Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
12 giugno 2014 4 12 /06 /giugno /2014 22:17

 

Una nube misteriosa copre la Pianura Padana a diramare l’allerta è stata niente di meno che la NASA l’ente spaziale Statunitense.

Un satellite della Nasa ha infatti immortalato una vasta nube che si estende sull’intero territorio della Pianura Padana. La Nasa ha spiegato che si tratta di una pericolosissima  cappa costituita da nano particelle di solfato, nitrato di ammonio e metallo, tutti agenti fortemente rischiosi per la salute dell’uomo.

Le nano particelle sono di dimensioni tali da non poter essere visibili all’occhio umano ma con un conseguenze molto preoccupanti per la salute.

http://www.itnnews.it/nube-misteriosa-sulla-pianura-padana-la-nasa-lancia-l-allarme/

Peccato che l'ente spaziale statunitense abbia dimenticato di dire che quella nube tossica non e' altro che il prodotto della guerra ambientale in atto da piu' decenni sul territorio italiano...

Le polveri sottili sono uno dei prodotti della guerra climatica

  
Clicca per ingrandireCome molti dei nostri lettori ben sapranno, l'analizzatore di polveri sottili Art. Arw-9880 ci è regolarmente stato recapitato nel pomeriggio del giorno 8 gennaio 2013 (Qui la scheda tecnica del prodotto).
Da quel momento abbiamo iniziato a raccogliere dati inerenti alla presenza di inquinanti atmosferici in nanoparticolato da PM 10 in giù, sino a comprendere e valutare il quantitativo di PM2 ed inferiori, direttamente imputabili alla combustione di carburanti ed additivi ad elevate temperature.
Lo studio è orientato ad un'indagine statistica basata sulla correlazione tra attività di aerosol clandestine, nebbie di ricaduta e variazione dei valori di inquinamento da nanoparticelle.
Sarà quindi possibile dimostrare che i dati forniti dalle A.R.P.A. sono per lo meno lacunosi e parziali. Saranno dunque questi enti a dover spiegare i reali motivi in ordine all'incompletezza delle informazioni diramate e saranno i meteorologi a dover giustificare la reale genesi delle nebbie di ricaduta, spacciate per nebbie da umidità.
L’esposizione ad elevate concentrazioni di PM, le cosiddette polveri sottili, è un fattore di rischio per l’insorgenza o riacutizzazione di malattie respiratorie e cardiovascolari. Gli effetti prodotti ed i meccanismi di azione dipendono dalla dimensione nonché dalla composizione chimica e microbiologica del particolato che si respira. Infatti il particolato estivo, ricco di batteri che contengono endotossine, provoca la riacutizzazione di patologie respiratorie di tipo infiammatorio, mentre quello invernale, ricco di particelle ultrafini (sotto il PM10 n.d.r.), che sfuggono ai processi di difesa, produce modificazioni nel controllo dei meccanismi cellulari, più evidenti sul lungo periodo per esposizione cronica. [ Scheda Ricerca "Tosca" con tutti i dati ].

Le polveri sottili sono particelle solide o liquide di dimensioni abbastanza piccole così da rimanere sospese nell'aria e venire quindi inalate con il respiro. Si classificano in base al diametro: se è maggiore di 30 micron le particelle sono meno dannose, perché cadono a terra (sono pesanti), mentre quelle più piccole possono rimanere sospese nell'aria per giorni e anche per settimane. Le polveri sottili sono nell'aria che respiriamo, arrivano al nostro organismo principalmente attraverso le vie respiratorie causando anche riniti ricorrenti, sinusiti, bronchiti, asma...
I metalli pesanti sono metalli con una densità elevata, si dividono in due tipi: quelli tossici all'organismo anche in quantità piccolissime come il piombo ed il mercurio e metalli pesanti che, per essere dannosi, devono avere concentrazioni più elevate, come alluminio, rame, cromo, bario, manganese etc. Comunque tutti i metalli sono estremamente tossici.
Quali danni sul nostro organismo? Ad essere colpiti in primis sono l'apparato respiratorio (si depositano sui bronchi), l'apparato digerente (appesantiscono il lavoro del fegato, stomaco ed intestino), l'apparato cardiocircolatorio (entrano nel sangue e nella circolazione con un sovraccarico del cuore che deve pompare in più un carico di metallo), inoltre danneggiano il sistema nervoso (la tipica intossicazione da metallo pesante provoca irritabilità, depressione, insonnia, amnesia, cefalea etc. e, a lungo termine, Alzheimer, Parkinson, SLA ed altre malattie neurologiche, ma anche linfomi e mielomi nonché tumore al polmone). Purtroppo i bambini sono quelli più esposti a questi danni.
La famigerata sigla PM 10 sta per "Particulate Matter", ossia "materia particolata" (in piccole particelle). La cifra 10 indica che le particelle hanno un diametro inferiore ai 10 micron (10 millesimi di mm). Si tratta di particelle microscopiche non visibili singolarmente ad occhio nudo, ma che si conclamano nelle classiche nebbie o foschie di ricaduta. Sono minuscoli frammenti di sostanze organiche (fibre animali e vegetali, pollini, batteri, spore) ed inorganiche (metalli pesanti, fibre di amianto, solfati, nitrati, polveri di carbone e di catrame, solfuri etc).
Le particelle sono diffuse nell'aria e per questo si parla di particolato atmosferico o aerodisperso. Il PM2,5 è la frazione più fine del PM10, costituita dalle particelle con diametro uguale o inferiore a 2,5 micron. Il PM 2,5 è il più pericoloso per la salute e l'ambiente: infatti questo particolato è quello che si deposita sugli alveoli ed inoltre può rimanere sospeso nell'atmosfera per giorni. Studi relativi al traffico aereo mostrano come la combustione ad elvatissime temperature del carburante nei jetfan induca la rilevante produzione di nanoparticelle di metalli, comprese tra 2 e 2.5 micron, che rappresentano, oltre ai residui incombusti (biossido di zolfo, monossido di carbonio etc.), anche le scorie dovute all'usura progressiva degli apparati di propulsione.
È un dato acclarato che i velivoli impegnati nelle diuturne attività di geoingegneria clandestina operano a quote molto basse. Da qui il ripetuto aumento di nanoparticolato nelle ore posteriori al tramonto, successive alle irrorazioni della giornata, soprattutto evidenziabili dalle nebbie di ricaduta serali e di tarda mattina. Nebbie che, in tutta evidenza, non sono dovute a valori di umidità relativa elevati, come ben dimostrato dai nostri accertamenti, bensì alla presenza di nanopolveri in sospensione che, guarda caso, non aumentano in coincidenza con le punte di traffico veicolare, ma sono temporalmente conseguenti alle attività di aerosol illegali e clandestine di modifica del clima.
Nella letteratura scientifica molti studi hanno evidenziato il forte impatto ambientale che ha il traffico aereo. Contrariamente a quanto riescono almeno parzialmente a fare le automobili con le marmitte catalitiche, gli aerei a turbina scaricano il carburante bruciato nell’atmosfera senza alcun tipo di filtro. Questo significa che tutti gli scarti del materiale combusto, in forma di nanoparticolato e di gas, vengono letteralmente nebulizzati ed irrorati lungo la traiettoria dell’aereo. I venti ed i processi naturali di diffusione provvedono poi a disperdere i gas ed i materiali in sospensione su un'area più vasta. Inoltre bisogna evidenziare che le auto Euro 5 ed Euro 6 inquinano per un valore pari al 2% degli autoveicoli Euro 3. Ne consegue che gli allarmi smog ed il blocco del traffico, quando vengono emessi dai centri per il controllo dell'ambiente e recepiti dai Sindaci, sono del tutto strumentali: infatti i picchi di inquinamento da polveri sottili sono sempre susseguenti, come già detto, alle pesanti irrorazioni aeree e lo si può verificare anche dalla visione delle mappe satellitari.
Ulteriori informazioni sono disponibili in questo documento pdf ed a questa pagina.

PRIME CONFERME

LE MISURAZIONI ESEGUITE IN QUESTE ORE EVIDENZIANO UN AUMENTO DEL NANOPARTICOLATO ALLA COMPARSA DELLE NEBBIE DI RICADUTA, SPACCIATE DAI METEOROLOGI DELL'AERONAUTICA MILITARE COME NEBBIE DA SOLLEVAMENTO. IL PARTICOLATO IN AUMENTO, MANO A MANO CHE RICADE DALL'ALTO..
Scansione alle 15:39
Scansione alle 18:10
Scansione alle 19:41
PARTICOLATO IN DIMINUZIONE, MANO A MANO CHE RICADE AL SUOLO.
Scansione alle 20:06
Come già evidenziato, è chiaro che lo sforamento dei limiti di legge relativo alle polveri sottili nelle ore serali è un vero controsenso, giacché l'inquinamento viene considerato in gran parte derivante dal traffico automobilistico. Invece noi avevamo intuito che gli inquinanti da sorvolo a bassa quota dei velivoli militari sarebbero aumentati all'imbrunire, a causa della rapida ricaduta al suolo delle nanoparticelle incombuste ad altezze non elevate (quota cumulo) e ne abbiamo avuto la conferma. D'altronde è acclarato che la gran parte delle attività di guerra climatica nel mondo sono possibili per mezzo di particolari additivi nei carburanti aeronautici. [ LINK 1 ] [ LINK 2 ]
Progressione del particolato nell'arco della giornata. Curiosamente (ma non per noi...) mentre l'UR scende, si forma la nebbia. È la nebbia che misuriamo con il rilevatore di pm. Nebbia neurotossica di ricaduta, contenente monossido di carbonio, SO2, PM10 e PM2.5, arsenico, cromo, rame, nichel, selenio, zinco, alluminio, bario, cadmio, stronzio, gallio, manganese, etilene dibromuro etc.
Dati ufficiali sulla qualità dell'aria a Sanremo evidentemente in contrasto con quelli da noi rilevati. Ulteriore conferma ottenuta da un raffronto dei livelli di pm misurati da noi con quelli segnalati dal sito dedicato.
Altre incongruenze (tanto per usare un eufemismo)...
Aria salubre?
Le polveri sottili superano ancora la soglia di attenzione durante le ore di attività aerea di geoingegneria clandestina alias "scie chimiche".
ULTERIORI AGGIORNAMENTI SULLE POLVERI SOTTILI IN RELAZIONE ALLA GEOINGEGNERIA CLANDESTINA ED ILLGALE ALIAS SCIE CHIMICHE

13 gennaio 2013: dopo 36 ore ininterrotte di irrorazioni su Sanremo e su Liguria e Piemonte per impedire (con successo) le precipitazioni (si veda lamappa Aeronet), il rilevatore di polveri sottili evidenzia un cospicuo aumento di nanoparticolato neurotossico di ricaduta. I dati, come al solito, sono in netto contrasto con quelli forniti dalle fonti ufficiali.

Fattura d'acquisto del rilevatore di polveri Arw -9880


Articolo originale commentato dai lettori dove si può proporre un proprio commento.
NOTA: Le condizioni meteo e le attività di aerosol clandestine sono previste in base alle informazioni indirettamente fornite dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dati a loro volta incrociati con le previsioni fornite dai portali meteo che sono debitamente informati delle operazioni di geoingegneria clandestina sul territorio italiano ad opera dei militari.
Autore: Straker
Fonte: tankerenemymeteo.blogspot.com

Curioso notare come la zona interessata sarà simile alla zona del maltempo estremo che interesserà l' Italia in questo fine settimana...

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
12 giugno 2014 4 12 /06 /giugno /2014 21:58

Come da previsione, il maltempo colpirà inesorabile e molto pesante. Il sito che seguo assiduamente, Meteoweb, continua ad aggiornare riguardo alla forza e alla preoccupazione che porterà questo fine settimana. Non voglio prendere alla leggera un avvertimento di questo genere, poichè non è nella mia indole sottovalutare dei fenomeni estremi.L’Italia sta per essere investita da una lunga e violenta ondata di maltempo che potrà provocare tanti fenomeni meteo estremi e in modo particolare trombe d’aria e grandinate, con danni e disagi soprattutto al centro/nord. E’ grande la preoccupazione per questa situazione meteorologica definita “grave” da molti esperti meteorologi e dal capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli. E’ grande, infatti, il rischio che si possano verificare episodi particolarmente violenti come quelli che nei giorni scorsi hanno colpito Francia, Germania e altre zone d’Europa, provocando diverse vittime, decine di feriti e danni gravissimi.
tornado lido 02A scatenare tempeste così violente saranno i contrasti termici provocati dall’arrivo improvviso di aria molto più fresca da nord/est dopo una lunga settimana di super-caldo: nelle località in cui per sette/otto giorni consecutivi le temperature massime hanno superato i +35°C con picchi di +37°C, infatti, già sabato la colonnina di mercurio non supererà i +24/+25°C e addirittura lunedì 16 non andrà oltre i +20/+21°C, con un calo termico di quindici gradi centigradi in tre giorni. Sarà quindi inevitabile che quest’autentico shock termico scatenerà fenomeni estremi tipici di questi contrasti, con la formazione molto rapida di cumulonembi che evolveranno in “mostri” temporaleschi da cui si potrebbero formare vere e proprie super-celle foriere di grandinate eccezionali e numerose trombe d’aria.
24E’ molto difficile prevedere le zone più colpite da questi fenomeni, che sicuramente si concentreranno al centro/nord almeno nella prima fase del peggioramento cioè tra venerdì, sabato e domenica. Poi si estenderanno anche al sud, dove comunque anche nel weekend si verificheranno dei temporali pomeridiani come già accade da cinque giorni consecutivi. L’affondo freddo da nord/est potrebbe provocare un vero e proprio ciclone Mediterraneo tra il mar Tirreno, la Sardegna e le isole Baleari, ma ancora è solo un’ipotesi a lungo termine. Molto probabile, invece, che da lunedì il fresco arriverà anche al centro/sud e che le temperature rimangano inferiori alle medie del periodo per tutta la prossima settimana.

Nel weekend, tra sabato 14 e domenica 15 giugno, il maltempo si accanirà in modo molto violento su tutto il centro/nord, come possiamo osservare nelle mappe a corredo dell’articolo.
27689_1_2Secondo gli ultimi aggiornamenti, le Regioni più colpite dal maltempo saranno Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Marche, Umbria e Toscana. Poi, la prossima settimana, il maltempo si estenderà dapprima al centro estendendosi a Lazio, Abruzzo, Molise e Campania, poi anche al Sud dapprima nelle ore pomeridiane di lunedì e martedì, poi più intensamente con un calo termico anche al meridione tra mercoledì 18 e giovedì 19 giugno.
Attenzione, quindi, ai fenomeni meteo estremi in arrivo: sta per iniziare un lungo periodo di maltempo prima del solstizio del 21 giugno.

 

http://www.meteoweb.eu/2014/06/allerta-meteo-ultime-ore-di-caldo-domani-i-primi-fenomeni-estremi-massima-attenzione-al-weekend-mappe/290069/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
11 giugno 2014 3 11 /06 /giugno /2014 21:16

Stasera, intorno alle 22 del giorno 11 giugno a Torino, guardo la Luna. Mi accorgo di un curioso fenomeno.Un alone intorno alla Luna. Così mi metto all' opera e controllo per quali cause si forma e a che cosa possiamo aspettarci se e sempre se, qualcosa porta in termini di cambiamenti climatici estremi.  Merito di nuvole alte e sottili, come i cirrostrati, che contengono milioni di cristalli di ghiaccio: ognuno di questi cristalli funziona come una lente in miniatura. Poiché la maggior parte di essi ha la stessa conformazione esagonale, la luce entra attraverso la faccia di un cristallo e vi esce da quella con un angolo di rifrazione di 22 gradi: proprio per questo motivo si forma il cosiddetto "alone 22°", un alone con pallidi colori rosati al centro e blu all'esterno. Quello della foto è un alone lunare, molto più raro di quello che può circondare il globo solare. Quindi sembra tutto normale.il fenomeno di cui si parla dunque è detto "alone" lunare e presenta delle analogie con l'arcobaleno. Infatti il fenomeno si presenta poiché la Luna è una sorgente di luce e questa viene prima rifratta e poi riflessa dai cristalli di ghiaccio spesso in sospensione nell'alta atmosfera quando sono presenti cambiamenti nella temperatura. In genere, per questo motivo, l'alone lunare annuncia un peggioramento delle condizioni meteo ed è allora accompagnato da nuvolosità. Questo non toglie che l'alone lunare possa formarsi anche con un cielo assolutamente terso, ma con una temperatura dell'alta atmosfera particolarmente bassa tanto da far ghiacciare le particelle d'acqua in sospensione.
Le particelle di ghiaccio hanno la capacità di rifrangere, come detto, e poi riflettere all'indietro la luce proveniente dalla Luna creando una figura di riflessione che è una sorta d'immagine della sorgente luminosa che l'ha prodotta, in questo caso circolare. 

Certe volte può capitare di vedere, come nell'immagine sopra, delle aree più luminose sui lati o sotto e sopra al Sole o alla Luna Si tratta di un fenomeno detto "cani solari (o lunari)" o "pareli" e sono creati quando la luce solare passa attraverso nuvole particolari come i cirri o quando è molto freddo ed i cristalli si trovano vicino alla superficie. I cristalli di ghiaccio che formano i cani solari sono piastre esagonali che si muovono verso il basso con le facce esagonali più larghe quasi orizzontali.

 

Il cerchio è perfetto perché la distanza a cui si forma la rifrazione è fissa e costante dalla Luna. E' come un compasso che gira puntato sul centro della Luna. E'  una caratteristica dell'acqua. Dipende dalla forma della molecola che congelando si unisce alle altre secondo precise leggi fisiche. Il fenomeno è simile alla creazione dei fiocchi di neve che sono sempre a matrice esagonale.

Una testimonianza di un pescatore riguardo alla Luna con alone:  ci dice che lui, quell’anello celeste, lo ha già visto in passato, tanti anni fa, e che è un segno che “porta cattivo tempo, freddo intenso, mare forte. Quando la luna era circondata da questo cerchio di luce – prosegue il pescatore – il tempo peggiorava e noi non uscivamo in mare”. Anche nella cultura popolare calabrese ci sono molte leggende che riguardano questi fenomeni ottici inquietanti nell’aspetto visivo, e spesso venivano legati a simbologie che evocavano spiriti, demoni, pestilenze, guerre, catastrofi e presagi di eventi negativi. In realtà si tratta soltanto di fenomeni ottici. Molto interessante è pensare come storicamente questi misteriosi aloni fossero stati tra i primi metodi empirici di previsione del tempo prima ancora dello sviluppo della moderna meteorologia. Quello che gli osservatori di molti secoli fa avevano capito è che sono spesso fenomeni collegati alla formazione di nuvole che indicano l’arrivo di un fronte caldo e quindi la possibilità di freddo intenso, pioggia, grandine, ghiaccio, vento e neve.

Non a caso allora, le temperature che si abbasseranno di almeno 10 gradi in Italia, tra pochi giorni, potranno essere collegate a questo fenomeno.  Speriamo solo che il maltempo che arriverà non avrà la stessa intensità di quello che ha investiro Francia e Germania negli ultimi giorni.


Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
10 giugno 2014 2 10 /06 /giugno /2014 22:10

10443728_10203847577050656_189591534_n

La grandine è una forma di precipitazione allo stato solido; più precisamente essa è composta da cristalli di ghiaccio, di dimensioni e forma variabili. Anche se solitamente la grandezza dei chicchi è uguale a quella di una nocciolina, accade spesso che raggiungano dimensioni più ragguardevoli

Quello che è successo nelle scorse ore in Europa, dalla Germania (almeno 6 morti e 30 feriti per trombe d’aria, grandinate e venti impetuosi) alla Francia (con grandinate pazzesche intorno Parigi), evidenzia l’alto rischio di fenomeni violenti in questo periodo dell’anno proprio a causa degli accesi contrasti termici tra il primo caldo in risalita dal nord Africa e gli ultimi spifferi freschi provenienti da nord/est.In due fasi alterne, dapprima nella notte tra domenica e lunedì e poi tra ieri pomeriggio e stanotte, Parigi ed il dipartimento della Val d’Oise sono stati colpiti con violenza da venti che soffiavano ad oltre 110 km/h e da “chicchi” di grandine delle dimensioni di palle da tennis, se non maggiori

10168967_10203847577090657_811130107_n 10449790_10203847575890627_1204822072_n

 

 

 

Forti temporali sull'Europa nord occidentale - L'anticiclone africano si espande con forza sull'Europa centrale spalleggiando una circolazione ciclonica posizionata ad ovest dell'Irlanda, e che influenza negativamente il tempo sul comparto europeo nord occidentale. In particolare lungo il ramo ascendente della saccatura che ospita questa depressione, si innestano temporali anche violenti con direttrice sudovest-nordest, alimentati da ingenti masse d'aria calda in risalita per l'appunto dal Nord Africa. Le aree più penalizzate sono state e saranno ancora Francia nord occidentale, Belgio, Olanda, Danimarca, Germania settentrionale ed Isole Britanniche, dove si sono avuti temporali talora violenti accompagnati da grandine e raffiche di vento; su queste aree infatti l'instabilità viene ulteriormente esasperata dal tiraggio verticale indotto dalla corrente a getto in transito in quota.

Violente gradinate in Belgio - Colpiute in particolare le località di Wingene e Maldegem con tempeste di grandine e chicchi dal diametro di 2-3cm; localmente lo strato di grandine accumulato al suolo ha raggiunto i 10cm. E' stata persino sospesa la partita di calcio Belgio-Tunisia sempre per grandine. Una prima stima dei danni parla di oltre 500,000 euro. Danni per forte vento si sono contestualmente avuti sulla Francia nord occidentale. Anche nelle prossime ore il rischio di violenti temporali rimane elevato, non si escludono fenomeni vorticosi.

Chicchi di grandine fino a 8cm! (Val d Oise, Île de France)
Chicchi di grandine fino a 8cm! (Val d'Oise, Île de France)

Fulmine notturno a Rochefort Charente Maritime (Francia)
Fulmine notturno a Rochefort

Charente Maritime (Francia)

I temporali nelle ultime ore visti dal satellite

 

 

 

 

 

 

 

 

Se la temperatura è ovunque negativa la precipitazione è generalmente allo stato solido (in realtà la precipitazione può arrivare sul terreno sotto forma di neve per temperature al suolo anche di +1,5 °C). Se gli ultimi strati atmosferici attraversati sono al di sopra dello zero termico, la precipitazione che in quota generalmente è allo stato solido, si scioglie ed arriva al suolo allo stato liquido (pioggia)

La grandine invece, date la velocità di caduta e la massa, non viene molto influenzata dalla temperatura degli strati bassi dell’atmosfera; in estate possono infatti verificarsi grandinate. La grandine ha origine dall’accrescimento dei cristalli di ghiaccio che avviene durante il processo di brinamento; in genere essa si forma nel cumulonembo nel quale coesistono cristalli di ghiaccio nella parte alta e goccioline sopraffuse (allo stato liquido anche se a temperature inferiori a 0°C) più  abbondanti nella zona inferiore. Il cristallo viene “bombardato” dalle goccioline sopraffuse durante il suo moto dentro la nube: se tale bombardamento è abbastanza forte si ha liberazione di calore e la temperatura sulla superficie del cristallo raggiunge i 0°C; pertanto una parte dell’acqua rimane allo stato liquido.

Data la presenza nei cumulonembi di forti correnti verticali, sia ascendenti che discendenti, il chicco è sottoposto a un ciclo di sali-scendi e, mentre viene portato a quote elevate, l’acqua sulla superficie del cristallo gela; durante questi cicli il cristallo di ghiaccio accresce il suo volume aggregandosi con altre goccioline.

Quando il peso del chicco di grandine è tale da vincere la forza delle correnti ascensionali, questo precipita al suolo. Le sue caratteristiche dipendono quindi dalla nube che lo ha generato: maggiore è l’intensità delle correnti verticali della nube, maggiori saranno il peso e le dimensioni del chicco.

Ad esempio, quando le correnti ascensionali (in inglese updrafts) raggiungono o superano i 100 km/h i chicchi formatisi avranno diametro anche superiore a 5-6 cm. Durante una grandinata si può osservare che la maggior parte dei chicchi segue le raffiche di vento più violente, colpendo fasce ristrette e irregolarmente distribuite.

http://www.meteoweb.eu/2014/06/maltempo-estremo-in-francia-bombardamento-di-grandine-dalle-dimensioni-assurde-foto-e-video/289562/

http://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/europa--non-solo-anticiclone-africano--ma-anche-forti-temporali--violenta-grandinata-in-belgio-65803

http://digilander.libero.it/meteo_ercolano/grandine.html

 

 

 

 

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
5 giugno 2014 4 05 /06 /giugno /2014 21:31

L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élite politiche ed economiche.

 

1 – La strategia della distrazione. L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione, che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élite politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti.

La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della Scienza, dell’Economia, della Psicologia, della Neurobiologia e della Cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali”. Questa citazione, come altre che seguiranno in questa esposizione, è ripresa dal testo “Armi silenziose per guerre tranquille”, un documento datato Maggio 1979 trovato “fortuitamente” il 7 Luglio 1986 in una fotocopiatrice della IBM acquistata ad un’asta di attrezzature militari. Il documento, un vero e proprio “manuale di programmazione della società”, non reca la firma dell’ente o dell’organizzazione che lo ha prodotto e si ritiene che fosse in possesso dei servizi della US Navy, ma varie fonti ritengono che sia stato redatto dal Gruppo Bilderberg.

 

2 – Creare il problema e poi offrire la soluzione. Questo metodo è anche chiamato “problema- reazione-soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, oppure organizzare attentati sanguinosi per fare in modo che sia il pubblico a pretendere le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito delle libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come male necessario la diminuzione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

 

3 – La strategia della gradualità. Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi. Questo è il modo in cui condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte negli anni ‘80 e ‘90: uno Stato al minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta.

 

4 – La strategia del differire. Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria”, guadagnando in quel momento il consenso della gente per un’applicazione futura. É più facile accettare un sacrificio futuro di quello immediato. Per prima cosa, perché lo sforzo non deve essere fatto immediatamente. Secondo, perché la gente, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. In questo modo si dà più tempo alla gente di abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo con rassegnazione quando arriverà il momento.

 

5 – Rivolgersi alla gente come a dei bambini. La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, tanto più si tende ad usare un tono infantile. Perché?

“Se qualcuno si rivolge ad una persona come se questa avesse 12 anni o meno, allora, a causa della suggestionabilità, questa probabilmente tenderà ad una risposta o ad una reazione priva di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno” (vedi sempre il documento “Armi silenziose per guerre tranquille”).

 

6 – Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione. Sfruttare l’emotività è una tecnica classica per provocare un corto circuito dell’analisi razionale e, infine, del senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del tono emotivo permette di aprire la porta verso l’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o per indurre comportamenti…

 

7 – Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità. Far si che la gente sia incapace di comprendere le tecniche ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori” (vedi sempre “Armi silenziose per guerre tranquille”).

 

8 – Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità. Spingere il pubblico a ritenere che sia di moda essere stupidi, volgari e ignoranti…

 

9 – Rafforzare il senso di colpa. Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile delle proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto-svaluta e si sente in colpa, cosa che crea a sua volta uno stato di repressione di cui uno degli effetti è l’inibizione ad agire. E senza azione non c’è rivoluzione!

 

10 – Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élite dominanti. Grazie alla Biologia, alla Neurobiologia e alla Psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.

 

Consiglio ai lettori di questo articolo di studiare a fondo queste dieci semplici regole e di tenerle sempre in mente. Vi accorgerete di come esse vengano applicate quotidianamente dai nostri governanti e da tutti i mezzi di informazione e comunicazione di regime.

 

In un mio precedente articolo sono andato a scomodare Richard Dawkins per parlarVi del concetto di “meme”, un’entità di informazione che si propaga come un virus da una mente ad un’altra o, nell’eccezione dawkinsiana, un’unità auto-replicante di informazione culturale che, come abbiamo visto, può fare molti danni se creata ad hoc con lo scopo di diffondere disinformazione o notizie falsate presso l’opinione pubblica. E Vi ho citato a riguardo molti esempi.

Dato che uno degli scopi che si prefigge questo blog è, oltre a trasmettere e diffondere contro-cultura e contro-informazione, quello di far riflettere i lettori e di insegnare loro – senza presunzione e nei limiti del possibile – a non credere ciecamente alle informazioni propinate quotidianamente dai quotidiani di regime e dai mass media in genere, continuiamo allora a parlare di libera informazione, o, meglio, di libertà di informazione. E, continuando appunto su questo filone, vi spiegherò questa volta il concetto e il significato di “false flag”, neologismo anglosassone coniato già durante la II° Guerra Mondiale, del quale l’enciclopedia in rete Wikipedia ci fornisce una esaudiente spiegazione:

“La tattica false flag, o operatività sotto falsa bandiera, è una tattica segreta condotta generalmente da grandi compagnie, agenzie d’intelligence, governi, o gruppi politici, e progettata per apparire come perseguita da altri enti e organizzazioni anche attraverso l’infiltrazione e/o lo spionaggio di questi ultimi. Il nome deriva da ‘false’ e ‘flag’, ossia bandiera falsa. L’idea è quella di ‘firmare’ una certa operazione per così dire “issando” la bandiera di un altro stato o la sigla di un’altra organizzazione. Un’operazione ‘false flag’ può vedersi come la versione in grande, strategico-politica, di un falso d’autore, ma non solo: la tattica falsa bandiera non si limita esclusivamente a missioni belliche e di contro-insorgenza, bensì viene utilizzata anche in tempi di pace, come ad esempio nel periodo italiano della strategia della tensione, e copre anche operazioni nelle quali il nemico viene guidato a sua insaputa verso il raggiungimento di un obiettivo che lo stesso nemico può persino ritenere essere connaturale al completamento della propria missione e/o all’attuazione della propria strategia”.

Pur non mancando addirittura nella storia antica numerosi esempi che potrei citarvi, in tempi più recenti possono essere classificati come “false flag” l’incidente di Gleiwitz del 1939, con cui Reinhard Heydrich costruì ad arte un “attacco polacco” per mobilitare l’opinione pubblica tedesca, e per fabbricare una giustificazione falsa per l’invasione della Polonia. Oppure l’episodio di Mukden del 1931, quando funzionari giapponesi costruirono un pretesto per annettere la Manciuria facendo esplodere una sezione di ferrovia. In seguito, produssero la falsa affermazione per cui sarebbe stato rapito uno dei loro soldati nell’episodio del ponte Marco Polo, come scusa per invadere la Cina. E, tornando al 1939, si verificò un caso di false flag quando l’Unione Sovietica di Stalin bombardò il villaggio di Mainila alla frontiera con la Finlandia, diffondendo poi la notizia di molte vittime. L’episodio fu utilizzato come giustificazione per attaccare il paese scandinavo.

Altro caso “classico” di false flag potrebbe essere l’Operazione Northwoods, pianificata (ma mai eseguita) da parte di gruppi di funzionari di alto livello del governo statunitense, e finalizzata a inventare pretesti per una guerra contro Cuba. Tale operazione includeva scenari come la simulazione del dirottamento di un aereo passeggeri facendo cadere la colpa su Cuba, oppure atti terroristici contro immigrati cubani negli USA, da rimproverare a terroristi castristi. Scritta e firmata dai Joint Chiefs of Staff (gli Stati Maggiori riuniti delle Forze Armate statunitensi), fu bocciata dal Segretario alla Difesa Robert McNamara e venne alla luce solo grazie alla legge per la libertà di informazione, il Freedom of Information Act, e fu resa pubblica da James Bamford.

Anche la storia recente è letteralmente disseminata di casi di false flag. Basti ricordare l’efferata strage di civili al mercato di Sarajevo, operata e condotta dalle truppe musulmano-bosnianche di Alja Izetbegovic per far ricadere la colpa sui Serbi.

Ma veniamo a tempi più recenti. É del 12 Marzo di due anni fa una notizia che tutti attendevamo (o quantomeno l’attendeva il sottoscritto); notizia che, naturalmente, è passata rigorosamente sotto silenzio sui nostri quotidiani e sui nostri notiziari. Adesso è ufficiale: tracce di esplosivi di nano-termite sono stati individuati tra i detriti delle Twin Towers del World Trade Center di New York. Sì, proprio le Torri, quelle Torri che l’opinione pubblica americana e non è stata indotta a credere siano state abbattute dal più terribile e spettacolare attentato terroristico della storia. Analizzando numerosi detriti raccolti subito dopo il crollo, il Dr. Steven Jones, professore di Fisica della Brigham Young University, coadiuvato da un team internazionale composto da nove scienziati, ha individuato chiaramente residui di esplosivo nano-termite, generalmente usato per scopi militari e per le demolizioni controllate degli edifici. Dopo un rigoroso processo di peer-review, la notizia della scoperta e la relativa documentazione sono state pubblicate sulla prestigiosa rivista scientifica Bentham Chemical Phisics Journal, una delle testate più accreditate e rispettate negli U.S.A. In sintesi, come già dimostravano (per chi aveva gli occhi attenti per capirlo) alcuni filmati girati durante il crollo, è possibile adesso affermare ufficialmente che a determinare il crollo delle Twin Towers non sono stati gli aerei che le hanno colpite, ma tutta una serie di cariche di esplosivo piazzate con estrema perizia e maestria in numerosi punti dei due edifici.

Sempre nel 2011, il giorno 2 Maggio, i telegiornali e i siti internet di tutto il mondo hanno dato la notizia di un blitz delle forze speciali americane in territorio pakistano, durante il quale sarebbe stato ucciso nientemeno che il famigerato leader di Al Qaeda Osama Bin Laden. Già dopo aver letto le prime agenzie stampa sulla dinamica dell’operazione e aver rilevato delle grossolane incongruenze, coronate dalla notizia del presunto funerale in mare (secondo “rito islamico”!?!) del barbuto sceicco, ricordo di aver esclamato “Ma ci hanno veramente presi per degli idioti!”.

Adesso, ad oltre due anni dalla vicenda, i miei sospetti che si trattasse di una ennesima false flag, costruita ad arte da un’amministrazione Obama in crisi di identità e in forte calo di consensi, appaiono sempre più fondati.

A parte il fatto che tutta la storia della sedicente Al Qaeda, dall’invasione sovietica dell’Afghanistan del 1980 in poi, per chi la conosce bene o semplicemente si è degnato di approfondirla, appare già di per sé come una colossale montatura, la ciliegina sulla torta è arrivata il 3 Maggio 2011, appena un giorno dopo. Nel popolare show televisivo di Alex Jones, Steve R. Pieczenik, uno dei maggiori insider del governo americano, ha pubblicamente rivelato che Osama Bin Laden sarebbe morto nel 2001 e che l’attentato dell’11 Settembre non sarebbe stato altro che una colossale false flag. Pieczenik, che ha occupato posizioni influenti sotto tre diversi presidenti (è stato infatti assistente del Segretario di Stato durante le amministrazioni di Nixon, Ford e Carter), ed ha lavorato anche per Reagan e per Bush senior, ancora oggi lavora alle dipendenze del Dipartimento della Difesa. Ex Capitano della U.S. Navy, ha conseguito un dottorato di ricerca al MIT di Boston ed è stato inoltre pianificatore della politica statunitense al servizio di Segretari di Stato come Henry Kissinger, Cyrus Vance, George Schulz e James Baker. Non si tratta certo, quindi, dell’ultimo arrivato. Ed ha espresso, inoltre, davanti ai telespettatori la sua disponibilità a testimoniare davanti al Gran Giurì per ufficializzare tutte le sue affermazioni. Già nell’Aprile 2002 Pieczenik aveva dichiarato, sempre nel corso di una trasmissione televisiva, che Bin Laden era già morto da mesi, “non perché le forze speciali lo abbiano ucciso, ma perché era stato visitato da un’equipe della CIA e dai loro registri risulta che fosse afflitto dalla sindrome di Marfan”.

La sindrome di Marfan è una grave malattia degenerativa che colpisce il tessuto connettivo e per la quale non esiste ancora una cura definitiva. Secondo Pieczenik la CIA e il Governo USA erano perfettamente a conoscenza delle condizioni di salute del presunto “Nemico n. 1” e della sua morte ben prima di iniziare l’attacco militare contro l’Afghanistan. Nel Luglio 2001 uomini della CIA avrebbero visitato lo sceicco in un ospedale americano di Dubai (alla faccia della presunta latitanza!). “Era già molto malato – sostiene Pieczenik – e stava morendo. Non c’era bisogno che qualcuno lo uccidesse”.

Riferendosi alla foto rilasciata dalla Casa Bianca, e che ha fatto rapidamente il giro del mondo, in cui vediamo il Presidente Obama, Biden, la Clinton e tutto il loro staff di fidati funzionari mentre seguono in diretta su un maxi schermo l’operazione delle forze speciali condotta a Abbottabad, Pieczenik ha affermato in televisione: “Tutto questo scenario in cui vedete un gruppo di persone davanti allo schermo che guardano come se fossero presissimi non ha senso. É completamente costruito per creare consenso, siamo in America, il teatro dell’assurdo. Perché lo stiamo facendo ancora? Nove anni fa quest’uomo era già morto. Perché il governo deve mentire in maniera sistematica al popolo americano?”. “Osama Bin Laden è morto – ha dichiarato ancora Pieczenik – e non c’è modo che possano averci combattuto o possano averlo affrontato e addirittura ucciso”.

Questa autorevole “gola profonda” ha poi dichiarato che la decisione di iniziare una simile pagliacciata sarebbe stata presa perché Obama stava andando verso il minimo storico di consenso e approvazione popolare e che la storia legata alla sua “nascita” stava per esplodergli in faccia. “Doveva provare di essere più che americano. Doveva essere aggressivo”.

Avete capito allora, cari lettori, cos’è una “false flag”?

 

http://www.signoraggio.it/controllo-sociale-e-tecnica-di-false-flag-come-ingannare-e-dominare-le-masse/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
1 giugno 2014 7 01 /06 /giugno /2014 22:25

     Com’é possibile?

I ricercatori dell’ Università di Stanford e di Purdue credono che sia davvero possibile. Ma la loro spiegazione di come ciò possa avvenire é un altro mistero.C’ è la possibilità che questo effetto inaspettato sia causato da una particella sconosciuta emessa dal sole. “Sarebbe davvero notevole”, ha detto il professore Peter Sturrock della Stanford, esperto di fisica solare.La storia inizia, in un certo senso, nelle aule di tutto il mondo, dove si insegna agli studenti che il tasso di decadimento di uno specifico materiale radioattivo è costante. Questa proprietà degli isotopi radioattivi, è utilizzata per esempio, dagli antropologi per datare manufatti antichi con il carbonio-14, oppure quando i medici devono calibrare la giusta dose di radioattività per curare i malati di cancro.

 

Numeri casuali

Ma il fatto che, “il tasso di dimezzamento sia costante”, è stato contestato in modo inaspettato da un gruppo di ricercatori della Purdue University, che al tempo erano più interessati a trovare un buon generatore numeri casuali che a studiare il decadimento nucleare degli isotopi radioattivi.(Gli scienziati usano lunghe sequenze di numeri casuali per una serie di calcoli, ma sono difficili da produrre, in quanto il processo utilizzato per produrre i numeri ha una influenza sul risultato).Ephraim Fischbach, professore di fisica presso la Purdue, stava utilizzando il tasso di decadimento radioattivo di diversi isotopi, come possibile fonte di numeri casuali generati in modo da non richiedere alcun intervento umano. (Per fare un esempio, un certo quantitativo di cesio radioattivo-137, decade con un tasso costante nel complesso, ma i singoli atomi all’interno della massa decadranno in modo imprevedibile, con un pattern casuale. In questo modo la differenze di tempo tra i “tick” casuali di un contatore Geiger posto vicino al cesio potrebbe essere utilizzate per generare numeri casuali.)In definitiva i ricercatori hanno trovato che i tassi di decadimento misurati, non sono in linea con dati pubblicati relativi agli isotopi specifici e questo é molto strano per presunte costanti fisiche.Controllando i dati raccolti al Brookhaven National Laboratory di Long Island e al Federal Physical and Technical Institute in Germania, é venuto fuori qualcosa di ancora più sorprendente: l’ osservazione a lungo termine del tasso di decadimento di silicio-32 e radio-226 sembra mostrare una piccola variazione stagionale .Il tasso di decadimento è stato leggermente più veloce in inverno che in estate.Questa é vera e propria fluttuazione? Oppure é solo un problema tecnico negli equipaggiamenti utilizzati per misurare il decadimento radioattivo … forse causato dal cambiamento delle stagioni, con i cambiamenti che accompagnano di temperatura e umidità.Sturrock ha commentato così l’ accaduto: ” Eravamo tutti convinti che i tassi di decadimento fossero costanti e quindi pensavamo che fossero solo errori sperimentali”.

ADVERTISEMENT
    Il sole si fà sentire.
 Il 13 dicembre 2006, il sole stesso ha fornito un indizio cruciale, quando un brillamento solare ha inviato un flusso di particelle e radiazioni verso la Terra.

 

Jere Jenkins ingegnere nucleare dell’ Università di Purdue durante la misurazione del tasso di decadimento di manganese-54, un isotopo con breve emivita, che viene utilizzato nella diagnostica medica, notò che il tasso di decadimento calò leggermente durante il flare, una diminuzione che è iniziata circa un giorno e mezzo prima del flare.
Se questa relazione apparente tra flares e i tassi di decadimento é vera, si potrebbe utilizzare come metodo di previsione dei brillamenti solari prima del loro verificarsi, che potrebbe aiutare a prevenire danni ai satelliti e reti elettriche, oltre a salvare la vita degli astronauti nello spazio.L’ anomalia del tasso di decadimento registrata in quella notte in Indiana , provava che qualcosa prodotto dal sole, aveva viaggiato nello spazio e attraversato la Terra per raggiungere i rivelatori di Jenkins .
Jenkins e Fischbach hanno ipotizzato che che i colpevoli di questo disturbo nel tasso di decadimento erano probabilmente i neutrini solari, le fantomatiche particelle quasi senza peso, veloci quasi quanto la luce e che possono attraversare il mondo fisico, ovvero gli esseri umani, rocce, oceani e pianeti praticamente senza interazione.In una serie di articoli pubblicati in Astroparticle Physics , Nuclear Instruments and Methods in Physics Research and Space Science Reviews, Jenkins, Fischbach e i loro colleghi hanno dimostrato che difficilmente le variazioni osservate nei tassi di decadimento, potessero provenire da influenze ambientali sul sistema di rilevazione.
    Motivo di sospetto
  Le loro scoperte rafforzano la tesi secondo cui le oscillazioni dei tassi di decadimento strano sono stati causati da neutrini dal sole. I tassi di decadimento altalenanti, sembravano essere in sintonia con l’orbita ellittica della Terra, e questi variano quando la Terra si avvicina al Sole ( perché esposta a più neutrini ) e poi quando si allontana.Quindi c’era una buona ragione per sospettare il sole, ma potrebbe essere dimostrata?
      Una sorpresa
   Controllando i dati sul decadimento radioattivo dal laboratorio di Brookhaven, i ricercatori hanno trovato uno schema ricorrente di 33 giorni. E ‘stata una sorpresa, dato che la maggior parte delle osservazioni solari mostrano un modello di circa 28 giorni – il tasso di rotazione della superficie del sole.La spiegazione? Il nucleo del sole a quanto pare gira più lentamente della superficie che vediamo ed é qui che avvengono le reazioni nucleari che producono neutrini. “Può sembrare illogico, ma tutto fa pensare che il nucleo ruoti più lentamente rispetto al resto del sole”, ha detto Sturrock.

 

Tutte le evidenze indirizzano verso una conclusione che é il Sole a “comunicare” con isotopi radioattivi sulla Terra, ha detto Fischbach.
Ma c’è una domanda piuttosto grande rimasta senza risposta. Nessuno sa come i neutrini possano interagire con i materiali radioattivi e riuscire cambiare la loro velocità di decadimento.“Non ha senso in base alle idee convenzionali”, ha commentato Fischbach.Jenkins ha aggiunto: “Quello che stiamo suggerendo è che un qualcosa che in realtà non interagisce con nulla sta cambiando qualcosa che non può essere cambiata”

 

Sturrock concorda: “E ‘un effetto ancora inspiegabile “. “I teorici stanno cominciando a dire: ‘Che cosa sta succedendo?’ Ma è quello che i dati indicano. E ‘una sfida per i fisici e una sfida anche per il popolo solare “.
Se la particella misteriosa non è un neutrino, “Dovrebbe essere qualcosa che non conosciamo, una particella sconosciuta emessa dal sole che ha questo effetto sugli isotopi radioattivi, e questo fatto sarebbe ancora più notevole”, ha detto Sturrock.
Articolo scritto da Chantal Jolagh, “science-writing intern at the Stanford News”
fONTE:http://daltonsminima.altervista.org/?p=15949
Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
15 maggio 2014 4 15 /05 /maggio /2014 21:39

Profezie dei Maya 2012Con la fine del 2012, ci siamo svegliati la mattina dopo le presunta fine del mondo e abbiamo fatto l' azione più classica e ripetuta...ci abbiamo riso su e scherzato, mandando al diavolo chi aveva preannunciato l' immane catastrofe. Abbiamo dato per scontato che non è successo nulla su come si sarebbe dovuta verificare la fine del mondo e....

a proposito...

come sarebbe dovuta finire? Si era parlato dei maya e della fine del mondo, ma come?

Beh, una precisazione non guasta: non si parlava di fine del mondo, bensì di un cambiamento. Sia mondiale che spirituale e ovviamente...non per tutti. Dato che l' era dell' Acquario iniziava proprio nel 2012, abbiamo notato senza dubbio qualcosa. Certo, negli ultimi 2 anni abbiamo notato che pioggie, inondazioni, alluvioni lampo , grandine e temperature sono cambiate, in modo significativo. A cavallo delle notizie che continuamente ci riempiono i notiziari in modo continuo, abbiamo trascurato quel cambiamento che proprio in questi anni continuerà a essere presente nelle nostre vite, a ricordarci che l' uomo, si deve sempre adattare ai cambiamenti del pianeta e non agiare, come vorremmo. Ma qualcosa in epoche passate, si studiava già.

 

Fine del mondo 2012

Nel 1984 l'ingegnere belga Robert Bauval notò che la disposizione delle tre piramidi di Giza rispetto al fiume Nilo e lo schema creato dalla diagonale che le univa era l'immagine riflessa della Via Lattea in rapporto alle tre stelle della Cintura di Orione così come erano visibili verso sud dalla Terra nel 10450 a.C. L'iscrizione sul Libro dei Morti diceva infatti: "Calcolando e tenendo in debito conto i giorni e le ore propizie delle stelle di Orione e delle Dodici Divinità che le reggono [...]". Ma se la grande civiltà dell'antico Egitto aveva avuto inizio intorno al 3100 a.C., all'inizio del Lungo Computo Maya e se il complesso delle tre piramidi della piana di Giza, Cheope, Chefren e Micerino, risale alla quarta dinastia, cioè a un periodo compreso fra il 2700 e il 2500 a.C., vine da chiedersi che senso avrebbe avuto immortalare in esse una data tanto antecedente. Molti studiosi sostengono a tal proposito che molto probabilmente la data fissata dalle tre piramidi indicava di proposito un'età di tanti millenni precedente, un'età dell'Oro che meritava d'essere ricordata.

A vegliare sulle tre piramidi di Giza è la Sfinge, una straordinaria statua con la testa umana e il corpo di un leone accucciato, un monumento voluto da Chefren, faraone della quarta dinastia. Basandosi sul deterioramento del corpo della Sfinge, alcuni studiosi le hanno attribuito 8000 anni in più rispetto a quelli dichiarati ufficialmente: l'erosione della statua non sembra, infatti, essere dipesa soltanto dal vento o dalle tempeste di sabbia, ma anche dall'acqua piovana caduta copiosamente e ripetutamente. La Sfinge raffigurerebbe la costellazione che osservava all'orizzonte nel momento della sua costruzione, la costellazione del Leone. Nel 10500 a.C. il Sole sorgeva infatti proprio nella costellazione del Leone e la Sfinge, costruita con lo sguardo rivolto verso est, verso l'alba, nel giorno dell'equinozio di primavera dei suoi tempi, vedeva sorgere il Sole sulla costellazione del Leone, la sua costellazione.

il 2012 e la fine del mondo

L'allineamento delle piramidi di Giza, l'erosione naturale del corpo della Sfinge e il suo orientamento coinciderebbero nel portarci proprio a quella stessa data e nel fissare due punti cardinali precisi: il sud e l'est.Raccogliendo tutti questi indizi a misteriosa frase del Libro dei Morti sembrerebbe svelare il suo segreto che coinciderebbe con quello lasciatoci dai Maya: "Calcolando e tenendo in debito conto i giorni e le ore propizie delle stelle di Orione e delle Dodici Divinità che le reggono, ecco che esse congiungono le mani palmo a palmo ma la sesta fra esse pende sull'orlo dell'abisso nell'ora della disfatta del demonio". La sesta fra esse, la costellazione dei Pesci, pende sull'orlo dell'abisso, un abisso sul quale saremo quando la costellazione dei Pesci lascerà il passo a quella dell'Acquario. Quindi emergerebbe che gli antichi astronomi egizi sarebbero stati in grado di prevedere il pericolo rappresentato da questa data e avrebbero lasciato agli uomini del futuro degli indizi per metterli in guardia. Le piramidi di Giza darebbero quindi un vero avvertimento.

Mitologia:
In accordo con la leggenda, Acquario rappresenta Deucalion, il quale sopravvisse l'Inondazione e viene considerato l'antenato della razza umana. Come un simil Noè greco sopravvive alle inondazioni ed alla furia di Zeus salvando la civilizzazione. In accordo con altre tradizioni Acquario mostra a Kecrops I, il fondatore di Atene o Ganymede, Zeus. In tempi più recenti si è parlato molto della celebre "Era dell'Acquario." Basandosi sul fatto che l'equinozio primaverile sta per lasciare la costellazione dei Pesci e si sta muovendo verso Acquario a causa della precessione, sin dalla metà dell'ultimo secolo.

Alcuni studi recenti hanno svelato che le piramidi possiedono delle capacità "magiche": porterebbero alla disidratazione e alla mummificazione di tutti i materiali organici; consentirebbero una migliore e più duratura conservazione degli elementi; contribuirebbero alla crescita più rapida delle piante e a una loro migliore preservazione; causerebbero una rapida dissipazione del fumo; aumenterebbero la temperatura dell'epidermide umana; normalizzerebbero valori anomali del sangue sia umano che animale; indurrebbero a una perdita o a un acquisto di peso o massa a seconda del punto entro cui sarebbero posti alcuni materiali all'interno di esse; le piante di girasole, se collocate fra le loro mura, ruoterebbero in senso orario in cicli di due ore, indipendentemente dalla luce. La spiegazione di queste potenzialità sarebbe da rintracciare nel fatto che le piramidi, se perfettamente orientate con i quattro punti cardinali, avrebbero la facoltà di trattenere, potenziare e sfruttare l'elettromagnetismo del globo terrestre.


Gli Egizi e i Maya, avrebbero quindi saputo calcolare e individuare un momento cruciale per la storia dell'universo e dell'umanità, e ci avrebbero lasciato gli strumenti per aiutarci a riconoscerlo e i mezzi per riuscire a superarlo.Secondo i Maya ci furono cinque Ere cosmiche, corrispondenti ad altrettante civiltà.
Le precedenti quattro Ere (dell’Acqua, Aria, Fuoco e Terra) sarebbero tutte concluse a causa di devastanti sconvolgimenti ambientali.

Il calendario dei Maya

Il calendario di oggi è stato fatto dai Toltechi, un popolo che veniva dal nord anche se non si sa di preciso da dove.

E' un calendario preciso, fatto da sacerdoti, astronomi, filosofi e scienziati, basti pensare che l'eclissi solare dell'11 agosto 1999 si è verificata con 33 secondi di ritardo rispetto al tempo previsto dai Maya, previsione fatta intorno al 3.000 a.C.!

Sono 9 gli elementi fondamentali che compongono il calendario Maya: il Giorno che si chiama Kin, che nominava anche il Sole e il sacerdote solare, quindi qualcosa di vicino, di caldo, che da vita. Ogni giorno ha un proprio nome e quindi ci sono diversi Kin, poi ci sono i Uinal, i mesi: sono di 20 giorni più un mese aggiuntivo di 5 giorni per arrivare a 365.
In tutti gli anni c'era un mese di 5 giorni, quindi arrivavano sempre a 365 senza bisogno di avere anni bisestili ecc.
Poi c'era il Tun che equivale all'anno di 365 giorni, il Katun che sono 20 anni, cioè 20 Tun, il Baktun, il Karaktun, che moltiplicano sempre per 20, il Kinciltun fino ad arrivare all'Autun.
Vanno poi aggiunte altre piccole modificazioni, in modo da avere una precisione di tempi sulle stagioni e sugli orari, in modo che l'anno era sempre conteggiato con precisione.
Calendario Maya
  Lo scopo principale del calendario Maya non era quello di stabilire con precisione le date degli avvenimenti, ma era lo strumento principale per raccordare le azioni degli uomini e dei capi Maya con tutto il movimento dell'universo in quanto l'azione doveva concordare con l'equilibrio universale e le decisioni dei Re dovevano essere concordanti con i ritmi cosmici.

 

 

 

 

 

Notizie riguardo all' era dell' acquario invece le trovate qui:

  http://sonoconte.over-blog.it/article-senenmut-ed-era-dell-acquario-imminente-al-21-dicembre-2012-112866927.html

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
13 maggio 2014 2 13 /05 /maggio /2014 21:46

Il livello del mare è cresciuto poco meno di 0,2 metri durante il ventesimo secolo, principalmente come conseguenza all’aumento di temperatura di 0,8°C che l’umanità ha causato attraverso le emissioni di gas serra. Forse può non apparire come qualcosa di cui preoccuparsi ma non c’è dubbio che per il prossimo secolo, il livello del mare salirà in maniera significativa. Ora, la domanda da un milione di dollari è: quanto?

Il livello superiore di due metri, attualmente indicato nella letteratura scientifica, sarebbe estremamente problematico e costoso per molte regioni costiere e il livello del mare non si arresterà alla fine del 21° secolo. Dati storici mostrano che il livello del mare fosse più alto ogni volta che clima terrestre era più caldo di oggi, e non di un paio di centimetri ma di parecchi metri. Questa inevitabilità è dovuta all’inerzia degli oceani e delle masse glaciali del pianeta e ci sono due cause principali per la perpetua reazione del livello del mare alle nostre perturbazioni .

Una è dovuta alla longevità del riscaldamento da anidride carbonica nell’atmosfera. Una volta emessa, l’anidride carbonica  causa un riscaldamento plurisecolare che può essere contenuto significativamente solo se rimuovendo i gas serra. Questo perché la capacità di assorbimento sia del calore che dell’anidride carbonica da parte degli oceani si è ridotta, di conseguenza la temperatura resta elevata per secoli se non per millenni. Com’è ovvio, non tagliare le emissioni aggraverebbe ulteriormente il problema.

L’altra ragione è che sia l’oceano che le masse glaciali sono enormi e un riscaldamento dell’atmosfera circostante penetra lentamente ma inevitabilmente provocando un innalzamento del livello del mare continuo anche qualora il riscaldamento si arrestasse. Durane il secolo scorso, il livello del mare è stato dominato dal riscaldamento dell’oceano e dallo scioglimento dei ghiacciai. Un nostro studio recente in che il futuro innalzamento del livello dei mari sarà dominato dallo scioglimento delle masse glaciali maggiori, in Groenlandia e nell’Antartide – due giganti assopiti che noi stiamo per svegliare.

Graph: Contributi all’innalzamento del livello del mare nel corso di 2000 anni dovuti a: riscaldamento dell’oceano (a); scioglimento ghiacciai montani (b); scioglimento ghiacci della Groenlandia (c) e ghiacci Antartico (d). L’aumento  totale (e) è di circa 2,3 m per ogni grado di riscaldamento sopra ai livelli preindustriali.

È  facile immaginare un mondo futuro che raggiunge un nuovo equilibrio, con temperature ambientali più elevate; è più difficile capire  la dinamica della transizione (forse molto rapida) dalla situazione odierna a quella più calda. Perciò abbiamo utilizzato modelli fisici per gli oceani, per i ghiacciai montani e per le grandi calotte polari per calcolare quanto sarebbero diversi  se il nostro mondo fosse più caldo.

Quello che abbiamo trovato è che per ogni grado di riscaldamento globale, superiore ai livelli preindustriali, il contributo degli oceani al livello del mare sarebbe pari a circa 0,4 m e quello dell’Antartide 1,2 m. I ghiacciai montani avendo una massa limitata, darebbero un contributo limitato ma questo sarebbe largamente compensato dalla fusione dei ghiacci della Groenlandia. In totale, il  livello del mare del mare aumenta quasi linearmente di  circa 2,3 m per ogni grado centigrado di riscaldamento (si veda il grafico).

Con quale rapidità avverrà, non lo sappiamo. Possiamo soltanto dire che non ci vorrà più di 2000 anni, e che l’innalzamento di 2,3 m non accadrà in questo secolo. Questi valori devono essere considerati come qualcosa di inevitabile se le temperature globali raggiungeranno un determinato valore a causa delle nostre attività.

Ben Strauss di Climate Central ha considerato le diverse strade che una società come quella americana dovrebbe seguire e calcolato quali città statunitensi sono a rischio a lungo termine. Si è chiesto in quale anno, se continuiamo a emettere gas serra  al ritmo attuale, avremo causato un innalzamento del mare tale da mettere in serio pericolo alcune città.

Secondo le sue analisi, entro pochi anni Miami in Florida sarà probabilmente destinata a finire sott’acqua mentre le nostre azioni future possono ancora determinare la sorte di città come Virginia Beach, Sacramento, Boston, Jacksonville o New York.

E’ una decisione che la società deve prendere per le future generazioni. Dovremo adattarci ai cambiamenti climatici in ogni caso, anche se non se saremo sempre capaci.. La collettività deve decidere se sacrificare la Torre di Londra, per esempio, o mettere un freno al cambiamento climatico per non doverlo fare.

- See more at: http://www.climalteranti.it/2013/08/31/linevitabilita-dellinnalzamento-del-livello-del-mare/#sthash.OsNqsdBF.dpuf

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
9 maggio 2014 5 09 /05 /maggio /2014 21:47

Barack Obama e gli strateghi alla Dottor Stranamore: il genio profetico del film di Stanley Kubrick, che negli anni ‘60 «ha rappresentato con precisione la follia e i pericoli della guerra fredda» mettendo in scena «personaggi basati su persone reali e maniaci veri», oggi illumina la drammatica attualità mondiale, con gli Usa che minacciano le frontiere russe tradendo la solenne promessa fatta nel 1990 a Gorbaciov – la Nato non avanzerà di un pollice verso est – e si preparano ad assediare la Cina. In un arco che si estende dall’Australia al Giappone, Pechino dovrà affrontare i missili e bombardieri nucleari Usa. Una base navale strategica è in costruzione sull’isola coreana di Jeju a meno di 400 chilometri dalla metropoli cinese di Shanghai, il cuore industriale dell’unico paese il cui potere economico sta per superare quello degli Stati Uniti. Il “Pivot” di Obama, sostiene John Pilger, è stato progettato per minare l’influenza della Cina nella regione: «È come se fosse cominciata un’altra guerra mondiale, ma con altri mezzi». 

L’obiettivo dell’ultima missione asiatica di Obama, scrive Pilger in un post ripreso da “Come Don Chisciotte”, è quello di convincere i suoi “alleati” nella Chuck Hagel con Obamaregione, principalmente il Giappone, a riarmarsi e a prepararsi per una eventuale possibilità di guerra con la Cina. «Entro il 2020, quasi i due terzi di tutte le forze navali statunitensi in tutto il mondo saranno trasferite nella zona Asia-Pacifico. Dopo la seconda guerra mondiale, questa è la più grande concentrazione militare in quella vasta regione». Non è una fantasia da Stranamore: il segretario alla difesa di Obama, Charles “Chuck” Hagel, è stato a Pechino per consegnare un avvertimento minaccioso: la Cina, come la Russia, potrebbero trovarsi isolate e in pericolo di guerra se non si piegheranno alle richieste degli Stati Uniti. Hagel paragona l’annessione russa della Crimea con la ben più complessa disputa territoriale che ha in atto la Cina con il Giappone sulle isolette disabitate nel Mar Cinese Orientale, da tempo contese.

La situazione è sempre più pericolosa, avverte Pilger, considerata la capacità di menzogna della Casa Bianca e dei media mainstream: se negli anni ‘60 finsero di sopravvalutare la potenza missilistica dell’Urss per creare il “terrore rosso”, oggi lo stesso scenario si ripete nei confronti di Russia e Cina. E’ un copione, quello della “false flag”, che è stato adottato in modo sistematico negli ultimi 13 anni: il ruolo-fantasma di Bin Laden nell’11 Settembre, le inesistenti armi di distruzione di massa di Saddam, le stragi di Gheddafi e quelle di Assad. Lo scorso febbraio, continua Pilger, gli Usa hanno messo a punto uno dei loro favolosi “colpi per procura” contro il governo dell’Ucraina, regolarmente eletto. «Le truppe d’assalto, però, stavolta erano fasciste. Per la prima volta dal 1945 un partito nazista, apertamente antisemita, ha preso il controllo delle aree-chiave del potere statale in una Crimea, una colonna russacapitale europea. E non c’è stato un solo leader dell’Europa occidentale che abbia condannato questa rinascita del fascismo sui confini della Russia».

Morirono trenta milioni di russi, ricorda Pilger, quando i nazisti di Hitler invasero il loro paese, appoggiati dall’esercito collaborazionuista ucraino, l’Upa, che si rese responsabile di tanti massacri di ebrei e polacchi. L’Upa era il braccio armato che ispira oggi il partito Svoboda, insediato al potere a Kiev dai miliziani addestrati dalla Nato. «Dal putsch di Washington a Kiev – e la risposta inevitabile di Mosca nella Crimea russa, per proteggere la sua Flotta del Mar Nero – la provocazione e l’isolamento della Russia hanno sostituito nelle notizie la “minaccia russa” del 1964. Un piano d’azione per l’adesione alla Nato, «orchestrato direttamente dalla stanza della guerra di Stranamore», è il regalo americano «alla nuova dittatura in Ucraina». Un “Attacco a Tridente” porterà le truppe Usa sul confine russo dell’Ucraina e una “Brezza di Mare” metterà navi da guerra americane in vista dei porti russi. «Allo stesso tempo, i giochi di guerra della Nato in tutta l’Europa orientale serviranno a intimidire la Russia: non è difficile immaginare quale sarebbe stata la reazione se questa follia fosse avvenuta a ruoli invertiti». Ed è solo l’inizio. La minaccia si sta già estendendo alla Cina. La miccia è pronta: le isolette contese dal Giappone.

 

http://www.libreidee.org/2014/04/terza-guerra-mondiale-ci-stanno-abituando-allidea/

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento
7 maggio 2014 3 07 /05 /maggio /2014 21:36

 

Attraverso i secoli, la razza umana è stata affascinata con il concetto di Armageddon. Durante quel periodo, la parola è stata separata dal suo contesto biblico originale. Il vero significato di Armageddon è stato sostituito dal concetto secolare dell'umanità in autodistruzione. La parola è ormai sinonima di guerra nucleare, calamità naturali, impatto da una cometa o un asteroide e qualsiasi numero di minacce esistenziali creativamente evocativi. Ancora, la Bibbia non riesce a collegare uno solo di questi eventi con l' Armageddon.

Anche una maggioranza di cristiani devoti vuole tenere le credenze erronee su Armageddon. Molti mostrano correttamente Armageddon come il luogo di ritrovo dell'Anticristo e i suoi eserciti prima il glorioso apparire di Gesù Cristo, ma essi interpretano male il motivo di questa riunione. Una credenza comunemente tenuta è che questi eserciti radunare o vicino a Armageddon per fare la battaglia con l'altro, o di annientare il popolo ebraico. Quindi, solo attraverso l'intervento fisico di Gesù Cristo è l'umanità salvata da entrambi distruggendo tutta la vita o il popolo ebraico.

Ma nessuno di questi motivi è corretto. La Bibbia afferma chiaramente perché questi eserciti si riuniscono ad Armageddon, e una volta che ci rendiamo conto perché, è  facile capire perché la maggior parte dei cristiani è difficile da credere.

Che cosa dice la Bibbia dice?

Il concetto biblico di Armageddon è introdotto dal nome nel libro dell'Apocalisse:

“ e si sono riuniti tutti i governanti e i loro eserciti in un posto chiamato Armageddon in ebraico. ” rivelazione 16.16 (NLT)

Armageddon è il nome ebraico di una località geografica in Israele noto come Megiddo. Megiddo è una collina che si affaccia sulla valle di Jezreel. È qui dove, negli ultimi giorni, Satana e l'Anticristo si riuniranno il mondo ’ governanti di s per la battaglia. Come affermato in precedenza, un'idea sbagliata comune è che essi si riuniscono per fare la guerra contro l'altro. Ma il passaggio non dice mai questo, e ulteriore esame del contesto in cui questo evento traspare lo renderà chiaro che questo non è il loro movente.

Ricordo, negli ultimi giorni, che l'Anticristo sarà sovrano sopra l'intero globo:

“ e gli fu dato autorità alla regola sopra ogni tribù e popolo e lingua e nazione. ” Apocalisse 13:7 (NLT)

L'Anticristo sarà anche un sovrano popolare, venerato per la sua impressionante potenza:

“ Essi adorarono il drago per dare la bestia tale potere, e hanno adorato la bestia. ‘ C'è grande come la bestia qualcuno? ’ hanno esclamato. ‘ Che è in grado di combattere contro di lui? ’ ” Apocalisse 13:4 (NLT)

Inoltre, l'Anticristo avrà il controllo totale sopra l'acquisto e la vendita di tutti i beni:

“ Ha richiesto tutti – grandi e piccoli, ricchi e poveri, schiavo e libero – essere dato un marchio sulla mano destra o sulla fronte. E nessuno poteva comprare o vendere nulla senza tale marchio, che era il nome della bestia o il numero che rappresenta il nome. ” rivelazione 13.16-17 (NLT)

Con il potere politico, religioso ed economico completo, quale esercito potrebbe o si riunivano per la guerra contro l'Anticristo? Infatti, Apocalisse 13:4 pone questa domanda molto: “ chi è in grado di combattere contro di lui? ” la Bibbia è chiara che gli eserciti ad Armageddon non si riuniscono per combattere tra loro. Invece, essi sono uniti contro un nemico comune.

Se questo è vero, che raccogliere questi eserciti contro? La risposta può essere trovata in tutto le Scritture, cominciando con uno dei più trascurate profezie della Bibbia. Quasi tutti possono raccontare la storia che ha portato a questa profezia, ancora molto pochi ricordano la profezia stessa.

La profezia della torre di Babele

In Genesi capitolo 11, apprendiamo la storia della torre di Babele:

“ In una sola volta tutto il mondo parlavano una sola lingua e usato le stesse parole. Come il popolo migrato verso l'est, essi trovarono una pianura nella terra di Babilonia e vi si stabilì. Hanno cominciato a parlare di progetti di costruzione. ‘ venire, ’ hanno detto, ‘ lasciare ’ s fare grandi mucchi di mattoni bruciati e raccogliere asfalto naturale da utilizzare come Malta. Lasciate ’ s costruire una grande città con una torre che raggiunge il cielo – un monumento alla nostra grandezza! Questo ci accomunano e ci impediscono la diffusione in tutto il mondo. ’

Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che stavano costruendo la gente. ‘ guardare! ’ ha detto. ‘ Se si può realizzare questo quando essi hanno appena cominciato a trarre vantaggio della loro lingua comune e l'unità politica, basti pensare che cosa faranno dopo. Niente sarà impossibile per loro! Vieni, lascia che ’ s andare giù e dare loro lingue diverse. Poi hanno vinto ’ t essere in grado di capirsi. ’

In questo modo, il Signore li sparsi in tutta la terra; e che si è conclusa la costruzione della città. Che è perché la città fu chiamata Babele, perché era lì che il Signore confuse le persone dando loro molte lingue, così li spargendo in tutta la terra. ” Genesi 11:1-9 (NLT)

Nella sesta strofa, Dio afferma esplicitamente la sua ragione per disperdere la razza umana e confondendolo con lingue diverse. Egli vuole evitare il disastro inevitabile battuto dal governo globale e un linguaggio comune. Perché queste cose lo riguardano? Perché se continuano senza sosta, nel dovuto tempo, “ nulla sarà impossibile per loro! ” questo dovrebbe essere vista come più di un commento del passaggio di Dio. Essa dovrebbe essere interpretata come una profezia di cose a venire. E negli ultimi giorni, l'umanità soddisferà tutte le esigenze di questa profezia. Essi avranno:

Unità politica

“ e gli fu dato autorità alla regola sopra ogni tribù e popolo e lingua e nazione. ” Apocalisse 13:7 (NLT)

Scopo unita

“ Essi adorarono il drago per dare la bestia tale potere, e hanno adorato la bestia. ” Apocalisse 13:4 (NLT)

Il governo globale descritto nel libro dell'Apocalisse unificare l'umanità politicamente per la prima volta dai tempi dell'antica Babilonia. Migliaia di anni dopo Dio porre fine a questo atto di arroganza monumentale, l'umanità ancora una volta stabilirà una struttura politica unificata sotto il dominio dell'Anticristo.

Quindi che cosa questo significa? Che cosa accadrà a seguito di questo governo globale? Qualcosa di così brutto, Dio porre fine ad esso il momento che vide che ciò accada. La razza umana si sfiderà direttamente Dio. Dopo tutto, qual era il motivo nella costruzione della torre di Babele?

“ Let ’ s costruire una grande città con una torre che raggiunge il cielo – un monumento alla nostra grandezza! ” Genesi 11:4 (NLT)

La gente voleva costruire un monumento alla propria grandezza, esaltando se stessi sopra Dio ed estendendo la loro torre lontano nel cielo con l'intento di usurpare Dio ’ s Gloria e autorità. Questo desiderio della razza umana non ha fine con la torre di Babele. Continua a questo giorno, e culminerà in un ultimo tentativo di usurpare l'autorità di Dio. Questa grande ribellione sarà lanciata da un posto chiamato Armageddon.

La parola di Dio e Armageddon

Le Scritture sono chiare quando si tratta dello scopo dell'Armageddon. La razza umana si riunirà i suoi eserciti ad Armageddon per fare la battaglia con Dio Onnipotente:

“ Questi demoni miracolo-lavoro causato tutti i governanti del mondo si riuniscono per la battaglia contro il Signore, quel grande giorno del giudizio di Dio Onnipotente. ” rivelazione 16.14 (NLT)

Tre capitoli dopo, abbiamo ulteriori informazioni su questo raduno:

“ Poi ho visto la bestia raccogliendo i re della terra e i loro eserciti per lottare contro quello seduto sul cavallo e del suo esercito. ” rivelazione 19.19 (NLT)

Il raduno ad Armageddon è preparazione per una guerra, una guerra che i re della terra sono tramando contro “ quello seduto sul cavallo e del suo esercito. ” chi è il “ uno seduto sul cavallo ”? Quello seduto sul cavallo è Gesù Cristo.

Gli eserciti del mondo non si riuniscono per combattere tra di loro o di distruggere gli ebrei (anche se la distruzione degli ebrei è un obiettivo primario di Satana e l'Anticristo). Piuttosto, lo scopo finale di Armageddon è quello di emancipare l'umanità da Dio ’ autorità di s. Salmo 2 descrive questo piano inutile:

“ Perché le nazioni rabbia? Perché la gente perdere loro tempo con piani futile? I re della terra si preparano per la battaglia; i governanti trama insieme contro il Signore e contro il suo unto. ‘ Rompiamo le loro catene, ’ piangono. ‘ e liberarci da questa schiavitù. ’ ma quello che regna in cielo ride. Il Signore li beffe. ” Salmo 2:1-4 (NLT)

Si noti che i governanti trama contro. Don ’ t trama contro l'altro o Israele. Tramano contro “ il Signore e il suo unto. ” chi è “ suo unto ”? Gesù Cristo. Gli eserciti del mondo in realtà trama contro il principe di pace stesso.

Nel descrivere l'Anticristo, il libro di Daniel conferma questa trama:

“ Da uno dei corni prominenti sono venuto un piccolo corno cui potere è cresciuto molto grandi. Si è esteso verso sud e ad est e la gloriosa terra di Israele. Suo potere ha raggiunto il cielo dove ha attaccato gli eserciti celesti, gettando alcuni esseri celesti e stelle a terra e li calpesta. Ha sfidato anche il comandante del cielo ’ eserciti s annullando i sacrifici quotidiani offerto a lui e distruggendo il suo tempio. ” Daniel 8:9-11 (NLT)

Gesù Cristo è il comandante del cielo ’ eserciti di s e la volontà di Anticristo hanno l'audacia sfrontata per sfidarlo. Questo concetto è ribadito più avanti nello stesso capitolo:

“ Alla fine della loro regola, quando il loro peccato è alla sua altezza, un re feroce, un maestro di intrighi, salirà al potere. Egli diventerà molto forte, ma non dalla sua potenza. Egli causerà una sconvolgente quantità di distruzione e riuscire in tutto ciò che egli fa. Egli distruggerà i potenti capi e devastano il popolo santo. Egli sarà un maestro dell'inganno, sconfiggendo molti di prenderli alla sprovvista. Senza avviso egli li distruggerà. Egli avrà anche il principe dei principi in battaglia, ma egli sarà rotto, anche se non per alimentazione umana. ” Daniel 08.23-25 (NLT)

Questo maestro di intrighi, l'Anticristo, assumerà il principe dei principi in battaglia. Come la generazione della torre di Babele, la sua arroganza si estenderà fino in cielo, dove egli tenterà di usurpare la gloria e l'autorità di Dio stesso. Si noti che l'ultimo versetto di questo passaggio afferma che il potere dell'Anticristo non sarà suddiviso dagli esseri umani. Questo dimostra ancora una volta che l'Anticristo sarà l'indiscussa potenza mondiale del suo tempo. Nessuno sarà in grado di fare la guerra contro di lui. Almeno nessun essere umano sarà in grado di fare la guerra contro di lui. Quando l'Anticristo si impegna nel Signore Gesù Cristo in battaglia, egli sarà completamente distrutto.

Conclusione

Armageddon è un promemoria di ciò che la razza umana è senza Cristo. Gravati dalla nostra natura peccaminosa, Dio ha dato il dono gratuito della salvezza attraverso suo figlio Gesù Cristo. Tutto quello che dobbiamo fare è accettare questo dono. Ma quelli che respingerla diventeranno schiavi a peccare, e loro degenerazione un giorno culminerà nel titolo definitivo fisico ribellione contro Dio stesso.

Armageddon non è su asteroidi o comete, non di annientamento nucleare o guerra tra le nazioni. E' sull'umanità ’, la ribellione infruttuosa  contro Dio. In una cultura pop che è riuscita a distorcere e offuscare la verità su Armageddon, i cristiani hanno un'occasione privilegiata per impostare il record dritto. Così la prossima volta che qualcuno che conosci cita Armageddon, chiedere loro che cosa vogliono dire. Se si ’ s non in linea con quello che dice la Bibbia, prendetevi il tempo per condividere l'account scritturale con loro. Ma ancora più importante, li raccontano il meraviglioso dono di Gesù Cristo.

 

http://religione-blog.blogspot.it/2013/10/armageddon-cosa-dice-la-bibbia.html

Repost 0
Published by il conte rovescio - in catastrofico
scrivi un commento

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg