Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

29 dicembre 2013 7 29 /12 /dicembre /2013 22:45
I CORPI DI LUCE

Etram, Enoir e Atez svelano l’enigma dei cerchi nel grano

Maria Morganti racconta le sue ultime ricerche ed i suoi incontri con alcuni Esseri o Sfere di Luce, affettuosamente da lei chiamati “Perle del Cielo” che, presentate da Neuronice (creatura extraterrestre che già da molto tempo contatta la sig.ra Morganti) si presentano come Etram, Enoir ed Atez. Grazie così all’eloquio della sig.ra Morganti , spesso facile ed appassionato, ma altre volte erudito e complesso nella descrizione di eventi tecnologici ed evolutivi narratagli da queste creature, il lettore viene introdotto alla conoscenza di “segrete rivelazioni” concernenti la nostra stessa esistenza.

Nella seconda parte di questo libro, ecco poi che, con una documentazione precisa, tecnica ed esaustiva, il ricercatore Luciano Gasparini espone il sistema per la decodifica dei crop-circles: questi agriglifi invitano le nuove generazioni alla conoscenza di un nuovo pensiero, ed alla costruzione di nuove elaborate cogitazioni che portate a livello emozionale, garantiscono istruzioni e discipline terrene e cosmiche nello stesso tempo. Ciascuno di essi, retaggio di civiltà dotate di una consapevolezza più elevata, compendiano nella loro interezza la “Molecola Pensante” che distribuisce pensieri, simboli, forme e linguaggio.

 

PREFAZIONE

 di Alfredo Lissoni

 

Negli ultimi anni il nome di Maria Morganti, contattista telepatica di Mogliano Veneto, è diventato sempre più conosciuto e ripetuto non solo tra gli appassionati di ufologia e gli addetti ai lavori del mondo del mistero, ma anche tra il grosso pubblico; e questo non solo per l'infaticabile opera di divulgazione che la presidentessa del gruppo "La Corona" da diversi anni attua meticolosamente attraverso giornali e congressi, e nemmeno per le partecipazioni televisive di grande ascolto del Maurizio Costanzo Show a Piazza Grande con Giancarlo Magalli a Domenica In con Paolo Bonolis; il nome di Maria Morganti ha fatto in breve il giro del web prima, e delle cronache (anche giornalistiche) dopo, per la sua indiscussa capacità di prevedere in anticipo il passaggio UFO! A consacrare Maria come la più attendibile delle contattiste italiane del XXI secolo sono stati un "contatto preannunciato" con numerosi "corpi di luce" avuto nel 2003 ad Amatlan in Messico, assieme al fidato collaboratore Luciano Gasparini, vicepresidente della stessa Associazione; e l'avvistamento (anch'esso preannunziato dettagliatamente in tv da Magalli, che in seguito ha invitato nuovamente i due, confermando l'esattezza della previsione) di un oggetto triangolare sopra Luxor del 2005; entrambi gli eventi sono stati puntualmente filmati; i video UFO – eccezionali, nitidissimi e girati a distanza assai ravvicinata – hanno superato il filtro delle più serie indagini tecniche e computerizzate, persino presso una nota emittente politica nostrana.

Ma i contatti della signora Morganti, in realtà, risalgono a molti anni addietro; ed è stato proprio grazie alle sue esperienze con gli "Archetipi" ed i "Meridiani" ed alle "soffiate cosmiche" – come lei le chiama – dei suoi amici spaziali (come Neuronice, autodefinitosi "custode del sistema", membro di una delle 450 razze che ci visitano) che Maria ha potuto anticipare – ne fanno fede le date di diversi articoli di stampa – eventi come l'erosione delle Dolomiti, l'esplorazione marziana ed il ritrovamento in sito di acqua ed antichi manufatti, la scoperta dei principi per la formazione di forme elementari di vita su Giove, la comparsa dei primi cerchi nel grano italiani.

In questo nuovo libro di Maria Morganti, veniamo a conoscere più approfonditamente alcuni dei "fratelli cosmici" che comunicano telepaticamente con lei, i cui nomi letti a rovescio, rimandano ad altri nomi di senso compiuto (lascio al lettore il compito di scoprire quali). E' opportuno sottolineare che il vezzo curioso di presentarsi con nomi (forse in codice?) scritti a rovescio è una caratteristica riconosciuta agli alieni sin dagli anni Cinquanta; uno di questi "contatti", l'Archetipo Rhaam, è un nome assai noto; non ai più, ma al circolo ristrettissimo degli addetti ai lavori più informati; ricorda il Ramu che istruì negli anni Cinquanta il contattista polacco-americano Gorge Adamski; allora, come ora, questa figura si presenta, attraverso i messaggi canalizzati da Maria, come un'entità di avanzatissimo livello spirituale, un "Maestro Cosmico" in grado di spiegare con perizia profonda le origini dell'universo e della nostra umanità; anzi, delle umanità  che si sono succedute su questa e su altre terre, come ad esempio sul Pianeta Rosso; proprio questo è uno degli elementi che più sconcertano gli scettici – e sono molti – che sono scesi in campo a sfidare la signora Morganti, finendo inesorabilmente peraltro sconfitti: il fatto che una donna priva di una specialistica conoscenza astronomica e filosofica riesca ad esprimere – per di più con efficace semplicità – complessi concetti scientifici, che indubbiamente non le appartengono, che non sono frutto di letture, di studi scolastici e che non sono propri del suo bagaglio culturale, ma che appaiono palesemente essere stati comunicati "da altri", altri che sono in grado di conoscere il passato ed i futuro. E che hanno offerto a Maria Morganti, e soprattutto al suo immancabile collaboratore Luciano Gasparini, anche un altro grande dono: la decodifica dei cerchi nel grano o crop-circles, di cui si tratta nella seconda parte del libro. Se Maria è stata difatti in grado di anticiparne la prima comparsa nel nostro Paese, puntualmente verificatasi nel 2003, Luciano è indubbiamente il primo ricercatore al mondo in grado di decodificare completamente, totalmente ed in maniera assolutamente esatta il significato occulto di queste misteriose figure che da anni, forse da secoli, appaiono improvvisamente disegnate nelle messi di tutto il pianeta. Grazie all'interpretazione delle misure dei cerchi nel grano (una tecnica che gli antichi saggi rabbini di Israele chiamano ghematria), ad una tecnica di visualizzazione nota come "visione tridimensionale" ed a una serie di intuizioni "indotte" dall'alto, Luciano Gasparini è stato capace di risolvere uno dei più grandi enigmi dell'ufologia, quello dei crop-circles, finalmente identificati come un vero e proprio alfabeto cosmico, simbolico ed archetipico, grazie al quale le creature del cosmo intendono spiegarci come ci siamo evoluti e come sia possibile indirizzare al meglio il nostro sviluppo, in un periodo storico in cui la generale decadenza farebbe pensare assai male per il destino di questo pianeta.

Se la seconda parte di questo libro, che non può assolutamente mancare nella biblioteca di chi intende ampliare i propri orizzonti conoscitivi, getta uno sguardo sul futuro della nostra umanità, e sul come sia possibile migliorarla grazie alle "soffiate cosmiche" dei nostri amici vicini e lontani dello spazio, la prima parte non è meno affascinante. Attraverso le visualizzazioni paranormali di Maria (anche a Luxor, ove la sensitiva ha avuto, grazie agli alieni, una visione della reale struttura interna della piramide di Cheope e della presenza di un'enigmatica "stanza segreta") potremo viaggiare a ritroso, alla scoperta delle nostre origini perdute. Attingeremo così, come a bordo di una macchina del tempo, ad informazioni antidiluviane e scopriremo sperimentazioni scientifiche sia passate sia presenti; toglieremo persino il velo su certi esperimenti segretissimi che sta conducendo illegalmente l'uomo, nella sua folle sperimentazione sull'ibridazione e la clonazione – dai tragici risvolti – di creature extraterrestri, in laboratori nascosti, dei quali peraltro Maria Morganti fornisce precise indicazioni; scopriremo come, ancora una volta, la follia scientista degli esseri umani insegua il sogno abominevole della creazione di una "razza superiore" e sapremo infine quanto tutto ciò preoccupi i nostri più evoluti cugini dello spazio. Ed attraverso la decodifica della "simbologia cerchiana" – come l'ha ribattezzata Luciano Gasparini – ci viene offerta una via d'uscita per ciò che gli alieni hanno definito come il nostro distacco dalla natura e dalla nostra anima. Avete quindi tra le mani un libro di cui si sentiva necessariamente un gran bisogno. Buona lettura, dunque.

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg