Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 maggio 2014 4 29 /05 /maggio /2014 21:48

                   

Femmina di Aedes aegypti, la zanzara portatrice della febbre del dengue (foto © Visuals Unlimited/Nature Picture Library/contrasto).
Femmina di Aedes aegypti, la zanzara portatrice della febbre del dengue (foto © Visuals Unlimited/Nature Picture Library/contrasto).
Gli squali uccidono circa 10 persone l'anno, i leoni 100, i coccodrilli un migliaio. Ma per piccola che sia, è la zanzara (mosquito in inglese) a detenere il record: secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) il piccolo insetto, la cui famiglia (Culicidae) conta oltre 3.500 specie ed è diffusa in tutto il mondo, fa qualcosa come 725 mila morti l'anno. Più di quanti ne facciano gli esseri umani stessi, 475 mila (guerre escluse): vedi L'animale più letale al mondo.
 
Questo perché alcune specie di zanzare sono il vettore di malattie gravi, o mortali, come la malaria (600 mila vittime ogni anno), la febbre gialla, la dengue (malattia infettiva tropicale) e l'encefalite.
Uno degli strumenti per combattere l'involontario killer è l'ingegneria genetica, che in pochi anni ha permesso di ottenere importanti risultati. Un esempio recente è quello della società britannica Oxitec, strettamente legata al gigante agrochimico Syngenta, che ha di recente sviluppato una linea di zanzare maschio Aedes aegypti modificate geneticamente per contrastare la diffusione della dengue.
 
Queste zanzare gm hanno un gene aggiunto che scatena la produzione di una proteina che si accumula nell'organismo fino a essere tossica. Durante l'allevamento, lo sviluppo della tossina è bloccato dalla somministrazione di un antibiotico, la tetraciclina, senza il quale gli insetti non sopravvivono (e alimenta la discussione sugli usi e abusi degli antibiotici).
 
Gli esemplari adulti e sessualmente maturi vengono poi disseminati in grandi quantità sopra a zone circoscritte per fecondare le femmine non geneticamente modificate e in breve tempo, in mancanza di tetraciclina, maschi e larve che hanno ereditato il gene modificato muoiono uccise dalla tossina. Il punto debole del sistema è l'incertezza della trasmissione del gene, ma i risultati della sperimentazione di cinque anni fa nelle Cayman sono stati soddisfacenti e adesso Panama e Brasile (quest'ultimo con 1,4 milioni di casi di dengue nel 2013) stanno per fare ricorso a questo "prodotto" della Oxitec.
L'arma nucleare

Negli anni '60 in Italia si mise in atto un programma coordinato dall'Euratom per debellare la malaria in Sardegna: in quel caso lo strumento erano le radiazioni ionizzanti. Grazie all'irraggiamento con materiale radioattivo si resero sterili milioni di maschi di zanzara anofele, che vennero poi disseminati sulle zone infestate dell'isola per spezzare la catena riproduttiva.

Un altro esempio è la ricerca dell'Howard Hughes Medical Institute (Maryland, Usa), dove sono state realizzate zanzare gm incapaci di riconoscere l'odore degli esseri umani (Nature, 2013). Per adesso lo studio è ritenuto funzionale allo sviluppo di nuovi repellenti, ma con strumenti si potrebbero ottenere risultati analoghi a quelli della Oxitec senza decimare la popolazione di insetti.
 
In generale, non mancano le critiche. Accanto a quella ricorrente sull'impossibilità di prevedere le conseguenze delle sperimentazioni genetiche, molte organizzazioni da sempre critiche su questo fronte, come GeneWatch e Inf'Ogm, lamentano la mancanza di trasparenza e di controlli indipendenti sull'operato delle aziende che producono gm, come l'Oxitec, e sulle possibili conseguenze.

 

I ricercatori della Oxitec Limited, una società di Oxford (UK), hanno deciso di modificare il DNA di queste zanzare per creare un nuovo insetto geneticamente modificato e sterile. Dopo anni di prove in laboratorio, gli scienziati hanno infine trovato la giusta combinazione nel codice genetico per far nascere grandi quantità di maschi di zanzare sterili. Alle isole Cayman i ricercatori hanno poi diffuso nell’ambiente circa tre milioni di questi esemplari, destinati ad accoppiarsi con le zanzare della medesima specie sull’isola. Essendo sterili, gli accoppiamenti non porteranno ad alcuna nuova nidiata e questo dovrebbe consentire di abbassare sensibilmente il numero di zanzare presenti nel paese, spiega l’Associated Press.

Da maggio a ottobre, gli scienziati hanno rilasciato nell’ambiente una grande quantità di zanzare di sesso maschile geneticamente modificate per tre volte la settimana in un’area di 0,16 chilometri quadrati. Ad agosto, il numero di zanzare nella zona è diminuito dell’80% rispetto a un’area confinante dove non erano state rilasciate zanzare sterili.

Laboratori universitari, società e istituti di ricerca lavorano da molti anni sul DNA delle zanzare per creare delle mutazioni che le rendano innocue, disinnescando i meccanismi di contagio della malaria o della dengue. Gli esperimenti sul campo in quest’area di ricerca sono ancora agli albori, ma hanno già ricevuto numerose critiche da chi sostiene che modifiche su larga scala del patrimonio genetico delle zanzare potrebbero avere effetti devastanti sugli ecosistemi.

Le larve delle zanzare sono alla base dei pasti di numerosi altri insetti e animali, così come le zanzare adulte vengono predate da anfibi e numerose specie di volatili. La loro mancanza nell’ecosistema a causa della diffusione degli esemplari sterili potrebbe mettere a rischio la sopravvivenza di centinaia di specie animali, dicono i detrattori delle iniziative come quelle della Oxitec.

Alphey respinge le critiche, ricordando che le zanzare geneticamente modificate non possono modificare gli ecosistemi in maniera permanente perché durano al massimo per una generazione. Ma per debellare la dengue in aree endemiche come l’Asia e il Sudamerica, sarebbero necessari diversi miliardi di zanzare sterili.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità osserva con molta attenzione gli esperimenti nel campo e ha dichiarato promettente l’iniziativa della Oxitec. Secondo i responsabili dell’OMS, le zanzare modificate geneticamente potrebbero anche portare alla riduzione dell’uso degli insetticidi verso i cui componenti chimici le zanzare sviluppano progressivamente una sensibile resistenza.

 

 

Tommaso Canetta

http://www.focus.it/scienza/zanzare-mutanti-contro-le-epidemie_C12.aspx

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in hi-tech e scienze
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg