Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
">

LOGO-SITO-19-gennaio

21 giugno 2020 7 21 /06 /giugno /2020 21:23

Vi è mai capitato di essere condizionati da una persona? Capita praticamente sempre: vivendo in una società sempre alla ricerca della “moda”, del trendy e del “cool” dobbiamo per forza adattarci allo stile di vita degli altri oppure rimanere indietro e venire pian piano abbandonati. Un esempio lampante sono tecnologia e genitori: generalmente i nostri genitori, soprattutto se hanno superato i 60 anni, hanno un approccio ostile con smartphone, pc, wi-fi e internet, questo perché i loro tempi scorrevano più lentamente mentre oggi siamo bombardati di nuove proposte del mercato che sembrano addirittura necessarie.
Ma il condizionamento di cui voglio parlarvi io è ben diverso e non c’entra quasi nulla con la tecnologia e merchandising: quello di cui voglio parlarvi è il condizionamento (se non addirittura l’assoggettamento) di uno o più individua da parte di una persona che più carisma.
Anche questo, è innegabile, avviene ogni giorno e c’è sempre qualcuno che in un modo o nell’altro condiziona le decisioni di altri soggetti. Ovviamente i condizionamenti vanno a stadi di intensità e si passa da pareri personali a patologie; io raggiungo direttamente gli ultimi tre livelli, che sono davvero uno dei più grandi misteri della medicina.
Avete mai sentito parlare di allucinazione di massa? Chi ama il paranormale e i misteri conosce bene questa dicitura perché per la maggior parte dei fenomeni paranormali, avvistamenti di fantasmi, incontri ravvicinati con alieni gli scettici forniscono queste soluzione e ciò che i testimoni credo di aver visto. Ma è davvero così? Io vedo un fantasma perché un mio amico vede un fantasma?
A riguardo sono stati effettuati molti esperimenti e in effetti è risultato che sì, se voi diceste ad un gruppo di persone che la vostra casa è infesta (pur non essendolo), gran parte di loro affermeranno di aver vissuto in casa vostra un fenomeno paranormale. Le “allucinazioni collettive” sono un fenomeno di lieve entità psicologica perché riguardano pochi istanti e in ogni caso sono una sorta di autoconvinzione di più persone in seguito ad un’errata interpretazione di un soggetto che “domina” psicologicamente gli altri.
Facendo un passo nelle psicosi più gravi incontriamo la cosiddetta “isteria di massa”, ovvero quando una comunità di persone finisce per credere a qualcosa basandosi esclusivamente sulle credenze o sulla testimonianza non verificata di un soggetto. Di solito l’isteria di massa si verifica in ambienti affollati, dove le persone sono accomunate da uno stato di eccitazione psichica altissimo; l’autosuggestione gioca un ruolo importantissimo, ma a questo si aggiunge la teoria secondo cui due menti in uno stesso ambiente non “ragionano” mai una indipendentemente, ma si influenzano tra di loro.
In passato ci sono stati molti casi documentati di isteria di massa, molti in periodo medievale in conseguenza della dura repressione della Chiesa verso i pagani e gli eretici; tuttavia anche in tempi più recenti si sono verificati episodi che potremmo far rientrare in questa casistica. Due esempi tra tutti:

– Il 13 ottobre del 1917 migliaia di persone, credenti e non credenti, riferirono di aver assistito ad un fenomeno che fu chiamato “miracolo del sole”: era l’ultima apparizione della Madonna di Fatima ai pastorelli. Molti dei presenti, anche a distanza di parecchi chilometri, raccontarono che mentre pioveva d’un tratto la pioggia cessò e le nuvole si diradarono: il sole, tornato visibile, avrebbe cominciato a roteare su sé stesso, divenendo multicolore e ingrandendosi, come se stesse precipitando sulla Terra.

– Negli anni ’30 la famosissima radiocronaca fatta da Orson Welles che raccontava un immaginario sbarco di marziani negli Stati Uniti provocò un tale delirio collettivo che moltissimi finirono per credere di vedere sul serio flotte aliene che stavano atterrando per conquistare la Terra.

L’ultimo livello di condizionamento psicologico è chiamato disturbo psicotico condiviso, cioè una vera e propria follia condivisa da due o più soggetti. Si tratta di una rara sindrome psichiatrica in cui una convinzione paranoica o delirante viene trasmessa da un individuo all’altro.
Il disturbo conosciuto come sindrome di Lasègue-Falret, dal nome degli scopritori nel 1877, e al pari di una malattia si propaga quando un individuo affetto entra a contatto con altri soggetti vulnerabili (solitamente socialmente o fisicamente isolati); la psichiatria ne studia i sintomi e l’evoluzione da decenni, ma ancora si fa fatica a comprendere il meccanismo che induce un soggetto a lasciarsi condizionare fino alla totale distorsione della realtà.
Il disturbo psicotico condiviso è una psicopatia che può affliggere in due modi:

– Follia imposta: quando c’è un soggetto dominante che impone il suo pensiero delirante su altre persone che non avrebbero avuto quel disturbo se non avessero interagito con l’induttore. È il tipo più diffuso e avviene in soggetti già vittime di patologia mentali di un certo rilievo (negli edifici di cura psichiatrica capita che un soggetto dominante influisca su altri soggetti “imponendo” il suo pensiero). Questa patologia, pur essendo la più diffusa, è allo stesso tempo più facilmente curabile perché si è notato che ricoverando i soggetti in luoghi separati i deliri delle persone influenzate dal soggetto dominante indotta scompaiono nel tempo, anche senza l’utilizzo di farmaci.
– Follia simultanea: è la più rara e allo stesso tempo la più difficile da comprendere e da curare poiché i soggetti (solitamente due), che già indipendentemente soffrono di psicosi, si influenzano l’un l’altro con i rispettivi deliri in modo che i loro pensieri diventino uguali o molto simili tra loro. Nei soggetti interessati vengono alimentate distorsioni e convinzioni deliranti che spingono a un sempre maggiore ritiro per la percezione di essere minacciati o non compresi. Quando la situazione giunge a un livello esasperato, si manifestano vere e proprie allucinazioni condivise e anche le terapie di sostegno non riescono a ridurre il rischio di ricadute. Questo tipo di patologia si verifica spesso in gruppi familiari isolati dalla società (per forza o per scelta) e può sfociare in vere e proprie aggressioni verso chi cerca di interagire dall’esterno.
Il disturbo psicotico condiviso continua è ancora oggi uno dei misteri della psichiatria, ma sembra alimentare la convinzione di molti studiosi secondo cui il cervello umano abbia facoltà enormi che l’uomo attualmente non riesce ancora ne ad amministrare ne a capire, ma che potrebbero un giorno portarlo ad uno stadio evolutivo semi-divino.

FONTE: Misteri dal Mondo – Credere Per Vedere

Condividi post
Repost0

commenti

 FORUM

Cerca

nuovo sito conte critico

Testo Libero

Articoli Recenti

  • Una lunga attesa
    Ciao a tutti, miei cari lettori. Il tempo passa, inesorabile, con la pandemia, senza una pandemia, che fuorvia una vita o meglio la destabilizza, fino a mutarla, con stressanti perdite di tempo e di idee che mutano come le varianti covid. Da tempo non...
  • Covid 19: il fuoco greco
    Analogia di un comportamento simile. Mi spiego: Wuang (Cina), nell' anno 2019,nei laboratori speciali dove si manipolano i ceppi virali, con molta probabilità inizia, tramite laboratorio, una lavorazione su di un virus con fattezze simili all' influenza...
  • I segreti del penultimo manoscritto di Qumran
    Un panorama ormai noto: le pareti a strapiombo sul Mar Morto nella zona di Qumran. (foto Franco56 / Wikimedia Commons) Due ricercatori universitari di Haïfa (Israele) hanno ricostruito i contenuti di uno degli ultimi rotoli di Qumran ancora da interpretare....
  • Cosa c’è alla fine del buco più profondo della Terra?
    Per rispondere a questa domanda basterebbe affermare: “rimuovi questo tappo di metallo arrugginito che vedi nella foto e troverai il buco più profondo della Terra”. Tuttavia, ed è davvero singolare, sappiamo molto di più su alcune galassie lontane che...
  • Sensazioni fantasma: il mistero di come il cervello tocca il processo
    Hai mai pensato che qualcuno ti avesse toccato il braccio sinistro quando, in effetti, avevano raggiunto la tua destra? Gli scienziati conoscono questo fenomeno come una sensazione fantasma e può aiutare a far luce su come i processi del cervello umano...
  • Abhigya Anand e la sua teoria sulla prossima catastrofe
    Saturno e Giove il 21 dicembre che è il giorno del solstizio ci appariranno vicinissimi, un allineamento che è stato visibile solo 800 anni fa, tra il 4 e il 5 marzo del 1226. Ultimo aspetto da sottolineare: Abhigya Anand avrebbe pure previsto il ritorno...
  • Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea
    Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali....
  • Commemorazione dei defunti: il 1 novembre
    Il 1 Novembre si celebra la festa di Ognissanti, una festività religiosa dedicata appunto a tutti i santi, quindi idealmente è il giorno dell’onomastico di chiunque porti un nome legato alla figura di un martire beatificato. Ognissanti è una solennità...
  • L' insostenibile leggerezza dell' essere umano
    Covid19, ultima frontiera: nonostante sacrifici e privazioni, lockdown, in casa, privati delle libere uscite, fondamentalmente per il bene primario della vita stessa e per rispetto di chi lavora negli ospedali in maniera sempre più oltre il limite della...
  • L’alchimia: L’arte della trasmutazione di sé
    Le radici storiche, l’alchimia e la pietra filosofale Nata da radici egizie, greche e gnostiche intrecciate con antiche pratiche arabe, l’alchimia fonde a partire dal VIII secolo, sulla base dei testi di Ermete Trismegisto e di Geber (Giābir ibn Hayyān),...

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg