Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

4 novembre 2012 7 04 /11 /novembre /2012 11:48


Messaggio di M.T. Keshe 10/10/20

In seguito alla nostra ultima chiamata dal centro della Fondazione Keshe in Belgio per i negoziati di pace tra il governo iraniano e il governo di Israele,

rinnoviamo il nostro appello a entrambe le nazioni prima della mossa finale e della guerra totale tra di loro.

Condividi post
Repost0
31 ottobre 2012 3 31 /10 /ottobre /2012 22:21

La situazione attuale non va bene per l' Italia, per i disoccupati che vorrebbero avere la possibilità di lavorare. Oltre ad avere il dispiacere di avere a che fare con un governo che non crea opportunità di lavoro per i giovani e aumente l' età lavorativa per le persone che vorrebbero una pensione, le stime a settembre 2012 per gli occupati sono 22 milioni e 937 mila, in diminuzione dello 0,2% rispetto ad agosto (-57 mila unita’). Il calo riguarda esclusivamente la componente maschile. Il numero di occupati e’ invariato su base annua. Lo rileva l’Istat. Il tasso di occupazione e’ pari al 56,9%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali nel confronto congiunturale ma e’ stabile nei dodici mesi. Il numero dei disoccupati, pari a 2 milioni e 774 mila, aumenta del 2,3% rispetto ad agosto (62 mila unita’).

La crescita della disoccupazione riguarda prevalentemente gli uomini. Su base annua si registra una crescita pari al 24,9% (554 mila unita’). Il tasso di disoccupazione e’ pari al 10,8%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto ad agosto e di 2,0 punti nei dodici mesi. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 608 mila e rappresentano il 10,1% della popolazione in questa fascia d’eta’. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l’incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, e’ pari al 35,1%, in aumento di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,7 punti nel confronto tendenziale. Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni risulta sostanzialmente invariato rispetto al mese precedente. Il tasso di inattivita’ si attesta al 36,3%, stabile in termini congiunturali, ma in diminuzione di 1,3 punti percentuali su base annua.

 

Per la disoccupazione possiamo avere delle notizie a riguardo:

DISOCCUPAZIONE ORDINARIA

Regole generali


Una quota dei contributi versati per i lavoratori regolarmente iscritti all'INPS serve per assicurarsi contro la perdita del lavoro e la disoccupazione, causata dall'estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.
L'indennità spetta a tutti i lavoratori subordinati senza distinzione di qualifica, compresi i lavoratori a domicilio e gli stranieri extracomunitari.


Non è necessario che lo stato di disoccupazione sia assoluto:

 

  • l'indennità è riconosciuta quando si perde l'attività principale da cui si ricava il reddito maggiore;
  • si può ricevere l'indennità di disoccupazione anche se si sta svolgendo un'attività stagionale.

Esistono diverse forme di indennità di disoccupazione, distinte in base al settore di lavoro e ai requisiti richiesti:

 

  • indennità ordinaria
  • indennità ordinaria con requisiti ridotti
  • trattamento speciale per l'edilizia
  • trattamento speciale per operai agricoli

 

I trattamenti sono detti 'speciali' in quanto comportano percentuali di indennità superiori a quelle delle altre forme di disoccupazione, rivolgendosi a lavoratori di settori produttivi spesso soggetti a interruzioni del rapporto di lavoro.

Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

  • ha percepito l'indennità per tutte le giornate previste;
  • viene avviato dalle agenzie di lavoro ad una nuova attività;
  • diventa titolare di un trattamento pensionistico diretto (pensione di vecchiaia, di anzianità, pensione anticipata, pensione di inabilità o assegno di invalidità).

Indennità ordinaria


A chi spetta
L'indennità di disoccupazione ordinaria spetta:

  • ai lavoratori licenziati ( non a quelli che si dimettono volontariamente, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa);
  • a partire dal 17 marzo 2005, ai lavoratori che sono stati sospesi da aziende colpite da eventi temporanei non causati nè dai lavoratori nè dal datore di lavoro.

 

Il lavoratore per avere diritto all'indennità deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

 

  • almeno 52 settimane di contribuzione nei due anni che precedono la data di cessazione del rapporto di lavoro;
  • almeno 2 anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria, vale a dire almeno un contributo settimanale versato prima del biennio precedente la domanda;
  • dichiarazione, effettuata presso il Centro per l’Impiego competente, di disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa.

 

I lavoratori extracomunitari titolari di permesso di soggiorno per lavoro stagionale sono esclusi dall'obbligo assicurativo alla disoccupazione.

Pertanto, non possono ricevere le prestazioni di disoccupazione.


Comunicazione al Centro per l'impiego


In caso di licenziamento individuale o di dimissioni di un lavoratore straniero, l'impresa è tenuta a comunicarlo allo Sportello unico e al Centro per l'impiego entro 5 giorni.
Lo straniero deve presentarsi, se vuole far risultare lo stato di disoccupazione, non oltre il 40° giorno dalla cessazione del rapporto di lavoro, al Centro per l'impiego e dichiarare la disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa. Il lavoratore è inserito nell'elenco anagrafico per il periodo residuo di validità del permesso di soggiorno e, comunque, per un periodo non inferiore a 6 mesi (DPR. N. 334/2004).

Quanto spetta

Per la disoccupazione in pagamento dal 1° gennaio 2008, l’indennità di disoccupazione ordinaria è pari al 60% della retribuzione – percepita nei tre mesi precedenti la fine del rapporto di lavoro – per i primi 6 mesi, al 50% per il settimo e ottavo mese e al 40% per i mesi successivi.

Per quanto tempo

Dal 1° gennaio 2008 l’indennità di disoccupazione ordinaria viene corrisposta per un periodo di 8 mesi, che diventano 12 se il disoccupato ha un’età pari o superiorea 50. anni (L’età da considerare è quella posseduta dal lavoratore al momento della cessazione del rapporto di lavoro).

Ai lavoratori sospesi spetta nel limite massimo di 65 giorni.


La domanda

La domanda per ottenere l’ indennità di disoccupazione ordinaria non agricola (mod. DS 21), può essere presentata, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, direttamente alla sede INPS competente per residenza.

Attenzione. I lavoratori extracomunitari, in attesa di rilascio del primo permesso di soggiorno o di rinnovo, devono presentare anche la seguente documentazione:
se in attesa di rilascio del primo permesso

 

  • copia del modello di richiesta del permesso di soggiorno, rilasciata dallo Sportello Unico per l'immigrazione al momento dell'ingresso in Italia;
  • ricevuta dell'avvenuta presentazione della richiesta del permesso stesso, rilasciata dall'ufficio postale.

 

se in attesa di rinnovo del permesso

 

  • ricevuta dell'avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo, rilasciata dall'ufficio postale;
  • copia del permesso di soggiorno in scadenza o scaduto.

Requisiti necessari


Il richiedente deve

  • essere iscritto negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti per l'anno cui si riferisce la domanda;
  • avere almeno 2 anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria;
  • avere 102 giorni di contribuzione nel biennio formato dall'anno per il quale si fa domanda e da quello precedente.

Quanto spetta e per quanto tempo
L'indennità è corrisposta:

 

nella misura del 30% della retribuzione convenzionale o, se superiore, del salario medio giornaliero;

per un numero di giorni pari a quello di effettivo lavoro nell'anno.

La domanda
La domanda va presentata alla sede INPS competente dal 1° gennaio al 31 marzo dell'anno successivo a quello della disoccupazione.

 

 

 

Condividi post
Repost0
31 ottobre 2012 3 31 /10 /ottobre /2012 22:10

Uno schieramento di oltre 500 espositori, tra cui i maggiori player dell'ICT, come APC, Cisco, Dell, Epson, Fujitsu, Google Enterprise, IBM, HP, Intel, Microsoft, Olivetti, Oracle, SAP, Telecom Italia, Vodafone, Xerox, Zucchetti, riuniti accanto ai propri business partner del territorio sono pronti ad accogliere da domani a venerdi' gli oltre 50.000 visitatori professionali all'interno dei padiglioni 1 e 2 di Fieramilanocity. La 49° edizione di Smau e' un viaggio attraverso le ultime frontiere tecnologiche per il business dal Cloud Computing alle Unified Communication dagli Ultrabook alle Apps per il business fino ai Big Data e alla firma digitale per poi essere proiettati in un futuro lontano, dove si puo' dare uno sguardo alle tecnologie piu' innovative che rivoluzioneranno il nostro modo di lavorare nei prossimi anni.
Il percorso tra gli stand parte da Cisco la cui partecipazione ha come leitmotive "Inspired by your Life, powered by Cisco"; ovvero la tecnologia Cisco messa al servizio delle persone e della loro esistenza. I visitatori possono assistere a come l'era digitale sia ormai ispirata dalla vita quotidiana e trovi nell'informatica e nelle telecomunicazioni gli strumenti per compiere la trasformazione dell'umanita' in tutte le sue manifestazioni e funzioni: cittadini, comunita', lavoratori, e non solo. Tutto cio' e' "rappresentato" mediante 5 aree demo: Interactive Services; mostra soluzioni che traggono beneficio dalle tecnologie video e dalle interfacce uomo-macchina di nuova generazione per semplificare l'interazione diretta tra utenti finali e piattaforme di servizio; Food Traceability; presenta una piattaforma di servizio per il monitoraggio e controllo della qualita' e salubrita' di prodotti agro-alimentari lungo l'intera filiera produttiva; Extended Security mostra piattaforme di servizio che indirizzano i temi di pubblica sicurezza in ambito urbano, stradale, cittadino e lavorativo; Energy Management mostra soluzioni di monitoraggio, controllo e gestione del consumo energetico orientate all'efficientamento, alla sostenibilita' ambientale e alla compatibilita'; Big Data, mostra un esempio di piattaforma unica per il Big Data Management che, in ottica di visione convergente, integri le funzionalita' di Analisi, Calcolo Distribuito. Cisco e' presente con i suoi partner Alascom, Cloud Italia, Computer Gross, Durante e Fasternet.

Presso il Dell Village, che riunisce i partner Datamatic, Disc, General Computer, Project Milano, Sidi Tecnomatica e Sidin e' possibile vedere da vicino i nuovi prodotti client di Dell pensati per l'ambito business, assieme ad altre soluzioni enterprise, che vanno dai server PowerEdge di dodicesima generazione ai sistemi storage avanzati dotati di funzionalita' di replica e deduplica. Non mancano infine tutte le famiglie di prodotto pensate per i professionisti sempre in movimento come laptop, ultrabook e AIO (notebook con tecnologia touch in grado di supportare windows 8).
Tra le novita' presentate da Fujitsu spicca il primo Ultrabook, gia' disponibile sul mercato, progettato esclusivamente per un target business, in grado di spingere al massimo la sicurezza del sistema e la sua gestibilita'. Inoltre, con funzionalita' integrate come il lettore di impronte digitali il nuovo ultrabook permette un elevato livello di sicurezza particolarmente indicato per i professionisti. Allo stand e' possibile vedere anche il tablet ibrido dedicato agli utenti mobili che coniuga la fruibilita' dei contenuti di un tablet con la comodita' di una tastiera notebook full-size integrabile con in piu' una batteria aggiuntiva.
Allo stand Google Enterprise e durante il Convegno dedicato vengono illustrate le opportunita' offerte dalle Google Apps, le applicazioni per il business 100% web anche attraverso le testimonianze di organizzazioni italiane che hanno gia' effettuato il passaggio a questo nuovo modello per la comunicazione, la collaborazione e l'innovazione aziendale. Google e' presente con i suoi partner Scube New Media e Global Base.
La presenza di HP e' orientata verso la presentazione delle ultime novita' in tema di soluzioni di stampa digitale, information security, cloud computing, big data, business intelligence, data center. HP e' presente con i suoi partner CDM Tecno Consulting, R1 e Web Korner.
Presso lo stand IBM si possono approfondire le ultime evoluzioni in tema di Cloud Computing, Social Business, Business Analytics, Smarter Commerce, Sicurezza e su ACG Vision4, l'ERP di IBM per le piccole e medie imprese. Un ambiente interattivo consente di esplorare liberamente i contenuti in modalita' touch-screen e di trasferire su qualsiasi dispositivo mobile le presentazioni, le demo, le storie di successo, i video e le brochure. IBM e' presente con i suoi partner Delta Phi Sigla, PMC International Service, S.I. Soluzioni Informatiche, Cosmic Blue Team, ITC, Var Group, Agomir, MASTER HOUSE, Axioma ed EDM.

Le piu' innovative soluzioni presentate da Intel sono racchiuse all'interno dell'Ultrabook™ Village, dove i piu' importanti produttori di PC presentano i modelli di nuova generazione di questo nuovo computer portatile ultraleggero e ultra sottile, creato da Intel per ridefinire il concetto stesso di personal computing sia per il mondo business, sia per quello consumer e dell'Experiential Area, una zona dello stand riservata alle presentazioni delle soluzioni piu' all'avanguardia, frutto delle ricerche dei laboratori Intel. L'area ospita per esempio la soluzione AIM (Audience Impression Metrics) indirizzata all'industria della digital signage. Essa permette di misurare alcuni elementi fondamentali degli utenti tipo eta' e sesso e analizzare le interazioni dell'audience (chi visualizza le pubblicita'), registrando i picchi di visualizzazione e l'orario in cui e' avvenuto, nonche' la tipologia di contenuti visualizzata piu' spesso. All'interno di quest'area si possono inoltre vedere altre tecnologie come i NUC (Next Unit of Communication) che amplificano il concetto del PC desktop, evolvendolo a un utilizzo diverso rispetto a quello a cui siamo abituati oggi. Intel e' presente con i propri partner Antec, Asem, Brevi, Cru DataPort, Gemm, GigaByte, Intercomp, Logicom, McAfee, Microtronica, Mind, Miza, Panasonic, Si Computer, SHC, Yashi.
Oggetto della partecipazione di Microsoft a Smau e' soprattutto il cloud computing, attraverso Office 365. Allo stand e' possibile provare di persona la flessibilita' e l'affidabilita' tipiche di questa soluzione di Cloud Computing che permette ad imprese ed enti di ogni dimensione di accedere agli stessi servizi tipici delle grandi multinazionali, senza rigidi investimenti iniziali e a costi contenuti. Grazie ad Office 365, i professionisti e le aziende locali possono avere accesso ai propri dati in maniera sicura anche in mobilita' e comunicare e condividere informazioni in modo piu' semplice. Inoltre SMAU e' anche l'occasione per far conoscere le potenzialita' del Cloud Ibrido di Microsoft a supporto di una crescita flessibile e in particolare per illustrare le funzionalita' del nuovo Windows Server 2012. Microsoft e' presente con i partner Mht, Salvix, Snom. Nell'area espositiva di Olivetti sono illustrate al pubblico tutte le novita' proposte dall'azienda italiana: da quelle dedicate ai tablet e notebook per il business e l'education, a quelle per la dematerializzazione dei documenti cartacei per il mondo della pubblica amministrazione e del sistema bancario, dai registratori di cassa e POS con applicazioni di pagamento elettronico, fino al set multifunzione per l'ufficio con applicazioni e device da utilizzare in piena mobilita'. Spazio anche all'Application Warehouse, il magazzino virtuale di applicazioni software orientate al mondo business che consente di fornire al cliente soluzioni chiavi in mano.
SAP presenta il proprio portfolio di prodotti, sviluppato per rispondere in modo specifico e personalizzato alle necessita' delle PMI. Si tratta di soluzioni innovative che allargano gli orizzonti tecnologici, superando il semplice concetto di software gestionale, per offrire risposte concrete ed efficaci nelle nuove aree in cui oggi si gioca la sfida della competitivita' d'impresa, come il Cloud, la Mobility e la gestione dei dati a 360 gradi, dal Database all'analisi in tempo reale. Smau e', inoltre, l'occasione per il lancio ufficiale in Italia della versione in cloud della soluzione gestionale per le piccole e medie imprese, SAP Business One, oggi disponibile anche con l'innovativa tecnologia di In-Memory Computing per l'analisi e il reporting in tempo reale. Sap e' presente allo stand con i partner Altea, Briefing, CDM Tecno Consulting, Datalab, Gci, Sai Consulting, SoftPI.com, Var Group.
Telecom Italia a Smau accelera sul programma IT IS (Information Technology Impresa Semplice), il canale di vendita specializzato nell'Information Technology per le Piccole e Medie Imprese, presentando le novita' di gestione della rete commerciale e le nuove soluzioni IT in grado di favorire la digitalizzazione delle PMI accrescendone efficienza e competitivita'. Presso il Village Impresa Semplice sono proposti i nuovi servizi di cloud computing, comprendenti applicazioni per la firma digitale e l'archiviazione elettronica dei dati, e servizi di geolocalizzazione dei veicoli aziendali, che si affiancano ai servizi cloud infrastrutturali e alla soluzione per la costruzione del proprio sito Internet. A fianco dello stand ci sono alcuni partner IT IS che presentano le loro soluzioni applicative tra cui Data Company, Capital, Siseco, Veracom . Nell'area fa tappa il Cloud Bus, un inedito "demo point" itinerante a bordo del quale si possono sperimentare i servizi di videoconferenza, virtualizzazione e unified communication & collaboration della Nuvola Italiana realizzati in collaborazione con Cisco.
In aggiunta ai consolidati servizi di comunicazione mobile e agli innovativi servizi di rete fissa, Vodafone in fiera propone un insieme di Smart Solutions che abilitano lo sviluppo delle Smart Cities in diversi ambiti: Smart Government & Services, per semplificare e rendere piu' efficiente l'erogazione dei servizi pubblici della Pubblica Amministrazione; Smart Grid, per ottimizzare il monitoraggio ed il controllo delle reti di distribuzione (elettricita', acqua, gas,..) e dei consumi; Smart Mobility per una gestione piu' efficiente della mobilita' all'interno della citta'; Smart Working & Living, per migliorare la produttivita' e la qualita' del lavoro e la fruizione dei servizi per i cittadini (es. mobile payment); Smart Health per offrire applicazioni innovative a supporto dell'assistenza domiciliare, del monitoraggio e la diagnostica da remoto e della gestione delle risorse per le emergenze.
Per Zucchetti e Microarea Smau e' l'occasione per presentare al mercato le nuove soluzioni e le integrazioni di prodotto, da Safety Solution, la soluzione web che risolve tutte le esigenze aziendali legate alle soluzioni per gestione della sicurezza sul lavoro, dalle applicazioni di tesoreria e di gestione del alle soluzioni unified comunication. (AGI)

Condividi post
Repost0
29 ottobre 2012 1 29 /10 /ottobre /2012 23:14

Russia, scomparso cargo con 700 tonnellate doro

Perdere una nave carica d' oro può essere quasi uno scherzo o perlomeno ritenere che si possa perdere una nave con un tale carico prezioso, farebbe sorridere molte persone.E' scomparso ieri nel mare di Okhotsk, eall'estremo est della Russia, un cargo con a bordo un carico di 700 tonnellate di oro e un equipaggio che, secondo due diverse fonti, varia da nove a undici marinai. A rendere più complicate le operazioni di ricerca, dopo il lancio di una richiesta di soccorso durante una tempesta, sono le cattive condizioni meteo, con pioggia e neve. Il cargo era partito dal porto di Kiran ed era diretto al porto di Okhotsk.La nave cisterna Novik é stata la prima ad arrivare sul posto, ma non ha trovato né relitti né naufraghi. Neppure l'aereo anfibio Be-200 inviato da Khabarovsk ha avvistato nulla e nella notte è stato costretto a tornare alla base. Le squadre impegnate nelle ricerche al momento stanno effettuando le necessarie verifiche, per stabilire cosa sia accaduto. Va verificata la rotta della nave e le sue condizioni tecniche", ha riferito la portavoce del dipartmento indagini sui trasporti dell'Estremo oriente. Al momento sono stati perlustrati quattromila metri quadrati di mare. E l'esercito arriva in rinforzo, con un aereo anfibio e un elicottero Mi-8, anche se le condizioni metereologiche stamattina stavano complicando il decollo dei velivoli. Nelle prossime ore, tra l'altro, le previsioni sono pessime per l'area e le ricerche del cargo carico d'oro potrebbero essere interrotte.
Condividi post
Repost0
28 ottobre 2012 7 28 /10 /ottobre /2012 07:42

 fiscal compact, ossia il trattato che introduce i meccanismi di stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria, e che mira – così si dice – «a salvaguardare la stabilità di tutta la zona Euro». Il Fiscal Compact mira a tagliare del 50% il nostro debito pubblico, in pratica tagli dello Stato di circa 45 miliardi per 20 anni, di modo che nel 2033 avremo un debito pubblico basso di circa il 60% del nostro PIl, oggi e' al 120%. Per chi non e' ben informato, questo progetto lo vede come positivo, cioe' paese con basso debito = paese che puo' prosperare, che ha un futuro. Purtroppo non e' cosi', perche' i tagli alle pensioni, stipendi, sanità, educazione, aumento tasse, in poche parole l'austerità, porta il paese alla recessione ed al conseguente impoverimento. Esattamente ciò che sta succedendo oggi, con le varie manovre a cui stiamo assistendo, chiedendoci che coraggio hanno i nostri governanti a tagliare determinate fonzioni del paese.

 Il presidente della Repubblica difende le scelte filo europee e replica indirettamente a Berlusconi, che  veva criticato il fiscal compact, che a suo tempo firmò come capo del governo. "Bisogna accompagnare la strada necessitata della severità con misure per la crescita incoraggiate a livello europeo e non prese dai singoli Stati, ciascuno per proprio conto"

Napolitano ha aggiunto: "La rigorosa disciplina finanziaria cui oggi siamo tutti tenuti è indispensabile per l'avvenire delle nuove generazioni e per il rilancio della crescita e dell'occupazione, che consideriamo urgente e che sollecitiamo in sede europea". E poi ha aggiunto: "Il governo italiano sta conducendo un'opera riformatrice coraggiosa insieme ad una solida e determinata azione di controllo della spesa pubblica, che ci pone in prima linea nella difesa della credibilità della Ue su una scena internazionale sempre più competitiva".

Non nascondendo che nel colloquio con il presidente ceco sono stati toccati anche "temi controversi e tecnicamente complessi", secondo Giorgio Napolitano è emerso comunque "un giudizio comune su molti aspetti economici e politici europei". Per questo, il presidente della Repubblica ha tenuto a "valorizzare l'eccellente stato dei rapporti economici e culturali tra i nostri due Paesi", e la "comunanza di vedute su grandi questioni di politica internazionale". 

Dubbi ed incertezze sulla bontà del “fiscal compact” sono stati espressi in tutta Europa: la Germania per prima ha rinviato l’approvazione del trattato, e sarà la Corte Costituzionale a decidere, 12 settembre, se il fondo di salvataggio (ndril trattato Mes) ed il patto fiscale europeo potranno entrare in vigore. In Italia, invece, si è assistito ad un “allineamento” non solo degli organi di stampa – che evitano quasi di dare notizia dell’avvenuta approvazione – ma dello stesso Parlamento, il quale ha ratificato, senza discussione, senza neppure che sia stato necessario al Governo porre la questione di fiducia, il Trattato: maggioranza bulgara oggi alla Camera, 368 sì contro 65 no. In Italia tutto accade ormai in un’atmosfera grigia e silenziosa, quasi spettrale.


 Ma cosa significa l’approvazione del “fiscal compact”? Il “patto” prevede che i Paesi che detengono un debito pubblico superiore al 60% del PIL di rientrare entro tale soglia nell'arco di 20 anni, ad un ritmo pari ad un ventesimo dell'eccedenza in ciascuna annualità. Gli Stati si obbligano a mantenere il deficit pubblico sempre sotto al 3% del PIL, a pena di sanzioni. Tutto ciò significa né più né meno la semplice rinuncia ad ogni possibilità di intraprendere una politica fiscale capace di stimolare la domanda. Significa condannarsi ad una rigidità ulteriore di politica economica che va ad aggiungersi a quella del cambio fisso dettato dalla moneta unica. L’Italia, la nazione prima al mondo per pressione fiscale, si impegna oggi a sostenere 50 miliardi di Euro all’anno di tasse e tagli per 20 anni. Rispettare parametri fiscali sempre più rigidi e stringenti, rinunziando ad ogni spazio possibile di manovra, vorrà dire dover imporre agli italiani, per i prossimi vent’anni, un regime di austerità radicale: si colpiranno ancora salari, stipendi e prestazioni del Welfare, si aggraveranno le condizioni di vita delle classi sociale medio-basse, si assisterà a nuove tasse. Gli italiani devono sapere che il prezzo imposto dall’Europa è una macelleria sociale: tagli dappertutto, dalla sanità alla scuola, dall’università ai trasporti.

 Tutto questo avviene, ed avverrà, senza alcuna consultazione diretta o indiretta del popolo italiano, ma unicamente per rispettare decisioni prese al di fuori del Paese. Siamo passati senza accorgercene da un sistema politico democratico ad un sistema oligarchico, in cui il Governo è nelle mani di un gruppo di “tecnici” che rappresentano interessi esterni. Il Parlamento obbedisce, senza neppure un minimo accenno di protesta. Il Paese è stato “pacificato”: niente più aspri scontri politici, disinteresse diffuso per la politica, tensione sociale apparentemente sotto controllo. Eppure si annuncia, per i prossimi vent’anni, una sanguinosa e violenta “economia di guerra”: la guerra senza guerra, ossia la più terrificante delle possibilità.

Anche Vendola in questi ultimi giorni, ha espresso la sua idea:

 ''Bersani? Vorrebbe ma non puo' mettere a posto il fiscal compact perche' non ne ha il coraggio. Dobbiamo investire sulla rinascita e non sulle macerie''.

Lo ha detto il leader di Sel Nichi Vendola ai microfoni di Tgcom24 fornendo anche una previsione sul futuro della coalizione di centrosinistra: ''Quando sara' chiaro che la contesa vera non e' anagrafica, ma sul modello di societa', sono d'accordo con il popolo che mi votera' alle primarie e credo che mi fara' vincere''.


Condividi post
Repost0
24 ottobre 2012 3 24 /10 /ottobre /2012 21:28

Il ddl salva-Sallusti non ammazza più i blog

 

Niente carcere per chi diffama e una sanzione massima di 50 mila euro. Per quanto riguarda la rettifica online, questa riguarderà solo le testate giornalistiche e gli articoli che vi saranno pubblicati. Nessun obbligo di rettifica, invece, per i commenti. Questi i punti principali dell’intesa trovata al Senato dalla maggioranza sul ddl Salva Sallusti, che a questo punto non è più un ammazza-blog e per le testate on line mantiene le stesse regole di quelle cartacee, esplicitando con una legge quello che era già orientamento maggioritario nella giurisprudenza.

I PUNTI CENTRALI – Secondo quanto si apprende, sarebbero questi i punti centrali su cui i gruppi stanno lavorando per arrivare domani in aula al Senato con un testo piu’ “equilibrato” come dice Anna Finocchiaro (Pd) e “piu’ snello e semplice” come aggiunge Maurizio Gasparri. Non ci sara’ nessun rinvio in commissione e domani mattina i lavori riprenderanno alle 9.30 con i gruppi che dovrebbero avere in tasca l’accordo per riuscire cosi’ ad approvare il ddl. e Pd si sono riuniti nella sala del governo al Senato, insieme ai relatori Filippo Berselli (Pdl) e Silvia Della Monica (Pd) e ad alcuni componenti della commissione Giustizia, e secondo quanto viene riferito, l’obiettivo e’ di arrivare a un testo semplificato attraverso pochi emendamenti, forse soltanto 6, a firma dei relatori. Che tra l’altro poi daranno parere favorevole anche ad alcune proposte di modifica come quelle di Luigi Zanda del Pd.

LE MULTE - Le multe previste per chi diffama potrebbero essere dimezzate (oggi nel testo vanno da un minimo di 5mila a un massimo di 100mila euro) e lo sconto per chi rettifica potrebbe essere aumentato, da un terzo a due terzi. Lo scoglio piu’ difficile da superare riguarda i siti internet: nella riunione con i relatori si è ipotizzato di “prevedere per i siti un link che porti alla rettifica”, dicono le fonti di varie agenzie di stampa: una frase che non significa niente.Infine dovrebbe essere soppresso l’articolo 3m quello che in nome del diritto all’obliom prevede l’obbligo di cancellazione dei contenuti ritenuti offensivi da tutti i siti internet (compresi i blog) e dai motori di ricerca che avrebbero rischiato le multe fino a 100 mila euro.

RITORNO IN COMMISSIONE? - I piu’ convinti del ritorno in commissione erano del gruppo Pd, ma il sostegno allo stop dei lavori in aula sarebbe arrivato anche dall’Udc, dall’Api-Fli, dalla Lega e con l’appoggio di qualche ‘ribelle’ del Pdl. Per il partito di Berlusconi sarebbe pero’ stato problematico un rinvio del testo in commissione Giustizia e cosi’ alla fine, dopo un braccio di ferro durato tutta la giornata, si e’ arrivato a un compromesso: niente rinvii, niente stralci ma un ddl piu’ snello sopprimendo alcune parti (l’articolo 3 sul diritto all’oblio per i siti internet) e modificando le questioni piu’ spinose (abbassamento delle multe probabilmente dimezzandole).

fonte

Condividi post
Repost0
21 ottobre 2012 7 21 /10 /ottobre /2012 22:50

 

foxconn catena montaggio

Uscita come indiscrezione ora sarebbe confermata: Foxconn, ossia l’azienda manifatturiera che produce e assembla gli iPhone per Apple, avrebbe utilizzato bambini come operai presso le catene di montaggio in Cina. La denuncia è scattata dall’organizzazione China Labor Watch Group di stanza a Hong Kong che ha il compito di monitorare la situazione negli stabilimenti: sono stati scoperti circa 60 quattordicenni tra gli 80.000 dipendenti dello stabilimento di Yantai, nello Shandong. Foxconn in un primo momento ha smentito, poi ha ceduto e ha confessato: in Cina il lavoro è vietato per gli under 16

cora polemiche intorno alla Foxconn ossia all’azienda manifatturiera cinese che produce i gioielli per Apple compreso l’ultimo iPhone 5. Un giornalista si è infatti infiltrato all’interno delle catene di montaggio facendosi assumere come operaio e ha denunciato condizioni inaccettabili sul lavoro, ancora una volta e ancora nonostante le promesse di Cupertino di risolvere i problemi. Nei dieci giorni necessari a osservare da dentro la situazione, l’inviato in incognito dello Shanghai Evening Post è stato assunto nello stabilimento di Taiyuan. E cosa ha osservato? orari e turni massacranti, rimproveri esagerati per piccoli momenti di pausa, spazi ristretti e soffocanti e come se non bastasse la situazione sarebbe al limite anche negli edifici dormitori satelliti con 10 persone su un solo letto a castello e condizioni igieniche disastrose, con scarafaggi, inquinamento acustico e intossicazioni.

Intanto lo scorso febbraio Apple non si è nascosta più dietro a un dito e ha inaugurato un nuovo corso nei vari stabilimenti Foxconn in Cina, dove si fabbricano iPhone e co. e dove da tempo si denunciano condizioni lavorative inumane e ondate di suicidi. Qualche mese fa il nuovo numero uno di Cupertino, Tim Cook, aveva affermato di non aver nulla di cui scusarsi o di cui preoccuparsi. Poco dopo, però, Apple ha confermato che aprirà a una serie di colloqui volontari dei dipendenti, i quali saranno ascoltati per fare chiarezza intorno a tutte le dichiarazioni, le indiscrezioni e le voci che trapelano al di fuori delle mura degli stabilimenti. La presa di posizione decisa potrebbe finalmente andare a risolvere uno dei lati più oscuri del gigante di Cupertino.

Crediamo che tutti i lavoratori abbiano il diritto di poter lavorare in un ambiente sicuro, ed è per questo che abbiamo chiesto alla FLA di valutare le condizioni negli stabilimenti manifatturieri – ha affermato Tim CookLe ispezioni che si stanno effettuando non hanno precedenti nel settore della produzione di dispositivi elettronici, sia per scala sia per entità e apprezziamo che la FLA abbia acconsentito a questa iniziativa identificando le società nella propria indagine“. Che cos’è la FLA?

FLA è l’acronimo di Fair Labor Association ossia l’associazione che vigila sulle corrette condizioni umane e i diritti rispettati sui posti di lavoro. Il presidente Auret van Heerden ha annunciato l’inizio delle prime ispezioni lunedì mattina presso Shenzhen nel complesso (tristemente noto) di Foxconn City. La Foxconn, per altro, non è l’unica società coinvolta in queste indagini visto che si parla anche della Pegatron e della Quanta, che producono (non solo per la Apple) componenti fondamentali per computer, smartphone, tablet e una grande serie di dispositivi elettronici.

Da troppo tempo si parla di turni esagerati di lavoro, con i dipendenti che – organizzati in catene di montaggio da inizio del secolo scorso – montano a ritmi assurdi i piccoli componenti che a loro volta andranno a formare grandi componenti che saranno integrati nei dispositivi elettronici moderni. iPhone su tutti – ma solo perché è il più venduto – ma anche i tablet di Kindle, giusto per fare un altro esempio eclatante. Si spera che i colloqui portino a una maggiore chiarezza, soprattutto in merito agli orari e alla comunicazione con i dirigenti, ma anche l’entità dei salari, la sicurezza sul lavoro e la generale salute dei lavoratori. Potrebbe uscirne un quadro preoccupante, ma Apple ormai si è esposta in prima persona e difficilmente gli eventuali problemi saranno lasciati a se stessi. Sarà anzi l’inizio di una sorta di rivoluzione industriale cinese che potrebbe andare a coinvolgere anche tutte le altre società occidentali con stabilimenti in Asia.

Intanto emergono nuovi progetti che potrebbero risollevare la reputazione della Foxconn: robot intelligenti che sostituiranno migliaia di lavoratori umani sfruttati.

Fonte | BBC

Condividi post
Repost0
20 ottobre 2012 6 20 /10 /ottobre /2012 22:30

Le navi da guerra assumeranno ben presto un nuovo volto: il varo della USS Zumwalt, considerata la nave da guerra più sofisticata del mondo, avrà la sua gloria l' anno prossimo, nel 2013. Il vascello sarà operativo entro la fine del 2016, e rappresenterà una vera rivoluzione nel mondo dei cacciatorpedinieri.

il 60% delle forze navali degli Stati Uniti sarà di stanza nel Pacifico, un massimo storico che riflette la crescente importanza strategica dell'Asia negli Stati Uniti, come pure per quanto riguarda la Cina che flette il suo potere nella regione.

La presenza estesa degli Stati Uniti include la Marina di nuova generazione di navi da guerra, il cacciatorpediniere DDG-1000 classe Zumwalt, dal nome del ex capo delle operazioni navali ammiraglio Elmo Zumwalt Jr. La prima di queste 600 piedi, 15.000 tonnellate navi si sta costruendo da General Dynamics nel Maine a Iron Works vasca da bagno, che dovevano costruire 40 milioni di $ possibilità di ospitare il progetto.


Viene definita "cacciatorpediniere" qualunque nave da guerra veloce e maneggevole, utilizzata genericamente per la scorta di vascelli più imponenti e difficili da manovrare, o come gruppo di battaglia sul mare.
I cacciatorpedinieri di classe Arleigh Burke, ad esempio, sono lunghi 155 metri, possono superare agevolmente i 30 nodi (oltre 50 km/h), e hanno un'autonomia superiore alle 4.000 miglia nautiche a velocità di crociera.

Il cacciatorpediniere nuovo è stato progettato per operare sia in mare aperto e in acque basse e in mare aperto. E incorpora caratteristiche invisibili, tra cui: un'onda di perforazione dello scafo che non lascia quasi nessuna scia, un soppressore di scarico per ridurre la nave a raggi infrarossi (calore) la firma, e un esterno che si inclina verso l'interno con un angolo ripido, la creazione di una firma radar disse a essere non più grande di un di pesca dalla barca.


Ma la USS Zumwalt non è un cacciatorpediniere tradizionale, tanto da essersi meritata una categoria a parte (nuova classe "Zumwalt"): sarà più lunga di 30 metri rispetto ad ogni altra nave della stessa categoria, e avrà un profilo stealth, oltre ad una vasta gamma di gadgets tecnologici tali da garantire la supremazia militare in determinate scenari bellici.

La USS Zumwalt è stata concepita come una nave in grado di colpire bersagli terrestri senza essere avvistata, o rientrare nel raggio delle armi difensive del nemico. Può scatenare una devastante potenza di fuoco per centinaia di chilometri nell'entroterra, supportando la fanteria, lo sbarco di mezzi anfibi, o distruggendo le difese aeree nemiche.
I cacciatorpedinieri tradizionali creano un'ampia traccia radar per via del loro stesso profilo: la serie di torrette, di armi e di "alberi" creano un'eco perfettamente distinguibile da qualunque strumento passivo di difesa, situazione non ideale per un attacco a sorpresa.
La USS Zumwalt, sebbene sia più grande del 40% rispetto ai cacciatorpedinieri di classe Arleigh Burke, lascia una traccia radar 50 volte inferiore ad un normale cacciatorpediniere, l'equivalente dell'impronta che lascerebbe un piccolo peschereccio.
Il profilo della nave, inoltre, è affusolato, per diminuire le increspature nell'acqua causate dal movimento di un mezzo di queste dimensioni ed essere meno visibile dall'alto.
In aggiunta, i sistemi di riduzione del rumore rendono il suono prodotto dai motori del tutto simile a quello di un sottomarino americano di classe Los Angeles.
La USS Zumwalt può navigare in acque molto basse, fino a 10 metri di profondità, scandagliando il fondale a colpi di sonar alla ricerca di pericoli.
La nave è dotate di un sistema computerizzato in grado di controllare ogni aspetto della gestione delle armi a bordo. Le torrette da 155 millimetri spareranno proiettili dotati di GPS e capaci di aggiustare la loro traiettoria in volo; il sistema missilistico di difesa, invece, sarà composto da batterie di missili SM-2, Tomahawks e torpedo per sottomarini, ospitati in un apposito magazzino delle munizioni gestito interamente dal software di bordo.
I proiettili intelligenti della Zumwalt, definiti Long Range Land Attack Projectile, sono a tutti gli effetti dei razzi in miniatura: trasportano 11 kg di esplosivo, e hanno un margine di errore circolare di 50 metri ad una distanza di 154 km. La nave potrà trasportarne fino a 750 all'interno della stiva munizioni automatizzata.


La USS Zumwalt produrrà molta più energia di quanto effettivamente ne consumi: sarà alimentata da quattro turbine a gas in grado di produrre 78 megawatt di elettricità, circa 10 volte la quantità disponibile ad un cacciatorpediniere tradizionale. I motori spingeranno la Zumwalt ad oltre 30 nodi, ma a velocità di crociera il consumo di elettricità sarà ridotto a solo 1/4 del totale prodotto.
La nave ha un sistema robotico e computerizzato così sofisticato da poter essere manovrata da un equipaggio di sole 146 persone, circa la metà di un grosso cacciatorpediniere tradizionale di ultima generazione.
Ma la USS Zumwalt non sembra essere esente da problemi: il profilo dello scafo è adatto alla navigazione in acque vicine alla costa, e non in mare aperto. Potrebbe capovolgersi nel caso di grosse onde provenienti da poppa.
I costi, inoltre, sono velocemente aumentati per un cambio di strategia: attualmente, gli USA stanno convogliando parte della loro flotta nel bel mezzo del Pacifico, e la USS Zumwalt non ha le caratteristiche ideali per uno scontro in mare aperto. La Marina ha quindi deciso di acquistare solo 3 dei 32 vascelli inizialmente prenotati, con costi di produzione di 1 miliardo di dollari superiori rispetto al previsto (escludendo i quasi 10 miliardi di ricerca e sviluppo).
Condividi post
Repost0
20 ottobre 2012 6 20 /10 /ottobre /2012 21:31

http://static.tuttogratis.it/628X0/donna/tuttogratis/it/wp-content/uploads/2011/10/Come-eliminare-i-pesciolini-dargento-da-casa.jpg

 

 

Ho sentito tantissimi metodi per eliminare questi stupidissimi insetti fastidiosi!

Dall'acido borico all'ammoniaca, dal vapore alle foglie di alloro fino ad arrivare al mocio imbevuto di intonaco!

il pesciolino d’argento o Lepisma Saccharina è un animaletto notturno, vive sotto i mobili, dietro i battiscopa, sotto i frigoriferi, nelle fessure del muro, tra le carte ammucchiate…Purtroppo ci sono in tutte le case, anche quelle più pulite!
Il pesciolino d'argento viene spesso considerato insetto infestante, sebbene i danni provocati da questo animaletto siano trascurabili e la sua presenza non comporti alcun pericolo per la salute. Negli edifici, i pesciolini d'argento sopravvivono solo in presenza di umidità e di fessure in cui nascondersi; eliminando almeno una di queste condizioni, spariranno.

 

Tutti metodi secondo me molto fittizi!

Vi postero' oggi un metodo che personalmente ho provato e che mi sta dando parecchie soddisfazioni! Le vittime sono parecchie e sono sicuro che con questo metodo vincero' la mia battaglia personale con questi extraterrestri casalinghi!

 

   

Istruzioni

1) Il loro cibo preferito è l'amido, che trovano e gradiscono sui muri coperti con tappezzeria o, in determinate condizioni di umidità, anche nella carta e nelle rilegature dei libri. Vivono inoltre molto bene nei locali più umidi della casa, come la cucina e il bagno. Un metodo semplice ma estremamente efficace per eliminare il problema consiste nell'incastrare i pesciolini d'argento prendendoli per la gola, sfruttando per catturarli la loro incapacità di arrampicarsi sulle superfici lisce come il vetro.


2) Si procede prendendo il barattolo di vetro, e lo si passa sulle pareti esterne con la colla a base di amido, oppure applicandovi delle strisce di carta adesiva, tenendo ovviamente la parte ruvida all'esterno e avendo cura che le strisce entrino per qualche centimetro anche all'interno del barattolo.


3) Si piazza quindi il contenitore nei pressi del punto in cui, seppur di sfuggita, si è notata la presenza dei piccoli insetti, non prima di avervi inserito anche qualche cucchiaio di farina mista ad acqua. I pesciolini, attratti dall'amido, si arrampicheranno sulla superficie del barattolo finendovi dentro, senza essere più in grado di uscirne.

 

4) Una miscela 1:1 di borace e zucchero è un'esca efficace per uccidere i pesciolini d'argento.

 

5) L'odore di soluzioni a base di ammoniaca dovrebbe scacciare i pesciolini d'argento nell'arco di 24 ore

 

6) Per catturare i pesciolini d'argento, spruzzare intonaco su uno strofinaccio umido e bianco, e lasciarlo per tutta la notte in un angolo, vicino alla tana dei pesciolini.

 

7) Un'altra tecnica consiste nel lasciare nei pressi della tana degli insetti, sempre di notte, una patata grattugiata. La mattina dopo la patata può essere gettata via insieme ai pesciolini che vi saranno rimasti.
8) Per allontanarle dai libri è sufficiente inserire tra i volumi qualche foglia di alloro.

 

 

 

 

Condividi post
Repost0
19 ottobre 2012 5 19 /10 /ottobre /2012 20:44

http://dariosoldani.interfree.it/antichi/ck4/25roma.jpgNel IV secolo vennero realizzati diversi compendi di opere storiche delle età precedenti.
Tra queste il Prodigiorum liber di Giulio Ossequente, in cui vennero elencati tutti gli avvenimenti insoliti ed i fatti prodigiosi (dagli eventi paranormali alle nascite mostruose, dagli scudi volanti alle piogge di latte e carne) avvenuti dal 190 all’11 a.C., che l'autore
leggeva negli Ab Urbe condita libri di Tito Livio, opera a noi giunta solo in parte.

Il Prodigiorum liber offre pertanto importanti informazioni su aspetti della vita sociale e religiosa romana non altrimenti attestati. Il testo latino è quello dell'edizione teubneriana Rossbach del 1910.

Duemila anni fa la scienza non esisteva; esistevano fenomeni “strani”, chiamati prodigi, che
venivano spiegati attribuendoli ai capricci di decine di dèi diversi, quasi uno per ogni fenomeno
esistente; in onore degli dèi venivano compiuti sacrifici e cerimonie nella speranza che cessassero di
manifestare tali prodigi: nascite di bambini con due sessi (ermafroditi), prontamente gettati in mare
o nei fiumi e seguiti da riti propiziatori di 27 vergini; misteriosi lampi nel cielo, rumori sotterranei,
piogge di roccia, latte o sangue. Tutti fenomeni che, bene o male, oggi sappiamo spiegare e non ci
spaventano più di tanti; esplosioni di supernove, bolidi, meteoriti, terremoti, oggetti che ricadono
dopo essere stati sollevati e trasportati lontani da trombe d’aria.
Eppure ancora oggi, come allora, alcuni eventi occorsi decine di secoli fa rimangono inspiegabili:
due o tre soli visibili contemporaneamente in cielo, o un sole che compare nella notte, getti di luce
che scaturiscono dal terreno; ma anche strane palle luminose che planano dolcemente dal cielo: le
prime osservazioni degli ancora misteriosissimi fulmini globulari?E ancora, fiumi di sangue o di latte, lana che cresce sulle piante, persone misteriose che appaiono e scompaiono dal nulla animali che parlano.
E poi le armi e gli scudi volanti  fenomeni impossibili da spiegare, allora come oggi. Secondo la storia ufficiale, l’uomo è riuscito a costruire le prime macchine volanti solo nel 1800 dopo Cristo. E allora, cos’è che “combatteva nel cielo da est a ovest” nel 104 avanti Cristo ?
Forse lo scopriremo tra altri 2000 anni?

http://www.propheties.it/nostradamus/prodigiorum/1557__lycosthenes_001.jpg

Libro completo con traduzione dal latino lo trovate qui' :  http://win98.altervista.org/libro-prodigi-tradotto.pdf

Altri link utili:

 http://www.propheties.it/nostradamus/prodigiorum/prodigiorum1.html 

Condividi post
Repost0

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg