento, però, si tratta di un pattern geometrici artistiche.
L'origine di questi "disegni" di straordinaria bellezza è rimasta per qualche tempo un mistero, fino a quando Ookata ha deciso di scoprire l'artista che si celava dietro a queste opere d'arte di fondale.
Le telecamere di Ookata hanno mostrato che l'artista è un pesce palla che, con l'aiuto di una sola delle sue pinne, lavora notte e giorno per creare queste strutture circolari. Non solo: questi pesci sono stati osservati mentre spaccavano alcune conchiglie con il loro becco per ottenere piccoli frammenti da utilizzare (apparentemente) come decorazione dei disegni.

 

La località dei disegni nella sabbia, Amami Oshima, è un'isola semi-tropicale che fa parte del gruppo delle Isole Amami, nell'archipelago giapponese di Ryukyu. Tra le specie che popolano quella regione del Pacifico ci sono anche quelle appartenenti alla famiglia dei Tetraodontidae, comunemente noti come pesci palla.

Al contrario di quanto si possa essere portati a pensare, non tutti i pesci palla sono velenosi, e non tutti i pesci palla velenosi dispongono di una tossina tale da uccidere un essere umano. In questo caso, tuttavia, non è la tetradotossina ciò che ci interessa, ma la ragione che spinge un pesce palla a creare complicati cerchi nella sabbia.

Per quale motivo un pesce palla dovrebbe prendersi la briga di disegnare nella sabbia forme di questo genere? Come in molti altri strani comportamenti del regno animale, anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una strategia riproduttiva.
La femmina di questa particolare specie di pesce palla (specie non specificata, ma pare simile ad un Takifugu vermicularis), infatti, sembra essere ipnoticamente attratta dai disegni nella sabbia; i maschi, quindi, non fanno altro che attrarre una femmina tramite le loro composizioni artistiche e la guidano alla deposizione e fecondazione delle uova al centro del cerchio nella sabbia che hanno appositamente creato.

 

In genere, la riproduzione della maggior parte delle specie di pesce palla avviene tramite un corteggiamento fisico in cui il maschio espone la propria "mercanzia", guidando nel frattempo la femmina verso un riparo in cui farle deporre le uova.

 

La specie di pesce palla osservata da Ookata sembra aver elaborato una strategia del tutto differente durante i suoi ultimi 80-100 milioni di anni di evoluzione.

La serie di creste che decorano i cerchi non hanno solo una funzione visiva: servono soprattutto per mitigare le correnti oceaniche, proteggendo le uova ed evitando di esporle a potenziali pericoli.
Anche le conchiglie frantumate sembrano avere un altro scopo oltre a quello decorativo, visto che potrebbero essere la prima fonte di nutrienti a disposizione dei nascituri.
Il team della professoressa Sue O'Connor ha scoperto anche il più antico amo da pesca mai recuperato all'interno della caverna di Jerimalai, a Timor Est. Dalle dimensioni e dal livello di tecnologia dell'artefatto si deduce che circa 20-30.000 anni fa gli antichi pescatori disponevano di conoscenze avanzate di marineria, tali da renderli capaci di pescare in alto mare.
"Abbiamo scoperto un amo da pesca, realizzato con una conchiglia, datato tra i 23.000 e i 16.000 anni fa. Credo che questo sia l'esempio più antico di un amo da pesca, e mostra che i nostri antenati erano esperti nel realizzare artefatti quanto nella pesca. L'amo non sembra adatto a pesci pelagici, ma è possibile che siano stati realizzati altri tipi di ami in quel periodo".
Gli esseri umani del Pleistocene avrebbero raggiunto l'Australia almeno 50.000 anni fa, per cui non è una grossa novità che potessero solcare i mari per coprire lunghe distanze; sappiamo anche che iniziarono a raccogliere conchiglie e crostacei in acque basse almeno 100.000 anni fa. Fino ad ora, tuttavia, i più antichi esempi di attrezzatura da pesca risalivano a non oltre 12.000 anni fa, e l'amo più antico mai recuperato (prima di quello di Timor Est) pare abbia circa 5.500 anni.
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
23 settembre 2012 7 23 /09 /settembre /2012 21:59

Edgar Dean Mitchell è un pilota americano e astronauta. E 'nato nel mese di settembre 1930, a Hereford, Texas.

E 'stato il pilota del modulo lunare di Apollo 14, e il sesto uomo a camminare sulla Luna, la spesa 9 ore sulla superficie lunare il 9 febbraio 1971. Durante i suoi anni in Marina, ha ottenuto un Bachelor of Science in ingegneria aeronautica presso la US Naval Postgraduate School e una laurea in Science in Aeronautics and Astronautics presso il Massachusetts Institute of Technology. Ha inoltre conseguito dottorati onorari del New Mexico State University, l'Università di Akron, Carnegie Mellon University e Embry-Riddle Aeronautical University.Il programma radiofonico Kerrang della Gran Bretagna il 23 luglio 2008, Mitchell ha detto al mondo che i 500 testimoni + che ci dicono che un UFO da un altro mondo si è schiantato in Roswell, Nuovo Messico , nel 1947, erano in realtà, dire la verità, e che una copertura del governo -up di UFO e alieni informazioni cominciò in quel momento, e continua ancora oggi. Siamo stati visitati da esseri provenienti da altri mondi un certo numero di volte anche altri, alcuni dei quali egli aveva conoscenze interne di durante il suo tempo alla NASA. Questi eventi sono stati coperti. Sostenitori UFO, ovviamente, ha già preso questi eventi come verità, ma ora sappiamo con certezza.

L'informativa bombshell recenti del Dr. Edgar Mitchell hanno creato Internet in fiamme, con articoli, blog e forum di discussione. Infine, un uomo che si rispetta molto, e un eroe nazionale, ha con un cupo, faccia seria detto al mondo senza riserve che siamo stati visitati dagli UFO, alieni sono reali, e il nostro governo è infatti, coprire queste informazioni.

C'è una grande differenza tra credere una cosa se è vera,  sapendo per certo che lo è. Voglio credere che gli UFO sono reali, il dottor Mitchell sa che gli UFO sono reali. In tutta onestà, non possiamo dimenticare che anche lui ci ha detto che un sacco di segnalazioni di UFO non sono extraterrestri in natura, ci sono un sacco di rapporti che sono errori di identificazione di aerei, stelle, comete, palloncini, ecc, segnalato come UFO, e, naturalmente, ci sono molti falsi allarmi falsi, foto e video per offuscare la nostra visione di ciò che è reale.

Ci sono stati un certo numero di persone di tutto rispetto, che ci hanno detto cose simili, e alcuni di essi possono anche avere dispone di informazioni privilegiate, ma nessuno di loro ha avuto l'impatto della dichiarazione Mitchell. Potrebbe essere il momento del suo annuncio, venuta sulla scia di avvistamento aeroporto O'Hare , gli avvistamenti del Texas , e le onde in corso UFO oltre la Gran Bretagna , e la Pennsylvania ? Forse, o potrebbe essere quello che è, un astronauta famoso?

Ecco un uomo che sta per l'integrità e la verità, che ci dice che il nostro mondo è stato visitato da strani esseri, di piccole dimensioni con grandi teste da un altro mondo, le cose che sono fatti gli incubi, o film di fantascienza.

E crediamo che ogni parola che dice."Mi è capitato di aver avuto il privilegio abbastanza per essere in sul fatto che siamo stati visitati su questo pianeta e il fenomeno UFO è reale", il dottor Mitchell ha detto.

Ora, credo che siamo stati visitati, ma Mitchell "sa" che abbiamo: una bella differenza. È per questo che le sue dichiarazioni stanno avendo un tale impatto sulla comunità UFO, e anche i media mainstream. La realtà degli UFO da un altro mondo è un fatto noto, non una teoria ben fondata, crivellato pieno di disinformazione, falsi allarmi, e le fotografie falsi.

E 'stato solo previsto che la NASA sarebbe stato costretto a rispondere alla divulgazione Mitchell, e che hanno. Ma, se si guarda da vicino la loro dichiarazione, penso che troverete preziose informazioni in quello che non ha detto.

"La NASA non tiene traccia UFO. NASA non è coinvolta in alcun tipo di coprire la vita aliena su questo pianeta o in qualsiasi parte del mondo", ha dichiarato un portavoce.

Mitchell non ha detto che la NASA traccia UFO. Non ha detto che la NASA è stato coinvolto in una cover-up. Ma, egli ha detto che il suo incarico con la NASA gli ha permesso di essere in grado di ottenere sopra informazioni top secret. E 'vero che almeno alcune di queste informazioni è trapelato attraverso varie fonti prima, ma quasi senza eccezione, chi aveva la conoscenza di queste verità doveva rimanere anonimo. Mitchell non lo fa.

Pertanto, in precedenza, tutti i bit e pezzi di informazioni trapelate erano sempre di natura sospetta. Abbiamo creduto alcuni di essi può essere vero, ma solo ciò che era vero, e ciò che non lo era? Questo è il problema che abbiamo di fronte, cercando di separare il grano dal loglio, e avere qualcosa di solido basare le nostre convinzioni su, in modo da poter marciare in avanti. Ora, con la dichiarazione di Mitchell, abbiamo qualcosa di concreto per appendere i nostri cappelli.

Solo due giorni dopo la sua intervista Kerrang, egli apparve di nuovo in radio, mutaforma questa BlogTalkRadio del tempo. Ha detto intervistatore Lisa Bonnice:"Perché sono cresciuto nella zona di Roswell e quando sono andato sulla luna, alcuni dei veterani di quel periodo, alcuni locali, ed altre persone militari e di intelligence, che erano sotto piuttosto severo giuramento di non rivelare niente di tutto questo e di genere di voluto per ottenere la loro coscienza e fuori il petto prima di passare il ... "

"(Essi) scelto me e ha detto, in modo indipendente, questo non era un gruppo di sforzo-indipendente che forse potrebbe essere una persona sicura per raccontare la loro storia a. E tutti confermati, e quello che sto dicendo è che ha confermato la Roswell incidente è stato un incidente reale e che in qualche modo ha avuto una parte in esso che volevano parlare. "

"Ha detto che questi locali gli ha detto 'lo schianto di un'astronave aliena nella zona di Roswell era un evento reale e gran parte della tradizione, non posso dire tutta la tradizione, ma molto del fatto che i cadaveri sono stati recuperati e quelli vivi sono stati recuperati, che non erano di questo mondo, era la storia. ' E, naturalmente, è stato segnalato in Roswell Daily Record un giorno e prontamente smentito il giorno dopo e una cover story di un pallone meteorologico, e che era una sciocchezza pura. 'Stato un cover-up. "

Sembra che Mitchell non era solo seduto e prendere informazioni top secret, ha cercato la conferma di ciò che gli era stato detto.

In una recente intervista con la Discovery Channel, ha rilasciato la seguente dichiarazione riguardo a ciò che gli era stato detto su Roswell:

"Ho preso la mia storia al Pentagono, non la NASA, ma il Pentagono, e ha chiesto un incontro con il Comitato di Intelligenza del Joint Chiefs of Staff e ottenuto. Ho detto loro la mia storia e quello che so e alla fine ha confermato che dall'Ammiraglio che ho parlato con, che in effetti quello che stavo dicendo era vero. "

Mitchell ci dà anche una certa comprensione alla ragione il nostro governo ha mantenuto queste e altre informazioni correlate UFO sopra top-secret. Egli ha affermato che l'Air Force è responsabile per proteggere i nostri cieli, e loro e diverse altre agenzie governative, non sapeva cosa fare con il disco volante si è schiantato, e la sua tecnologia superiore.

Di certo non volevano i sovietici per mettere le mani su di esso, e allo stesso tempo, la cosa migliore da fare era quella di mentire solo su di esso, e tenerlo per sé. Hanno etichettato è "al di sopra top secret", e che ha creato la cortina di ferro lungo in esecuzione separa un gruppo segreto all'interno del governo, e il pubblico americano. Si ritiene da alcuni ricercatori UFO che questo gruppo era il Majestic-12, che è spesso indicato come MAJ-12.

Riferimento Mitchell a questo gruppo segreto non in alcun modo dare la convalida per i cosiddetti Majestic-12 documenti, ma ci dà la prova che un gruppo di tutelare le informazioni sugli UFO esisteva, e con continui eventi UFO di importanza, è solo ragionevole supporre che il gruppo continua ancora oggi.

Non vi è dubbio che il dottor Mitchell dichiarazioni avranno conseguenze a lungo di raggiungere nella comunità UFO, e, si spera, media mainstream pagherà un aspetto più serio per le segnalazioni di UFO. Così ora, noi che abbiamo sempre creduto che ci sia vita intelligente altrove nell'universo, può conoscere senza riserve che questa convinzione si basa sul fatto.

 

 

 

 

 

 



Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
21 settembre 2012 5 21 /09 /settembre /2012 22:24

Questo rapporto descrive un sito sperimentale per lo sbarco segreto degli UFO, costruito dal governo canadese nel tentativo di avere un contatto con loro. L’ ex ministro della Difesa canadese Paul Hellyear, in seguito aveva ammesso pubblicamente che il progetto era effettivamente esistito.

Tuttavia, egli non ha menzionato cosa aveva riferito Wilburt B. Smith. Il progetto aveva effettivamente studiato un vero e proprio UFO e le loro attrezzature. Più tardi, un gruppo di ricerca scientifica aveva condotto degli studi per stabilire una comunicazione attraverso una sonda interplanetaria giunta sulla Terra da Venere. Arthur Matthews, era un assistente scientifico molto vicino a Tesla ed era stato coinvolto in questo tentativo di contatto con i Venusiani. Il Project Magnet riguardava la finalizzazione incompleta di alcune invenzioni di Tesla che i venusiani avevano contribuito fornendo le istruzioni tecniche per completare il lavoro. Il rapporto sottolineava anche alcune invenzioni portate a termine grazie al contributo scientifico dei venusiani attraverso il Project Magnet del comitato Matthews, che furono testate e funzionanti perfettamente.

I Venusiani erano seriamente preoccupati per il degrado del nostro ambiente e dei pericoli provocati dai combustibili fossili e dai test nucleari ed avevano avvisato alcuni membri del governo per cercare di fermare queste pratiche, offrendo come alternativa dei sistemi energetici privi di emissioni inquinanti che vennero rifiutati da alcuni governi per motivi politici e dalle industrie multi

miliardarie di petrolio,gas,carbone e quelle militari per ragioni economiche.

Il contatto dei Venusiani con gli scienziati

Un veicolo spaziale interplanetario proveniente da Venere atterro’ presso il laboratorio, facendo temere a Tesla uno sbarco alieno destando l’ allarme nella comunita’ scientifica. Arthur Matthews riusci’ a vedere l’incredibile astronave descrivendo dettagliatamente l’ incontro con i venusiani.

Due individui uscirono dall’ astronave e si diressero verso lo scienziato;

egli aveva avuto modo di notare che avevano un altezza di circa 1,80 m. e poteva discernerne i capelli d’orati e gli occhi azzurri, percependo da loro un alone di felicità e una salute perfetta.

Arthur Matthews venne pervaso dai venusiani da una bontà e vibrazioni irresistibili riferendo loro che dovevano dare un’occhiata ai raggi cosmici prodotti dagli strumenti che Tesla stava per sviluppando.

Dopo quel dialogo e lo scambio di conoscenze scientifiche, Matthews aveva accettato di visitare la nave spaziale la quale aveva un anello metallico distante circa 6 metri dalla struttura centrale ed era collegato al corpo da qualche sistema magnetico.

L’ astronave era di circa 210 metri di diametro e 90 metri di altezza. Non vi era alcun sistema di controllo visibile e al centro vi era una piattaforma circolare di grandi dimensioni con una zona ove vi erano dei posti a sedere. Quattro venusiani erano seduti con le spalle rivolte verso il centro dell’ astronave e posizionati rispettivamente come i punti cardinali, nord, sud, est e ovest.

Questi viaggiatori spaziali erano stati appositamente scelti per il loro potere

mentale in grado di interagire sulla materia e di manovrare la nave attraverso il controllo del pensiero, che teoricamente poteva essere ottenuto proiettando le onde cerebrali in un computer che regolava il funzionamento della stessa.

Due dei piloti erano di sesso femminile di una bellezza unica e dall’ età imprecisata con i capelli d’oro, una pelle abbronzata, un bel viso indescrivibile che rifletteva una profonda pace interiore e felicità; gli occhi brillanti di colore azzurro come il zaffiro che emanavano una saggezza cosmica.

Attraverso questo incontro, Arthur Matthews aveva imparato molto sulla vita su Venere.

Prima di descrivere la vita su Venere nella sezione successiva di questo studio, si vuole sottolineare che queste informazioni non provenivano da un adepto o seguace di qualche culto dallo sguardo allucinato, in cerca di ipotetici fratelli dello spazio o da un ubriaco o drogato depravato.

Questa informazione era stata descritta da uno dei più grandi scienziati del 20° secolo, Wilburt B. Smith, che aveva diretto il Project Magnet, il comitato di revisione scientifica sugli UFO del governo canadese.

Questo eminente scienziato fu molto stimato e accreditato per via delle sue molte invenzioni tecnologiche, godendo di una eccellente reputazione che gli aveva consentito di ricevere prestigiosi diplomi, premi e brevetti.

Si potrebbe affermare che Smith fu il più grande scienziato canadese del suo tempo, così come si può dire che Tesla e Einstein erano i due più grandi scienziati del loro tempo, data l’evidenza delle invenzioni brevettate.

Descrizione di Venere

Arthur Matthews a seguito del suo viaggio sul pianeta Venere descrisse quello che aveva visto :

egi si ritrovo’ in piedi su grandi colonne di basalto perfettamente lucide.

Una grande cascata precipitava da una scogliera alta centinaia di metri di colore nero.

Le sue acque emettevano una bella schiuma, mentre il lago centrale era perfettamente liscio con una massa simile a una cupola di vetro multicolore.

L’ acqua di Venere non era come quella Terrestre, poiche’ emetteva dei riflessi luminosi multicolori che ricopriva la superficie lucida della cupola, assumendo i colori dell’arcobaleno.

La vegetazione era di colore verde smeraldo, punteggiata qua e là da qualche palma dalle foglie ricoperte di gocce d’acqua scintillanti come diamanti.

Nel cielo di Venere, al di sopra della cascata, vi era una sfera di cristallo trasparente che sembrava una enorme bolla di sapone con i colori dell’ arcobaleno.

Intorno al centro della sfera vi era una striscia composta da oggetti metallici dal colore simile all’oro, intorno alla quale vi erano delle finestre.

(Nota: Onec aveva descritto questa struttura nel suo viaggio attraverso queste bolle nel suo libro "sono venuta da Venere")

La campagna aveva l’aspetto di un bellissimo parco e in lontananza una montagna innevata si alzava sopra un grande fiume.

Mathews entrò in una città venusiana.

Gli edifici avevano tetti dall’aspetto simile al prisma dei cristalli su delle colonne di marmo poste in modo ellissoidale formando colonnati circolari.

Tra gli edifici vi erano rigogliosi giardini verdi e le case dall’ aspetto cristallino erano sormontate da vasi trasparenti multicolori.

In prossimita’ delle colonne di basalto, scorreva un fiume maestoso, e gruppi di venusiani si aggiravano tranquillamente lungo le sue scogliere. Su un livello superiore, vi era un grande edificio con una cupola di cristallo colorato a forma di prisma che fungeva da luogo di incontro su Venere.

Un ampio viale di palme maestose conduceva a una grande sala riunioni con un grande anfiteatro, circondata da terrazze e posti a sedere in marmo.

Un lago circolare era riempito con acqua colorata ed era sospeso in aria, consentendo di camminare sotto di esso.

Nel Palazzo dei venusiani venne spiegato il modo in cui il pianeta venne trasformato in un paradiso fertile sviluppando un abbondante agricoltura, il controllo del clima, e la prevenzione delle catastrofi naturali, in modo da vivere una vita comoda e perfetta. L’interno della nave era suddiviso in diversi livelli; il livello più basso conteneva 24 navi, veicoli e gli spazi per le attrezzature.

Il secondo livello conteneva dei giardini, delle zone giorno, sale di intrattenimento,aree di studio e una sala riunione.

Il pavimento era ricoperto da un tipo di materiale flessibile, come la plastica, mentre le pareti erano decorate con splendidi dipinti.

Sull’ Astronave, i Venusiani si dedicavano alla frutticoltura e alla coltura di verdure utilizzando l’energia solare. Un muro trasparente consentiva ai viaggiatori di avere una visione completa dello spazio.

fonte originale

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
19 settembre 2012 3 19 /09 /settembre /2012 20:05
Seguendo il successo del 30 anniversario, a Rendlesham Forest si terrà una conferenza: la Rendlesham Forest 2012 conferenza UFO; la sera di sabato 22 settembre 2012, ci saranno alcuni ospiti speciali qui in Woodbridge.
Paul e Ben Eno dell'enorme successo radiofonico dietro il paranormale negli Stati Uniti  faranno una comparsa e una presentazione presso un hotel qui a Woodbridge, Suffolk, in Inghilterra. Dal 19 fino al 23.
Il soggetto del discorso su 22 settembre sarà:
PAUL & BEN ENO
PROGRAMMA DESCRIZIONE - WOODBRIDGE, 22 SETTEMBRE 2012
Prendere un viaggio cosmico nel paranormale con personalità radio americana, Paul & Ben Eno, un team di padre-figlio con un combinato di 50 anni di esperienza, il cui lavoro ha messo sottosopra la nostra intera comprensione dei fantasmi, gli UFO e tutte le cose strane ed inspiegabili.
La messa a fuoco definitiva della loro presentazione oggi: la reale portata degli avvenimenti a Rendlesham Forest, compresi gli incidenti UFO del 1980, e che cosa potrebbe realmente significano per questa parte dell'Inghilterra e per l'umanità.
Paul è un investigatore di 42 anni, premiato giornalista e autore di bestseller, che è stato espulso dai suoi studi per il sacerdozio nel 1977 a causa dei suoi primi lavori nel paranormale. Ben, oltre a essere il più giovane emittente syndicated in America, è uno sciamano praticano cui abilità hanno intimorito anche il suo insegnante, uno sciamano messicano azteco purosangue.
In questa presentazione interattiva, uniscono Paul & Ben in un viaggio attraverso i primi casi di fantasma di Paul, dove le vecchie teorie appena non sommano, fino al suo e scontri moderni di Ben con "parassiti" alieni "grigi", forme di vita inter-dimensionale, basi segrete e gli agenti del governo. La presentazione si concluderà con un incontro di stile "town hall" su esperienze di persone nella zona di Rendlesham Forest.
Il loro talk show, "Dietro il paranormale con Paul & Ben Eno," va in onda sulla CBS Radio Network in quattro città americane, domenica sera e nello slot drivetime pendolari il lunedì nella zona di Boston su 1240 AM. Tra on-Air, media Internet e podcast, lo spettacolo ha un ascolto stimato di 3 milioni di ascoltatori.
 Basti pensare che ha dedicato più tempo on-Air (oltre 30 ore) per gli incidenti UFO di Rendlesham Forest ai suoi testimoni oculari rispetto a qualsiasi altro show in tutto il mondo.
Motto dello show: «Tutto quello che sapete è sbagliato».
Questa è la promessa implicita nel titolo di una conferenza speciale in arrivo presso il Museo Nazionale Atomic Testing a Las Vegas il 22 settembre.



"Abbiamo voluto concentrarci su persone che hanno avuto storie personali e l'esposizione di quello che pensavano fossero veri UFO dal lato militare, perché potrebbero avere solo un po 'più di credibilità sull' utente medio," Palmer ha detto al The Huffington Post.

Quattro dei partecipanti hanno avuto precedenti su nulla osta di sicurezza militare americana:

Ret. Esercito Col. John Alexander : L'ex insider militare che ha creato avanzate Fisica Teorica - un gruppo di alti funzionari governativi e scienziati riuniti per studiare gli UFO.

Ret. Air Force colonnello William Coleman : L'ex pilota di bombardiere USAF, capo della Air Force informazione pubblica e produttore di NBC "Progetto UFO" serie.

Ret. Air Force Col. Robert Amico :. ex direttore del Progetto Blue Book dell'Air Force 1958-1963 Il quinto ospite alla prossima conferenza del museo UFO è l'ex UK UFO scrivania ufficiale Nick Pope .
"Una delle cose che è diversa è che si dispone di fonti di alta credibilità controllate", ha detto Alexander HuffPost. "Quello che si sta ricevendo da questo, sono persone che hanno lavorato con i militari, i quali certamente d'accordo che gli UFO sono reali, e credo che la maggior parte di loro dicono che dovrebbero essere studiati.
 

Questa non è la prima volta che il museo di Las Vegas ha offerto una presentazione provocatorio UFO.

Già nel marzo di quest'anno, la sede Smithsonian aperto le porte a una mostra permanente denominata " Area 51: mito o realtà ", che fornisce una panoramica completa su i record storici della installazione più segreti militari nel paese.

Tra i molti articoli visualizzati sono materiali presentati come "Artefatti Autentici di Alieni" - i campioni di piccoli oggetti provenienti da un presunto schianto UFO in Russia.

 
 
 
 
Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
18 settembre 2012 2 18 /09 /settembre /2012 22:09

La settimana scorsa, i rapporti cinesi con navi da guerra al largo della costa degli Stati Uniti, del Nord della California,  sono stati segnalati con azioni preventive contro un' azione bellica aliena. Ovviamente negata dalle autorità. 

 Da una fonte asiatica, si riporta che  l'agenzia di intelligence ha protratto un'operazione marittima con una flotta combinata tra Stati Uniti e Cina che  è stata, un'operazione da combattimento contro ciò che ci viene detto è una "altamente ostile extraterrestre minaccia."

Le verifiche delle operazioni della flotta sono stati molte, non ci sono state conferme da parte degli Stati Uniti anche se le navi sono state viste da ogni nave che le hanno incrociate  in mare aperto. La vera natura e la misura della forza militare multinazionale utilizzata è di là di ogni livello di classificazione che si possa immaginare.

note

Senza entrare profpndamente in date passate, l' anno scorso,  gli americani sono stati “impegnati” dal 2004 in una “guerra” contro gli UFO che avrebbero una base in prossimità del continente Antartico, in particolare nell’Oceano meridionale.

Qui abbiamo informazioni su basi segrete nascoste nell' oceano

 

Basi extraterrestri operano sotto gli oceani, avanzate statunitensi sub-orbitali e piattaforme per armi rappresentate come "controllate" sono stati effettivamente distribuiti dalla base Vandenberg Air Force. Questi sono armati con armi ad energia.Monitoraggio UFO  dall'agricoltura convenzionale a quella nano-tecnologia con sensori microscopici utilizzati per rilevare comportamenti come spaccature dimensionali e distorsioni nel tempo, le cose vengono discussi solo in programmi televisivi come Fringe e X Files.

La nota effettiva classificate distribuzione molto breve menziona solo i seguenti:

  •  
    • L'opposizione è extraterrestre ed è estremamente aggressiva e scostante
    • La minaccia rappresenta un "pericolo chiaro e presente" ed è isolato al bacino del Pacifico
    • La Cina è costretta a portare la responsabilità degli Stati Uniti, perché la nostra capacità navale è seduta nel Golfo Persico in cui l'America è sotto una minaccia molto reale.
    • I tentativi di cercare conferme o per verificare direttamente queste operazioni porteranno a conseguenze fatali.

Per le nostre conferme ci limitiamo a questa risposta che ho scelto per rappresentare in una forma altamente contestabile per interesse personale. Altri negli Stati Uniti hanno una migliore informazione e le fonti e sono stati messe a tacere con solo gli avvisi.

Per diversi mesi all'inizio di quest'anno, c'erano stati informativa legati alla questione UFO. Un vero e proprio avvistamento era stato fatto sulla Corea del Sud.

Dopo che internet era allagata, sì: di Google "YouTube" con manufatti falsi video UFO, alcuni di qualità "al di là di prossima generazione".

Tutte le informazioni fornite su  UFO video o  foto  analizzate sono totalmente false, infantilmente così, soprattutto che dalle  reti UFO ." Servono solo allo scopo di screditare.

Circa 6 mesi fa, un "gruppo di studio" è stato nominato fuori dalla Nato e un altro in Asia a guardare il modello di video UFO. La decisione è stata presa per indagare sul comportamento  aggressivo di uno o più gruppi.

 Devo dare a questo un 70% di veridicità, o riclassificare una fonte affidabile ufficiale di fuoriuscita di proposito qualcosa che non ha senso. Il mio suggerimento è che i lettori seguono altre storie per le verifiche o le informazioni che avrebbe aiutato in qualche modo, si aggiunge alla sezione dei commenti e vedere se siamo in grado di ottenere una presa migliore su quello che potrebbe essere una situazione estremamente pericolosa.

Da questo genere di notizie che trapelano da ogni parte del mondo, viene da ricordare un film attuale, da pochi mesi uscito nelle sale cinematografiche:

battleship

 link

 

 

Secondo questo rapporto, gli Stati Uniti sarebbero andati al massimo livello di allerta (DEFCON 1-ndr) il 10 Giugno 2004, dopo che una flotta enorme di UFO ” improvvisamente “dal dell’Oceano Meridionale si avvicinò a Guadalajara, in Messico, appena 1.600 km (1.000 miglia) dalla frontiera americana. Prima di raggiungere il confine degli Stati Uniti, tuttavia, questa imponente flotta UFO, è detto nella presente relazione, fece ritorno nel suo modo dimensionale verso la loro base situata appunto a sud dell’Oceano.

Le paure degli americani per quanto riguarda questi UFO è iniziata, la relazione afferma, durante la manifestazioni senza precedenti del 11 luglio 1991 (di seguito 7 / 11), quando durante l’eclisse solare questi oggetti misteriosi apparsi a centinaia nel in quasi tutto il Messico , soprattutto a Città del Messico. Degna di nota per gli eventi del 7 / 11 sono stati che, come milioni di messicani sono stati a guardare sui loro televisori Nazionale le trasmissioni di questi UFO che comparivano su Città del Messico, e i media americani rifiutarono di trasmettere questo evento di portata globale e farlo quindi vedere al popolo americano.

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
17 settembre 2012 1 17 /09 /settembre /2012 21:10

 

Da decenni l' essere umano si chiede cosa possa sopravvivere nello spazio, con temperature di decine di gradi sotto lo zero e..senza ossigeno...senza nessuna possibilità di respirare. Da qualche anno, la risposta ci è stata fornita in modo egregio, dai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Cosa può sopportare una tale forza dello spazio? La loro scoperta si deve al naturalista tedesco Johann Goeze (1731–1793), che lavorando sugli invertebrati acquatici, fu il primo a descriverli nel 1773 e li chiamò Bärtierchen o animaletti a forma di orso…è curioso che i tedeschi li chiamino “orsacchiotti”, mentre per tutti sono Water Bears, “orsi d’acqua”!

tardigradi, di cui si è studiato il comportamento anche con lanci nello spazio, al centro della scienza e della scena. I minuscoli animali, che ad oggi risultano tra i più resistenti del pianeta, essendo in grado di tollerare il totale essiccamento, il congelamento e le bassissime temperature, forti pressioni idrostatiche e massicce dosi di radiazioni ionizzanti e ultraviolette, studiati da decenni dai ricercatori del Dipartimento di Biologia dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, inizialmente sotto la guida del prof. Roberto Bertolani, e che da lungo tempo identificano l'Ateneo come centro di eccellenza e di riferimento a livello internazionale per il loro studio, fanno nuovamente discutere il mondo scientifico.

Nel 2008, i tardigradi, sono stati messi alla prova per 10 giorni, rimanendo esposti alle radiazioni e alla bassa pressione dello spazio, e solo alcuni non sono riusciti a sopravvivere ai raggi ultravioletti del Sole, che lassù è mille volte più forte che qui sulla Terra. Per il resto si sono comportati benissimo, e questa passeggiata cosmica pare non averli scalfiti minimamente. Stiamo parlando di un gruppo di esemplari di Tardigradi che gli scienziati della Kristianstad University svedese hanno prelevato in Kazakistan e hanno spedito nello spazio a bordo della sonda FOTON-M3 dell'European Space Agency (Esa), allo scopo di testarne la resistenza nel vuoto cosmico.  "Nel 1776 Spallanzani li congela a -20 gradi senza ammazzarle. Né ci riesce Paul Becquerel, che nel 1950 le immerge in elio liquido a -270 gradi, o Raul Michel May, che nel 1964 le bombarda con 250 volte la dose di raggi X letale per noi. Né Kunihiro Seki, che nel 1998 le schiaccia sotto 6000 atmosfere…”

 Due le morfospecie prescelte: il Richtersius coronifer e il Milnesium tardigradum. Nessun esemplare della prima ha resistito all'esposizione alle radiazioni ultraviolette senza schermatura, mentre 3 esemplari della seconda ce l'hanno fatta, e successivamente si sono perfino riprodotti. Questo fa di loro i primi animali in grado di sopravvivere nello spazio, dal momento che fino a ieri tale capacità era attribuita solo a licheni e batteri. Una volta tornati sulla Terra, i tardigradi sono stati reidratati – quindi risvegliati dal loro stato di vita latente – per essere analizzati e permettere così agli scienziati di capire come l'organismo di questi minuscoli animali ha reagito alle radiazioni UV e ai raggi cosmici, oltre che all'assenza d'aria, e comprendere se e come i vari organismi presenti sul nostro pianeta potrebbero sopravvivere a voli interplanetari.

 

Sono stati, infatti, recentemente pubblicati sulla prestigiosa rivista "Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America"(PNAS) i risultati di una ricerca condotta in collaborazione fra ricercatori del Dipartimento di Biologia dell'Ateneo modenese-reggiano, guidati dalla prof.ssa Lorena Rebecchi, e ricercatori dell'Università d'Irlanda (Maynooth), del National History Museum of London, dell'Università di Montreal e del Dartmouth College of Hanover (USA). I risultati della ricerca riguardano la remota origine di questi esseri, il loro rapporto evolutivo con gli artropodi, il più vasto gruppo animale esistente comprendente insetti, ragni e crostacei, e le caratteristiche del loro genoma.

 

 I risultati derivano dall'utilizzo di nuove metodologie di tipo filogenomico sviluppate dal dott. Davide Pisani e dal dott. Omar Rota–Stabelli dell'Università d'Irlanda (Maynooth), volte e decifrare le reali relazioni evolutive fra i gruppi animali oggetto di studio. "Il procedimento – afferma la prof.ssa Lorena Rebecchi del Dipartimento di Biologia dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia - ha consentito di individuare e separare i dai più utili, dal punto di vista filogenetico, . Inoltre, per la prima volta nei tardigradi, sono stati cercati e considerati nell'analisi filogenetica anche i microRNA. Questi sono una classe di elementi genomici in grado di regolare un'ampia gamma di processi cellulari e di determinare importanti differenze anatomiche fra i gruppi animali. I microRNas sono inoltre risultati eccellenti marcatori molecolari per la filogenesi animale, grazie al loro basso tasso di evoluzione". Questo studio ha consentito di dimostrare che i tardigradi sono strettamente correlati agli artropodi e che sono un gruppo animale comparso oltre 600 milioni di anni fa, prima degli artropodi stessi. In precedenza, il rapido tasso di evoluzione del genoma dei tardigradi aveva fuorviato le analisi conducendo alla diffusa convinzione che vedeva i tardigradi strettamente correlati ai nematodi (microscopici vermi cilindrici). I risultati di questa ricerca dimostrano in via definitiva che i tardigradi sono invece il "sister group" (ovvero il gruppo più strettamente imparentato dal punto di vista evolutivo) di insetti, crostacei e onicofori. Possono sopravvivere per quasi 10 anni senz’acqua, sopportano per pochi minuti una temperatura fino a 151 gradi centigradi, mentre resistono giorni a -200. La loro resistenza si riduce notevolmente, anche se resta nel limite dei pochi minuti, ad una temperatura simile allo zero assoluto. Parliamo di un grado Kelvin o -272 gradi centigradi. Possono resistere ad alti livelli di radiazione e ad una pressione pari a sei volte quella dei fondi oceanici.

 Ebbene si, potrebbero non avere problemi neppure nel vuoto dello spazio. Questi animali, conosciuti anche con il nomignolo di “orsi di mare”, secondo le teorie più ardite prodotte da scienziati naturalisti come Mike Shaw, potrebbero essere arrivati addirittura dal profondo vuoto per poi atterrare sul nostro pianeta come se si trattasse di piccoli detriti spaziali. Una conclusione alla quale si è arrivati vista la mancanza di punti in comune con le altre specie della Terra.

 

Ecco l'unico essere che sopravvive nello spazio

 

 

Questa scoperta può avere interessanti ripercussioni per il settore agroalimentare con l'utilizzo di nuove molecole bioprotettrici da utilizzare per la conservazione a breve e lungo termine di prodotti alimentari.

 

 

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento
16 settembre 2012 7 16 /09 /settembre /2012 21:37
    Dopo mesi che si continuano a rincorrere le notizie su cosa sia la figura non identificata nel mar Baltico,  è stato finalmente svelato il mistero che tutti aspettano sia svelato o perlomeno, chiarito. Che si trattasse di qualche forma strana calcarea o di roccia, qualcuno la aveva anche pensata, ma come esserne sicuri?
 Dobbiamo andare a ricercare qualcuno che di questa ricerca ne ha fatto una questione da studiare e approfondire,da un professore associato di Geologia carriera all'Università di Stoccolma,Volker Brüchert . I cacciatori del tesoro, Peter Lindberg , che ha fatto la scoperta il 19 giugno 2011, ha rifiutato di commentare. "Ho trovato un minerale nero che potrebbe benissimo essere una roccia vulcanica. mia l' ipotesi è che questo oggetto, questo grande struttura si è formata nel corso di migliaia L'era glaciale di anni fa ", ha detto il ricercatore a Spagnolo portale" ABC.es . " è un deposito glaciale che risale a migliaia di anni, il che è di circa 60 metri di diametro. La sua forma ovale e la simmetria delle sue estremità fatto gli esperti riguardano l'oggetto come una navicella spaziale.  Per quanto riguarda i marchi che sono stati trovati dietro l'oggetto ora identificato al suo posto di parcheggio, l'esperto dell'università indica che sono strisciante prodotto che ha subito dalla sua posizione originale. "Dal momento che tutta la regione settentrionale del Baltico è fortemente influenzato dallo scioglimento dei ghiacciai, come stai sia la struttura di campioni di roccia, probabilmente formate in stretta connessione con i processi glaciali e post-glaciale. Ed è probabile che questi rocce sono stati trasportati dai ghiacciai .
 
 

L'oggetto strano e massiccio sommerso in mare non è altro che un deposito glaciale

 

     Alla fine di luglio il gruppo  X Ocean ha Divers raccolto alcuni campioni di oggetto, e inviati per lo studio di Volker Brüchert. E le sue conclusioni sono state una doccia fredda per Lindberg: "Ho incontrato il ricercatore ha detto un minerale nero che potrebbe benissimo essere una roccia vulcanica. La mia ipotesi è che questo oggetto, questa grande struttura si è formata nel corso di migliaia L'era glaciale di anni fa. "       

"E 'bello avere critici su questo presunto" mistero del Baltico ", dice Brüchert. Quello che il Team X cha ompletamente ignorato è che la maggior parte dei campioni prelevati dal fondo del mare possono essere in granito, gneiss (rocce con la stessa composizione di granito) e arenaria. " E questo, secondo lo scienziato, è esattamente quello che ci si aspetterebbe di vedere in un bacino del ghiacciaio. intero bacino del Mar Baltico è un grande ghiacciaio, una regione scolpito dal ghiaccio per migliaia e migliaia di anni.

misteri,mistero,ufo,fondali,ufo mar baltico,notizie,news

Ma insieme con quelle correnti rocce, subacquei portato alla luce qualcosa di molto più interessante: un frammento di roccia basaltica, un tipo di minerale che si forma quando la lava indurita. "Dal momento che tutta la regione settentrionale del Baltico è fortemente influenzato dallo scioglimento dei ghiacciai, la struttura (il presunto UFO) come stai roccia campioni probabilmente formate in stretta connessione con i processi glaciali e post-glaciale. Ed è probabile che queste rocce sono state trasportate dai ghiacciai. "

In altre parole, che il famoso UFO sarebbe altro che un deposito glaciale, una formazione rocciosa guidata da ghiaccio marino (il che spiega anche i segni) alla posizione attuale.Naturalmente, né Lindberg né alcun altro membro della X Ocean hanno voluto commentare i risultati di questa analisi. Come per le immagini, si ricorda che l'unica disponibile è la scansione del suono originale. Una classe di immagini che sono abbastanza difficili da interpretare, e che tutti gli esperti avvertono che non deve essere preso alla lettera.

Tuttavia, è più probabile che questa storia non ha ancora scritto il suo ultimo capitolo. E Lindberg probabilmente sarà presto disegnare un altro asso nella manica.

fonte

 

 

 

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg