Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 gennaio 2013 5 25 /01 /gennaio /2013 22:54

Inspiegabili luci che sembrano avere volontà propria: le strane luci di Hessdalen, Norvegia. Volano da un capo all'altro della valle, e seguono addirittura le auto. Fenomeni naturali o oggetti volanti non identificati? Uno dei ricercatori fa presente che queste luci, che noi oggi associamo magari ai dischi volanti, trecento anni fa sarebbero state messe in relazione con i demoni, i troll o le fate. Il contesto culturale, insomma, influenza la nostra percezione della realtà.Non si sa di preciso quando ebbe inizio il fenomeno.
Se si verificò prima degli anni '80, esso passò inosservato. E' a partire dai primi anni '80 che strane luci apparse in questa piccola valle lunga 12 km situata nella parte centrale della Norvegia a sud-est di Trondheim e abitata da meno di duecento persone, cominciarono a suscitare l'interesse di curiosi, appassionati e, in ultimo, di studiosi. Tutto ebbe inizio il 20 dicembre 1981, quando Nils Kare Nesvold e Per Holden stavano transitando in prossimità della cittadina di Vongraven.
Erano circa le sette di sera quando i due videro nel cielo una grossa stella assai splendente che si muoveva in maniera rettilinea lungo una cresta montagnosa. La stella si muoveva, si alzava, si abbassava, a volte rallentava e altre aumentava la velocità, finché a un certo punto si spense.
La loro storia, manco a dirlo, si diffuse rapidamente nei dintorni, ma sarebbe forse rimasto un semplice racconto isolato di "oggetti volanti" non più speciale di altri, se da allora i fenomeni non si fossero moltiplicati e centinaia di persone avessero assistito a manifestazioni del tutto simili.

Nel novembre 1982 del fenomeno si occupò anche una TV norvegese, la NRK che, attirata dal clamore dei racconti che circolavano nella zona, si presentò sul luogo armata di macchina da presa e riuscì a filmare per ben 50 minuti un oggetto luminoso che fluttuava nel cielo in maniera incredibile. La pubblicità che ne seguì portò all'interessamento delle Forze Aeree norvegesi, che investigarono sul caso senza però essere in grado di confermare se si trattava di riflessioni atmosferiche, fulmini globulari o di altre inconsuete manifestazioni meteorologiche. Ci volevano ulteriori studi, più approfonditi e sistematici, e i vari gruppi che si occuparono del fenomeno tra l'81 e l'83 non giunsero ad alcuna conclusione, anche perché conducevano le loro rilevazioni principalmente attraverso l'osservazione visuale o tutt'al più con la ripresa di filmati o fotografie.
Quello che tuttavia risultò immediatamente palese, era che gli episodi erano numerosissimi. Centinaia di eventi furono registrati in quei tre anni, l'85% dei quali descriveva delle luci brillanti nel cielo notturno, mentre il restante 15% si riferiva a osservazioni diurne.

Hessdalen è un piccolo villaggio nel centro della Norvegia, quasi al confine con la Svezia, in cui si verificano questi strani avvistamenti: nel lontano 1982 tre uomini videro per 50 minuti nel cielo una luce, vicino alle cime delle montagne che circondano il paese.
C'è chi ha sin da subito collegato il fenomeno agli alieni e forme extraterrestri, ma uno studio effettuato da scienziati italiani ha fornito una risposta che, forse, risolve il mistero di Hessdalen.
Gli scienziati hanno, infatti, notato che la valle si trova tra due vecchie miniere di rame e zolfo e le rocce presenti intorno sono ricche di ferro.
Questo fa sì che la valle sia una vera e propria "batteria naturale" e che quelle sfere di luce siano composte da ioni liberati dagli stessi minerali presenti sul territorio e che, a contatto con le particelle elettricamente cariche provenienti dal Sole durante le aurore boreali, tipiche della zona, portano alla formazione di queste sfere di luce.

Quello su cui non ci sono dubbi è che a Hessdalen si vedono luci. Sfere luminose che da sole, o in formazioni particolari, si formano, emanano l'una dall'altra, restano visibili per alcuni secondi, o minuti, o addirittura ore e poi si dissolvono. E questo, almeno in passato, è accaduto anche con una frequenza straordinaria, al punto che a volte il fenomeno si è ripresentato molte volte nel corso della stessa giornata e comunque con una ripetitività quasi giornaliera. Proprio questa ripetitività e questa assoluta certezza che lo strano fenomeno, qualsiasi cosa esso sia, non è frutto di una strabiliante allucinazione collettiva, rendono il fenomeno delle luci di Hessdalen unico nel suo genere perché, sebbene non sia l'unica manifestazione di questo tipo sulla superficie della Terra di cui si abbia conoscenza, è forse l'unico fenomeno di questo genere al mondo che viene ormai osservato e studiato da anni in maniera sistematica e rigorosamente scientifica.
Il fenomeno in assoluto più ricorrente a Hessdalen nel 2001 furono le cosiddette "palle lampeggianti", che si sono rese visibili tutte le notti e ovunque nella valle. Questi flash globulari durano in media meno di un secondo e sono di un bianco tendente al blu, più raramente rosso e giallo. All'analisi fotografica e spettrografica, questi globi presentano una forma non precisamente sferica e comunque con una struttura differenziata in due componenti di cui uno sembra essere una sorta di nucleo di energia che gli scienziati ritengono potrebbe essere il punto da cui inizia a irradiarsi la luce. Ulteriori analisi fanno ritenere questa, una semplice forma di energia. Resta da vedere come e perché si formi un fenomeno simile, quale sia la ragione fisica del suo comportamento e se e come tale fenomeno sia riproducibile.

 

Altro evento assai interessante fu quello delle "sfere pulsanti", osservate principalmente in direzione sud sempre sulla cima delle montagne. In questo caso le sfere di luce si presentano per una durata che può variare dai pochi secondi al minuto e lampeggiano irregolarmente.
Ma quello che rende davvero speciale questa manifestazione di luce è la capacità di queste sfere di emanare altre sfere più piccole, la maggior parte delle volte verdi. La sfera "madre" molte volte presenta delle protrusioni nella direzione della sfera "figlia" e spesso si presenta come un conglomerato geometrico di più luci che costituiscono un singolo oggetto.
Ad ogni modo, l'analisi del team EMBLA non ha rivelato alcun oggetto solido all'interno della luce, bensì una struttura energetica che appare essenzialmente di natura plasmatica. Questo tuttavia non esclude la possibilità che all'interno si celi un oggetto solido in grado di ionizzare l'aria circostante, creare un plasma intorno a sé e fare in modo così di risultare invisibile.
Inoltre le elevatissime velocità riscontrate non potevano essere attribuite a un oggetto fisico in movimento, bensì potevano solo essere relative all'accelerazione di particelle da parte di un oggetto sferoidale e rotante, lungo un asse magnetico più o meno coincidente con quello dell'oggetto. All'inizio non sembrò esserci uno schema preciso in quelle luci, se non che apparivano principalmente tra le 19:30 e le 22:30. Potevano starsene ferme per oltre un'ora, oppure muoversi lentamente, oppure ancora spostarsi e fermarsi, o addirittura muoversi a velocità elevatissime.
Una volta un radar tracciò un oggetto che si muoveva alla velocità di 8500 m/s. Con dimensioni variabili da poche decine di centimetri fino a parecchi metri di diametro apparente, le luci si presentavano ovunque. A pochi metri dai tetti delle case, sul terreno oppure molto alte nell'atmosfera.
La maggior parte venivano osservate comunque appena al di sotto della cima delle montagne che circondano la valle. Inoltre anche le forme variavano. Le luci si presentavano sotto forma di proiettili, con un'estremità appuntita, oppure rotonde come palloni da calcio, oppure ancora come coni sottosopra, simili ad alberi di Natale rovesciati. Senza contare che anche i colori parevano casuali, sebbene si osservasse una prevalenza di fenomeni bianchi o giallognoli. Più raramente si erano viste luci bianche con delle lievi sfumature rosse sulla cima e altre volte si presentarono tutti i colori allo stesso tempo: rosso, verde, blu e giallo, o luci tutte tendenti al blu. In quel periodo "caldo", i fenomeni luminosi si verificavano più volte al giorno, ma soprattutto la sera e durante la notte. Al massimo il fenomeno è stato registrato per quattro volte nelle stesse ventiquattr'ore. E queste furono solo quelle che gli osservatori riuscirono a distinguere nella vallata, perché molti sono convinti che, se avessero potuto contare anche quelle che si manifestavano in alto nel cielo, il numero sarebbe stato  più alto.

Condividi post

Repost 0
Published by il conte rovescio - in alieni e cose del nostro mondo
scrivi un commento

commenti

 FORUM

Cerca

VIDEO IN EVIDENZA

http://www.loguardoconte.info/video/esperimenti-umani-condotti-da-alieni-154833/

Testo Libero

statistiche accessi

IL CONTE E IL DUCA

 

      thumbnail

 http://i.imgur.com/53qQJ.jpg